Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Introduzione

• Attraverso la diffusione globale della comunicazione wireless, avvenuta nel

primo decennio di questo secolo, mobilitazioni sociopolitiche spontanee hanno

utilizzato tale canale comunicativo per consolidare la propria indipendenza

rispetto ai governi e ai media tradizionali.

• L’utilizzo dei telefonini ha permesso di mutare, in senso favorevole o contrario,

degli avvenimenti sociopolitici di grande portata. Alcuni esempi:

– Il movimento People Power II, che ha portato alla caduta del presidente

Estrada nelle Filippine (2001);

– La mobilitazione cellulare che ha portato al potere il presidente coreano

Moo-Hyun (2002);

– La rivoluzione arancione in Ucraina (2005);

– Il movimento di Los Forajidos che ha spodestato il presidente Gutiérrez in

Ecuador (2005);

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 3

prassi Introduzione

– La rivolta thailandese contro la corruzione nel business delle

telecomunicazioni che ha spinto al golpe militare e che ha rimosso il

regime guidato dal primo ministro Shinawatra (2006);

– La resistenza contro la repressione poliziesca delle proteste popolari in

Nepal, che ha imposto libere elezioni e si è tradotta nella fine della

monarchia (2007);

– Le manifestazioni per la democrazia in Birmania, che hanno permesso di

dar vita ad un movimento di solidarietà internazionale, mettendo

sottopressione la dittature militare (2007).

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 4

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• L’ 11 marzo 2004, a Madrid, fu messo in atto il più grande attentato terroristico

2004

mai effettuato in Europa attraverso l’esplosione di quattro treni di pendolari e

l’uccisione di 199 persone.

• L’autore dell’attentato fu un gruppo islamico radicale composto principalmente

da marocchini ed associato ad Al Qaeda, che la sera stessa ne rivendicò la

responsabilità con un messaggio indirizzato alla sede londinese del giornale

online Al-Quds al-Arabi e che motivò tale gesto con la presenza spagnola nella

guerra in Iraq.

• Il tragico evento accadde tre giorni prima delle elezioni parlamentari spagnole,

spagnole

ove il principale tema della campagna elettorale fu proprio la decisione da parte

del governo conservatore di Aznar di partecipare al conflitto iraqueno, che, pur

essendo osteggiata dalla maggior parte dell’elettorato iberico, non negava al

partito del premier (il Partido Popular) di avere un netto vantaggio nei

sondaggi, tanto che, fino ad un mese prima del voto, esso aveva quattro punti

di margine sul principale competitor: il partito socialista.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 5

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Ancora prima che emergessero delle prove concrete, il governò affermò con

totale certezza che la responsabilità dell’attentato era da addossare al gruppo

terroristico basco dell’ETA, tanto che il primo ministro Aznar contattò

personalmente i direttori dei maggiori giornali spagnoli poche ore dopo la

tragedia, così da rafforzare la versione governativa e che il principale

quotidiano spagnolo, El Pais, pur essendo avverso alla linea politica del PP, il

giorno seguente uscì con il titolo in prima pagina: “Massacro dell’ETA a

Madrid”, cambiando quello previsto inizialmente: “Massacro terrorista a

Madrid”.

• Già il giorno seguente si fece sempre più evidente che il colpevole non era

l’ETA ma Al Qaeda, dato che la polizia spagnola trovò un furgone con i

detonatori e un nastro con versetti islamici; tuttavia il ministro degli Interni si

ostinò a ritenere responsabili dell’attentato i terroristi baschi.

• La motivazione di tale ostinazione fu il vantaggio (o lo svantaggio…) politico

del quale si sarebbe potuto servire il PP dalla vicenda: se infatti fosse stata

ritenuta davvero responsabile l’ETA, esso se ne sarebbe stato avvantaggiato,

data la politica di totale contrasto, effettuata nel corso della legislatura, nei

confronti del terrorismo basco; diverso invece il caso di un coinvolgimento da

parte di Al Qaeda, che avrebbe compromesso la vittoria dei conservatori a

La resistenza cellulare: comunicazione

causa del loro appoggio all’occupazione dell’Iraq.

wireless e le comunità insorgenti di pagina 6

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Il canale TVE1, che è controllato dall’esecutivo e che nei notiziari raccoglie il

TVE1

maggior numero di telespettatori, fu l’emblema della manipolazione governativa,

poiché fece il possibile per omettere o ritardare ogni informazione sulla

responsabilità da parte del terrorismo islamico, finché non fu ufficialmente

riconosciuta dal governo; questo comportamento provocò nella mente di milioni di

spagnoli un giudizio estremamente negativo nei confronti del partito di

maggioranza: una settimana dopo, infatti, il 65% di loro ritenne che le informazioni

sull’attentato erano state manipolate per ottenere un vantaggio politico.

• Un network che invece si contraddistinse per l’autonomia di giudizio rispetto al

panorama mediatico spagnolo, fu la radio privata SER che in grande anticipo

diffuse le informazioni provenienti dalla polizia indicanti il terrorismo islamico come

responsabile della strage; tuttavia, già il sabato mattina, una pluralità di soggetti

mediali, compresi Internet e i media stranieri, era penetrato in alcuni settori

dell’opinione pubblica iberica, che cercò di ribellarsi alle falsità del governo,

cercando dei canali di comunicazione alternativi per esprimere il proprio punto di

vista e lanciare un appello all’azione.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 7

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• La mattina di sabato 13 marzo, giorno precedente alle elezioni e cosiddetta “

giornata della riflessione”, un giovane politicamente indipendente decise di

inviare un SMS a dieci amici, con l’idea di protestare davanti alla sede

madrilena del Partido Popular. Eccone il contenuto: “Aznar la fa franca? La

chiamano giornata di riflessione ma Urdazi (il conduttore della TVE

manipolatore di notizie) lavora? Oggi, 13 M, h 18, sede PP, via Genova 13.

Niente partiti. In silenzio per la verità. Inoltralo!”.

• Il messaggio fece scatenare il meccanismo da lui sperato, poiché i suoi amici

lo girarono ad altri amici, che fecero lo stesso, tanto che il traffico di SMS in

Spagna crebbe del 30% rispetto a un sabato medio; inoltre, per trasmettere il

contenuto del messaggio ad un numero sempre maggiore di cittadini, si ricorse

anche alla posta elettronica.

• Alle 18 c’erano centinaia di persone (in modo particolare giovani) sedute in

strada davanti alla sede del PP a Madrid e la diffusione dei messaggi, uguali o

simili a quello sopra citato, fece sorgere manifestazioni spontanee in molte città

spagnole.

• Una particolare forma di protesta, scaturita anch’essa dalla diffusione di SMS,

fu quella di battere contemporaneamente pentole e padelle dalle finestre ad un

orario prefissato dalla rete di utenti.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 8

prassi


PAGINE

14

PESO

339.47 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Analisi dell'opinione pubblica del prof. Mauro Barisone. Trattasi della presentazione di Luca Pedrini dal titolo "La resistenza cellulare: comunicazione wireless e le comunità insorgenti di prassi", avente ad oggetto i casi di studio di Manuel Castells ed in particolare il ruolo dei telefoni cellulari e della tecnologia wireless nei movimenti di contestazione politica.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi dell'opinione pubblica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Barisone Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dell'opinione pubblica

Opinione pubblica - Lippmann
Dispensa
Comunicazione e potere - Castells
Dispensa
Democrazia in America - Toqueville
Dispensa
Opinione pubblica - Luhmann
Dispensa