Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

Centers of economic activity will shift profoundly – globally and regionally

Today Asia (excluding Japan) represents 13% of world GDP; the

• E.U. represents 30%.

• In 2025 Asia and the E.U. will each be 20%-22% of the world

• economy.

• The U.S. will remain the world’s largest economy.

• Regional shifts: toward regional capital cities (Kansei, Kanto)

Source: IMF

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

GDP,% of World Total, PPP Basis

Sources: Angus Maddison, The World Economy: A Millennial Perspective and

International Monetary Fund

2. The consumer landscape will expand

significantly

$5,000 in income is a threshold above which spending can go to

• discretionary items (like Italian silk scarves)

• Spending power in emerging markets will jump from $4 trillion

• today to $10 trillion in 2025.

• Already Poland has more people with a Danish income level

• than Denmark.

• Soon China will have more people with a German income level

• than Germany.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

Average of Japan, Taiwan, Korea, Thailand, China, and Mexico

3. Public sector activities will balloon, making productivity gains essential

Populations, especially in the E.U. and Japan, are aging.

• Without change, tax rates will jump sharply.

• Challenges: paying for retirement and health care

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

Note: There were almost no Italians aged 100 or older in 1970, and about 1,000 in

1980. There will be 65,000 by 2030. Source: U.N. Population Division

4. Technological connectivity will transform how people live and interact

The technology revolution is just starting, not ending.

• Already:

• 15% of U.S. newlyweds meet online

• 2 billion cell phone users

• 9 trillion emails per year

• 1 billion Google searches each day, with fewer than 50% in English

• Geography is NOT the primary constraint on social and economic

• organization.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

Internet Usage

5. Battleground for talent will shift

Shift from production to knowledge-intensive industries (science, technology,

• culture, arts, entertainment)

In U.S., 5% of jobs were in these industries in 1900, but 40% today are.

• In Italy, 13% are today, but this will increase.

• 33 million university-educated young professionals in developing countries

• today (more than twice the number in advanced countries)

R&D spending and science will be key.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

6. People will eat better and enjoy better health

There is a strong correlation between economic growth, rising income levels,

• and caloric intake

The story of Japanese and Koreans in the 1960s, 1970s, and 1980s.

• China now poised for a 30% increase in caloric intake in coming 20 years.

• Also, richer societies eat more meat, so demand for animal feed increases

• rapidly.

Food Demand Rises with per capita income

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

7. Demand for natural resources will grow; put strain on the environment

Oil demand projected to grow 50% in the next 20 years

• But China cannot use oil as U.S. and Europe do

• Growing demands for steel, aluminum, copper, minerals, water

• Pressing need for alternate fuels, new transportation technology

Steel Production, Millions of tons

Sources: International Iron and Steel Institute, Japan Iron and Steel Federation, Barra-

clough: Steelmaking, Hogan: The Economic History of the Iron and Steel Industry in the

U.S, Hudson & Sadler: The International Steel Industry

World CO2 Emissions Are Rising and Asia is the Biggest Polluter

Source: Energy Information Agency, U.S. Department of Energy

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

8. “New Energy Equation”: 4 New Forces Reshaping Energy Views

Economic forces (higher prices, state oil companies)

• Growing foreign policy concerns (Iran, Venezuela)

• Energy security (Persian Gulf, etc.)

• Environmental concerns/global warming.

9. New global industry structures emerging

Winners: big companies and small companies

• Network of small companies inter-linked with big companies

• New “business ecosystems” flourishing, separated by distance, but linked by

• email, computer networks, video conferences.

10. Management shifts from art to science

More complex business systems cannot be run by “gut instinct.”

• Good managers will take scientific approach to running businesses and even

• family farms

Need improved technology and statistical control systems to run institutions.

Key Energy Policy Initiatives for Biofuels in the U.S.

President George W. Bush (State of the Union)

• Set mandatory fuels standard to require 35 billion gallons of renewable and

• alternative fuels in 2017

Securing America’s Future Energy (SAFE)

• Require 10% annual increases in the production of Flex-Fuel Vehicles so that

• all major production models are compatible with rich ethanol blends by 2015.

Hillary Clinton (National Press Club, May 23, 2006)

• Accelerate the spread of ethanol to half of the nation’s gas stations by 2015 by

• offering a 50% tax credit for station owners who install ethanol pumps.

Barack Obama (Chicago, April 3, 2006)

• Make every new car in America flex-fuel within a decade (if installed before

• the decade is up, provide $100 tax credit) – Offer consumers 35 cents tax credit

for every gallon of E85.

Key Energy Policy Initiatives for Biofuels in the EU

European Commission (Strategic European Energy Review)

• Proposes 20% of energy requirements come from renewable energy

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

Biofuels to make up 10% of vehicle fuels by 2020

• Develop more sustainable biofuels

• Italy (Budget 2007)

• New quota of 180,000 tonnes of biodiesel

• French President Jacques Chirac

• 10% of French fuel production to come from vegetables by 2015.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

What Does the Future Hold?

2 billion people soon will eat better, consume more calories of food – positive

• market potential

Biggest potential, however, is biofuel development. Has been boosted by

• farmer-friendly agricultural policies.

As biofuel volumes ramp up, many challenges:

• Subsidy costs getting more expensive

• Demand driving up food prices – political reactions

• Pressure for global trade flows in biofuels, fewer tariffs, trade barriers

• Over time underlying economics and efficiency will determine winners and

• losers.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE } Capitolo 11

Politica Ambientale della U.E.

Quadro delle Politiche Ambientali

La metà della superficie dell’Unione europea (UE) è adibita all’agricoltura. Ciò è sufficiente a dimostrare

l’importanza che l’attività agricola riveste per l’ambiente naturale dell’UE. L’interazione fra agricoltura e natura è

profonda. Nel corso dei secoli l’agricoltura ha contribuito alla creazione e alla salvaguardia di una grande varietà

di habitat seminaturali di elevato pregio. Al giorno d’oggi sono proprio questi habitat che plasmano la

maggioranza dei paesaggi dell’UE ed ospitano molte specie della sua ricca fauna selvatica. L’agricoltura è inoltre

fonte di reddito per una comunità rurale diversificata che non soltanto rappresenta un bene insostituibile della

cultura europea ma svolge anche un ruolo fondamentale nel preservare l’equilibrio dell’ambiente.

I legami esistenti fra la ricchezza dell’ambiente naturale e le pratiche agricole sono complessi. Mentre la

salvaguardia di molti habitat di grande pregio in Europa è affidata all’agricoltura estensiva, dalla quale dipende

anche la sopravvivenza di una grande varietà di animali selvatici, le pratiche agricole possono anche incidere

negativamente sulle risorse naturali.

L’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria, la frammentazione degli habitat e la scomparsa della fauna

selvatica possono essere frutto di pratiche agricole e di un utilizzo della terra inappropriati. È per questa ragione

che le politiche dell’UE, segnatamente la politica agricola comune (PAC), miranosempre più a prevenire i rischi di

degrado ambientale, incoraggiando al tempo stesso gli agricoltori a continuare a svolgere un ruolo positivo nella

salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente grazie a misure mirate di sviluppo rurale e contribuendo a garantire la

redditività dell’agricoltura nelle diverse regioni dell’UE.

Il presente dossier d’informazione illustra il significativo contributo apportato dalla PAC alla sostenibilità

ambientale (Sezione 1) e il ruolo svolto da altre misure politiche e normative nel coadiuvare l’UE ad uniformarsi

agli scopi ed agli obiettivi globali di sostenibilità ambientale (Sezione 2). Alcune delle principali tappe figurano nel

riquadro n. 1.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

La politica agricola a favore dell’ambiente

L’agricoltura è un’attività il cui significato trascende la produzione pura e semplice di generi alimentari. Durante

l’intera catena produttiva si verificano processi che possono ripercuotersi sull’ambiente naturale. Ad esempio,

l’uso eccessivo di antiparassitari e di fertilizzanti, pratiche inadatte di bonifica o di irrigazione, come pure un alto

grado di meccanizzazione o un utilizzo improprio della terra possono portare al degrado ambientale.

L’abbandono delle attività agricole, tuttavia, può anche mettere a repentaglio il patrimonio ambientale dell’UE in

quanto rischiano di scomparire gli habitat seminaturali, nonché la biodiversità ed il paesaggio ad essi correlati. La

PAC cerca di tener conto di questi fattori.

Il processo d’integrazione degli obiettivi ambientali nella politica agricola ha avuto inizio negli anni ’80. Da

allora, la PAC ha man mano subito una serie di adeguamenti che le hanno consentito di contribuire in modo più

efficace agli obiettivi di sostenibilità. Uno degli obiettivi della PAC è quello di aiutare l’agricoltura a svolgere il suo

ruolo multifunzionale nella società attraverso la produzione di alimenti sicuri e sani, l’aiuto allo sviluppo

sostenibile delle zone rurali, la protezione e la promozione dell’ambiente agricolo e della sua biodiversità. La

comunicazione della Commissione europea del 1999 «Orientamenti per un’agricoltura sostenibile» sottolineava

l’importanza di integrare la problematica ambientale nella PAC. La riforma PAC del 2003 è il passo più recente in

questa direzione.

«Per una PAC più verde»

Negli anni ’90 due sono le principali riforme della PAC che hanno tenuto in sempre maggiore considerazione

l’importanza dell’aspetto ambientale dell’agricoltura.

Le riforme del 1992 hanno segnato una svolta nella politica agricola dell’UE, non da ultimo, in termini di

integrazione della problematica ambientale. I prezzi garantiti per i cereali e le carni bovine hanno subito una

riduzione ed i limiti di produzione sono rimasti stazionari o sono addirittura aumentati per alcuni prodotti. Sono

stati introdotti gli aiuti diretti agli agricoltori. Sono state adottate alcune importanti misure ad hoc per incoraggiare

un tipo di agricoltura rispettoso dell’ambiente quali, ad esempio, il regolamento agroambientale (cfr. riquadro 2

per ulteriori particolari) e l’introduzione dei premi all’estensificazione corrisposti ai produttori di carni bovine

chechiedono aiuti finanziari per basse densità di bovini. «Agenda

La riforma PAC del 1999 – che si iscrive nel pacchetto di riforme comunitarie 2000» – ha portato

avanti tali iniziative. Oltre a continuare a riformare la politica di sostegno del mercato, essa ha riorganizzato la

PAC in due settori di attività:

• politica di mercato (denominata «primo pilastro» della PAC);

• sviluppo sostenibile delle zone rurali (o «secondo pilastro»).

Due sono i principali strumenti legislativi che hanno reso possibile l’integrazione della problematica ambientale

nelle riforme PAC del 1999. Il primo, noto come «regolamento orizzontale» (in quanto si applica a tutti gli aiuti

diretti previsti a norma della PAC), stabilisce che nell’applicazione delle misure del primo pilastro si tenga conto

degli obiettivi ambientali; l’altro, denominato «regolamento sullo sviluppo rurale», consolida le misure

agroambientali esistenti integrandole con altre, includendo in tal modo il secondo pilastro della PAC

I concetti basilari del nuovo approccio sono: la «condizionalità», il «sostegno diretto ai redditi», la «buona

pratica agricola» e la «modulazione» (cfr. spiegazioni nel riquadro n. 3).

Agenda 2000 ribadisce che i regimi agroambientali sono obbligatori per gli Stati membri, mentre sono

facoltativi per gli agricoltori e stabiliti su base contrattuale.

Gli Stati membri, del resto, sono tenuti ad includere codici di buona pratica agricola nei loro piani di sviluppo

rurale (nel quadro del secondo pilastro).

La PAC e l’ambiente in futuro

La riforma PAC del 2003 fa fare un salto di qualità all’integrazione ambientale. La riforma introduce il

disaccoppiamento della maggior parte degli aiuti diretti dalla produzione. Ciò si traduce nella riduzione di molti

degli incentivi accordati alla produzione intensiva, che sono stati all’origine dell’aumento dei rischi ambientali.

La condizionalità e la modulazione diventano obbligatori e quest’ultima consente un ulteriore aumento dei

fondi disponibili per finanziare misure a titolo del secondo pilastro. La condizionalità obbligatoria si fonda su un

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative

{PAGE }

sistema di norme europee vincolanti in materia di ambiente, sicurezza alimentare, salute e benessere degli animali

a livello delle aziende agricole. I beneficiari di aiuti diretti saranno inoltre tenuti a mantenere tutte le superfici

agricole in buone condizioni dal punto di vista sia agricolo che ambientale.

Capitolo 10 - Ambiente ed energie alternative {PAGE }

Zone svantaggiate più verdi

Le zone svantaggiate sono zone dell’UE in cui le condizioni fisiche e naturali sono all’origine di una bassa

produttività agricola. Il 56% dei terreni agricoli dell’UE è definito zona svantaggiata (cifre del 1998). L’UE

riconosce la necessità di adoperarsi in modo particolare per sostenere gli agricoltori delle zone svantaggiate in

considerazione del ruolo vitale – sia dal punto di vista ambientale che sociale – che essi svolgono nelle suddette

aree.

Il sistema di versare indennità compensative agli agricoltori e di offrire loro condizioni favorevoli in materia di

aiuti agli investimenti, messo in atto da molto tempo proprio in riconoscimento dei suddetti svantaggi naturali, è

stato rafforzato nell’Agenda 2000 ed inserito nel quadro delle misure di sviluppo rurale. Uno degli obiettivi

fondamentali del sistema consiste nel garantire il sussistere delle attività agricole nelle zone svantaggiate, allo

scopo di preservare la bellezza dei paesaggi e gli habitat che costituiscono un bene prezioso dal punto di vista

ambientale.

Le indennità compensative di cui godono le zone svantaggiate vengono ormai corrisposte in funzione della

superficie e non della produzione. Questo cambiamento, introdotto con Agenda 2000, mette fine agli incentivi ad

un’agricoltura intensiva e contribuisce ad evitare ripercussioni negative sull’ambiente, quali un eccessivo

sfruttamento dei pascoli. Il versamento degli aiuti alle zone svantaggiate è subordinato al rispetto, da parte degli

agricoltori, di talune condizioni di ordine ambientale; per poter beneficiare dei suddetti aiuti essi devono mettere

in atto buone pratiche agricole compatibili con la necessità di tutelare l’ambiente e di salvaguardare il paesaggio.

Agenda 2000 ha inoltre aggiunto alle zone svantaggiate le «zone soggette a vincoli ambientali», nelle quali gli

agricoltori sono soggetti a vincoli per quanto riguarda l’utilizzo agricolo. La misura si incentra sulle zone prese in

considerazione da Natura 2000. Nel 2002, il contributo UE per le zone svantaggiate e per quelle soggette a vincoli

ambientali ammontava a 924 milioni di euro (ossia il 21% circa della spesa del FEAOG-garanzia destinata allo

sviluppo rurale). La mappa n. 1 illustra la situazione delle zone svantaggiate nel 1997 (anno della rilevazione più

recente).


PAGINE

33

PESO

864.51 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Economia dello sviluppo sostenibile del prof. Antonio Piccinini all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: la sostenibilità ambientale, i cambiamenti climatici ed il riscaldamento globale, i consumi energetici, le fonti di energia, i biocarburanti, la politica ambientale dell'Unione Europea ed il Protocollo di Kyoto.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in cooperazione internazionale e sviluppo
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia dello sviluppo sostenibile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Piccinini Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia dello sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile
Dispensa
Organismi Geneticamente Modificati
Dispensa
Economia e politica delle risorse naturali
Dispensa
Futures e prezzi dei prodotti agricoli
Dispensa