Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dal 2000, si conta che sono stati uccisi 23 giornalisti in Russia

 La Russia si colloca al 144° posto (su 169 paesi) nel World Freedom

 Press Index

In Russia lo stato possiede oltre l’80% delle infrastrutture radio

 televisive

L’interesse dei russi per la politica continua ad essere alt0 (48%) ed il

 90% della popolazione si affida alla TV come principale fonte di

notizie (ed il 41% degli intervistati trova la copertura politica della

televisione nazionale sufficientemente obiettiva)

Alcune stazioni radio tuttavia mantengono una sottile libertà di

 esperessione (anche se devono comunque sottostare alla “regola

non scritta” per la quale almeno il 50% delle notizie sul governo

devono essere positive)

Solo il 25% dei russi sono utenti di Internet

 ma sono anche i più giovani, i più colti e i più

attivi della popolazione

Sono pochi i blog, ed ancor meno quelli di

 argomento politico

I Russi non sottovalutano la potenza attuale

 e potenziale della rete ma, hanno imparato

che la pratica cinese di censurare Internet

non porta a niente e preferiscono combattere

la battaglia nel cyberspazio diversamente,

ovvero saturando la rete russa con i loro siti

di propaganda o con i propri blogger sul web

Premessa

Paese vasto e sempre più popoloso. Fin dall’antichità,

 politiche isolazioniste da parte dello stato.

La storia della Cina è contrassegnata dall’infaticabile sforzo operato

dallo stato per controllare la comunicazione.

1949. Avvento dello stato-Partito comunista. I media divengono

 proprietà dello stato. controllo dell’informazione.

1979.L’inizio della fase di trasformazione dell’economia e della società da

 parte dei leader comunisti del dopo – Mao .

2001. Istituzione del gruppo di Leadership di Stato sull’Informatizzazione

 (presieduto dal primo ministro, normative per l’industria mediatica, il

contenuto dei suoi prodotti e le linee guida da seguire per ogni settore ).

2003. Riforma dei media. Apertura alla

 commercializzazione, ma proprietà e controllo restano in mano ad

un’organizzazione dipendente dal partito. La divulgazione di ogni

informazione deve essere autorizzata dal partito; Dipartimento

pubblicità copre tutte le aree di diffusione di idee e

informazioni (istituzioni culturali, università..etc.), controllo

quotidiano degli organi di informazione.

Obiettivo: affermare il dominio politico incontrastato sulla società

tramite il controllo della comunicazione, modernizzando tecnologia

delle telecomunicazioni e dell’informazione.

Il sistema di controllo avviene mediante la modalità direttiva.

Implementazione di specifiche istruzioni su specifiche informazioni e linee guida ricavate dalle

dichiarazioni dei leader e dai rapporti dell’agenzia di stampa Xinuha.

Riunione di aggiornamento: gli incaricati trasmettono le istruzioni in ogni

• organizzazione media. (il guinzaglio wireless).

Il controllo del personale: certificazione obbligatoria per i giornalisti.

• Requisiti:ideologia politica e un comportamento sociale accettabile.

I dettagli contano, in particolare nei contesti locali.

La struttura distributiva è il meccanismo critico attraverso il

quale lo stato opera il controllo della comunicazione . Figure di

.

nomina politica sorvegliano da vicino l’intero sistema dei media in una cascata di controlli

Interiorizzazione della censura.

Gli errori individuali si pagano giornalisti perdono il

lavoro, riduzione dello stipendio, prigione .

Ma serve anche flessibilità Ciò che è proibito dire e ciò

che non lo è cambia secondo il contesto e l’interpretazione della

linea del partito da parte dei censori. (dipende tutto dai toni che si

usano).


PAGINE

13

PESO

585.96 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Analisi dell'opinione pubblica del prof. Mauro Barisone. Trattasi della presentazione di Marika Lanzani e Francesca Feliziani avente ad oggetto i casi di studio di Manuel Castells ed in particolare il controllo della comunicazione e la pratica della censura dei mezzi di informazione in Russia e Cina.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi dell'opinione pubblica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Barisone Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dell'opinione pubblica

Opinione pubblica - Lippmann
Dispensa
Comunicazione e potere - Castells
Dispensa
Democrazia in America - Toqueville
Dispensa
Opinione pubblica - Luhmann
Dispensa