Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

REGISTRO

SONORO

Registro Sonoro

Vista e udito quali territori dei media

- perfezione audiovisiva

- culto dell’evidenza

- soundscape

Registro Sonoro

• Ubiquità del suono (non è né parziale né

direzionale)

• «l’apparecchio musicale non offre più

soltanto l’ambiente sonoro, ma crea nuove

connessioni tra il corpo e la musica»

(E. Menduni)

Registro Sonoro

• Recupero della tradizione orale

Formule, sequenze brevi, andamento

ritmico, repertorio di frasi fatte, ripetizioni,

clichè, espressioni ricorrenti

Registro Sonoro

• Evocazione

Si tenta di evocare, suggestionare,

suggerire piuttosto che descrivere e

spiegare dettagliatamente ed

analiticamente

Registro Sonoro

• Scrittura – distanza dalla parola (pensiero,

logos, filosofia)

• Oralità secondaria, o di ritorno –

coinvolgimento con la parola (sonorità,

emozione, estroversione)

(W. J. Ong, Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, 1986)

Registro Sonoro

• Terza oralità

«la radio attuale è ritmo e flusso, vocale e sonoro,

una proposta di ritmizzazione della vita e di

intreccio tra sfera personale e sfera pubblica,

totalmente priva di immagini: qualcosa di

veramente simile ad un’oralità primaria, una

rivincita della primaria, una terza oralità che è

germogliata, per motivi ancora in parte da

decifrare, nella nostra società (…)»

(E. Menduni)

Registro Sonoro

«L’ascolto è centripeto: spinge dentro il mondo. La

vista è centrifuga: ti separa dal mondo. La vista

ci dà la possibilità di guardare fisso e

attentamente a una certa distanza, di stare da

parte rispetto al nostro ambiente; il suono al

contrario, ci avvolge riversandosi su di noi, sia

che lo vogliamo, sia che non lo vogliamo,

includendoci, inglobandoci»

(S.J. Douglas)

Registro Sonoro

«I suoni potranno aver perso la loro supremazia

sulle immagini nelle società occidentali, ma

aiutano ancora a costruire sia il senso del luogo

che quello del tempo in una persona: tutta

l’esperienza umana è contestualizzata in un

paesaggio sonoro ed I suoi confini uditivi

possono essere riconosciuti in termini temporali

(associando suoni differenti a diverse parti del

giorno), personali (associando suoni diversi a

persone diverse) e spaziali (associando suoni

diversi a spazi diversi» (R. Thorn)

Registro Sonoro

Musica soprattutto.

Il registro sonoro non si esaurisce nel

parlato, anzi, la musica e la sua miriade di

linguaggi rappresentano la specificità della

radio oggi.

Registro Sonoro

Contrapposizione tra

Musica Classica (colta)

e

Musica Leggera (popolare)

Rispecchia la contrapposizione tra

Cultura Alta e Cultura Bassa

Registro Sonoro

IL ROCK

(Es. Chuck Berry)

ritmo rullante che fa ballare

Registro Sonoro

Radio come

rock-medium

Registro Sonoro

La nuova musica trasforma anche il modo di

fare la radio, trasformando anche lo stile

del parlato:

- formale (informale);

- ufficioso (dialettale);

- scandito (ritmico)

- lento (veloce);

Registro Sonoro

La figura del DJ, né annunciatore, né

presentatore ma disc-jockey

Alterne vicende USA e Europa

IDENTITA’

DELLA RADIO

Identità della Radio

Proposta di D. Hendy di analizzare l’identità

della radio in base a 4 elementi chiave:

1. proprietà

2. produzione

3. distribuzione (broadcasting)

4. consumo

Identità della Radio

Una dimensione industriale

- disposizioni legislative

- servizi per la radio

- produzione

- broadcasting

Identità della Radio

• Servizio pubblico

• Emittenti private o commerciali

Identità della Radio

- Radio di Stato

- Radio underground

- Radio libera (micro broadcasters, radio

comunitaria)

- Radio di servizio pubblico

- Radio commerciale

Identità della Radio

• Quale è la dimensione specifica

della radio?

locale? nazionale? internazionale?

locale nazionale internazionale

Qui vi è una differenza tra ambito della

produzione e ambito della ricezione

Identità della Radio

La proprietà, e la produzione è sempre più

un fenomeno globale

«per la maggior parte degli ascoltatori, la

radio non è quasi mai un mezzo

internazionale ma piuttosto nazionale e

soprattutto locale»

Identità della Radio

deregulation,

commercializzazione,

pluralizzazione,

globalizzazione,

frammentazione delle audience,

affollamento attorno ai formati

Identità della Radio

IL MONDO DELLA PRODUZIONE

«l’ingente quantità di produzioni radiofoniche da

realizzare, ventiquattro ore al giorno per 365

giorni all’anno, crea una domanda di programmi

a cui, nel lungo periodo, si può far fronte soltanto

attraverso un modello di produzione seriale

onde evitare un uso non remunerativo del

tempo, delle risorse e delle energie mentali»

Identità della Radio

La figura del producer

tra creatività e prevedibilità

“tradurre le idee in suoni”

- produrre realtà

- produrre storie

- produrre attualità


PAGINE

56

PESO

94.15 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie della comunicazione (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di LINGUAGGI E FORMATI DELLA RADIOTELEVISIONE e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Buonanno Milly.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze e tecnologie della comunicazione (pomezia, roma)

Riassunto esame Sociologia, prof. indefinito, libro consigliato L'Opera d'Arte nell'Epoca della Sua Riproducibilità Tecnica, Benjamin
Appunto
Riassunto esame Scienza politica, prof. Cilento, libro consigliato Nuovo corso di Scienza politica, Pasquino
Appunto
Genere e Organizzazioni
Dispensa
Industria Culturale - Intellettuali
Dispensa