Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Ancora prima che emergessero delle prove concrete, il governò affermò con

totale certezza che la responsabilità dell’attentato era da addossare al gruppo

terroristico basco dell’ETA, tanto che il primo ministro Aznar contattò

personalmente i direttori dei maggiori giornali spagnoli poche ore dopo la

tragedia, così da rafforzare la versione governativa e che il principale

quotidiano spagnolo, El Pais, pur essendo avverso alla linea politica del PP, il

giorno seguente uscì con il titolo in prima pagina: “Massacro dell’ETA a

Madrid”, cambiando quello previsto inizialmente: “Massacro terrorista a

Madrid”.

• Già il giorno seguente si fece sempre più evidente che il colpevole non era

l’ETA ma Al Qaeda, dato che la polizia spagnola trovò un furgone con i

detonatori e un nastro con versetti islamici; tuttavia il ministro degli Interni si

ostinò a ritenere responsabili dell’attentato i terroristi baschi.

• La motivazione di tale ostinazione fu il vantaggio (o lo svantaggio…) politico

del quale si sarebbe potuto servire il PP dalla vicenda: se infatti fosse stata

ritenuta davvero responsabile l’ETA, esso se ne sarebbe stato avvantaggiato,

data la politica di totale contrasto, effettuata nel corso della legislatura, nei

confronti del terrorismo basco; diverso invece il caso di un coinvolgimento da

parte di Al Qaeda, che avrebbe compromesso la vittoria dei conservatori a

La resistenza cellulare: comunicazione

causa del loro appoggio all’occupazione dell’Iraq.

wireless e le comunità insorgenti di pagina 6

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Il canale TVE1, che è controllato dall’esecutivo e che nei notiziari raccoglie il

TVE1

maggior numero di telespettatori, fu l’emblema della manipolazione governativa,

poiché fece il possibile per omettere o ritardare ogni informazione sulla

responsabilità da parte del terrorismo islamico, finché non fu ufficialmente

riconosciuta dal governo; questo comportamento provocò nella mente di milioni di

spagnoli un giudizio estremamente negativo nei confronti del partito di

maggioranza: una settimana dopo, infatti, il 65% di loro ritenne che le informazioni

sull’attentato erano state manipolate per ottenere un vantaggio politico.

• Un network che invece si contraddistinse per l’autonomia di giudizio rispetto al

panorama mediatico spagnolo, fu la radio privata SER che in grande anticipo

diffuse le informazioni provenienti dalla polizia indicanti il terrorismo islamico come

responsabile della strage; tuttavia, già il sabato mattina, una pluralità di soggetti

mediali, compresi Internet e i media stranieri, era penetrato in alcuni settori

dell’opinione pubblica iberica, che cercò di ribellarsi alle falsità del governo,

cercando dei canali di comunicazione alternativi per esprimere il proprio punto di

vista e lanciare un appello all’azione.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 7

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• La mattina di sabato 13 marzo, giorno precedente alle elezioni e cosiddetta “

giornata della riflessione”, un giovane politicamente indipendente decise di

inviare un SMS a dieci amici, con l’idea di protestare davanti alla sede

madrilena del Partido Popular. Eccone il contenuto: “Aznar la fa franca? La

chiamano giornata di riflessione ma Urdazi (il conduttore della TVE

manipolatore di notizie) lavora? Oggi, 13 M, h 18, sede PP, via Genova 13.

Niente partiti. In silenzio per la verità. Inoltralo!”.

• Il messaggio fece scatenare il meccanismo da lui sperato, poiché i suoi amici

lo girarono ad altri amici, che fecero lo stesso, tanto che il traffico di SMS in

Spagna crebbe del 30% rispetto a un sabato medio; inoltre, per trasmettere il

contenuto del messaggio ad un numero sempre maggiore di cittadini, si ricorse

anche alla posta elettronica.

• Alle 18 c’erano centinaia di persone (in modo particolare giovani) sedute in

strada davanti alla sede del PP a Madrid e la diffusione dei messaggi, uguali o

simili a quello sopra citato, fece sorgere manifestazioni spontanee in molte città

spagnole.

• Una particolare forma di protesta, scaturita anch’essa dalla diffusione di SMS,

fu quella di battere contemporaneamente pentole e padelle dalle finestre ad un

orario prefissato dalla rete di utenti.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 8

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Finalmente, alle 20.20 di sabato 13, ossia meno di dodici ore prima

dell’apertura dei seggi, il ministro degli Interni apparve in tv per annunciare

l’arresto della cellula islamica, pur continuando a ritenere valida la possibilità di

una cooperazione tra Al Qaeda e l’ETA; come previsto, tale ammissione si

rivelò estremamente negativa per le sorti elettorali del PP, poiché fu la prova

dell’esistenza di un piano del governo di mentire al Paese.

• Grazie alla forte affluenza (fu maggiore del 75%) che crebbe di 7 punti

percentuali rispetto alle precedenti elezioni del 2000, ma soprattutto a causa di

questo “auto-gol” comunicativo, il PP perse le elezioni, ottenendo solamente il

37,6% contro il 42,6% del suo principale avversario: il partito socialista.

• Pur essendo in maggioranza gli elettori che dichiararono l’ininfluenza degli

eventi terroristici (e comunicativi del governo…) sulle loro decisioni di voto (il

71%), una quota decisiva nell’esito elettorale (il 21,5%) dichiarò il contrario e,

tra questi ultimi, bisogna discernere tra coloro che sono ricorsi all’attivazione

(ovvero gli elettori che inizialmente erano intenzionati ad astenersi e che in

seguito hanno votato) e coloro i quali hanno scelto la conversione (ossia gli

elettori che inizialmente erano intenzionati ad esprimere il proprio voto per un

partito e che in seguito hanno mutato la propria opinione).

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 9

prassi Terrore, bugie e cellulari: Madrid, 11-14 marzo 2004

• Castells elenca in modo breve ma preciso gli avvenimenti che hanno portato al

processo di comunicazione alternativa:

– Le manifestazioni di piazza indette dal governo con l’appoggio delle altre

forze politiche la sera del venerdì 12, ove vi furono degli appelli spontanei

da parte dei dimostranti, che cominciarono a mettere in dubbio la versione

ufficiale offerta dal governo, tanto che molti di essi portarono striscioni

contro la guerra in Iraq;

– L’inizio della circolazione di SMS che, fin dal sabato mattina, tanti individui

indipendenti dai partiti inviarono ai loro contatti in rubrica, permettendo la

creazione di una rete istantanea di comunicazione e di mobilitazione via

cellulare;

– Il tentativo da parte del PP di controbattere a tale rete con una propria

catena di SMS dal contenuto evidentemente diverso (“ETA è responsabile

del massacro. Inoltralo!”) senza però ottenere il medesimo successo, a

causa del ridotto numero di utenti raggiunto, dato che la diffusione del

messaggio si limitò ai canali del partito.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 10

prassi Individualismo in rete e comunità insorgenti di prassi

• La comunicazione wireless ha assunto un ruolo chiave nell’autonomia

personale e culturale, diventando lo strumento privilegiato del cambiamento

politico, grazie alla costante diffusione di tale tecnologia su cui poggia la

pratica sociale della nostra società.

• Castells richiama i modelli culturali di base della società in rete globale:

– L’individualismo reticolare: è una cultura che ricostruisce le relazioni sociali

reticolare

sulla base di individui autodefiniti che ha l’obiettivo di interagire con gli altri

seguendo le proprie scelte, i propri valori e i propri interessi;

– Il comunalismo reticolare: è una cultura che crea delle comunità con

reticolare

un’identità propria ove gli individui possono trovare rifugio. Tali comunità

spesso si trasformano nel fortino dove i propri appartenenti possono

testimoniare la loro resistenza ad un ordine sociale in cui non si

riconoscono.

La resistenza cellulare: comunicazione

wireless e le comunità insorgenti di pagina 11

prassi


PAGINE

14

PESO

339.47 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Analisi dell'opinione pubblica del prof. Mauro Barisone. Trattasi della presentazione di Luca Pedrini dal titolo "La resistenza cellulare: comunicazione wireless e le comunità insorgenti di prassi", avente ad oggetto i casi di studio di Manuel Castells ed in particolare il ruolo dei telefoni cellulari e della tecnologia wireless nei movimenti di contestazione politica.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi dell'opinione pubblica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Barisone Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dell'opinione pubblica

Opinione pubblica - Lippmann
Dispensa
Comunicazione e potere - Castells
Dispensa
Democrazia in America - Toqueville
Dispensa
Opinione pubblica - Luhmann
Dispensa