Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ARGOMENTO N. 6

LA SOCIETÀ SEMPLICE

L’oggetto della società semplice

Può esercitare solo attività non commerciale

- attività agricola, artigianale

[anche attività di organizzazione della professione intellettuale,

quale ad esempio la società di revisione]

Si ricordi, però, che anche chi esercita attività

agricola o artigianale può scegliere uno dei tipi

di società “commerciali”, cioè i tipi destinati

allo svolgimento di attività commerciale

La società semplice è importante soprattutto come

schema normativo (v. art. 2293 nonché 2315)

La forma del contratto di società semplice

Non è soggetto a forme particolari

- anche in forma orale (cfr. 2247: volontà di

facta concludentia

- anche per

esercitare un’attività non commerciale con finalità

lucrativa)

Ma la forma può discendere dalla natura dei beni

conferiti

- art. 1350: conferimento di immobili

- sia in proprietà (da dove risulta…?)

- sia in godimento ultranovennale

Quali conseguenze produce il conferimento di

un bene immobile (in proprietà o godimento

ultranovennale) senza contratto scritto?

- nullità parziale del conferimento e della partecipazione?

Cfr. art. 1420: solo se non essenziale

- conversione in godimento infranovennale? Cfr. art. 1424:

solo se risulta che le parti l’avrebbero voluto

Come è possibile? Si sono creati

- nullità della società?

diritti, obbligazioni, etc…..

- cfr. art. 2332 c.c. per la nullità della s.p.a.: nullità =

scioglimento

- la giurisprudenza lo ha applicato anche alle soc. di

persone I conferimenti

Nozione:

- attribuzione patrimoniale del socio alla società

- eseguita al fine di contribuire all’attuazione

dello scopo sociale

- fatta (non in cambio di un “prezzo”), ma in

cambio del diritto di partecipare alla società

(o di conservare o incrementare la partecipazione)

Nota sui conferimenti

I conferimenti, nelle forme stabilite dal contratto sociale, possono

essere eseguiti non solo al momento della costituzione della società, ma

nel corso della vita

anche, mediante modificazione del contratto sociale,

della società (ad esempio, per eseguire nuovi investimenti che la società

non riesce a finanziare a debito).

La modificazione del contratto sociale in conseguenza della quale i soci

accettano di eseguire nuovi conferimenti nella società semplice avviene

di regola all’unanimità (vedremo che nelle società di capitali essa

avviene di regola a maggioranza).

Talvolta i soci sono stretti nell’alternativa se effettuare nuovi

conferimenti o liquidare la società (ad esempio quando la società è in

crisi e ha necessità di nuovo capitale di rischio perché i creditori non le

concedono più credito). Questo è tuttavia ben diverso dall’essere

(dover conferire se si vuole

ad eseguire nuovi conferimenti

obbligati

mantenere la partecipazione sociale è ben diverso dal dover conferire e

basta!)

In sostanza, e riassumendo:

a) i soci sono (ovviamente) obbligati ad eseguire i conferimenti che,

con il contratto sociale o con sue successive modifiche, si sono

(ad esempio, a versare 1.000 euro se il

impegnati ad effettuare

già

contratto sociale lo prevede e non li hanno ancora versati);

b) essi non sono invece mai obbligati ad eseguire nuovi

ciò è vero sia nelle società di capitali (s.p.a. e s.r.l.),

conferimenti:

sia nelle società di persone

c) nelle società di persone essi (o alcuni di essi) sono responsabili dei

debiti sociali, ma tale responsabilità è cosa ben diversa dal

conferimento (cioè, essere responsabili per debiti non significa

dover eseguire nuovi conferimenti). Ciò è tanto vero, che se uno di

essi paga un debito sociale, egli ha un credito (di rivalsa) verso

conferisce

la società (mentre quando si denaro non si ha verso la

società alcun credito di restituzione)!

I conferimenti nella società semplice

I conferimenti sono:

- determinati nel contratto

- in mancanza, quelli necessari allo scopo sociale

(in parti uguali fra i soci)

- denaro

- beni immobili, mobili o immateriali in

proprietà

- garanzie: secondo le norme sulla vendita

- beni immobili, mobili o immateriali in

godimento

- garanzie: secondo le norme sulla locazione

- quanto vale il conferimento in godimento?

- crediti

- si noti la garanzia della solvenza del debitore ceduto

- opera/servizi

- quanto vale il conferimento d’opera?

In caso di determinazione dei valori dei confer.:

- art. 2263: proporzionalità di utili e perdite

vedi anche art. 2265

-

In caso di mancata determinazione dei valori:

- art. 2263 (regola suppletiva): tutti uguali

- socio d’opera: giudice secondo equità (cfr. art. 36 Cost.)

Ipotizziamo che quattro soci costituiscano una

società che ha durata 10 anni e conferiscano:

Socio A: un macchinario che vale 100

il godimento per 10 anni di un immobile che vale

Socio B:

200

[ipotizziamo che il rendimento di un immobile sia pari a circa il

5% annuo]

Socio C: un credito di valore nominale 100

[cosa accade se il debitore paga alla società solo 70?]

Socio D: l’impegno ad operare per 10 anni (ad esempio,

come cuoco, che ha una remunerazione di mercato di

circa 10/anno)

I soci concordano che la divisione degli utili e delle perdite

sia paritaria fra loro

Situazione 1: durante la vita della società

- la società ha spese per 1000 e incassi per 1100:

vi sono utili per 100

- scatta l’art. 2263 c.c.: diritto agli utili, salvo patto

contrario

- i soci possono dividersi i 100 in parti uguali (o nella

diversa percentuale determinata nel contratto)

Situazione 2: al momento dello scioglimento della

società

Ipotizziamo che la soc. abbia attivo per 1000 e debiti per 600

a) deve pagare tutti i creditori sociali (art. 2280)

b) fatto ciò, può distribuire:

al Socio A: 100 (non il macchinario: il valore)

al Socio B: l’immobile conferito in godimento (doveva essere

fatto comunque, anche se il patrimonio era insufficiente:

v. art. 2281)

l’immobile non è della società;

al Socio C: 100 (aveva integrato la parte non riscossa dal deb.)

al Socio D: 100 (valore della sua opera)

Residuano 100, e si distribuiscono in parti uguali

(art. 2282 comma 1)

Le regole in materia di responsabilità

Diritti dei creditori sociali e responsabilità per i

debiti della società (2267, 2268 e 2269):

- resp. solidale e illimitata

- il patto limitativo è

- valido

- efficace per i terzi solo se:

- pattuito a favore di chi non ha agito

- portato a conoscenza dei terzi con “mezzi idonei” (se

agricole: vale registro imprese)

Dunque, vi è responsabilità del socio verso i creditori

sociali quando:

1) egli non ha pattuito alcuna limitazione di

responsabilità

2) egli l’ha pattuita, ma ha agito presso i terzi (e

dunque il patto è valido, ma inopponibile a loro)

3) egli l’ha pattuita, ma il patto non è stato portatoa

conoscenza con mezzi idonei

- la responsabilità illimitata e solidale vale anche per il

nuovo socio (2269)

- vale anche per il socio cessato, ovviamente solo per

le obbligazioni sorte fino al momento della

pubblicizzazione della cessazione (2290)


PAGINE

17

PESO

68.91 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Commerciale A, tenuto dal Prof. Lorenzo Stanghellini nell'anno accademico 2011.
Il documento affronta i seguenti aspetti della società semplice: oggetto sociale, forma, conferimenti, utili, scioglimento, liquidazione, responsabilità, escussione del patrimonio sociale, decisioni, amministrazione e rappresentanza.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Commerciale A e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Stanghellini Lorenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto commerciale a

Impresa e imprenditore
Dispensa
Società per azioni
Dispensa
Società di persone - Parte prima
Dispensa
Contabilità
Dispensa