Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

STALKER

Studiodi Comunit à

• 84% maschi

12-70 anni età di inizio

• 22% disoccupati

• 45% single

Molestano vittime dello stesso sesso: 24%

maschio-maschio = 18%

• femmina-femmina = 6%

• Purcell et al 2003

25

Idisturbi mentalinegli stalker

• I dati disponibili presentano un’ampia variabilità che dipende

dalla natura del campione e dai metodi di reclutamento

1. Il disturbo di personalità rappresenta la diagnosi primaria per

molti campioni. Al primo posto si trovano i disturbi borderline,

istrionico e dipendente, spesso con marcati tratti antisociali

2. L’abuso di sostanze è riportato con percentuali che vanno dal 9

al 63%

3. Il disturbo psicotico e in particolare la schizofrenia e il disturbo

delirante ricorrono in maniera variabile ma significativa

Zona 1993, Mullen 1999, Meloy 2000, Rosenfield 2002

26

LETIPOLOGIE DISTALKER

SECONDOLA MOTIVAZIONE 27

Tipologie distalker

Il respinto

Il cercatore di intimità

Il corteggiatore inadeguato

Il rancoroso

Il predatore Mullen, Path

è et al., 1999 28

LoStalker respinto inizia a molestare a seguito

della rottura di un’importante relazione.

Il comportamento intrusivo riflette il desiderio

dello stalkerdi ottenere riconciliazione,vendetta

per il rifiuto o un’oscillante mixdi entrambe.

Lostalking è sostenuto dal fatto che diventa per

il molestatore una continuazione della relazione

interrotta. 29

Il cercatore di intimità desidera una relazione

con qualcuno del quale è infatuato.

Le vittime sono sconosciuti, conoscenze

lavorative e conoscenti. Frequente tra gli stalker

di vip. Lostalking sostenuto dalle molestie

diviene nella mente dello stalker manifestazione

diuna relazione condivisa, che spesso costituisce

l’unica relazione nella suavita altrimenti vuota.

30

Il corteggiatore inadeguato molesta anch’egli per

instaurare una relazione, tuttavia,si tratta di

persona che cerca semplicemente di ottenere un

appuntamento oun incontro sessuale.E ’

disadattato socialmente e sul piano interpersonale

e ritiene di avere diritto aduna relazione

indipendentemente dal disinteresse della vittima.

Abbandona rapidamente il suo proposito ma è

propenso a rivolgersi ad un’altra vittima. 31

Lostalker rancoroso dichiara esplicitamente di

molestare per vendicarsi diun torto reale o

ritenutotale. Le molestie sono sostenute dal

senso di potere edi controllo che provocano.

Frequentemente ricorrono le minacce mentre

raramente arriva alla violenza fisica. 32

Lostalker predatore si prepara ad un’aggressione,

di solito di tipo sessuale.

Lostalking è una combinazione di ricerca di

informazioni, voyeurismo,prove e/o fantasie

sull’aggressione.Lo stalking è celato inmodo da

non allertare la vittima ed impedire l’attacco. 33

Il Respinto

Un prodotto della “società della

1. separazione edel divorzio”.

. Aumento dell’autonomia femminile.

2 . Aumento delle aspettative nei confronti

3 delle relazioni (soprattutto da partedelle

donne). 34

Il Rancoroso

1. Cambiamento del dominio maschile in

ambito lavorativo edin pubblico.

2. Insicurezza lavorativa.

3. Senso di impotenza difronte alle

organizzazioni complesse. 35

L ’

incompetente e

il cercatore d

intimit à

1. Aumento delnumero di persone isolate

(soprattutto uomini).

2. Le donne ora vivono e lavorano spesso in

anonimi luoghi pubblici.

3. L’identità sessuale oraforma laparte

centraledel racconto di sé. 36

Prevenzione e trattamento 1

• Presenza di norme penali efficaci.

• Conoscenza einteresse da partedelle

istituzioni perla protezione delle vittime di

stalking.

• Previsione di un trattamento perlo stalkerse

indicato. 37

Prevenzione e trattamento 2

• Operatori della salute mentale formati e preparati

a:-

(a)Controllare e gestire gli stalkers

(b)Controllare e gestire le vittime di stalking.

• Pubblica consapevolezza dello stalking come

problema sociale e su come e dove ottenere aiuto se

si è vittimizzati.

• Creazione di networks per l’auto-aiuto o per lo

scambio di informazioni per le vittime di stalking. 38

VITTIMEDI STALKING:

ESPERIENZE

EPERCORSI DIAIUTO 39

Levittime di stalking (primarie)

1. Ex partner

2. Conoscenze occasionali, amici o vicini di casa

3. Persone conosciute per motivi professionali

(es. operatori sanitari)

4. Contatti sul luogo di lavoro (clienti o colleghi)

5. Sconosciuti

6. Personaggi famosi Mullen, Pathè e Purcell, 2000

40

Vittimesecondarie (indirette)

Acausa dellavicinanza conla vittima,spesso

subisconodisturbi, danni,minacce, ritorsionie

aggressionianche:

• Familiari

• Amici

• Vicini

• Colleghio coinquilini

• Animalidomestici 41

Caratteristiche

dellevittime distalking

• Inmaggioranza disesso femminile(75%)

Maschi più soggetti a essere molestati da stalker di ambo i sessi

Stalking omosessuale nel 10% dei casi: più comune per i maschi

• Età tipica:18 -45anni

• Nellamaggioranza deicasi hannouna

relazioneaffettiva stabile,sebbene una

minoranzasia separatao divorziata. 42

Rispostealla condizionedi vittima

Cambiamentidello stiledi vitanel 71%dei casi:

• 34%cambiamento routinegiornaliera

• 37%aumento delleprecauzioni acasa

• 23%diminuzione delleuscite persocializzare

• 12%cambiamento diresidenza 43

Strategieper combatterelo stalking

• Documentare le intrusioni

• Evitare ogni contatto o confronto con lo stalker

• Informare le persone significative

(familiari, colleghi, vicini ecc.)

• Informare le forze dell’ordine

• Gestione del telefono

• Strumenti di sicurezza

• Organizzazioni di sostegno 44

Iltrattamento clinico

dellevittime distalking 45

Educazionee counselling disostegno

• Fornire educazione

Affrontare il tema dei differenti tipi e motivazioni degli stalker

e delle reazioni comuni delle vittime

• Assistere la vittima nella gestione della propria

sicurezza personale

• Affrontare la morbilità psicologica, incluso l’abuso di

sostanze e la compromissione sociale o lavorativa 46


PAGINE

49

PESO

166.04 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Criminologia e Scienze Forensi, tenute dalla Prof. ssa Laura Di Fazio, nell'anno accademico 2011.
Il documento analizza il fenomeno dello stalking: origini, definizione, forme, tipologie di molestie, reazioni delle vittime dello stalking, statistiche, disturbi mentali.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Criminologia e Scienze Forensi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Modena e Reggio Emilia - Unimore o del prof Di Fazio Laura.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Criminologia e scienze forensi

Criminologia - Introduzione
Dispensa
Tossicologia forense
Dispensa
Pedofilia
Dispensa