Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

, . :

- x(J - ,’

. ,’

quwt j .’

non sono che i segni della soddisfazione o no delle noctrc: t:!ule.~za: !

!

b

un fine

hanno una forma, un wntenuto, di~ereo. n Come in mntutnatica 1

1

IL PROBLEMA E IL METODO p

conviene paragonare fra loro quantitk della stessa slbecie, Cosi in morale

(R ).

natura » E quando

conviene contrapporre affetti della stessa O M A G N O S I --

risarcire quel danno, a estinguere

noi siamo lesi in una data t,endeuza, a DELLA SCIENZA DEL DIRITTO PENALE

quel dolore. wranno hnstn&i e appropriat,e le sensazioni piacevoli che de-

tl:illn scddi.~fnzione di Irrlt’ tr2lW ~t~ildf~tlX<~ !

rivano I’ Rr~omCn~~O,

r&f rcA?ito I’A., d~e nxylio Ili alciin ;klt.ro ha xp~~r~~fwtlit~o si pni>

: ciò che

stioi lwiticipi

n o n spinge troppr) olt.re le conse;urwe dei iioii

ccjncedere R wxe quello di rkilr-

(

titolo di puro risarcimento, puì) tht0 a

~IIC~IYI

si tliscut,e se qtledo n o n r i v e s t a piut,to-

cimento soddisfattorio. E qui

plisle, sostrugono alcuni, « civile, come paro all’A. che

sto carattere come I n swcrshrn.

ci mostra 1’ identica generi e difliw3ii:l trn penn pubblki ,e

iIl <i:tt11u~

riprazicme e risnrcitn~Wt.0 r i s p e t t o

privata <* morale. F: dei I’iLp-

tlilfilsiriiic:rrte n e l rapit,olo

porti tra risarcimento e pena privata si occiip~ stmiiore W:~ltlilliL

St,tltlii SIIIIP It~~kl:~~ioili ,In

snl tliritro romano, ~‘onlr negli (,S~~/t~~~r~~~ct~.~~elfl) e

c.i\-ile penalo

d o p p i a unzione ripente in Gwtn:~.nin, per <IiUIlIO 1~1’:dl0

corrispoutlollo

(&<sse) ehe pre!so d i noi a l riwwilnwlto

e alla rilwazione rl’inginrie.

relnzione si trova col risnwilnr~:tto P « A

L’ aI+. :{S in che noi pare c h e

thrlu0 I'illlt~iliill~

[Xlt

:il~l,i:l wf;lziww c*ol

l ’ a r t . 8X 1)tti,l s i

». 4 L’;llbt. 3S Il011

IICIII

il dnnuo pnt~rimouinle, ma solo di

di riwr<+e 11 r i p a r a r e

p~occupa risnrcimeutu iii Illlit

d e l d a n n o geurralr q u a l c h e p e r

aggitIngere nl COPR

prnde, q u e g l i

a n c h e 1’ ot&sn diI)eudente dn,

da di vista

Gparare, punto

UII 1,~ ril~nrazione d’ ingiuria ha cnrnt,teri di pena e di riswci-

speciali reati >b. ,:

rissrci-

sociale, del

mento: .< della peua tutto l’elemento formnle politico ,

mn

;

melIto tutto il carattere soddisfatt.orio e patrimoi!ialc B essa h p r o p r i a -

consep3m~ pnale della condnnna penale, laddove il risarci-

inente una . :,

(1011srrm seinpre

non

mento dei danni I)atrimwiali il su0 carattere civile.

t,ralnscinndo lo svol~imwto delle teorie di diritto civile, abbiamo

Cosi,

voluto brevemente ric*ordare di questo lotlevoli~simn liliro i f0ndainent.i gene-

rali e i puJit,i spe<blruente nttinenti iLI diritto 11e:tal~~. . .

0.

(trad. t’rauu. di JIEXLENAEHE,

(ZG) I,o .J ItuiuNc:, Gcisl dt*s 7v2n1i.~ch~~t~ ftcuhts

Ilr, pag. 5 0 fmgg.,

Prwigi, 1877-78, vol. commentfdo la wntonza di SENECA:

L ’ a r t e l a

~wolh s~~ir~t~ti«~ ‘6

II .%wkr iu~tuiw d&?, sciorlima mm dcdil n, dicova:

piti nude hu la nna tecnica la qnale non è che il deposito accumsdnto e diccmzto

obiettho drlln srzm~ nqiwe ~M~~IIL, usa c h e nondimeno won pwb essem a p p l i c a t a e

gizddicata SC c o l t r i che si dtt la peon di st~tdicwla n).

NOU rln

Questa

(38) idmtitd fra i vari rami del diritto e i vari rapporti giuri-

dici, in quanto tali, è appunto quella che permette la formazione di una teo&

diritio. sicwnnwnte

ormai

yene~ulc de2 La salda e costituita organizzazione delle

anche iu Italia, smentisce col fatto e

quale, in Germania non solo, ma toglie

obiezioni che contro la .wa possibile e sicura esisknnn sono state

valore alle

anche di recente formulde dall’Al.l>lExr (in questa. Xiri~tcc, 1. p. 131). Il che

non toglie che io possn convenire nelle. necessiti di qeneralizzaaioni

evitnw

Vol. 1, p. 1.

Ria. di Dir. d Proc. Pm. -

f\lloI~n, sw liitlo SCIAI.~JA,

le scrilt.orie p a r t i r e

pargole dello conviene

d a l l e dislmsizioiii Mlv lw.<~‘ risaliiv d a cImetto a collcettcj

astrncwtlo

,,I 0

tlill

*c!inpl’e pih sc~uc~~:llizi.nnl]cl (’ ~cwemle towandh a discendwe al p a r -

(Etlr, i\?c., \‘,

giutlicliw~ pw dirla con IO) 6 cou~e

ticolare si ARISTOT~E

lo sttwo legislatore avrebbe detto se fosse stato prcscutc~ » e avrebbe

mm

pesoritto se avesse proreduto i fatti e i rapporti che nou f u r o n o d a

lui regolati e che si tratta appuutc) di sgolare (42). Iu tal nmdo la

~~o~//)2czlit*n/ilol(c

scienza giuridica costruisce il sistema dei principi del

prill-

vigente. E la conoscenza metodica e sistematica di tali

diritto

cipi k clunuto mai utile al’a Emonda e rigogliosa applicazione del di-

Iitto. Coiiio f o r t e , l’edera tc’uaw, Cesi la tl~~guaticn g i u r i d i c a

I’olu~o csegc4ica c h e l e s i

ricercn si-wa; essa

solwgq? ta al~hniitloiin firlc~~itc~ 0

I

I’iltt(?l’])~(‘ta7.iol1(~, 1’1 s * ei; 7/~c!ccnrlica, tlcll:l ICyyg~a e illutuitlqa

oi7jwim

wiiA!

0 r i s c h i a r a l’iutwprcte n e g l i nnhigui sihizi lq+lativi, iic4r twt u0se

divilto positivo c drllrr cpzritri, lXscor,30 iunugurnle, Cnmerino,

(43) sS17.\L0.1A, IM

Saviui USO, p. 24. Sull’iudagine dei principii (o c o n c e t t i ) foudameutnli d a l

diritto positivo ecco quel che mrtgistralmente dice il Twttnto ddle

WIS»\~HEID, .

T o r i n o , 1<302!, vol. 1, s 24, p. 74 e 75: u . . . . Il

hndette, fxnd. FADDA e &NSA,

pensiero proprio della norma giuridica ci rappresenta un concetto, ossia un

aggregato di elementi del pensiero: si trrttta di risolvero i concetti nelle loro

parti costitutive, di indicare gli elementi del pensiero in essi contenuti, In

q u e s t a oper:lziono si lmb nnrlare piii 0 meno avanti, poichi: gli elementi tro-

10r

vati alla volta presentarsi come riunioni di altri elementi pic

posuono

s e m p l i c i e coyi vi&..... Il ricondurre un rapporto di diritto ai concetti sui quali

di fonde si dice costruzione dello stesso n. Questa indagine dei concetti foudn-

mcntrtli del diritto, è quella stessa che lo Jrrnwsn, il crtmpione dolln g i u r i -

Rcchts,

(Geist d. nj’~n.

sprudenza ~:odmlttrico, chimnò t,rncl iixnc. vol. 111, pr. 2f;).

dyli r~lcmwli rempiici del d i r i t t o ~7 e In.

<: l*icer*cn c u i t e c n i c a corri*pondente

SIJIOSCF,LLI, Le

diaso u d i efisa vedasi, tra n o i , tluche:

cl~incim rlcl divillo 17. Si1

pwwti dif/kolkl &!llrl scieu;a dc1 diritto ci&c, Cnmerino, lS909 p. 13-23, d o v e

l~roclnnln In nOcowitrh tli unn 0 doternlinw~ione d e i c o n c e t t i i n hnse... nlln loro

psiziouo IoRica d i f r o n t e n tktto il rjistelna 77 (11. 17), e aftertun che q u e s t o

f0dnmeutnli

Uxertnmento dei p r i n c i p i della legge nou lmL e s s e r c o m p i t o

della filodofirr d e l d i r i t t o . sibbene della scienza giuridica (11. 2 1~: e su cIi esso,

llnOllt43 11011 : l’ul.nc~~~, Su& i>r,,,i~,i.clrl:i»,l,, rlvllr~ hpp’,

sostnnzin ~Iismrtle wtrnt~to

da1 illmifolw <il-i li~ibrtwrli d e l lS90, p. 3 - S . \-alga n dnr 1’ illea &lln ricerca

dommutica dei coucet.ti g i u r i d i c i fondrtmentali nel campo del diritto peu~le il

furto è UIL wato

e*enll)io: il mediante il quRIe taluno si impossestia

seguente

della cosa molrile altrui per trarne profitto senza il consenso di colui a cui

cha produce consegaenzs

/iim~idir:o

aplw%ieue (art,. 402 C. p.). il lo2?0 In

Reeto 9 illocito) b u*m nsiotlo *nmIm im-

i’ibth

70itO giuri&0 io

giwi<lic:r (li un* pelIn.

Oolp)

putnbile (lJ0’ dolo giuridic;nrnente illecita e dsuuosn. Che B ‘6 asionc 77f

0 Che è u dolo e colpa n?

imptrtbilit~ n? illiceitd g,im*idicn n?

Che 6 u Che B u Che &

damto nt E

L< inoltre: che e upcwn ~7.2 Che 6 « co,z.wpte,zsn k+&i<:~ ~7.2 E infine:

Che & ii cosa allrzci 7,

m o b i l e n?

che è 6~ cosu V? Che è ‘L cosa Che è ‘L i~~p~~~~,~_

9nmento r7? 0 a

che è I‘ posSSsa n. C h e 6 u C h e ii u co~~.w~z~o n? in che

pofit~o n.E

via

dcEZa cosa »? E

consisto 1’~ /cppa~*te~n~c~ diceudo.

$&/ spnale, da!ia morale domestica, al segreto episiolarc, cesi illfudtar9ente_Varìi:~~~,:“:r~“‘-C~~,

pib diverse branche del’&$&,$&$. ???,$$&$$

!T’ ed eventualmente appartenenti alle

‘. ~*

~1 sono essere i beni e interessi giuridici o i diritti subbiettivi che ~,;c&$ !i r:kc T$::i,

” .,._’ .;+

6; rispondono. La natura dei reati, che di questi interessi giuridici $ di ‘? ,.i,, .;$;;$;

pen&$Se una riforma nella scienza’ nostra è necessaria, essa deve co- $. questi diritti sono la violazione %:ii

non può, in ,tati’ casi, in nessun modo::, ;.,:

& anzitutto da una revisione dogmatica, da una nuova, pirì precisa giuridicamente, che è

I_’ quanto dire scientificamente, determinarsi, se :non ‘:_ .D -r :Z!;?

e $&retta e insieme pih moderna, determinazione Ilei concetti giuridici ;,~ quando si sia anteriormente determinata e stabilita la natura di quegli

fon&&ntali. Questa determinazione Q difficilissima: nel diritto penale pih ; interessi giuridici e di quei dirit.ti: conoscenza, quest’ultima, che implica,

raIno POCO

che in ogni altro del diritto, come agevolmente si comprende per “. dunque, per lo meno nell’ipotesi in questione, lu conoscenza, almeno elemen-

penale B un diritto di natura speciale:

ci ,qi sc&ertni a l*iflclter~~. Il diritto tare e fondamwtnle, di tutti gli altri rami del dirittn, pubblico e privato.

mentre da tutti gli altri rami dc4

esso ha carnt.teristicbe Che,

p;rlticWllWilh WIISO, appunto, in quitnto cio& il diritto pkale, pur mantenendo la

In questo VT<

ad essi indissolubilmente, specie ai fini scientifici, lo

diritto lo tIi4 inguonll, sua indilwldenza, s’irradia talvolta con funzione completiva e tutrice, su $

ricollegano. Questa spwiale natura del diritto penale si riassume nel dire ‘r ogni caulpb del diritto, & . ‘-

giusto il .dire che la conoscenza scientifica del ’ f$

azctol~o)~?o e pima?*io,

che - ha il carattere di un diritto, bensì ma cmoscc+nza

“s diritto penklo implica in via subordinata, ma ineccepibile, la _’ .,o:.

y:,

tu-via integrativo, nei suoi precetti e nelle SLW sanzioni, di tuttt! le $

scientifica di tutti gli altri rami del diritto: e che esso trova, mi si passi

.’ .*;.g

altre branche del diu*it.to (46). E infatti cumpito particolare di esso la 2. la .ii ti

frase ahusata, « scs iC;tcs clc cl~~~~it~c », in tutte le altre speciali

minaccia e 1’ inflizione della lwna

spwifka tutela ro&iva mcdktc l a i scienze giwidicbc (4X). Quai~ vasto, ct talvolta inesplorato, orizzonte di

dei b+i e degli interessi umani ai beni dell’esistenza individualo Q soc*i:lle ’ studi si offw (lui al penalista, sia puro che egli si metta a scrutarlo dal’

la ai-o&a (reato) riveli e produca, ad un tempo, un pericolo pw / !

particolare 1x11& di vista Ma quale altresì necessario, anzi indi-

S U O

es&ew,, dcnlla società giuridicamente organizzata (47). Ora questi

la !

spensabile, studio Provatevi, infatti, a conoscere scientificamente i CO&

sono slwso (se non wnpre)

beni e intere& che il diritto penale tutela, .

defti x wati contro la propriet8 », senza conoscere, almeno nelle sue linee

VO-

già. giuri&1 *alnwtr proteiti senza o mediante il riconoscimento drlla colnrnerciale!

il sistema dc11 nostro diritto privato, civile e

Costituiscono,

mue e perciò, spesso, hwi e interessi giur;dici,

lontà che li prua a studiaro scientificamente i reati contro la pubblica ammini-

individuali o collettivi, o anche veri e propri diritti suggcttivi, privati o puh- conoscere i principi generali del nostro ordinamento giui

questi poSSOIl wswe

bfici. dei singoli o dello Stato. E bG e intrressi,

poichè waf i

o i contro l’amministrazione della giustiziai

infinit+!llc!ltc* varii: dall:r vita, all’onore, dal l);ltriltlcmio, alla libertir pr’~- ,: senm c~~~~oscc~*c i tratti carat Iwistici c fondamentali del noAro diritto

‘-processul;%!e c del nostro ordinamento giudiziario, o i reati cont,ro lo Stato

la conoscenza di questo istituto infinitamente

6ua radice, pn~ BJSR~B, per esatta io la libcrth senza conoscere i capisaldi del nostro ordinamento costitu-

ogni giorno. La soluzione di wm

più importante delle questioni che ricorrono Kodak ! 1 risultati cui perverrete saranno così scientificamente nulli, da

di tutta una serie di questioni

sola di queste quMioni pui> dare la chiave ;non andare piii oltre della sen~plice riproduzioue degli articoli della legge,

pratiche cbs si cerca vanamente di chirtrire in modo indiretto Le scienze

naturali ot,tengono le scoperte più feconde per la vita occupandosi di que- delle piccole controversie ewgeticlle che ti ._

con la relativa esposizione

stioni e di ricca mei. per la

r i c e r c h e c h e n o n p r o m e t t e v a n o p u n t o una

p r a t i c a . più esse si isola~n dalla vita e meglio la SW~O>W SpejJo 6 b3n 1 0 p&naZ,

Awhe ~‘ORTOLAN, Paris 1863 pur ritenendo a

(43) Ékme~ats C..C CEvoit

ste@o per la giurisprudenza. EM fs alio volte le xue belle acoperte nelle

Ilih ‘torto che il diritto penale abbia un carattere meramente seckdario o samio.

Se i giuristi romani non ci .*vos-

regioni complet.amente estranee alla pratica. ‘natorio di fronte alle altre norme giuridiche (n. 21, 9) giustamente osssrva.

p.

ginrisprudelizs, 1w1’ essct’e pwtica, Ilr),l d~!ce

uero appreso che questo, che IS ..u . ..le droit pbnal se lie 8 toutes les division du droit et... le jurisconsulte

la proclamazione di questa soln dottrina

solo alle rpu~rfiot~i pwtiche,

Eìrnitarsi veritablemont ve& dans la connniasauce du droit pbnal doit l’t?tre aussi dans

dovrebbe loro, la Nostrum eteriin I’icouoJrrRnzn 77.

assicurare nncor ‘celle de toutes les branches du droit n (u. 22. p. 9). E così pure il

&rl cos, dlY&O cnmt1<vY! S<l,lfio- BINDING

(46) que&o punto il mio lavoro:

Vedari ;iu teoria deZZe

quanto (e anche perch8) influenzato dalla sua preconcetta u

;per

g*c<lo&j dc.! dii.itto pm~1<*, Gi>r~i.s/l,.ttdor-L7 ItnlirL>W,

della LXlI, TO-

Ejtratt.0 vol. _. , osserva in gran parte esattamente

X~YW n dewschcn Sbafiachts,

(fizndl>~c9 d .

..j

rino 1DLO (p. ‘(5). g; Leipzig 1885, Bd. 1, s 2, 1,. 9):

$

pena!!, u Die ReclIbgiiter und Rechte zu deren Sohutz

{-LT) .Sulha n o z i o n e d e l 6wze e dell’i~ttwesse nel campo d e l d i r i t t o .,Normen und Strafgesetze beatimmt sind liegen auf allen Rechtdgebieten zer-

concetti di h~c c di i~~tcmssc IWZ diritto ~~L’z

vedi il mio scritto: 1 ,,streut. S steuern diese alle ihren Beitrag zur Bildung der Delikts-und Verbre-

1~ scien:c v o - O

gizwiurctte,

t#riu~ pwrale del diritto ICista italima pc:

uella chensbegriffe und alle Nerkmale der Verbrechens-TatbestKnde die dem Pri-

XLVII, a. 1910, fast. I-11, Edtratto Torino 1110 (p. S-32). E sul concetto f,

lume vatrecht oder dem Staatsrecht, dem Volkerrecht oder dem Prozesse-angeh&n,

tosa) pro-

imputabile, ilkcita e dam

dei reato come irto #widico (a=io>lc uwana, bilden ebenso viele Briichen zwichen dem Strafrecht und diesen Rechtsteilen.

nto della

duttiw della prticolavc giuridica della pena a causa appu

consepenza Das Strafrecht darf nioht isolirt betrachtet, muss vielmehr in sienem leben-

pwicolo sociale riszcl-

: .

pericobsitù wcinle. iì

vedasi il mio lavoro: Il dnnlao 18

sun digen Zusammenhang mit allem tibrigen Recht, es muss als Glied des ganzen

,XSXIII, 1, Estratto,

dal wato nell’drchirio g i u r i d i c o ,

tante RIIUO 193% vol. L eositiven Rechtssystem gesohaut werden :7.

Pisa, ìW9 syecialm. n. 16, p. 53). / PJ IIn ia politica crin~iunb uon ci soltanto il criterio per la valutazione

dh

c r i t i c a d e l d i r i t t o penale viSente nb soltanto ci rivela qunle snrà il diritto

appli-

criminale che dorrit vnlere nell’avvenire, ma essa ci insegna altresi ad

cnre il diritto penale vigente ni singoli casi couforluemeute agli soopi politici

che esso si propone di raggiungero: ci insogna n temperare e-moderare nella

applicazione giudiziale ai singoli crtui, lo stretto diritto penale con le esigenze

di convenienza e di opportunit8, di utiliti e di prudenza politica a cui il di-

ritto penale stesso deve rispondere (arte dell’applicazione della legge).

scienza (o arte) della legisla-

7) Infine la politica criminale oltre ad essere

arte dell’applicazione della legge è

sione oltre a essere altresì scienza (0 arte)

in qunnto vigile affinchb. l’attueaione delle pene o di

della ccm)ninistra;io,tc

alt.ri provvedimenti congeneri tavvengs nel modo pih teonicament.e conforme

alle esigenze di convenienza o di opportunit8 politica periale. La politica cri-‘

può pertanto definirsi come la

nlinale scienza o l’arte dei me;ri preventivi e

repressiai di cui lo Stato, nella sua triplice veste di potere lqislatiw, mmini_

strativo e giudiziario, dispone per raggiungere lo scopo dclkt lotta contro la cr&

concepita la ai dixtingne

minalitd. Così politica criminale :

.j


PAGINE

26

PESO

3.67 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa si riferisce alle lezioni di Diritto Penale, tenute dal Prof. Massimo Donini, nell'anno accademico 2011.
Il documento riproduce il testo di un articolo del Prof. Arturo Rocco apparso sulla Rivista di Diritto e Procedura Penale nel 1910 sul metodo e la scienza del diritto penale.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Penale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Modena e Reggio Emilia - Unimore o del prof Donini Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto penale

Diritto penale - relazione: la sicurezza alimentare
Appunto
Diritto penale - reati societari
Appunto
Diritto penale - reati fallimentari
Appunto
Riassunto esame Diritto Romano, prof. Sanguinetti, libro consigliato Storia del diritto romano, Cerami, Corbino
Appunto