Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

IL CONTROLLO DELLA GESTIONE – ANALISI DEL BILANCIO

Î

il controllo di gestione strumento operativo che consente il controllo dei risultati

ottenuti e che si sviluppa, senza soluzioni di continuità, attraverso fasi di

informazione, scelta e controllo.

il controllo della gestione, strumento fondamentale per l’imprenditore o per il

consulente di gestione, consente di:

misurare la distanza tra i risultati e gli obiettivi dell'impresa

• migliorare la conoscenza al fine di precisare gli obiettivi dell'impresa

• individuare i problemi di scelta più rilevanti da affrontare

• conoscere le risorse disponibili e lo stato della tecnica all'interno dell'azienda

il controllo della gestione oggi deve tendere ad assumere un carattere permanente

perché:

- si opera in condizioni dinamiche e di conoscenza imperfetta

- crescente legame con l'ambiente esterno (mercato) che è sempre più "turbolento"

LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 1 di 22

ANALISI DI BILANCIO

TIPI DI ANALISI POSSIBILI IMPIEGHI ESEMPLIFICAZIONI

Analisi strutturale esame istantaneo - capitale circolante netto (CCN)

confronti temporali - margine di tesoreria (MS)

- margine di struttura (MT)

- indici di redditività

Analisi per indici esame retrospettivo - quozienti finanziari:

confronti nel tempo - indici di solvibilità

confronti nello spazio - indici di solidità

- indici di rinnovamento

- indici di efficienza

- flussi totali

Analisi per flussi esame retrospettivo - flussi di CCN

programmazione - flussi di cassa

definizione delle politiche

- flussi di tesoreria

finanziarie LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 2 di 22

lo strumento centrale per impostare il controllo della gestione è il bilancio di esercizio

la lettura del bilancio di esercizio

Ø

rappresenta una fotografia della situazione economico-finanziaria dell'impresa

Ø

l'interpretazione di questi prospetti è decisiva

per la definizione e il perseguimento degli obiettivi dell'impresa

LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 3 di 22

Come detto in precedenza, il bilancio di esercizio è formato da due prospetti finali:

Î

STATO PATRIMONIALE che mette in evidenza il capitale aziendale vale a

• dire la somma di tutti i beni materiali ed immateriali di pertinenza (non di

proprietà!) dell'azienda. Î

CONTO ECONOMICO è la rappresentazione dei ricavi e dei costi espliciti

• della gestione per gruppi omogenei nel quale dovrà essere evidenziata la:

Î

gestione caratteristica differenza tra ricavi tipici e costi tipici espliciti ==>

• intendendo per tipica l'attività specifica dell'impresa (es. impresa agricola ==> la

coltivazione o l'allevamento) Î

gestione extra-caratteristica e straordinaria attiene alla evidenziazione degli

• elementi non tipici ed alle attività o eventi straordinari (plusvalenze,

minusvalenze, ecc.) Î

gestione finanziaria relativa allo svolgimento delle attività finanziarie

• (interessi attivi ed oneri fiscali) LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 4 di 22

per poter procedere all'analisi del bilancio è necessario operare la

Ø

RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO

(operazione obbligatoria prevista dalla IV Direttiva CEE per le imprese di altri settori)

tale procedura permette di raggruppare e sommare le voci dei prospetti contabili

rispettando certe logiche di aggregazione

si adottano i seguenti schemi:

Î

CONTO ECONOMICO schema scalare a valore aggiunto

• Î

STATO PATRIMONIALE sezioni divise a liquidità crescente e provenienza

• delle fonti LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 5 di 22

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO

elenco di voci che parte dai ricavi e sottrae i costi secondo questa logica:

Î

RICAVI TOTALI esprimono il valore della produzione potenzialmente

• destinata alla vendita (simile al volume di affari o fatturato lordo delle imprese

industriali)

ricavi vendite e servizi, variazione delle scorte.

• Î Î

VALORE AGGIUNTO (RICAVI - costi variabili e spese generali)

• rappresenta un margine lordo che non tiene conto dei costi derivanti dall'uso della

struttura aziendale, della manodopera né di altri oneri e proventi legati alla

produzione di beni e prodotti agricoli

Î Î

PRODOTTO NETTO (VA - ammortamenti) è la ricchezza prodotta

• dall'azienda perché rappresenta la remunerazione di tutte le persone economiche

che hanno contribuito all'attività dell'impresa.

LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 6 di 22

Î

REDDITO OPERATIVO (PNA - costi-reddito espliciti e oneri previdenziali e

• Î

sociali) individua la capacità di remunerazione di tutti i fattori impiegati nella

produzione attraverso le attività tipiche (caratteristiche) dell'impresa.

Le attività tipiche sono quelle eseguite in modo continuativo per la produzione di

• Î

beni e servizi es. acquisto di fattori produttivi e loro trasformazione in prodotti

e vendita sul mercato, offerta di servizi.

Vi sono, infatti, dei costi e/o dei ricavi che non sono strettamente legati alla tipicità

dell'attività agricola: Î

gestione extra-caratteristica e straordinaria evidenziazione degli elementi

• non tipici ed alle attività o eventi straordinari (plusvalenze, minusvalenze, ecc.)

Î

gestione finanziaria relativa allo svolgimento delle attività finanziarie

• (interessi attivi ed oneri fiscali) LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 7 di 22

Î

REDDITO NETTO rappresenta il reddito dell'imprenditore concreto ed è

l'estrema sintesi della gestione economica data dal REDDITO OPERATIVO depurato

da questi fatti "anomali" di gestione.

La determinazione del R.OPERATIVO e del R.NETTO serve per evidenziare se il

reddito dell'impresa deriva esclusivamente dall'attività tipica o se vi sono stati altri

fattori che hanno inciso positivamente o negativamente.

Il CONTO ECONOMICO mette in evidenza il flusso di ricchezza generato, ma

assume una dimensione ben diversa, ad esempio, generare un R.NETTO di 100

avendo investito 1.000 o 10.000 per cui, è importante anche la misura e l'analisi dello

STATO PATRIMONIALE. LUC ING (10 ecoaz02 - Analisi di bilancio) - Data ultima stampa: 26/11/2009 10.23.00 - Pagina 8 di 22


PAGINE

11

PESO

59.36 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Economia ed estimo civile del Prof. Massimo Rovai, all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: il controllo di gestione e l'analisi di bilancio; la riclassificazione del bilancio; indici di redditività; ROI, return on investments e ROD, return on debts; quozienti finanziari.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria civile e ambientale
SSD:
Università: Pisa - Unipi
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia ed estimo civile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pisa - Unipi o del prof Rovai Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia ed estimo civile

Computo metrico estimativo
Dispensa
Stima dei danni e assicurazione
Dispensa
Mercato immobiliare e tipologie edilizie
Dispensa
Elementi di economia - Teoria dei costi
Dispensa