Che materia stai cercando?

Rimborso

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Tributario, tenute dal Prof. Alessandro Turchi nell'anno accademico 2011.
Il documento affronta i seguenti argomenti riguardo il rimborso:
- arbitrato in tema di IVA: Cass. n. 12146/09
- imposte sul reddito di persone fisiche e... Vedi di più

Esame di Diritto Tributario docente Prof. A. Turchi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Cass. civ. Sez. I, Sent., 26-05-2009, n. 12146 03/03/11 11:58

Per quanto precede, previa riunione, ai sensi del'art. 335 c.p.c., dei ricorsi

principale e incidentale, perchè proposti avverso la medesima sentenza, il

ricorso principale deve essere rigettato, con la condanna della ricorrente

alle spese del giudizio di cassazione, che, tenuto conto del valore della lite,

appare giusto liquidare in complessivi Euro 8.200,00 (ottomiladuecento), di

cui Euro 8.000,00 per onorario, oltre spese generali ed accessori di legge.

Il ricorso incidentale va dichiarato assorbito.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi; rigetta il ricorso principale; dichiara assorbito

l'incidentale condizionato; condanna la ricorrente principale alle spese del

giudizio di cassazione, liquidate in Euro 8.200,00 (ottomiladuecento) di cui

Euro 8.000,00 (ottomila) per onorario, oltre spese generali ed accessori di

legge.

Così deciso in Roma, il 29 aprile 2009.

Depositato in Cancelleria il 26 maggio 2009

Documento Risultati

Copyright 2008 Wolters Kluwer Italia Srl. All rights reserved. PRIVACY | LEGALE | CONTATTACI

http://bd46.leggiditalia.it/cgi-bin/FulShow?OPERA=46&KEY=46S…NOTXT=1&SSCKEY=06a23d2c5b6d0c910935643011b8c6b5-904&DS_POS=0 Pagina 6 di 6

Cass. civ. Sez. Unite, 16-06-2010, n. 14499 03/03/11 12:11

Help -

Pannello di controllo -

Cassazione Civile

Cartelle Personali Ricerche Effettuate Opere:

Ricerca » Cass. civ. Sez. Unite, 16 ... » Cass. civ. Sez. Unite, ...

Aggiungi alla cartella personale (Gestione Cartelle Personali)

Cassazione Civile Documento Risultati

Cass. civ. Sez. V, Sent., 15-12-

2010, n. 25318

Cass. civ. Sez. Unite, 16-06-

2010, n. 14499 IMPOSTA REDDITO PERSONE FISICHE E GIURIDICHE -

IMPOSTE E TASSE IN GENERE

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 23-

09-2010, n. 20077 Cass. civ. Sez. Unite, 16-06-2010, n. 14499

Cass. civ. Sez. I, Sent., 26-05-

2009, n. 12146 Fatto - Diritto P.Q.M.

» Pagina principale Svolgimento del processo - Motivi della decisione

» Sentenze rilevato che con atto di citazione notificato il 30/10/2003, l'avv. O.L. ha

Ricerche Multiple convenuto il Ministero dell'Economia e delle Finanze davanti al Tribunale di

» Ricerca su tutte le opere Napoli per sentirlo condannare al pagamento, per quanto ancora interessa

in questa sede, della somma indebitamente detrattagli dal credito IRPEF

» Ricerca per voci di classificazione per l'anno 1992, degli interessi non corrisposti o insufficientemente versati

su crediti d'imposta rimborsati in ritardo, del risarcimento dell'ulteriore

» Newsletter danno e della refusione dell'importo pagato per la prestazione di una

cauzione senza la quale non gli sarebbe stato effettuato il rimborso del

credito d'imposta per l'anno 1994;

CREDITS che il giudice adito ha, tuttavia, declinato la giurisdizione su tali domande;

che l' O. si è allora rivolto alla Corte di appello di Napoli sostenendo, per

quanto riguardava le richieste diverse da quella relativa all'indebita

detrazione, che l'Amministrazione aveva riconosciuto il suo debito,

radicando così la giurisdizione del giudice ordinario, cui la causa spettava

comunque in considerazione del profilo squisitamente civilistico della

domanda, tendente al risarcimento dei danni subiti per effetto dei ritardati

rimborsi;

che la Corte di appello ha però rigettato il gravame, rilevando da un lato

che l'azione proposta dal contribuente aveva riguardato delle somme

ancora in contestazione e, dall'altro, che la giurisdizione delle Commissioni

Tributarie si estendeva pure alla rivalutazione monetaria, oltre che agli

interessi ed alla sorte capitale;

che l' O. ha proposto "ricorso per regolamento di giurisdizione" avverso la

predetta sentenza, ribadendo quanto già esposto nell'atto di appello ed, a

suo giudizio, non valutato, se non di sfuggita, dal giudice a quo;

che il Ministero dell'Economia ha depositato controricorso con il quale ha

eccepito l'inammissibilità e, comunque, l'infondatezza dell'avverso ricorso;

che pur se intestato come "regolamento di giurisdizione" (che la parte non

avrebbe potuto proporre dopo la definizione di due gradi di merito), il

ricorso dell' O. può essere ugualmente apprezzato come impugnazione

ordinaria, in ordine alla quale osserva il Collegio che in base al principio di

concentrazione della tutela, le Commissioni Tributarie possono riconoscere

al contribuente non soltanto il rimborso delle imposte indebitamente

versate, ma pure gli accessori come gli interessi ovvero il maggior danno

http://bd46.leggiditalia.it/cgi-bin/FulShow?OPERA=46&KEY=46S…NOTXT=1&SSCKEY=06a23d2c5b6d0c910935643011b8c6b5-904&DS_POS=0 Pagina 1 di 2

Cass. civ. Sez. Unite, 16-06-2010, n. 14499 03/03/11 12:11

o l'importo eventualmente pagato per la prestazione di cauzioni non

dovute (C. Cass. 1992/4598, 1994/8277, 1996/11483, 1999/247,

2002/14274 e 2007/16871);

che in considerazione di quanto sopra nonchè del fatto che la pretesa fatta

valere dall' O. nel giudizio a quo non aveva mai formato oggetto di

riconoscimento da parte dell'Amministrazione (v., in tal senso, pure C.

Cass. 2008/30053), va dichiarata la giurisdizione del giudice tributario

sulle domande come sopra proposte dal ricorrente;

che il ricorso va di conseguenza respinto e le parti rimesse davanti alla

Commissione Tributaria Provinciale competente per territorio;

che le spese seguono la soccombenza e vanno liquidate in complessivi

2.700,00 Euro, 200,00 dei quali per esborsi, oltre le spese prenotate a

debito. P.Q.M.

La Corte, a Sezioni Unite, dichiara la giurisdizione del giudice tributario,

rigetta il ricorso, rimette le parti davanti alla Commissione Tributaria

Provinciale competente per territorio e condanna l' O. al pagamento delle

spese di lite, liquidate in complessivi 2.700,00 Euro, 200,00 dei quali per

esborsi, oltre le spese prenotate a debito.

Documento Risultati

Copyright 2008 Wolters Kluwer Italia Srl. All rights reserved. PRIVACY | LEGALE | CONTATTACI

http://bd46.leggiditalia.it/cgi-bin/FulShow?OPERA=46&KEY=46S…NOTXT=1&SSCKEY=06a23d2c5b6d0c910935643011b8c6b5-904&DS_POS=0 Pagina 2 di 2

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 23-09-2010, n. 20077 03/03/11 11:32

Help -

Pannello di controllo -

Cassazione Civile

Cartelle Personali Ricerche Effettuate Opere:

Ricerca » Cass. civ. Sez. Unite, 23 ... » Cass. civ. Sez. Unite, ...

Aggiungi alla cartella personale (Gestione Cartelle Personali)

Cassazione Civile Documento Risultati

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 23-

09-2010, n. 20077 IMPOSTE E TASSE IN GENERE - INDEBITO - RADIOCOMUNICAZIONI -

TRIBUTI LOCALI

» Pagina principale Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 23-09-2010, n. 20077

» Sentenze Fatto Diritto P.Q.M.

Ricerche Multiple

» Ricerca su tutte le opere

» Ricerca per voci di classificazione Svolgimento del processo

» Newsletter Il Giudice di pace di Reggio Calabria con sentenza del 26 gennaio 2007

rigettava l'opposizione proposta dall'Agenzia delle Entrate contro il decreto

19 gennaio 2005 del Presidente dei Tribunale che le aveva ingiunto il

CREDITS pagamento della somma di Euro 763,33 a titolo di rimborso di canone

radiotelevisivo indebitamente pagato, oltre accessori.

In accoglimento dell'impugnazione della Agenzia delle Entrate,il Tribunale

di Reggio Caloria, con sentenza del 29 giugno 2009 ha dichiarato il difetto

di giurisdizione dei giudice ordinario, nonchè la nullità del decreto

ingiuntivo osservando: a) che la giurisdizione sulla debenza del canone di

abbonamento radiotelevisivo spetta ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992,

art. 2, al giudice tributario; b) che la sola eccezione a tale regola ricorre

nell'ipotesi in cui l'ente impositore abbia riconosciuto la non debenza del

tributo: nel caso concreto non configurabile perchè l'Agenzia si era limitata

a richiedere l'inoltro di una formale istanza di rimborso con i documenti

giustificativi onde valutarne la fondatezza.

Per la cassazione della sentenza il G. ha proposto ricorso per 3 motivi.

L'Agenzia delle Entrate non ha spiegato difese.

Motivi della decisione

Con il primo motivo del ricorso il G., deducendo violazione del D.Lgs. n.

546 del 1992, artt. 2 e 19, censura la sentenza impugnata per aver

dichiarato il difetto di giurisdizione del giudice ordinario a favore delle

Commissioni tributarie senza considerare che nel caso la stessa Agenzia

aveva riconosciuto l'intero debito e chiesto l'invio della documentazione

necessaria per ottenere il rimborso; sicchè ricorreva proprio l'ipotesi in cui

secondo la giurisprudenza di legittimità la causa perdeva la natura

tributaria per rientrare nella categoria degli indebiti oggettivi di diritto

comune appartenenti alla giurisdizione ordinaria.

Con il terzo motivo,deducendo vizi di motivazione censura la sentenza

impugnata per aver ritenuto che l'Agenzia non avesse onerato alcun

riconoscimento del rimborso, senza considerare che con la lettera del 18

maggio 2002 aveva comunicato.

L'avvenuto annullamento dell'abbonamento ed indicato la procedura per

conseguire il rimborso della somma richiestà;dunque ampiamente

riconosciuta.

I motivi sono fondati.

La sentenza impugnata ed il ricorrente hanno ricordato i principi del rutto

http://bd46.leggiditalia.it/cgi-bin/FulShow?OPERA=46&KEY=46S…NOTXT=1&SSCKEY=06a23d2c5b6d0c910935643011b8c6b5-904&DS_POS=0 Pagina 1 di 2


PAGINE

10

PESO

251.42 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Tributario, tenute dal Prof. Alessandro Turchi nell'anno accademico 2011.
Il documento affronta i seguenti argomenti riguardo il rimborso:
- arbitrato in tema di IVA: Cass. n. 12146/09
- imposte sul reddito di persone fisiche e giuridiche: S.U. n. 14499/10
- indebito in tema di tributi locali: S.U. n. 20077/10


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Tributario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Modena e Reggio Emilia - Unimore o del prof Turchi Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto tributario

Riassunto esame Diritto Tributario, prof. Fregni, libro consigliato Diritto tributario, Tesauro
Appunto
Diritto tributario - redditi da lavoro autonomo e redditi da lavoro dipendente
Appunto
Avviso di accertamento
Dispensa
Processo tributario
Dispensa