Che materia stai cercando?

Sensibilità e ricettività Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere.
Fenomeno e noumeno.
Nonostante nella Dissertazione, Kant descriva un uomo fornito di un suo indubbio equipaggiamneto sensoriale, capace perciò di conoscere ogni cosa come quella che gli appare, un uomo che vive dovunque nel mondus... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. R. Viti Cavaliere

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sensibilità e Ricettività, Renata Viti Cavaliere « Filosofia Teoretica LM... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica-lm/se...

Home

«

1/8

»

Renata Viti Cavaliere » 4) Sensibilità e Ricettività

Fenomeno e noumeno

Nonostante nella Dissertazione, Kant descriva un uomo fornito di un suo indubbio equipaggiamneto sensorial

Nella Critica del 1781, invece

la negazione dell'uso reale dell'intelletto, e

la negazione dell'intuizione intellettuale,

conducono alla definizione dell'intuizione sensnibile come l'unica forma in cui l'oggetto ci viene dato.

Intuizione sensibile ed intuizione intellettuale

Nella Critica, l'intelletto, come organo della sintesi, non può più pr

Ma all'immediatezza dell'intuizione è legata la modificabilità, in qu

Immediatezza

La forma intuitiva non si aggiunge alla materia preesistente, bensì l

Frontespizio della prima edizione della Quindi:

Kritik der reinen Vernunft (1781). Tratta a) la forma dell'intuizione è la recezione degli oggetti "pel modo in

da: wikipedia b) la sensibilità e le sue forme non possono, per struttura, riguardar

c) forma dell'intuizione significa tanto il modo d'intuire quanto l'og

L'interezza del fenomeno

Se infatti la forma, quale modo in cui noi siamo modificati dagli oggetti, è sinonimo di relazione, allora

gli oggetti condividono col soggetto, il senso interno e il senso esterno.

Pertanto noi non conosceremo mai la cosa come è in sé, ma solo il fenomeno, cioè il lato della cosa in relazion

La distinzione tra fenomeno e noumeno è però una distinzione fatta per la conoscenza, in cui vige il nesso lim

La cosa in sé indica semplicemente l'interno dell'oggetto, cioè l'oggetto fuori della relazione sensibile, e non af

la cosa in sé indica lo stesso oggetto, ma osservato secondo un'altra relazione, sganciato cioè dalla nostra mo

1 di 2 26/10/2011 12:04


PAGINE

2

PESO

157.88 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere.
Fenomeno e noumeno.
Nonostante nella Dissertazione, Kant descriva un uomo fornito di un suo indubbio equipaggiamneto sensoriale, capace perciò di conoscere ogni cosa come quella che gli appare, un uomo che vive dovunque nel mondus sensibilis, egli pensa ancora che è il puro intelletto a fornire accesso al mondo intelligibile, al mondo delle cose come sono.
Nella Critica del 1781, invece la negazione dell'uso reale dell'intelletto, e la negazione dell'intuizione intellettuale conducono alla definizione dell'intuizione sensibile come l'unica forma in cui l'oggetto ci viene dato.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Viti Cavaliere Renata.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Fedro di Platone I
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa