Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Origini delle radiazioni

Oltre che da nuclei radioattivi, le radiazioni ionizzanti sono

prodotte anche:

• Da transizioni dei livelli atomici (in questo caso

riguardano l’elemento)

• da particelle provenienti dal cosmo (raggi cosmici)

• da speciali apparecchiature (raggi X, fasci di ioni)

Le sostanze radioattive possono essere naturali o

artificiali

Le radiazioni ionizzanti

• Le radiazioni ionizzanti si presentano sia come

particelle materiali che come onde elettromagnetiche.

• Esse trasportano un’energia maggiore dell’energia

minima richiesta per produrre, interagendo con la

materia, fenomeni di ionizzazione nel mezzo

attraversato(in genere qualche decina di eV)

• Nel caso delle radiazioni elettromagnetiche, se questa

energia è inferiore, si parla di radiazioni non ionizzanti (è

il caso della luce, delle onde radio e delle microonde:

tutte quelle con lunghezza d’onda superiore a 8000 Å)

Processo di ionizzazione

• Ionizzare un atomo significa strappargli uno o

più elettroni in modo che l’atomo non è più

elettricamente neutro ma diventa carico

positivamente (ione). Il comportamento chimico

dello ione è diverso da quello di un atomo neutro

e questo altera il materiale (ad es. una cellula) di

cui lo ione fa parte.

• Ci sono modi diversi per ionizzare un atomo: in

tutti i casi si tratta di cedergli energia. Quello che

cambia è il modo in cui l’energia viene ceduta

Tipi di Radiazioni

Le radiazioni in grado di ionizzare un atomo sono

molte ma raggruppabili in tre categorie:

• Particelle con carica elettrica (elettroni, protoni,

ioni in genere)

• Particelle senza carica elettrica (neutroni)

• Radiazione elettromagnetica (raggi X, raggi

gamma) Radiazioni a

• Natura: particelle costituite da nuclei di elio (2 neutroni e 2 protoni)

che hanno una doppia carica positiva.

• Sorgente: nuclei radioattivi.

• Energia: generalmente superiore a 4 MeV.

• Velocità: 15-20 mila km/s.

• Potere penetrante: debolissimo (100 volte meno dei raggi beta), 2-

8 cm di aria, non oltre 0,05 mm di alluminio, non oltre lo strato

basale dell'epidermide, non oltre un foglio di carta. Una particella

alfa di 3 MeV percorre nell'aria ca. 2,8 cm. Occorre un'energia molto

elevata (7,5 MeV) perché possano penetrare entro la pelle.

• Potere ionizzante: molto elevato (mille volte maggiore dei beta).

Una particella alfa di 3 MeV produce nell'aria 4000 coppie di

ioni/mm.

• Pericolosità: le particelle alfa sono dannose solo se emesse entro il

corpo umano. In tal caso possono creare gravi danni per la grande

forza di ionizzazione posseduta.


PAGINE

13

PESO

206.30 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in fisica
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Misure nucleari e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Roca Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Misure nucleari

Radioattività naturale - Radon
Dispensa
Radon - Misura della concentrazione nell'aria
Dispensa
Rivelatore di particelle
Dispensa
Radioattività naturale nelle abitazioni - Indagine in Campania
Dispensa