Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Prospetto delle variazioni di patrimonio netto

Prospetto delle variazioni di patrimonio netto

La finalità del prospetto di variazione del patrimonio

netto, è quella di illustrare le cause per le quali tale

grandezza ha subito variazioni nel corso di due

esercizi consecutivi

39

Prospetto delle variazioni di patrimonio netto

Prospetto delle variazioni di patrimonio netto

Il prospetto deve indicare le seguenti voci:

a) il totale del conto economico complessivo dell’esercizio, riportando

separatamente gli importi attribuibili ai soci della controllante e alla quota

di pertinenza di terzi;

b) per ciascuna voce del patrimonio netto, gli effetti dell’applicazione

retroattiva o della rideterminazione retroattiva rilevati secondo quanto

previsto dallo IAS 8;

c) gli importi delle operazioni con i soci che agiscono in tale qualità,

riportando separatamente i conferimenti e gli utili distribuiti ai soci;

d) per ciascuna voce del patrimonio netto, una riconciliazione tra il valore

contabile all’inizio e quello al termine dell’esercizio, evidenziando

distintamente ogni variazione.

Inoltre nel prospetto o nelle note vanno indicati i dividendi distribuiti e quelli

per azione

40

Rendiconto Finanziario

Rendiconto Finanziario

(disciplinato dallo Ias 7 Rendiconto finanziario)

(disciplinato dallo Ias 7 Rendiconto finanziario)

Il rendiconto finanziario offre un contributo significativo

e fondamentale per l’apprezzamento delle condizioni di

economicità delle imprese e dei gruppi, poiché è volto a

rappresentare la loro dinamica finanziaria, permettendo

così all’utilizzatore del bilancio (d’esercizio e

consolidato) d’interpretare e valutare la politica

finanziaria della realtà produttiva rappresentata dal

bilancio

41

Rendiconto Finanziario

Rendiconto Finanziario

Il rendiconto finanziario, di fatto, svolge una funzione

simile a quella del conto economico; quest’ultimo

illustra l’aspetto economico della gestione (ricavi e

costi), mentre il rendiconto finanziario ne illustra

l’aspetto finanziario mediante l’esposizione analitica

dei “flussi dei fondi”, individuando, da un lato, la

quantità e la qualità delle risorse finanziarie acquisite

(denominate fonti di risorse), e dall’altro, la quantità e

la qualità dell’utilizzo delle medesime risorse

(denominate impieghi di risorse).

42

Rendiconto Finanziario

Rendiconto Finanziario

Dalla lettura dello Ias 7, emerge: che si tratta di un

rendiconto finanziario di liquidità, in quanto basato sulle

“ disponibilità liquide e mezzi equivalenti ” quale risorsa

finanziaria di riferimento, e che deve essere strutturato in

modo tale da rappresentare i flussi finanziari in una forma

predeterminata, ovvero distinti tra attività operativa,

d’investimento e di finanziamento.

Nel prosieguo, saranno quindi affrontati i seguenti punti:

a) la risorsa finanziaria di

riferimento;

b) l’attività operativa;

c) l’attività d’investimento;

d) l’attività di finanziamento.

43

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

di riferimento

di riferimento

Il rendiconto finanziario deve illustrare i flussi finanziari

intervenuti nelle disponibilità liquide e nei mezzi

equivalenti

44

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa

finanziaria di riferimento

finanziaria di riferimento

Per disponibilità liquide s’intendono il denaro in cassa

e tutti i depositi incassabili a vista, osservando che:

• il termine depositi deve essere inteso in senso ampio, poiché

comprende le somme di denaro, depositate presso le banche, gli

uffici postali e gli altri enti finanziari, che sono immediatamente

disponibili per le imprese ed il cui valore è oggettivo e certo;

• i prestiti bancari rientrano, solitamente, nell’attività finanziaria. In

alcuni Paesi, tuttavia, gli scoperti bancari che sono rimborsabili a

vista formano parte integrante della gestione delle disponibilità

liquide di un’impresa. In questi casi, gli scoperti bancari devono

essere inclusi come componenti di disponibilità liquide o mezzi

equivalenti. Una caratteristica di tali accordi bancari è che il saldo

del conto spesso oscilla tra l’essere positivo o negativo.

45

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa

finanziaria di riferimento

finanziaria di riferimento

Per mezzi equivalenti s’intendono gli investimenti

finanziari a breve termine e ad alta liquidità,

osservando che:

• Perché un investimento possa essere considerato come

disponibilità liquida equivalente esso deve essere prontamente

convertibile in un ammontare noto di denaro e deve essere soggetto a

un irrilevante rischio di variazione del valore. Perciò, un investimento

è classificato, solitamente, come disponibilità liquida equivalente solo

quando esso è a breve scadenza, cioè, per esempio, a tre mesi o

meno dalla data d’acquisto. Gli investimenti finanziari azionari sono

esclusi dalla classificazione come disponibilità liquide equivalenti a

meno che essi siano, di fatto, equivalenti alle disponibilità liquide,

quali le azioni privilegiate acquistate in un momento vicino alla loro

scadenza e con una data di rimborso determinata.

46

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

di riferimento

di riferimento

. continua

• Si tratta di investimenti detenuti per soddisfare impegni di

cassa a breve, ossia somme di denaro investite in strumenti

finanziari prontamente realizzabili nel momento in cui si

verifica l’impegno di cassa. Obiettivo di questi investimenti, è

quello di conciliare la necessità di avere somme liquide con

quella di evitare di lasciare infruttifere o quasi tali somme.

47

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

Rendiconto Finanziario: a) la risorsa finanziaria

di riferimento

di riferimento

L’impresa deve indicare i componenti delle

disponibilità liquide e dei mezzi equivalenti e deve

presentare una riconciliazione dei valori del suo

rendiconto finanziario con le voci equivalenti esposte

nello stato patrimoniale.

Considerata l’elevata quantità di procedure di gestione della

liquidità e degli strumenti bancari utilizzati nel mondo e allo

scopo di uniformarsi allo IAS 1, l’impresa deve indicare il

principio adottato nel determinare la composizione delle

disponibilità liquide e mezzi equivalenti.

48

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Il flusso di liquidità derivante dalle attività operative è l’insieme dei

flussi finanziari generati dall’attività principale di produzione e di

vendita effettuata dall’impresa nel corso dell’esercizio, a cui lo Ias 7

aggiunge, in via residuale, anche tutti i flussi generati da operazioni non

inquadrabili né tra le attività di investimento, né tra quelle di

finanziamento

L’ammontare dei flussi finanziari derivanti dall’attività operativa è un

indicatore chiave della misura in cui l’attività dell’impresa ha generato

flussi finanziari sufficienti a rimborsare prestiti, a mantenere la

capacità operativa dell’impresa, a pagare i dividendi e a effettuare

nuovi investimenti finanziari senza ricorrere a fonti di finanziamento

esterne all’impresa. Inoltre, le informazioni riguardo i singoli

componenti dei valori storici dei flussi finanziari operativi sono utili,

unite ad altre informazioni, nella previsione dei futuri flussi finanziari

operativi. 49

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Tenuto conto della definizione generale, lo Ias 7 evidenzia i principali

esempi di flussi finanziari rientranti nell’area in oggetto:

a) incassi dalla vendita di prodotti e dalla prestazione di servizi;

b) incassi da royalties, compensi, commissioni e altri ricavi;

c) pagamenti a fornitori di merci e servizi;

d) pagamenti a, e per conto di, lavoratori dipendenti;

e) incassi e pagamenti di un’impresa assicuratrice per premi e

risarcimenti, annualità e altre indennità previste dalla polizza;

f) pagamenti o rimborsi di imposte sul reddito a meno che essi non

possano essere specificatamente fatti rientrare nell’attività

finanziaria e di investimento;

g) incassi e pagamenti derivanti da contratti stipulati a scopo di

negoziazione o commerciale. 50

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Alcune operazioni, quali la vendita di un elemento

degli impianti, possono dare origine a utili o perdite

(plusvalenze o minusvalenze) che partecipano alla

determinazione dell’utile o della perdita

dell’esercizio. Tuttavia, i flussi finanziari relativi a tali

operazioni sono flussi finanziari derivanti dall’attività

di investimento.

51

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

I flussi finanziari connessi alle attività operative possono essere

determinati secondo due metodologie alternative:

• il metodo diretto, per mezzo del quale sono indicate le principali

categorie di incassi e di pagamenti lordi (il cui impiego è

incoraggiato dallo Iasb);

• il metodo indiretto, per mezzo del quale l’utile o la perdita

d’esercizio sono rettificati dagli effetti delle operazioni di natura

non monetaria, da qualsiasi differimento o accantonamento di

precedenti o futuri incassi o pagamenti operativi, e da elementi di

ricavi o costi connessi con i flussi finanziari derivanti

dall’attività di investimento o finanziaria.

52

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

METODO DIRETTO

METODO DIRETTO

Il flusso finanziario derivante dall’attività operativa può essere

ottenuto alternativamente:

a) dalle registrazioni contabili dell’impresa;

b) rettificando le vendite, il costo del venduto (interessi attivi e

proventi finanziari simili e interessi passivi e oneri finanziari

simili per un istituto finanziario) e altre voci nel conto economico

per:

• variazioni delle rimanenze e dei crediti e debiti generati

dall’attività operativa avvenute nel corso dell’esercizio;

• altri elementi non monetari;

• altri elementi per i quali gli effetti monetari sono flussi

finanziari da attività di investimento o finanziarie.

53

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

Rendiconto Finanziario: b) l’attività operativa

METODO INDIRETTO

METODO INDIRETTO

Con il metodo indiretto, il flusso finanziario netto dall’attività

operativa è determinato rettificando l’utile o la perdita per gli effetti di:

• variazioni delle rimanenze e dei crediti e debiti generati dall’attività

operativa avvenute nel corso dell’esercizio;

• elementi non monetari quali l’ammortamento, gli accantonamenti,

le imposte differite, gli utili e le perdite di cambio non realizzati, gli

utili di collegate non distribuiti, e le quote di pertinenza di terzi;

• tutti gli altri elementi i cui effetti monetari sono flussi finanziari

dall’attività di investimento o finanziaria;

oppure, in alternativa, esponendo dapprima i valori attinenti ai ricavi e

ai costi operativi, monetari, così come desumibili dal conto

economico, procedendo quindi alla rettifica dei medesimi mediante

l’osservazione delle variazioni intervenute nell’ambito dei valori

correlati a crediti e debiti di regolamento e rimanenze di magazzino.

54

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

d’investimento

d’investimento

Le attività di investimento comprendono i flussi

finanziari derivanti da operazioni di acquisizione o

dismissione di attività immobilizzate e di altri

investimenti non classificabili come “disponibilità

liquide equivalenti”.

55

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

d’investimento

d’investimento

• L’entità e la composizione del flusso finanziario

derivante dall’attività d’investimento è utile agli

utilizzatori del bilancio, poiché si tratta di risorse

finanziarie utilizzate per l’acquisizione di elementi

patrimoniali destinati a produrre negli esercizi

futuri flussi finanziari in entrata, ossia ricavi.

• L’attività d’investimento comporta soprattutto

degli esborsi finanziari (impieghi di risorse), ma

può anche generare entrate monetarie a seguito

della dismissione (fonti di risorse) di elementi

patrimoniali. 56

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

d’investimento

d’investimento

Lo Ias 7 riporta i seguenti flussi assorbiti o generati dalle attività di

investimento

• pagamenti per acquistare immobili, impianti e macchinari, beni

immateriali e altri beni immobilizzati. Questi pagamenti

comprendono quelli relativi ai costi di sviluppo capitalizzati e a

immobili, impianti e macchinari di costruzione interna;

• entrate dalla vendita di immobili, impianti e macchinari, attività

immateriali e altre attività a lungo termine;

• pagamenti per l’acquisizione di strumenti rappresentativi di

capitale o di debito di altre imprese e partecipazioni in joint venture

(diversi dai pagamenti per i titoli assimilati alle disponibilità liquide

equivalenti o posseduti a scopo di negoziazione commerciale);

57

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

Rendiconto Finanziario: c) l’attività

d’investimento

d’investimento

• incassi dalla vendita di strumenti rappresentativi di capitale o di

debito di altre imprese e partecipazioni in joint venture (diverse

dalle entrate per i titoli assimilati alle disponibilità liquide

equivalenti o posseduti a scopo di negoziazione commerciale);

• anticipazioni e prestiti fatti a terzi (diversi da anticipazioni e

prestiti fatti da un istituto finanziario);

• incassi derivanti dal rimborso di anticipazioni e prestiti fatti a terzi

(diversi da anticipazioni e prestiti fatti da un istituto finanziario);

• pagamenti per contratti per consegna a termine,contratti a termine,

contratti a premio e contratti swap eccetto quando i contratti sono

posseduti a scopo di negoziazione commerciale, o i pagamenti

rientrano nell’attività finanziaria;

• incassi derivanti da contratti per consegna a termine,contratti a

termine, contratti a premio e contratti swap eccetto quando i contratti

sono posseduti a scopo di negoziazione commerciale, o gli incassi

rientrano nell’attività finanziaria. 58

Rendiconto Finanziario: d) l’attività

Rendiconto Finanziario: d) l’attività

di finanziamento

di finanziamento

L’attività finanziaria comprende tutte le operazioni

legate all’acquisizione ed al successivo rimborso delle

risorse finanziarie, indipendentemente che esse siano

acquisite a titolo di capitale di debito o di rischio.

L’esposizione separata dei flussi finanziari

riconducibili a tale area di attività, è giudicata utile per

consentire ai conferenti risorse finanziarie di

apprezzare la capacità dell’impresa nel fronteggiare i

propri impegni finanziari, sia per quanto attiene alla

situazione trascorsa, sia con riferimento alle

potenzialità prospettiche.

59

Rendiconto Finanziario: d) l’attività

Rendiconto Finanziario: d) l’attività

di finanziamento

di finanziamento

Esempi di flussi finanziari derivanti dall’attività finanziaria sono:

• incassi derivanti dall’emissione di azioni o altri strumenti

rappresentativi di capitale;

• pagamenti agli azionisti per acquistare o liberare le azioni

della società;

• incassi derivanti dall’emissione di obbligazioni, prestiti,

cambiali, titoli a reddito fisso, mutui e altri finanziamenti a

breve o a lungo termine;

• rimborsi di prestiti;

• pagamenti da parte del locatario per la riduzione delle

passività esistenti relative a un leasing finanziario.

60

Rendiconto Finanziario: presentazione dei

Rendiconto Finanziario: presentazione dei

flussi finanziari dell’attività d’investimento e

flussi finanziari dell’attività d’investimento e

di finanziamento

di finanziamento

L’impresa deve presentare distintamente le principali

categorie di incassi e pagamenti lordi derivanti dall’attività

di investimento e finanziaria a eccezione dei casi in cui i

flussi finanziari possano essere presentati al netto, così come

descritto nei paragrafi 22, 23 e 24 dello Ias 7.

61

Nota Integrativa

Nota Integrativa

Per quanto riguarda la nota integrativa o le note, così

come viene definito il prospetto in parola dallo Ias 1,

bisogna sottolineare che questa è un documento di

tipo descrittivo che si propone di fornire informazioni

di carattere quantitativo, e quindi integrative rispetto al

sistema di valori espresso dagli altri prospetti

componenti il bilancio, ma anche di carattere

qualitativo, in quanto diretta a descrivere l'origine di

questi valori.

62

Nota Integrativa

Nota Integrativa

In sostanza, la nota integrativa, costituendo la chiave

di lettura degli altri documenti componenti il bilancio,

svolge un ruolo di fondamentale importanza poiché,

solo attraverso l'analisi congiunta di questa e dei

prospetti puramente quantitativi, è possibile

indagare e comprendere compiutamente i risultati

espressi da questi ultimi.

63

Nota Integrativa: struttura

Nota Integrativa: struttura

Le note devono:

• presentare le informazioni sui criteri di formazione del

bilancio e i principi contabili specifici utilizzati;

• indicare le informazioni richieste dagli Ias/Ifrs che non

sono presentate nel prospetto dello stato patrimoniale,

del conto economico, delle variazioni del patrimonio

netto o del rendiconto finanziario;

• fornire informazioni aggiuntive che non sono

presentate nel prospetto di stato patrimoniale, di conto

economico, delle variazioni di patrimonio netto o del

rendiconto finanziario, ma sono rilevanti per la

comprensione di ciascuno di questi.

64

Nota Integrativa: struttura

Nota Integrativa: struttura

La nota integrativa deve essere presentata in modo sistematico.

Per ciascuna voce del prospetto di stato patrimoniale, conto

economico, prospetto delle variazioni del patrimonio netto e

rendiconto finanziario, deve esservi il rinvio alla eventuale

informativa nelle note.

Le note sono normalmente presentate nel seguente ordine:

• una dichiarazione di conformità con gli Ias/Ifrs;

• una sintesi dei principi contabili rilevanti applicati, ossia dei

criteri di valutazione e delle politiche contabili adottate;

• informazioni di supporto per le voci esposte nello stato

patrimoniale, nel conto economico, nel prospetto delle

variazioni di patrimonio netto e nel rendiconto finanziario,

nell’ordine in cui ogni rendiconto e ogni voce sono presentati;

65

Nota Integrativa: struttura

Nota Integrativa: struttura

• altre informazioni, quali:

passività potenziali e impegni contrattuali iscritti;

 informativa non finanziaria, per esempio le finalità e le

 strategie della gestione del rischio finanziario

dell’entità. 66

Nota Integrativa: illustrazione dei principi

Nota Integrativa: illustrazione dei principi

contabili utilizzati

contabili utilizzati

Ogni entità deve indicare, nell’ambito delle informazioni sui

principi contabili utilizzati:

• il criterio base di valutazione adottato nella preparazione del

bilancio;

• gli altri principi contabili utilizzati che sono significativi per la

comprensione del bilancio.

Per gli utilizzatori è importante essere informati del criterio

o criteri base di valutazione utilizzati nel bilancio perché il

criterio su cui il bilancio è preparato ha un effetto

significativo sulla sua analisi.

67

Nota Integrativa: illustrazione dei principi

Nota Integrativa: illustrazione dei principi

contabili utilizzati

contabili utilizzati

Nell’ambito delle politiche contabili significative è necessario illustrare

con cura i giudizi degli amministratori che hanno i più significativi

effetti sugli importi rilevati in bilancio.

Per esempio, la direzione aziendale prende decisioni nel determinare:

• se le attività finanziarie sono investimenti posseduti fino a scadenza;

• quando sostanzialmente tutti i rischi ed i benefici di attività

finanziarie di proprietà e di attività ottenute in locazione sono trasferiti

ad altre entità;

• se determinate vendite di beni sono accordi finanziari e quindi non

generano ricavi;

• se la sostanza del rapporto tra l’entità e un’entità a destinazione

specifica indica che l’entità a destinazione specifica è controllata

dall’entità. 68

Nota Integrativa: principali cause di

Nota Integrativa: principali cause di

incertezza nelle stime

incertezza nelle stime

Informazioni innovative, rispetto alla versione precedente

dello Ias 1, riguardano le fonti chiave di valutazione

dell’incertezza. Un’entità deve illustrare nella nota

integrativa le informazioni relative alle ipotesi centrali di

valutazione che hanno un elevato rischio di generare

correzioni significative ai valori delle attività e delle passività

entro il prossimo periodo amministrativo.

69

Nota Integrativa: principali cause di incertezza

Nota Integrativa: principali cause di incertezza

nelle stime

nelle stime

• Esempi di tali ipotesi sono le stime per valutare il valore

recuperabile delle immobilizzazioni materiali, la

svalutazione delle rimanenze di magazzino interessate a

fenomeni di obsolescenza, accantonamenti a fondi per

tenere conto degli esiti di controversie legali in corso.

• Queste stime comportano ipotesi circa l’andamento

futuro di prezzi, salari, tassi d’interesse, flussi di

liquidità.

• In relazione a tali elementi del patrimonio d’impresa la

nota integrativa deve precisare la loro natura e il valore

di carico nel bilancio. 70


PAGINE

72

PESO

1.82 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

L'appunto tratta i vari schemi che vengono usati in una realtà economica per il perfetto andamento del bilancio. Partendo da una analisi della composizione del bilancio, vengono poi sviluppati i modelli di Stato patrimoniale. Successivamente si analizzano i criteri di classificazione del conto economico, e per finire il concetto di rendiconto finanziario.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e management
SSD:
Docente: Tanzi Anna
Università: Parma - Unipr
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Bilancio e comunicazione economico-finanziaria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parma - Unipr o del prof Tanzi Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Bilancio e comunicazione economico-finanziaria

Informativa obbligatoria
Dispensa
Comunicazione economico finanziaria
Dispensa
Bilanci infrannuali
Dispensa
Bilancio - Principi generali
Dispensa