Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LEZIONE DEL 11/03/2011

Corso di Laurea Magistrale CRVBAA LM-10

INSEGNAMENTO ASPETTI TEORETICI E TECNICI DELLA CONSERVAZIONE

– CORSO B – C.F.U.4 – S.S.D.-ICAR 19

WHAT – LAB WORLD HERITAGE APPLICATION TECNOLOGY

Aspetti Teoretici e Tecnici della Conservazione

Prof. Arch. Enzo Bentivoglio

GLI STRUMENTI DELLA CONSERVAZIONE

Docente: Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano 1

Anno Accademico 2010/2011

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano UNESCO's world heritage sites

A danger list in danger

In its care for precious places, the UN cultural agency is

torn between its own principles and its members’ wishes;

the principles are losing ground

Siti del Patrimonio mondiale UNESCO

Aug 26th 2010 In pericolo una lista di siti in pericolo

Nella sua cura per I luoghi preziosi, l’agenzia culturale dell’ONU è

lacerata tra i propri principi e le aspirazioni dei suoi membri; I principi

stanno perdendo terreno

GALAPAGOS

….“The decision to remove the islands from the list of “world heritage sites in danger”—taken at

th rd

the 34 Committee Meeting in Brasília (August 3 2010)—was only one of several signs that the

UN agency is bending its own rules under pressure from member states. And since UNESCO is

supposed to be an unprejudiced protector of the whole world’s built and natural environment, such

slipping standards are not merely of concern in remote Pacific islands.”

“La decisione di rimuovere le isole dall’elenco dei “siti del patrimonio mondiale in pericolo”- presa nella riunione del 34° Comitato del 3 agosto

2010 a Brasilia – è stato solo uno dei segni che l’Agenzia dell’ONU pieghi le proprie regole sotto la pressione degli Stati membri. E poichè

l’UNESCO si suppone che sia un forte protettore dell’ambiente naturale per il mondo intero, tali deroghe dalle norme non sono semplicemente

di preocupazione in remote isole del pacifico. 2

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

..“For man-made sites, UNESCO relies on advice from the International Council on Monuments and Sites (ICOMOS), a

conscientious fraternity of conservation professionals. Its head, Gustavo Araoz, says that “we respect the UNESCO

committee’s right to reject our views.” But as far as it can, his institution tells the UN body to ponder not just whether

a site is nice or interesting, but whether it has been cared for, and will be in future. “We urge a renewed emphasis on

conservation,” he sighs.

..”Per i siti di origine antropiche, UNESCO si basa sulla consulenza dell’International Council on Monuments and Sites (ICOMOS), una

confraternita coscienziosa di professionisti della conservazione. In capo , Gustavo Araoz, dice: “noi rispettiamo il diritto del Comitato

UNESCO di respingere le nostre opinioni”. Ma per quanto possibile, l’ICOMOS invita l’organismo delle Nazioni Unite a riflettere non solo

sul fatto che un sito sia piacevole o interessante, ma se sia stato curato o se lo sarà in futuro. “Chiediamo una rinnovata enfasi sulla

conservazione”, egli lamenta. 3

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

• Conferenza Internazionale di Atene. Carta di Atene (1931)

• Consiglio Superiore per Le Antichità e Belle Arti. Norme per il restauro dei monumenti.

Carta Italiana del restauro (1932)

• Legge 1089 del 1 giugno 1939 - Tutela delle cose di interesse artistico e storico

• Convenzione dell’Aja del 14 maggio 1954 1996

Convenzione per la salvaguardia del Patrimonio culturale in caso di International

conflitto armato (documento di indirizzo politico) Committee of

the Blue Shield

• Carta di Venezia (1964) (principi scientifici) (ICA, ICOM,

ICOMOS, IFLA)

Convenzione

concernente la

protezione del

Patrimonio mondiale,

Culturale e Naturale

dell’Umanità

“Convenzione del Patrimonio

Mondiale” Parigi 16/11/1972

WORLD HERITAGE (1972)

UNESCO (1945) ICOMOS (1965) 4

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano


PAGINE

10

PESO

472.15 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Definizione ed individuazione della documentazione posta a base degli studi e delle attività concernenti i beni culturali: gli strumenti della conservazione.
Le carte internazionali per la conservazione ed il restauro dal 1931 ad oggi sono:
- la carta;
- le convenzioni;
- i principi;
- i documenti;
- le risoluzioni.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in restauro, conservazione e valorizzazione dei beni architettonici e ambientali
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Mediterranea - Unirc o del prof Di Stefano Maurizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione

Aspetti Teoretici e Tecnici della Conservazione
Dispensa
Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale - Parte I
Dispensa
Tutela Siti Italiani di Interesse Culturale - Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Dispensa
Patrimonio mondiale - Lista
Dispensa