Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

implementation criteria tell us something about how different policies may affect

farmers’ decisions to produce farm goods.

Some policy measures deliver support directly related to the amount of a

specific commodity produced (market price support and payments based on

commodity production) or inputs used. These policy measures are the ones that

have the strongest influence on production incentives, although this incentive can

be weakened in those countries that place constraints on output produced or

inputs used. Policy measures that deliver support based on the current area

planted or animal numbers, but are not dependant on the amount of a specific

commodity produced have somewhat less influence on production incentives.

Other policy measures provide support based on criteria such as past production

history, the overall farm area, the income situation of the farmer, or for the

provision of environmental services, for example. Such measures have the least

influence on production incentives.

This classification of policy measures highlights the different production

and trade incentives of various policy categories. In assessing policy

developments, the OECD takes care to highlight the trends in the policy mix, with

particular emphasis on the most production and trade distorting measures –

market price support, and output and input payments. It is thus possible to assess

policy reform in terms of the trends in the level of support and the shift towards

less production and trade distorting policies.

Agricultural policy measures in many OECD countries have become more

diverse and complex. Policies not only influence production through their effects

on prices but also on their effects on wealth and risks facing farmers. At present

the OECD is in the process of revising the PSE classification to accommodate these

developments. This mainly involves better classifying policy measures that

provide support based on a mixture of current and past production variables and

those that deliver support not based on farm commodity production – which will

help to evaluate progress in policy reform.

So what do the support indicators say about the extent of policy reform?

Figure 4 shows that some reform has occurred in the shift away from the most

distorting policy measures (market price support, input and output based

payments), which have fallen since the mid1980s. Nevertheless, such measures still

account for about three quarters of support to farmers.

How much does support increase farm incomes?

The PSE measures transfers from taxpayers and consumers that raise farm

receipts. This transfer does not mean that farmers’ incomes change by the same

amount. In order to receive a transfer, farmers usually have to produce a

commodity or service, or use an input, and thus they incur extra costs. The transfer

is greater than the farm income generated by the amount of these extra costs.

Other work in the OECD calculates the “transfer efficiency” of a policy measure,

which is the share of support that translates into extra farm income. In fact, one

extra dollar of market price support actually results in a rise in farm incomes of no

more than 25 cents, while the share for payments based on historical entitlements

is about one-half. Only in the case of a transfer that does not require the farmer to

incur any extra costs (such as a lump sum payment) is support translated entirely

into extra farm income.

It would also be wrong to assume that the amount of support provided to

farmers in the rich countries is an indicator of the extra income that developing

country farmers might gain if agricultural policies in the OECD countries were

eliminated. Certainly, farmers in many developing countries would be better of if

OECD countries no longer pursued policies that distort trade and depress world

market prices. But the current level of OECD farm support would not necessarily

translate into extra income for farmers in poor countries.

Figura 3

Tabella 1 OECD: Estimates of support to agriculture (EUR million)

1986-88 2002-04 2002 2003 2004p

Total value of production 540 270 672 161 692 530 659 933 664 020

(at farm gate)

of which share of MPS 72 68 68 68 70

commodities (%)

Total value of consumption 506 464 667 725 690 697 664 285 648 194

(at farm gate)

Producer Support Estimate 220 776 231 072 240 279 227 268 225 670

(PSE)

Market price support 171 253 141 973 151 620 139 080 135 221

of which MPS commodities 123 600 97 013 102 798 94 146 94 096

Payments based on output 11 146 10 023 9185 9 156 11 728

Payments based on area

planted/animal

numbers1 14 418 35 917 35 215 34 698 37 838

Payments based on 489 10 956 10 759 11 303 10 808

historical entitlements

Payments based on input 18 402 20 560 21 717 20 664 19 297

use

Payments based on input 2 723 8 263 8264 8 423 8101

constraints

Payments based on overall 2 077 3 325 3 197 3 764 3 015

farming income

Miscellaneous payments 268 54 323 178 –337

Percentage PSE 37 30 31 30 30

Producer NPC 1.57 1.29 1.30 1.29 1.28

Producer NAC 1.60 1.44 1.44 1.44 1.43

General Services Support 37 157 55 805 59 362 54 905 53 149

Estimate (GSSE)

Research and development 3 624 6 127 6 477 5 979 5 924

Agricultural schools 692 1 583 1648 1 529 1571

Inspection services 992 2 144 2 236 2 130 2 066

Infrastructure 12 231 17 635 18 342 17 720 16 843

Marketing and promotion 11 617 22 881 24 350 22 481 21 812

Public stockholding 6 032 1 967 2479 1 785 1637

Miscellaneous 1 968 3 469 3 830 3 282 3 297

GSSE as a share of TSE (%) 13.4 17.9 18.0 17.8 17.4

Consumer Support –156 –135 –146 –136 –123

Estimate (CSE) 261 270 014 485 312

Transfers to producers –171 –140 –150 –138 –133

from consumers 090 863 088 619 881

Other transfers from –15 765 –23 835 –25 718 –26 871 –18 917

consumers

Transfers to consumers 19 716 27 616 29 426 27 123 26 300

from taxpayers

Excess feed cost 10 879 1 811 365 1 882 3 185

Percentage CSE –32 –21 –22 –21 –20

Consumer NPC 1.59 1.33 1.34 1.33 1.31

Consumer NAC 1.47 1.27 1.28 1.27 1.25

Total Support Estimate 277 648 314 494 329 068 309 295 305 119

(TSE)

Transfers from consumers 186 856 164 698 175 806 165 490 152 798

Transfers from taxpayers 106 558 173 631 178 980 170 676 171 238

Budget revenues –15 765 –23 835 –25 718 –26 871 –18 917

Percentage TSE (expressed 2.33 1.17 1.17 1.18 1.16

as share of GDP)2

p: provisional. NPC: Nominal Protection Coefficient. NAC: Nominal

Assistance Coefficient.

MPS is net of producer levies and excess feed costs. MPS commodities: see notes to

individual country tables in Part II.

1. This category provisionally includes the US counter-cyclical payments from

2002.

2. TSE as a share of GDP for 1986-88 for the OECD total excludes the Czech

Republic, Hungary, Poland and the Slovak

Republic as GDP data is not available for this period.

Source: OECD, PSE/CSE database 2005.

Tabella 2 OECD: Producer Support Estimate by country

2002-

1986-88 2003 2004p

2002

04

Australia USD mn 1 321 1 068 1 058 1 063 1 085

EUR mn 1 219 980 1 123 941 876

Percentage 8 4 5 4 4

PSE

Producer NPC 1.05 1.00 1.00 1.00 1.00

Producer NAC 1.09 1.05 1.06 1.04 1.04

Canada USD mn 6 082 5 521 4 798 6 051 5 714

EUR mn 5 548 5020 5 091 5 357 4 613

Percentage 36 22 21 25 21

PSE

Producer NPC 1.40 1.14 1.12 1.16 1.13

Producer NAC 1.57 1.29 1.26 1.34 1.27

Czech Republic1 USD mn 1 350 1 003 967 1 165 n.c.

EUR mn 1 097 1 012 1 026 1 031 n.c.

Percentage 31 26 25 29 n.c.

PSE

Producer NPC 1.54 1.20 1.21 1.22 n.c.

Producer NAC 1.49 1.35 1.33 1.40 n.c.

European 91 118 133

101

USD mn 114 274

Union2 407 028 386

672 96 104 107

EUR mn 92 308 103 050 989 474 686

Percentage 41 34 34 36 33

PSE

Producer NPC 1.80 1.32 1.31 1.34 1.29

Producer NAC 1.71 1.52 1.52 1.56 1.49

Hungary1 USD mn 880 1 573 1 871 1 685 n.c.

EUR mn 716 1 592 1 986 1 492 n.c.

Percentage 16 28 33 28 n.c.

PSE

Producer NPC 1.15 1.19 1.19 1.22 n.c.

Producer NAC 1.20 1.39 1.49 1.39 n.c.

Iceland USD mn 196 195 165 204 216

EUR mn 177 177 175 180 175

Percentage 70 70 72 69

77

PSE

Producer NPC 4.37 3.15 3.13 3.28 3.03

Producer NAC 4.36 3.37 3.36 3.53 3.23

44

Japan USD mn 48 976 46 924 47 874 48 737

162

46 42 377 39 346

EUR mn 44 408 42 861 859

Percentage 61 58 58 59 56

PSE

Producer NPC 2.47 2.27 2.29 2.33 2.20

Producer NAC 2.58 2.37 2.39 2.43 2.28

17

Korea USD mn 12 075 18 253 17 334 19 849

575

18

EUR mn 10 840 16 672 15 344 16 025

648

Percentage 70 63 65 61 63

PSE

Producer NPC 3.33 2.59 2.76 2.46 2.55

Producer NAC 3.39 2.72 2.88 2.59 2.67

Mexico3 USD mn 8 255 7 024 8 961 6 661 5 452

EUR mn 6 718 6 602 9 508 5 896 4 401

Percentage 28 21 26 19 17

PSE

Producer NPC 1.35 1.17 1.27 1.14 1.09

Producer NAC 1.39 1.26 1.35 1.24 1.20

New Zealand USD mn 474 186 103 198 257

EUR mn 451 164 109 176 208

Percentage 2 2 2 3

11

PSE

Producer NPC 1.02 1.02 1.01 1.02 1.02

Producer NAC 1.13 1.02 1.02 1.03 1.03

Tabella 3 OECD: Producer Support Estimate by country (cont.)

1986-88 2002/04 2002 2003 2004p

Norway USD mn 2 812 2 902 2 755 2 995 2 955

EUR mn 2 545 2 653 2 923 2 651 2 385

Percentage PSE 71 71 74 72 68

Producer NPC 4.29 2.80 3.27 2.73 2.41

Producer NAC 3.45 3.52 3.88 3.54 3.12

Poland1 USD mn 1 433 2 065 2 681 1 224 n.c.

EUR mn 1 180 2 161 2 844 1 084 n.c.

Percentage PSE 11 14 19 8 n.c.

Producer NPC 1.08 1.15 1.19 1.10 n.c.

Producer NAC 1.13 1.17 1.23 1.09 n.c.

Slovak USD mn 540 348 343 469 n.c.

Republic1 EUR mn 440 346 364 415 n.c.

Percentage PSE 28 21 21 25 n.c.

Producer NPC 1.17 1.13 1.14 1.20 n.c.

Producer NAC 1.40 1.27 1.27 1.34 n.c.

Switzerland USD mn 5 457 5 343 4 885 5 336 5 807

EUR mn 4 925 4 865 5 184 4 723 4 688

Percentage PSE 78 71 73 71 68

Producer NPC 5.10 2.57 2.81 2.54 2.36

Producer NAC 4.59 3.41 3.66 3.40 3.16

Turkey USD mn 3 162 9 365 5 614 10 846 11 635

EUR mn 2 868 8 317 5 957 9 601 9 393

Percentage PSE 16 25 20 29 27

Producer NPC 1.17 1.28 1.20 1.36 1.30

Producer NAC 1.20 1.34 1.26 1.40 1.36

United USD mn 36 390 40 409 39 105 35 618 46 504

States EUR mn 33 295 36 855 41 493 31 527 37 544

Percentage PSE 22 17 18 15 18

Producer NPC 1.14 1.09 1.10 1.07 1.11

Producer NAC 1.28 1.21 1.22 1.18 1.22

OECD4 USD mn 242 867 254244 226451 256752 279527

EUR mn 220 776 231072 240279 227268 225670

Percentage PSE 37 30 31 30 30

Producer NPC 1.57 1.29 1.30 1.29 1.28

Producer NAC 1.60 1.44 1.44 1.44 1.43

p: provisional. n.c.: not calculated. NPC: Nominal Protection Coefficient. NAC:

Nominal Assistance Coefficient.

1. For the Czech Republic, Hungary, Poland and the Slovak Republic, 1986-88 is

replaced by 1991-93,

and 2002-04 by 2001-03.

2. EU12 for 1986-94 including ex-GDR from 1990; EU15 for 1995-2003; EU25 from

2004. The value of producer support

(PSE) in the EU15 for 2004 is estimated to be EUR 100 236 million (USD 124 192

million).

3. For Mexico, 1986-88 is replaced by 1991-93.

4. Austria, Finland and Sweden are included in the OECD total for all years and in

the EU from 1995. The OECD total

does not include the six non-OECD EU member states.

Source: OECD, PSE/CSE database 2005.

Tabella 4 OECD: Producer Support Estimate by commodity

1986-88 2002/04 2002 2003 2004p

14 17

Wheat USD mn 18 665 16 656 097 330 18542

14 15 14969

15 089

EUR mn 17 033 957 339

Percentage PSE 47 35 36 36 33

Producer NPC 1.69 1.08 1.06 1.11 1.08

Producer NAC 1.92 1.54 1.57 1.57 1.49

Maize USD mn 12 693 10 989 9 169 8 816 14983

EUR mn 11 632 9876 9 728 7 804 12096

Percentage PSE 40 25 23 21 31

Producer NPC 1.30 1.10 1.03 1.06 1.20

Producer NAC 1.67 1.34 1.31 1.27 1.44

Other USD mn 11 182 9 230 7 602 9 212 10875

grains EUR mn 10 221 8 333 8 066 8 154 8 780

Percentage PSE 51 42 41 40 43

Producer NPC 1.97 1.09 1.06 1.07 1.15

Producer NAC 2.13 1.71 1.71 1.67 1.76

21 23 26532

Rice USD mn 26 964 23 923 869 366

23 20

21 769

EUR mn 24 504 21420

204 683

Percentage PSE 81 76 78 76 75

Producer NPC 4.91 4.04 4.30 4.05 3.76

Producer NAC 5.24 4.24 4.53 4.24 3.96

Oilseeds USD mn 5 383 7 042 5 193 6 916 9 017

EUR mn 4 876 6 304 5 510 6 121 7 280

Percentage PSE 26 23 20 21 27

Producer NPC 1.27 1.04 1.03 1.03 1.06

Producer NAC 1.36 1.29 1.25 1.27 1.36

Sugar USD mn 5 778 6 963 5 888 7 197 7 803

EUR mn 5 258 6306 6 247 6 371 6 299

Percentage PSE 54 55 49 58 58

Producer NPC 2.33 2.27 2.03 2.42 2.36

Producer NAC 2.19 2.24 1.97 2.38 2.38

39 41

Milk USD mn 49 374 40 048 39127

638 378

42 36

EUR mn 44 883 31588

36 758 059 626

Percentage PSE 61 42 47 43 36

Producer NPC 2.84 1.65 1.79 1.66 1.50

Producer NAC 2.59 1.73 1.88 1.74 1.57

Beef and USD mn 22 316 31 163 26 33 33676

veal 372 443

27 29

28 257

EUR mn 20 345 27187

982 602

Percentage PSE 32 35 34 35 34

Producer NPC 1.41 1.27 1.28 1.28 1.26

Producer NAC 1.47 1.53 1.51 1.55 1.52

Sheepmeat USD mn 4 676 4 447 2 894 5 524 4 925

EUR mn 4 207 3 978 3 070 4 889 3 976

Percentage PSE 55 38 33 45 37

Producer NPC 1.87 1.22 1.20 1.26 1.19

Producer NAC 2.23 1.63 1.49 1.80 1.60

Table 5 OECD: Producer Support Estimate by commodity (cont.)

1986-88 2002/04 2002 2003 2004p

Wool USD mn 288 135 150 125 129

EUR mn 262 125 159 110 104

Percentage PSE 7 6 6 6 6

Producer NPC 1.01 1.02 1.01 1.02 1.02

Producer NAC 1.07 1.06 1.07 1.06 1.06

10 10 13

Pigmeat USD mn 8 763 11 350 153 882 014

10 10

EUR mn 7 938 10 304 9 633

773 506

Percentage PSE 18 21 22 21 21

Producer NPC 1.30 1.22 1.23 1.23 1.22

Producer NAC 1.23 1.27 1.28 1.27 1.26

Poultry USD mn 4 893 7 654 6 864 6 698 9 400

EUR mn 4 389 6 934 7 283 5 929 7 589

Percentage PSE 20 18 19 17 20

Producer NPC 1.33 1.20 1.19 1.17 1.23

Producer NAC 1.25 1.23 1.23 1.20 1.24

Eggs USD mn 2 638 1 444 1 354 1 168 1 810

EUR mn 2 399 1 311 1 437 1 034 1 462

Percentage PSE 17 7 8 6 9

Producer NPC 1.22 1.06 1.06 1.04 1.07

Producer NAC 1.20 1.08 1.09 1.06 1.09

Other 75 84 89

USD mn 69 254 83 201

commodities1 210 698 694

79 74 72

EUR mn 62 830 75 729 803 972 412

Percentage PSE 29 25 25 25 24

Producer NPC 1.40 1.25 1.25 1.25 1.24

Producer NAC 1.41 1.33 1.33 1.33 1.32

All 226 256 279

254 244

USD mn 242 867

commodities 451 752 527

240 227 225

EUR mn 220 776 231 072 279 268 670

Percentage PSE 37 30 31 30 30

Producer NPC 1.57 1.29 1.30 1.29 1.28

Producer NAC 1.60 1.44 1.44 1.44 1.43

p: provisional. NPC: Nominal Protection Coefficient. NAC:

Nominal Assistance Coefficient.

1. The PSE for other commodities is the residual of the PSE for all commodities

minus the PSE for the commodities

listed above.

Source: OECD PSE/CSE database 2005.

Figura 4

Tabella 6 OECD: Total Support Estimate by country

1986-88 2002/04 2002 2003 2004p

Australia USD mn 1 710 1 504 1 412 1 505 1 595

EUR mn 1 570 1 373 1 498 1 332 1 287

Percentage of 0.8 0.3 0.4 0.3 0.3

GDP

Canada USD mn 7 577 7 160 6 261 7 729 7 490

EUR mn 6 907 6510 6 643 6 841 6 047

Percentage of 1.8 0.8 0.8 0.9 0.7

GDP

Czech USD mn 1 386 1 117 1 076 1 303 n.c.

Republic1 EUR mn 1 126 1 127 1 141 1 153 n.c.

Percentage of 4.4 1.5 1.5 1.4 n.c.

GDP

European USD mn 117 216 128 881 103643 132431 150568

Union2 EUR mn 106 372 116 251 109972 117223 121557

Percentage of 1.2 1.2 1.3 1.2

2.8

GDP

Hungary1 USD mn 901 1 876 2 219 2 024 n.c.

EUR mn 733 1 897 2 355 1 792 n.c.

Percentage of 2.5 2.8 3.4 2.4 n.c.

GDP

Iceland USD mn 260 215 182 226 239

EUR mn 233 195 193 200 193

Percentage of 5.1 2.1 2.1 2.1 1.9

GDP

Japan USD mn 57 644 58 881 55 489 60 304 60 850

EUR mn 52 200 53 794 58 877 53 379 49 126

Percentage of 2.3 1.4 1.4 1.4 1.3

GDP

Korea USD mn 13 217 21 247 20 460 20 753 22 528

EUR mn 11 860 19 422 21 709 18 370 18 187

Percentage of 9.3 3.5 3.7 3.4 3.4

GDP

Mexico3 USD mn 10 874 7 848 9 685 7 573 6 287

EUR mn 8 846 7 352 10 276 6 703 5 075

Percentage of 3.0 1.2 1.5 1.2 1.0

GDP

New USD mn 578 304 194 320 398

Zealand EUR mn 545 270 206 283 322

Percentage of 1.7 0.4 0.3 0.4 0.4

GDP

Norway USD mn 3 162 3 146 2 974 3 252 3 212

EUR mn 2 863 2 876 3 155 2 879 2 593

Percentage of 3.5 1.4 1.6 1.5 1.3

GDP

Poland1 USD mn 1 693 2 414 3 107 1 622 n.c.

EUR mn 1 391 2513 3 296 1 436 n.c.

Percentage of 2.2 1.2 1.6 0.8 n.c.

GDP

Slovak USD mn 612 405 407 541 n.c.

Republic1 EUR mn 498 403 431 479 n.c.

Percentage of 4.2 1.6 1.7 1.7 n.c.

GDP

Switzerland USD mn 6 546 5 834 5 361 5 889 6 252

EUR mn 5 908 5316 5 688 5 213 5 047

Percentage of 4.0 1.8 1.9 1.8 1.7

GDP

Turkey USD mn 3 471 10 485 7 642 11 750 12 063

EUR mn 3 145 9 416 8 109 10 400 9 739

Percentage of 3.9 4.4 4.2 4.9 4.1

GDP

United USD mn 64 009 96 972 90 020 92 199 108696

States EUR mn 58 476 88 294 95 517 81 611 87 753

Percentage of 1.3 0.9 0.9 0.8 0.9

GDP

OECD4 USD mn 305 510 345 830 310130 349421 377938

EUR mn 277 648 314 494 329068 309295 305119

Percentage of 2.3 1.2 1.2 1.2 1.2

GDP

p: provisional. n.c.: not

calculated.

1. For the Czech Republic, Hungary, Poland and the Slovak Republic, 1986-88 is

replaced by 1991-93, and 2002-04

by 2001-03.

2. EU12 for 1986-94 including ex-GDR from 1990; EU15 for 1995-2003; EU25 from

2004. The value of the total support

to agriculture (TSE) in the EU15 for 2004 is estimated to be EUR 113 007 million

(USD 139 977 million).

3. For Mexico, 1986-88 is replaced by 1991-93.

4. Austria, Finland and Sweden are included in the OECD total for all years and in

the EU from 1995. The OECD total

does not include the six non-OECD EU member states.

Source: OECD, PSE/CSE database 2005.

StatLink: http://dx.doi.org/10.1787/857407571207

Alllegato

Health Check of the CAP

1. Introduzione

Coerentemente con le indicazioni fornite nella comunicazione del 20 novembre

2007, intitolata “In preparazione alla valutazione dello stato di salute della PAC

riformata”, la Commissione europea ha elaborato delle proposte legislative

accompagnate da una relazione sull’impatto dell’health check basata sui risultati di

un ampia consultazione che ha visto il coinvolgimento di diversi portatori di

interesse e delle varie istituzioni europee.

Tali proposte, pur non costituendo una radicale riforma, configurano il futuro

profilo della PAC, più attenta ai temi dello sviluppo sostenibile ed orientata ai

mercati, in sintonia con gli obiettivi generali delle altre politiche europee e dei

Trattati.

Le proposte sono state rese pubbliche il 20 maggio 2008, data di avvio di un esame

tecnico e politico dei testi regolamentari che, nelle intenzioni della Commissione

europea, dovrebbero essere varati entro la fine del 2008.

In vista di tale scadenza, in data 18 giugno 2008 si è tenuta presso il Ministero delle

politiche agricole, alimentari e forestali una riunione con le Regioni e Province

Autonome al fine di analizzare le proposte in questione.

In tale occasione, si è convenuto di avviare un percorso congiunto di

approfondimento delle opzioni e dei possibili impatti della riforma sull’agricoltura

italiana, con l’obiettivo di definire una posizione negoziale comune a livello

nazionale sui principali temi affrontati dall’Health Check. Al fine di avviare

un'approfondita fase di partenariato, in data 20 giugno 2008 si è tenuta una

ulteriore riunione, a cui hanno preso parte i principali rappresentanti delle parti

economico-sociali e ambientali.

A seguito degli accordi assunti in tale contesto, è stato predisposto il presente

documento, frutto del contributo dei competenti uffici ministeriali (DG Sviluppo

rurale, infrastrutture e servizi e DG delle politiche comunitarie e internazionali di

mercato) di AGEA , ISMEA, INEA e SIN.

Si tratta di un primo contributo di analisi che si pone l’obiettivo di inquadrare in

maniera sintetica:

- Le proposte di modifica dei regolamenti della PAC e dello sviluppo rurale;

- Le considerazioni sulle opzioni nazionali e sui possibili impatti;

- Le conclusioni.

A questo proposito, sono stati utilizzati dati di fonte comunitaria e, a livello

nazionale, dati AGEA-SIN, resi disponibili nello specifico gruppo di lavoro

istituito nel quadro del Programma Rete rurale nazionale 2007 - 2013.

Le elaborazioni effettuate e i dati fonte tratti dalla banca dati SIAN sui pagamenti

diretti (annualità 2006) sono allegati al presente documento e costituiscono una

preziosa base informativa a cui fare riferimento per successivi e più specifici

approfondimenti (cfr. dati in allegato 3).

5

2. Le proposte di modifica dei regolamenti della PAC e dello sviluppo rurale

2.1 Le norme comuni relative ai regimi si sostegno diretto agli agricoltori nella

PAC

La Commissione Europea, nell’ambito delle discussioni sull’health check, ha

presentato un testo che sostituisce il Regolamento (CE) n. 1782/2003, di seguito

illustrato nei punti salienti, rispetto all’assetto attuale della PAC. Una sintesi delle

novità contenute nella proposta di revisione della PAC è riportata nell’allegato 1.

la proposta legislativa prevede determinati

Il regime di pagamento unico (RPU):

aggiustamenti alla riforma Fischler, che potrebbero avere effetti di rilievo per

l’Italia.

Tra questi, uno degli elementi più delicati della proposta è la facoltà lasciata allo

Stato membro di modificare il regime di pagamento unico (RPU), al fine di rendere

il valore dei titoli più uniforme perché con il modello scelto nel 2005 l’entità del

sostegno rimane legata, anche se in misura diversa, ai livelli di produzione del

passato e, con l’andare del tempo, potrebbe essere più difficile giustificare le

differenze esistenti. Nella proposta legislativa tale esigenza si è tradotta nel lasciare

agli Stati membri la possibilità di uniformare il valore dei titoli attraverso due

meccanismi: la regionalizzazione e il ravvicinamento.

Giova ricordare che nell’ambito dell’UE-15, 12 tra Paesi e Regioni, tra cui l’Italia,

hanno optato per il modello storico (Belgio, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Italia,

Olanda, Austria, Portogallo, Scozia, Galles). Germania, Danimarca, Finlandia e

Inghilterra hanno scelto un modello regionalizzato ibrido dinamico che, nel giro di

pochi anni, si trasformerà in un modello regionalizzato puro (non ci saranno più

aiuti distribuiti sulla base del riferimento storico aziendale). Lussemburgo, Svezia e

Irlanda del Nord hanno invece optato per un modello ibrido statico.

Riguardo ai nuovi Stati membri, 8 di loro applicano un regime di pagamento unico

per superficie (RPUS), rappresentato da un regime transitorio di aiuto semplificato,

al termine del quale si dovrà obbligatoriamente passare al modello di pagamento

unico regionalizzato. Malta e Slovenia (e dal prossimo anno anche Ungheria)

applicano già il RPU secondo il modello regionalizzato.

Le proposte di riforma

Le proposte di riforma riguardanti il valore dei titoli:

individuano due meccanismi per rendere più uniforme il valore dei titoli:

- la regionalizzazione,

- il ravvicinamento. La regionalizzazione consente ai Paesi che attualmente

La regionalizzazione:

adottano il RPU secondo il modello storico di passare al modello regionalizzato a

partire dal 2010. La decisione dovrà essere presa entro il 1° agosto 2009. Gli Stati

membri che intendono avvalersi di questa opzione dovranno definire le regioni

secondo criteri oggettivi e non discriminatori, come la loro struttura amministrativa

o istituzionale e/o il loro potenziale agricolo regionale, e dovranno suddividere il

massimale nazionale tra le regioni così definite. In ogni caso, la regionalizzazione

non potrà riguardare più del 50% del massimale regionale. Di conseguenza, fino al

50% del massimale regionale sarà distribuito tra tutti gli agricoltori le cui aziende

ricadono nella regione interessata, inclusi coloro che nel modello storico

precedentemente applicato non avevano titoli (perché nel periodo di riferimento

non erano stati beneficiari di pagamenti diretti); la restante parte (minimo 50% del

massimale regionale) sarà distribuita ai beneficiari storici (cioè a coloro che avevano

titoli) in proporzione ai diritti storicamente maturati. Il numero dei titoli per

agricoltore sarà pari al numero di ettari dichiarati al 2010.

La regionalizzazione proposta si differenzia da quella introdotta dal regolamento

(CE) n. 1782/2003 perché essa deve essere attuata in maniera parziale, cioè la

proposta non consente di regionalizzare tutto il massimale regionale, ma al

massimo il 50%.

Nei Paesi che decideranno di passare al modello regionalizzato, i vecchi titoli

saranno cancellati e sostituiti da nuovi titoli.

l’altro criterio proposto per uniformare il valore dei titoli è

Il ravvicinamento:

rappresentato dal ravvicinamento (“approximation”), che consente di livellare il

valore dei titoli. Questo meccanismo agisce solo tra coloro che detengono titoli e

può essere applicato a livello geografico adeguato (struttura amministrativa o

istituzionale e/o il loro potenziale agricolo regionale).

Il ravvicinamento può essere applicato:

I) dai Paesi che applicano il modello storico (e che non intendono passare al

modello regionalizzato);

II) dai Paesi che già applicano il modello regionalizzato;

III) dai Paesi che passano al modello regionalizzato.

La proposta di regolamento non indica quale debba essere l’obiettivo finale del

ravvicinamento; si potrebbe arrivare al completo livellamento del valore dei titoli,

oppure ad una semplice riduzione delle disparità nel valore, senza eliminare del

tutto le differenze.

La proposta di regolamento impone che il ravvicinamento sia realizzato in un

periodo di transizione almeno triennale, a partire dal 2010. In tutti i casi, il

regolamento impone che in ciascuna delle tappe intermedie di avvicinamento

all’obiettivo finale, la riduzione del valore di ciascun titolo non possa essere

superiore al 50% della differenza tra il suo valore iniziale e quello finale.

7

Dal momento che nessun Paese, come evidenziato in precedenza, ha adottato la

regionalizzazione “pura”, si deduce che al loro interno esistano delle disparità nel

valore dei titoli sia nell’ambito di una stessa regione che tra regioni. La proposta di

regolamento, anche in questo caso, stabilisce che il ravvicinamento possa essere

adottato a livello geografico adeguato, il che significa che esso può essere applicato

ad un livello diverso da quello della Regione. In altre parole, i Paesi che hanno

adottato il modello regionalizzato possono operare il ravvicinamento sia

nell’ambito della stessa Regione, sia ad un diverso livello geografico, che può

comportare la definizione di aree subregionali o di aree sovra regionali.

La proposta di regolamento prevede una versione piuttosto complessa

Modulazione:

di modulazione: la cosiddetta “modulazione obbligatoria progressiva”, che

comporta un aumento del tasso di modulazione dall’attuale 5% al 13%, raggiunto

gradualmente nel 2012, con un aumento del 2% annuo. Al tasso così calcolato si

aggiunge un ulteriore elemento di progressività:

- del 3%, per l’ammontare di aiuti aziendali che si colloca tra 100.000 e 199.999

euro;

- del 6%, per l’ammontare di aiuti aziendali che si colloca tra 200.000 e 299.999

euro;

- del 9%, per l’ammontare di aiuti aziendali superiore a 300.000 euro.

Tab. 1 - Modulazione obbligatoria in base alla proposta legislativa sull’Health

Check

La proposta presentata prevede che le trattenute derivanti dalla “modulazione di

base” (5%) vengano redistribuite tra Stati membri e destinate allo sviluppo rurale

secondo i criteri già adottati nel 2005. I fondi aggiuntivi derivanti dalla

“modulazione addizionale progressiva” – ovvero, le risorse provenienti dal taglio

obbligatorio addizionale (2% /anno) più quelle determinate dall’elemento di

progressività per scaglioni (3%, 6% e 9%), dovrebbero essere integralmente

trasferiti alla dotazione per lo sviluppo rurale (Envelope) degli Stati membri dai

quali sono stati prelevati. Queste somme vengono destinate, a partire dal 1°

gennaio 2010, a misure tese ad affrontare le cosiddette “nuove sfide” (cambiamenti

8

climatici, energie rinnovabili, gestione idrica, salvaguardia della biodiversità). La

proposta di revisione del regolamento 1698/2005 sullo sviluppo rurale fornisce un

elenco – non esaustivo – delle possibili misure collegate alle quattro priorità

finanziabili attraverso queste risorse aggiuntive (cfr. capitolo 2.3).

in occasione della riforma del 2003,

Abolizione del sostegno parzialmente accoppiato:

venne deciso di mantenere un certo grado di sostegno accoppiato in alcuni settori

sensibili dal punto di vista economico e minacciati dal passaggio al

disaccoppiamento che avrebbe potuto generare problemi sociali o ambientali.

In considerazione dell’entrata a regime del RPU, la proposta della Commissione

tende ad eliminare gli aiuti accoppiati, integrandoli pienamente nel RPU. Viene

prevista, tuttavia, un’ eccezione per i premi concernenti le vacche nutrici e le carni

ovine e caprine, per le quali si propone di autorizzare gli Stati membri a mantenere

gli aiuti accoppiati attualmente esistenti al fine di sostenere l’attività produttiva in

regioni prive di alternative economiche. Questa ultima possibilità non riguarda il

nostro Paese, giacché nel 2003 è stata assunta la decisione di optare per il

disaccoppiamento totale. al fine di semplificare e ridurre gli oneri di gestione

Il limite minimo dei pagamenti:

dei pagamenti diretti, agli Stati membri è concessa la facoltà di stabilire un importo

minimo dei pagamenti, inferiore a 250 euro all’anno, oppure una superficie

ammissibile minima di 1 ettaro per azienda.

la proposta della Commissione Europea mira a semplificare il

Condizionalità:

quadro delle norme esistenti e circoscrivere l’applicazione dei vincoli di

condizionalità a carico degli agricoltori beneficiari di pagamenti diretti della PAC ai

soli aspetti agricoli, eliminando i riferimenti non pertinenti al settore primario.

In tale contesto, viene aggiornato l’elenco dei criteri di gestione obbligatori (ex allegato

III, nuovo allegato II). Si propone, invece, un rafforzamento delle norme

per il mantenimento dei terreni in buone condizioni agronomiche e ambientali (exallegato

IV, nuovo allegato III), introducendo alcuni standard nell’ambito

dell’obiettivo “mantenimento degli habitat” e un nuovo obiettivo relativo alla

“protezione e gestione delle risorse idriche”.

In sostanza, le proposte tendono a sopprimere alcuni dei requisiti obbligatori, come

nel caso delle Direttive della Rete Natura 2000, la cui portata nella condizionalità è

stata ridotta, eliminando aspetti indipendenti dalla gestione agronomica dei terreni

da parte degli agricoltori (es. azioni di disturbo all’avifauna prodotte dalle pratiche

venatorie), aggiungendo alla buone condizioni agronomiche e ambientali criteri

tesi a salvaguardare i benefici ambientali conseguenti alla messa a riposo e

affrontando la problematica relativa alla gestione delle risorse idriche, nel contesto

di una strategia unitaria poi ripresa e rafforzata nello sviluppo rurale (cfr. capitolo

2.3). per mitigare le conseguenze del disaccoppiamento, la riforma

L’art 68 e seguenti:

Fischler del Primo Pilastro (Reg. (CE) n. 1782/2003) ha introdotto la possibilità per

gli Stati Membri di trattenere dagli aiuti diretti una quota per l’erogazione di un

pagamento supplementare (anche accoppiato), per tipi specifici di agricoltura e per

produzioni di qualità importanti per l’ambiente, nei settori nei quali viene applicata

la trattenuta.

La riformulazione dell’ articolo 69 del Regolamento sopra citato ha come obiettivi

quelli:

- di aumentare la flessibilità dello strumento di aiuto;

- di supportare quei settori oggetto di ulteriore disaccoppiamento e l’abolizione

delle quote latte;

- di promuovere lo sviluppo di produzioni di alcune aree/zone in conformità con

quanto stabilito dagli accordi sul WTO.

L’articolo 68 della Proposta (ex 69 del Reg. (CE) n. 1782/2003) prevede, dunque, la

possibilità per gli Stati Membri di introdurre nuove misure, che permetterebbero di

sostenere comparti o regioni in difficoltà o incentivare l’utilizzo di strumenti

innovativi di gestione del rischio a favore degli agricoltori, non necessariamente nei

settori nei quali viene applicata la trattenuta degli aiuti diretti.

In particolare, la revisione dell’articolo 69 prevede l’utilizzazione, a partire dal

2010, di un importo massimo pari al 10% dei massimali nazionali assegnati allo

Stato membro (plafond nazionale per il 2009: 4,3 miliardi di €) a favore di 5

tipologie di misure per:

a) determinati tipi di agricoltura, importanti per la protezione o il

miglioramento dell'ambiente (i), il miglioramento della qualità dei prodotti

agricoli (ii) oppure il miglioramento della commercializzazione dei prodotti

agricoli (iii), attraverso un pagamento annuale addizionale per gli agricoltori che

si impegnano in questi ambiti;

b) affrontare svantaggi specifici in alcuni settori/comparti (latte, allevamenti e

carni bovine, ovine e caprine, riso), nonché in zone vulnerabili dal punto di vista

economico e/o ambientale, attraverso un pagamento per capo o ad ettaro;

c) evitare l’abbandono delle terre e/o compensare svantaggi specifici per gli

agricoltori di zone oggetto di programmi di ristrutturazione/sviluppo,

attraverso un aumento del valore dei titoli e/o del loro numero in tali

zone/aree;

d) contribuire ai premi di assicurazione multirischi del raccolto;

e) contribuire ai fondi di mutualizzazione per malattie degli animali e delle

piante.

Il sostegno nell’ambito delle misure di cui alle lettere a, b ed e) è limitato al 2,5% dei

massimali nazionali, in quanto tali aiuti sono considerati accoppiati.

10

2.2 Organizzazione comune unica dei mercati

Le modifiche proposte al Reg. (CE) n. 1234/2007 (regolamento unico OCM) sono

finalizzate, nell’intenzione della Commissione, a garantire che gli strumenti di

controllo dell'offerta non abbiano l’effetto di frenare la capacità degli agricoltori

dell'UE di rispondere ai segnali del mercato, ma fungano da rete di sicurezza. A

questo scopo, viene proposto di semplificare e armonizzare le disposizioni vigenti

in materia di intervento pubblico in diversi settori, tenendo conto anche degli

andamenti dei mercati europei ed internazionali dei prodotti agricoli degli ultimi

anni e delle previsioni per i prossimi.

In questo settore si propone di introdurre la procedura di gara per

Settore dei cereali:

il frumento panificabile senza limiti quantitativi. Per i cereali da foraggio, il limite

quantitativo verrebbe fissato a zero, seguendo il modello del granoturco.

Attualmente, il limite quantitativo di intervento per la campagna 2008/2009 è di

700.000 t.

Per il frumento duro, considerata la situazione attuale e futura del mercato, la

Commissione propone di abolire l'intervento. Per gli stessi motivi, l'abolizione

dell'intervento è proposta anche per il Riso.

Attualmente, il prezzo di riferimento, che è uguale al prezzo di intervento nei

cereali, è di 101,31 €/t, con incrementi mensili che tengono conto del costo dello

stoccaggio. Per il risone, il prezzo di riferimento è pari a 150 EUR/t per la qualità

tipo definita dal citato Regolamento (CE) 1234/2007.

Inoltre, viene proposta l’armonizzazione per tutti gli Stati del periodo di apertura

dell’intervento, che andrà dal 1 novembre al 31 maggio di ciascun anno: le

disposizioni vigenti prevedono per l’Italia, la Spagna ed il Portogallo il seguente

periodo: 1° agosto – 30 aprile.

Le opzioni proposte per l'adeguamento dell'intervento sui cereali e della messa a

riposo sono state valutate dalla Commissione sotto il profilo dell'attitudine a

migliorare la competitività e l'orientamento al mercato dei settori interessati,

mantenendo, nel contempo, la funzione dell'intervento come rete di sicurezza in

caso di crisi di mercato, in modo da aiutare gli agricoltori ad adeguarsi alle

condizioni del mercato, nonché misure che possano procurare benefici ambientali

analoghi a quelli della messa a riposo, qualora l'abolizione di quest'ultima rischi di

compromettere tali benefici.

Secondo la Commissione l'azzeramento dei quantitativi ammissibili all'intervento

per tutti i cereali da foraggio consentirebbe il sostegno dell'insieme dei mercati

cerealicoli in caso di necessità (dal momento che i prezzi dei cereali presentano un

andamento parallelo), senza pregiudicare artificialmente la competitività dell'orzo.

11

L'introduzione della procedura di gara semplifica le norme sull'intervento per i

cereali, armonizzandole con quelle delle altre OCM.

il sistema di aste agirà quando il prezzo di mercato scende

Settore delle carni bovine:

al di sotto di 1.560 €/t.

Il prezzo di riferimento era fissato a 2.224 EUR/t per le carcasse di bovini maschi

della classe R3, quale stabilita dalla tabella comunitaria di classificazione delle

carcasse di bovini maschi adulti.

per gli stessi motivi del grano duro, le favorevoli

Settore delle carni suine:

condizioni di mercato suggeriscono l’abolizione del regime di intervento per le

carni suine. L’intervento nel settore dei suini non viene utilizzato da diversi anni e

le previsioni di mercato sono di un mantenimento/aumento del prezzo attuale.

Pertanto, la misura proposta dovrebbe entrare in vigore fin dal 1 gennaio 2009.

Il prezzo di riferimento nel settore delle carni suine è fissato a 1.509,39 EUR/t per

le carcasse di suino della qualità tipo definita in termini di peso e tenore di carne

magra in conformità alla tabella comunitaria di classificazione delle carcasse di

suini, come segue:

i) carcasse di peso pari o superiore a 60 e inferiore a 120 kg: (classe E);

ii) carcasse di peso pari o superiore a 120 e inferiore a 180 kg: (classe R).

Attualmente, la Commissione può decidere di aprire l'intervento pubblico nel

settore delle carni suine, se il prezzo medio comunitario di mercato delle carcasse,

determinato sulla base dei prezzi rilevati in ciascuno Stato membro sui mercati

rappresentativi della Comunità e ponderati mediante coefficienti che riflettono la

consistenza relativa del patrimonio suinicolo di ciascuno Stato membro, risulti

inferiore al 103 % del prezzo di riferimento con la previsione del mantenimento di

tale livello. viene reso obbligatorio il sistema di aste fino al

Prodotti lattiero caseari:

raggiungimento del limite quantitativo.

La procedura di gara si applicherà anche al burro, per il quale viene mantenuto il

quantitativo di 30.000 t per l’intervento e al latte scremato in polvere. Viene

proposta l’abolizione dell’aiuto allo smaltimento di burro.

Si propone l’abolizione dello stoccaggio privato dei formaggi, che in Italia è stato

utilizzato per tre formaggi (Grana Padano, Provolone e Parmigiano Reggiano).

Allo stesso modo si propone di abolire l’aiuto facoltativo ai formaggi ovicaprini a

stagionatura lunga.

Lo stoccaggio privato per il burro, l’aiuto al latte scremato in polvere per

l’alimentazione animale e l’aiuto per il latte scremato in polvere per la produzione

di caseine sono resi facoltativi; sarà la Commissione a decidere sulla base delle

condizioni di mercato.

12

Inoltre, in caso di surplus di prodotti lattiero-caseari, la Commissione, che

riconosce gli aiuti al comparto, può consentire, in base all’art, 100, l’impiego di

caseinati nella produzione di “formaggi”.

in base alle prospettive di mercato e all'attuazione

Abolizione della messa a riposo:

dell'RPU, si propone di abolire il ritiro dei seminativi dalla produzione come

strumento di controllo dell'offerta.

Tuttavia, nell'ambito delle proposte relative alla condizionalità e allo sviluppo

rurale, come precisato nel seguito, gli Stati membri disporranno di mezzi idonei a

salvaguardare i benefici ambientali della messa a riposo.

2.3 Lo sviluppo rurale e le “nuove” sfide

Nel chiudere l’accordo interistituzionale che ha consentito, nel maggio 2006, il varo

delle prospettive finanziarie 2007/2013, La Commissione Europea ha preso

l’impegno di predisporre, tra il 2008 ed il 2009, una review “ampia e completa” che

interessasse tutti gli aspetti del bilancio comunitario, dalle principali voci di spesa

alle fondamentali fonti di entrate finanziarie. Nel quadro di questa review si

inseriscono le proposte di modulazione obbligatoria e il conseguente

rafforzamento, soprattutto sotto il profilo finanziario, del secondo pilastro della

PAC. Tale rafforzamento, tuttavia, viene ancorato non più al semplice

perseguimento degli obiettivi già elencati dal Regolamento (CE) n. 1698/2005, bensì

a quelle che vengono considerate le nuove sfide dell’agricoltura europea, vale a

dire:

- I cambiamenti climatici e il rispetto del protocollo di Kyoto

- Le energie rinnovabili

- La gestione delle risorse idriche

- Il declino della biodiversità.

Il perseguimento di queste nuove sfide da parte delle politiche di sviluppo rurale

ha significativi effetti su due aspetti di carattere operativo, che si riflettono nelle

modifiche del regolamento (CE) n.1698/2005 delineate dalla proposta della

Commissione:

- sull’utilizzazione delle risorse finanziarie aggiuntive che provengono dalla

modulazione, che vanno indirizzate solo ed esclusivamente alla realizzazione di

operazioni compatibili con le sfide elencate;

- sulla necessità di rivedere la programmazione dello sviluppo rurale 2007-2013 e,

in particolare, il contenuto dei PSR approvati con decisione comunitaria.

3. Considerazioni sulle opzioni a livello nazionale e sui possibili impatti


PAGINE

48

PESO

743.39 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Politica energetica per lo sviluppo sostenibile del Prof. Antonio Piccinini, all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: il sostegno all'agricoltura nei paesi sviluppati, lo stato di salute della Politica Agricola Comune dell'Unione Europea (PAC).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in cooperazione internazionale e sviluppo
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Politica energetica per lo sviluppo sostenibile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Piccinini Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Politica energetica per lo sviluppo sostenibile

Politiche ambientali dell'Unione Europea
Dispensa
Cambiamento climatico e biocarburanti
Dispensa
Bioetanolo e consumo del suolo
Dispensa
Mercati agricoli a pronti e a futures
Dispensa