Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Art. 61 C. prevede due tipi di ricorso:

OBBLIGATORIO FACOLTATIVO

Leggi organiche. Leggi ordinarie

Sono quelle fonti posti tra la . In origine i soggetti

Costituzione e le leggi ordinarie, approvati secondo un legittimati a proporre ricorso erano:

procedimento aggravato ai sensi dell’art. 46 C. Il Conseil 1. Presidente della Repubblica

Constitutionnel verifica se presentano vizi formali e 2. Primo Ministro

procedurali e vizi di contenuto (i limiti di competenza e il 3. Presidenti dei rami parlamentari

rispetto della Costituzione). Dato che le leggi sono approvati dalla

Il Primo Ministro ha l’obbligo di presentare la saisine (art. maggioranza, questi soggetti non hanno interesse

17.1 Ord. n. 58-1067). ad impugnarli, infatti vediamo che fino alla

Regolamenti parlamentari riforma del ‘74 solo 8 leggi erano state impugnate

e le (vedi.

successive modifiche sono i regolamenti dei due rami del http://www.conseil-constitutionnel.fr/conseil-constit

parlamento, nonché i regolamenti del Congresso, cioè il ).

parlamento in seduta comune, presieduto dal Presidente Con la revisione costituzionale 74/904 è stata

dell’Assemblea Nazionale. estesa anche a 60 deputati/senatori la possibilità di

Questo controllo è visto come una violazione del principio ricorrere nei confronti di una legge ordinaria. Da

dell’autonomia parlamentare. Trattandosi di disposizioni che allora il numero dei ricorsi è aumentato

interessano direttamente la procedura legislativa e i rapporti tra notevolmente (come si può vedere dalla tabella).

le assemblee e il Governo, per il Conseil, hanno natura

normativa (78-97 DC), imponendo al parlamento il rispetto dei

limiti costituzionali.

Il Presidente dell’Assemblea interessata ha obbligo di

trasmettere il testo al Conseil per il controllo (art. 17.2 Ord. n.

58-1067).

Il procedimento si attiva con La lettre de saisine trasmessa dai soggetti

legittimati al Conseil.

Con essa il decorso del termine per la promulgazione è sospeso.

Limite temporale.

Regolamenti parlamentari e loi organique: non vi è un termine entro il quale va trasmesso il ricorso, tuttavia

i soggetti obbligati (il Presidente della camera interessata e il Primo Ministro) hanno l’obbligo di correttezza di

non ritardare gli adempimenti senza giustificato motivo.

Leggi ordinarie: formalmente non vi è alcun termine, ma di fatto la promulgazione ha effetto di “ghigliottina”

sull’accesso al ricorso. Il ricorso presentato il giorno dopo la promulgazione da’ luogo al dispositivo di

incompetenza DC 97-392. Dato che la promulgazione deve aver luogo entro 15 giorni dalla delibera

parlamentare, ma non impedisce al Presidente della Repubblica di promulgare l’atto prima del termine, questo

significa che in realtà il termine è molto breve.

Caratteristiche della saisine.

Irretrattabilità del ricorso. E’ ammessa rinunzia solo per errore materiale, frode o vizio del consenso. DC 96-

386 è la vicenda di una legge finanziara in cui i ricorrenti-parlamentari cercarono di bloccare la questione di

costituzionalità revocando la sottoscrizione.

Irrilevanza dei motivi. Non solo perché i motivi sono facoltativi, ma le parti possono inserire nelle memorie

difensive le censure formulate nei confronti dell’atto e, in particolare, il Conseil può rilevare d’ufficio i vizi

della legge e dichiarare incostituzionali disposizioni diverse da quelle impugnate, cioè non v’è la regola della

corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato.

Nel ricorso di parlamentari deve essere presentata anche la lista delle firme dei ricorrenti.

Il Conseil deve decidere entro un mese o 8 giorni in caso d’urgenza su richiesta del Primo Ministro (solo

per le leggi organiche) nella lettre de saisine.

Il Sottosegretario Generale del Conseil Constitutionnel verifica il numero e l’autenticità

delle firme e comunica il deposito del ricorso a (art. 18.2 Ord. 58-1067):

1.Presidente della Repubblica;

2.Primo Ministro

3.Presidenti delle camere che provvedono a informare i parlamentari.

Se il Governo ha interesse a mantenere la legge, il Segretario Generale del Governo (SGG)

interverrà a difesa di essa

Il procedimento è stato creato dalla prassi con regole tutt’ora non codificate.

Il Presidente del Conseil nomina un Giudice Relatore che normalmente è uno,

con eccezione del caso 92-308 DC, in cui vennero nominati due relatori.

Il Giudice Relatore:

1.Esamina gli atti del ricorso;

2.Esamina la legge sottoposta a sindacato; Presenta le Ricorrenti hanno la facoltà di

3.Effettua le ricerche documentative; osservazioni replica, presentando memorie

4.Incontra il SGG e i ministeri interessati scritte aggiuntive/integrative

5.Redige una relazione una bozza di decisione.

Formano il dossier de séance pléniere da distribuire ai giudici entro 48 ore prima della decisione.

Le memorie presentate dai parlamentari sono irricevibili se provenienti da un singolo deputato firmatario della

saisine 2000-428 DC, questo perché sono riservati alla collettività di 60 deputati o senatori, come per il ricorso. C’è

stato un caso in cui il Conseil aveva ammesso l’intervento autonomo di un singolo deputato (99-419 DC), la cui

memoria venne menzionato nei visas della pronuncia.

Bloc de Constitutionalité è composto da una serie di documenti che formano i

parametri di giudizio della costituzionalità di un atto sottoposto a controllo. Esso è composto da:

• Costituzione del 1958.

• Fonti richiamate dal preambolo:

– Dichiarazione dei diritti del 1789;

– Preambolo della Costituzione del 1946 (sui “principi particolarmente necessari al nostro tempo”,

quali il diritto di sciopero, il diritto sindacale etc.);

– Carta dell’Ambiente del 2004;

• Principi fondamentali riconosciuti dalle leggi della Repubblica che il giudice costituzionale individua in:

1. Principi originatisi in regimi repubblicani precedenti al 1940 (le prime tre repubbliche, ad

esclusione dei regimi imperiali e di quello di Vichy);

2. Sono principi che non devono essere mai contraddetti;

3. Devono riguardare questioni di grande importanza, quali la libertà di associazione 71-44 DC, il

diritto di difesa 76-70 DC, la libertà d’insegnamento 77-87 DC, etc.

• Gli obiettivi di valore costituzionale definiti dalla giurisprudenza del Conseil:

1. Continuità del servizio pubblico;

2. Dignità della persona umana;

3. Pluralismo dei quotidiani di informazione, etc.

Per i primi decenni il Conseil si era basato solo sulla Costituzione i propri giudizi e questo fino alla decisione

molto importante del 16-07-71. L’estensione dei parametri di costituzionalità ha creato forti conflitti tra il

Conseil e il Governo. Nel 1993 di fronte alla dichiarazione di incostituzionalità di disposizioni della legge in

materia di immigrazione, la maggioranza governativa fece adottare le stesse disposizioni censurate sotto

forma di revisione costituzionale.


PAGINE

10

PESO

103.43 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Giustizia Costituzionale Comparata, tenute dalla Prof. ssa Vittoria Barsotti nell'anno accademico 2011.
Il documento analizza i seguenti aspetti del controllo preventivo di costituzionalità in Francia: ricorso in via principale, ricorso obbligatorio e facoltativo, lettre de saisine, bloc de constitutionalité, tipi di decisione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Giustizia Costituzionale Comparata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Barsotti Vittoria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Giustizia costituzionale comparata

Organizzazione giudiziaria inglese
Dispensa
Partiti tedeschi - Controlli interni
Dispensa
Portogallo - Quadro costituzionale
Dispensa
Francia - Questione prioritaria di costituzionalità
Dispensa