Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LDR 6.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA

La qualificazione del concetto di rischio, richiede, anzitutto, di

precisare le diverse categorie di eventi in relazione alla diversa

possibilità e capacità del decisore di valutare ex-ante la

probabilità del loro verificarsi.

NOTE

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 7.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

Diverse definizioni (Corsani):

→ rischi connessi “ad eventualità note agli operatori nella

sussistenza ed incerte riguardo alla misura ed allo sviluppo

delle loro particolari manifestazioni nel tempo e nello spazio”

→ rischi “collegati ad eventualità ignote agli operatori anche nella

sussistenza almeno con riguardo all’attuazione di determinate

operazioni aziendali e quindi note soltanto come generiche

eventualità di danno che gravano sulla gestione”

NOTE

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 8.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

Diverse definizioni (Bertini):

→ rischi connessi ad eventi ipotizzabili, legati a situazioni note

della vita dell’azienda e dell’ambiente economico sociale che

possono pertanto essere previste nel loro concreto manifestarsi

con attendibile probabilità;

→ rischi connessi ad eventi poco ipotizzabili, legati a situazioni

aziendali e d’ambiente meno note il verificarsi delle quali, solo

in una certa misura, può essere ipotizzato attraverso stime di

probabilità;

→ rischi connessi ad eventi non ipotizzabili, ricollegati a situazioni

NOTE

di assoluta anormalità. Essi presentano un carattere ignoto e

rifuggono da qualsiasi quantificazione

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 9.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

Diverse definizioni (Dezzani):

→ il rischio statico, caratterizzato dalla preventiva conoscenza

della distribuzione di probabilità dei futuri accadimenti che

possono generare eventi dannosi per l’impresa;

→ il rischio quasi dinamico qualificato dalla non conoscenza

preventiva della distribuzione degli accadimenti futuri, che può

essere peraltro ricondotta ad una distribuzione nota attraverso

tecniche statistiche;

→ il rischio dinamico connesso ad accadimenti per i quali vi è una

NOTE

assoluta impossibilità di previsione da parte degli individui

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 10.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

In relazione alle impostazioni proprie dell’analisi della

complessità individuiamo:

→ il rischio aleatorio che consegue ad eventi che l’impresa riesce a

collocare, grazie alle sue capacità di lettura

dell’indeterminatezza, nel campo della varietà. L’impresa riesce

ad individuare gli eventi, stabilire la loro probabilità di

manifestazione e quindi razionalmente valutare le possibili

conseguenze del loro verificarsi sui risultati attesi

→ il rischio di non conoscenza che consegue sia ad eventi ignoti

sia ad eventi che l’impresa non ritiene di considerare in quanto,

pur avendo coscienza della possibilità del loro verificarsi, non ne

NOTE

riesce a valutare le probabilità del manifestarsi le possibili

_______________________________________________________

conseguenze sui risultati attesi.

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 11.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

indeterminatezza

Area della non Area della

conoscenza complicazione

+

NOTE 0

_______________________________________________________

non comprensibile comprensibile

Varietà dell’osservatore

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 12.

LA QUALIFICAZIONE DEL RISCHIO:

RISCHIO ALEATORIO E DI NON CONOSCENZA (SEGUE)

Gli eventi potenzialmente dannosi possono trovare origine a

livello di:

→ combinazione di risorse (es. furti, danni, guasti alle macchine

eccedenti la normalità, ecc);

→ interazione all’interno del sistema impresa (es. miopia di

prodotto);

→ interazioni tra impresa e l’ambiente (es l’emergere di nuovi

sovrasistemi, la rottura di consonanza con i sovrasistemi

esistenti, cambiamenti nei livelli dell’attività economica, ecc.).

NOTE

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 13.

IL RISCHIO NEL CONTESTO DEL PROCESSO EVOLUTIVO

DEL SISTEMA IMPRESA

La dinamica evolutiva dell’impresa si manifesta con una

successione di stati.

Il processo evolutivo richiede l’utilizzo delle capacità incorporate

nella struttura e la tempestiva attuazione di trasformazioni della

struttura stessa.

I rischi vengono riferiti, dunque, alla mancata proficua

utilizzazione delle capacità incorporate conseguenti anche alla

incapacità a progettare e realizzare per tempo le opportune

trasformazioni strutturali

NOTE

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 14.

IL RISCHIO NEL CONTESTO DEL PROCESSO EVOLUTIVO

DEL SISTEMA IMPRESA (SEGUE)

Ne discendono alcune considerazioni significative:

1. il progettato processo di valorizzazione deve incorporare la

possibile, preordinata realizzazione delle necessarie

trasformazioni strutturali e quindi la previsione di nuove e

diverse strutture specifiche

2. la valorizzazione delle capacità incorporate nella struttura

specifica ed in particolare nello stato strutturale di partenza

del progetto di valorizzazione passa dal loro “intenso”

sfruttamento nel periodo di ipotizzata costanza strutturale.

NOTE

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 15.

IL RISCHIO NEL CONTESTO DEL PROCESSO EVOLUTIVO

DEL SISTEMA IMPRESA (SEGUE)

3. I rischi, nell’ottica considerata, possono essere qualificati su due

livelli:

- possibilità che si possa verificare una valorizzazione delle

capacità incorporate meno “intensa” con riferimento alle attese;

- possibilità che l’esigenza di progettare e quindi realizzare una

trasformazione strutturale non venga o venga colta tardivamente

4. I rischi di primo livello sono, nella generalità dei casi, rischi di

carattere aleatorio connessi alla insufficiente capacità dell’impresa

a muoversi sul piano della complicazione. I rischi di secondo livello

sono, nella generalità dei casi, rischi di non conoscenza.

NOTE

5. Il sistema deve qualificarsi per una capacità a fronteggiare il rischio

di non conoscenza.

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________ LDR 16.

IL RISCHIO NEL CONTESTO DEL PROCESSO EVOLUTIVO

DEL SISTEMA IMPRESA (SEGUE)

6.In relazione alla maggiore o minore capacità dell’impresa a

muoversi sul piano della complicazione il “presidio” dovrà

fronteggiare anche una aliquota più o meno rilevante, del

rischio aleatorio.

7. La capacità di lettura del rischio insito nel progetto da parte del

decisore finanziario è connessa alla padronanza a muoversi sui

due livelli ricordati.

8. La lettura del rischio da parte del decisore finanziario, legata

alla capacità voluta del management a correttamente

prospettarla, non si esaurisce nella quantificazione del rischio di

NOTE

scostamenti dal risultato atteso in relazione al piano di sviluppo.

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Prof. Stefano Paneforte ______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

___

_______________________________________________________

_______________________________________________________

______

_______________________________________________________

_______________________________________________________

Copyright STUDIO PANEFORTE

Riservato alla circolazione interna per uso didattico

_______________________________________________________


PAGINE

25

PESO

138.23 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze economiche e gestionali
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e gestione delle imprese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Luspio o del prof Paneforte Stefano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia e gestione delle imprese

Rapporti intersistemici
Dispensa
Dinamica evolutiva
Dispensa
Impresa sistema vitale e complessità
Dispensa
Sistema finanziario
Dispensa