Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il condizionamento classico

Un esempio di condizionamento: chemioterapia e cibo

SI iniezione di sostanze tossiche (chemioterapia)

RI nausea, vomito

SN ?

 Il condizionamento classico

Un esempio di condizionamento: chemioterapia e cibo

SI iniezione di sostanze tossiche (chemioterapia)

RI nausea, vomito

SN cibo (es: gelato prima della seduta chemio)

SN associato a SI diventa SC, e produce RC

Il condizionamento classico

Condizionamento ed emozioni: la paura condizionata

SI uno stimolo avversivo (es: una scossa)

RI reazioni di paura (aumento pressione del sangue, freezing,

acquattarsi)

SN un suono

 Il condizionamento classico

Il condizionamento classico sembra essere alla base di molti

disturbi d’ansia quali le fobie, gli attacchi di panico e il disturbo

post-traumatico da stress.

Vi viene in mente come questo possa accadere facendo qualche

esempio? Il piccolo Albert

Il condizionamento classico

Condizionamento di secondo livello

Può uno SC condizionare uno SN?

Cosa vuol dire? Esempi?

Cosa è importante affinché SC mantenga lo status di SC e possa

dunque condizionare uno SN?

Ovvero: come si evita l’estinzione?

Continuare ad abbinarlo a SI, per non far estinguere

l’apprendimento originario!

Il condizionamento classico

Condizionamento di secondo livello

L’esistenza del condizionamento di secondo livello aumenta

considerevolmente la sfera del condizionamento classico,

specialmente per gli esseri umani, per i quali SI biologicamente

rilevanti sono relativamente infrequenti.

Esempi con la chemioterapia ed il cibo?

Il condizionamento classico

Generalizzazione e discriminazione

Generalizzazione: quanto più uno stimolo è simile allo SC, tanto

più sarà in grado di evocare la RC

50

salivazione 40

30

di 20

Quantità 10

0 700 800 900 1000 1100 1200 1300

Frequenza del tono in H z

Il condizionamento classico

Generalizzazione e discriminazione

Come si può quindi ottenere una discriminazione condizionata?

Il condizionamento classico

Generalizzazione e discriminazione

Discriminazione condizionata: apprendimento ad avere reazioni

diversa a stimoli diversi, attraverso rinforzi selettivi R a SC1

50

salivazione R a SC2

40

30

di 20

Quantità 10

0

1&2 3&4 5&6 7&8 9&10

Prova

Il condizionamento classico

Abbiamo visto che uno SC è capace di aumentare frequenza o

ampiezza di un dato comportamento (condizionamento

eccitatorio).

Può uno SC essere in grado di ridurre frequenza o ampiezza di un

dato comportamento? Come?

Il condizionamento classico

Condizionamento inibitorio

Es1: l’estinzione! (lo abbiamo già visto)

Es2: ????

https://pantherfile.uwm.edu/johnchay/PL06/CC/CC.html

Es2: prove con SC1 + SI e prove con SC1 + SN2 senza SI!!!

 SN2 diventa uno SC (SC2) inibitorio per la RC a SC1

Esempio concreto: un suono (SC1) predice una scarica elettrica (SI).

Se si presenta uno SN come una luce insieme allo SC1 ma senza lo

SI, la luce diventerà uno SC (SC2) che predirà la NON comparsa

della scarica elettrica. In altre parole la luce ridurrà la RC al suono.

Il condizionamento classico

Contiguità temporale

Il condizionamento classico

Fattori cognitivi nel condizionamento classico

Davvero il condizionamento classico è frutto di una mera

associazione tra 2 stimoli?

Pavlov (e successivamente anche i comportamentisti) ritenevano

che il fattore critico fosse la contiguità temporale tra SC e SI

Esiste un ruolo della prevedibilità di SI, dato SC?

Esperimento di Rescorla (1967)

 Il condizionamento classico

Fattori cognitivi nel condizionamento classico

Esperimento di Rescorla (1967)

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

Prova SC+SI = 4

SC è predittivo di SI 

Suono (SC) Solo SC = 4

G Solo SI = 0

Scossa (SI) si sviluppa una risposta condizionata alllo SC!

r

u

p Niente = 8

p

o

A . SC+SI = 4

SC non è per nulla predittivo di SI 

Suono (SC) Solo SC = 4

Scossa (SI) Solo SI = 4

G NON si sviluppa una risposta condizionata alllo SC!

r

u Niente = 4

p

p

o

B Il condizionamento classico

Fattori cognitivi: prevedibilità ed emotività

SC fa prevedere dell’arrivo di SI doloroso

Assenza di SC fa prevedere il non arrivo di SI doloroso

SC quindi indicherà “pericolo” e assenza di SC indicherà

“sicurezza”

Se il ratto ha un segnale che gli permette di prevedere l’arrivo di

una scarica elettrica, avrà una reazione di paura solo in presenza

del segnale (SC); al contrario, se essi non possiedono un segnale

di previsione sicuro, saranno continuamente in ansia e potranno

persino sviluppare l’ulcera!

Il condizionamento classico

Fattori cognitivi: prevedibilità ed emotività

Alla luce di questo, secondo voi, il dottore dovrebbe

dire al bambino a cui sta facendo una iniezione, che gli farà un po’

male? Oppure dovrebbe dire che non fa male?

Quali conseguenze potrebbero avere questi due comportamenti?

Il condizionamento classico

La prospettiva biologica

E’ proprio vero, come prospettavano i comportamentisti, che

qualunque SN può diventare uno SC?

O alcuni SN hanno più probabilità di essere associati a

determinati SI e quindi produrre una RC, mentre altri hanno meno

probabilità? Il condizionamento classico

La prospettiva biologica: vincoli nel condizionamento classico

Gruppo SN SI Test (SC?) Risultato

avvelenamento Stesso sapore,

assenza di Non beve

Gruppo A luce + click

Sapore dolce; RI:

Cloruro di litio 

malessere

luce + click Nessun sapore,

presenza di

Gruppo B Beve

luce + click

Si può concludere che il sapore è, in generale, uno SC più potente di luce +

click? Il condizionamento classico

La prospettiva biologica: vincoli nel condizionamento classico

Gruppo scossa SC SI Test Risultato

elettrica Stesso sapore,

assenza di Beve

Gruppo C luce + click

Sapore dolce; RI:

Scossa elettrica 

paura

luce + click Nessun sapore,

presenza di

Gruppo D Non beve

luce + click

Il sapore è un segnale migliore per il malessere e la nausea, luce e click sono un segnale

migliore pe runa scossa elettrica! (contrariamente all’idea originaria dei

comportamentisti, non tutti gli stimoli possono essere dei validi SC) Perchè?

Il condizionamento classico

La prospettiva biologica: vincoli nel condizionamento classico

Validità della prospettiva etologica (biologica)!

Normalmente il malessere (interno) si associa a qualcosa che

abbiamo mangiato o bevuto, mentre un dolore proveniente

dall’esterno si associa ad uno stimolo visivo o uditivo!

In altre specie le cose funzionano diversamente. Ad es, gli uccelli

selezionano il cibo sulla base dell’aspetto, non del sapore, ed

imparano rapidamente ad associare la luce, non un sapore, con il

malessere!

Quindi gli SC appropriati per certe risposte sono specie-specifici!

Applicazioni del condizionamento classico

• I sintomi di astinenza dei tossicodipendenti sono più forti quanto trovano

indizi (es: luoghi o persone) precedentemente associate all’assunzione della

sostanza e allo “sballo”

• Il condizionamento funziona persino sulla risposta immunitaria (es: il gusto

di farmaci che alterano la risposta immunitaria può diventare uno SC per la

setssa variazione della risposta immunitaria!)

• Terapia dell’esposizione (per generare l’estinzione) come soluzione

all’evitamento (es: chi ha la fobia dell’ascensore dovrebbe entrare in un

ascensore per 100 volte al giorno!)

• Una singola esposizione, se lo stimolo è particolarmente intenso, è

sufficiente per creare un apprendimento condizionato ansia e fobie

condizionate possono instaurarsi anche in seguito ad una singola associazione

tra SN e SI Domande

Che differenza c’è tra il condizionamento classico e la

sensibilizzazione?

Es: vedo che il cambiamento di luce fa ritrarre una lumaca velocemente

Come può essere prodotto questo comportamento con la

sensibilizazione? E con il condizionamento classico?

Il condizionamento operante

E se volessimo far apprendere nuove risposte?

Nel condizionamento operante si apprendono nuove risposte

perché operano sull’ambiente, cioè lo influenzano.

La probabilità di ripetere un determinato comportamento

dipenderà dalle conseguenze (positive o negative) di tale

comportamento.

Esempi?

http://www.youtube.com/watch?v=BDujDOLre-8

Il condizionamento operante (o strumentale)

La legge dell’effetto La puzzle box di Thorndike

Si può parlare di intelligenza del gatto nel risolvere la puzzle box?

NO! La legge dell’effetto seleziona da un insieme di risposte a caso solo quelle

che provocano risposte positive (similmente al adattamento!)

Il condizionamento operante

Skinner

Ha portato i maggiori contributi alla conoscenza dei meccanismi del

condizionamento operante (e non solo!)

La Skinner box: una versione semplificata della puzzle box di Thorndike.

Skinner misura la frequenza di risposta, non più la latenza di risposta

Skinner box

Il condizionamento operante

Rinforzo: contingenza che risulta quando la conseguenza di un comportamento

provoca l’aumento della probabilità di emissione di quello stesso comportamento

Punizione: contingenza che risulta quando la conseguenza di un comportamento

provoca la diminuzione della probabilità di emissione di quello stesso

comportamento Il condizionamento operante

Un rinforzo particolare:

la stimolazione elettrica

del cervello (aree della

ricompensa) Il condizionamento operante

Tipi di contingenze

Appetitivo Avversivo

Aumenta la frequenza Diminuisce la frequenza

del comportamento. del comportamento.

Positivo (l’evento Rinforzo positivo Punizione

si verifica) Diminuisce la frequenza Aumenta la frequenza

del comportamento. del comportamento.

Negativo (l’evento Addestramento Rinforzo negativo

non si verifica) all’omissione ESEMPI?

Il condizionamento operante

Un bambino molto piccolo piange ed ha scatti d’ira molto spesso, specialmente

al momento di andare a letto. I genitori sono costretti a passare molto tempo a

consolarlo.

Possibili interventi/soluzioni?

Quanto conta il fattore temporale nel somministrare un rinforzo o una punizione

(specie con i bambini piccoli o con gli animali)?

Esempi? Il condizionamento operante

Caratteristiche del condizionamento avversivo (= la punizione “funziona”?)

Effetti meno prevedibili della punizione rispetto alla ricompensa.

Infatti la punizione non fornisce indicazioni su risposte alternative, il soggetto

punito potrebbe si far cessare un comportamento non voluto, ma metterne in atto

altri altrettanto inappropriati.

Inoltre, grazie al condizionamento classico, il soggetto punito assocerà la persona

che punisce o la situazione/luogo in cui è stato punito ad emozioni negative.

Infine, una punizione drastica può scatenare condotte aggressive.

Il segreto non è quello di non usare mai le punizioni, ma di alternarle a rinforzi

positivi! Il condizionamento operante

Fuga o evitamento: cosa sono?

Esempi?

Evitamento: apprendimento classico + operante! I pericoli dell’evitamento

Il condizionamento operante

Il modellamento (shaping):

Rinforzare quei comportamenti che vanno nella direzione desiderata dallo

sperimentatore, per ottenere (condizionare), alla fine, un comportamento

complesso. Es: come insegnare ad un cane a prendere e portare le ciabatte?

Shaping

Piccioni ping pong

Simulazione Shaping di Psytrek

Il condizionamento operante

Rinforzi secondari

Premessa: i rinforzi “primari” non sono comunissimi nella nostra vita. Inoltre,

affinché un rinforzo primario funzioni, noi dobbiamo essere motivati a

desiderare quel rinforzo. I ratti e i piccioni usati negli esperimenti erano

deprivati da cibo, è raro che noi oggi ci si trovi in situazioni di deprivazione da

cibo!

1) Qualunque stimolo può diventare un rinforzo secondario, se è

costantemente abbinato ad un rinforzo primario (via Condizionamento

Classico)

2) Qualunque comportamento diventi ad alta frequenza a causa di

condizionamento operante, sarà in grado di agire da rinforzo verso altri

comportamenti (legge di Premack). Questo principio in realtà annulla la

differenza tra rinforzi primari e secondari.

Esempi di rinforzi secondari?


PAGINE

74

PESO

2.18 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Nelle slide viene descritto in termini generali il concetto di apprendimento. Vengono discussi l'apprendimento associativo e l'apprendimento non associativo, il condizionamento classico e quello operante, fino all'apprendimento complesso. Sono proposte anche alcune domande riepilogative alla fine di ogni argomento.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze psicologiche cognitive e psicobiologiche
SSD:
Università: Padova - Unipd
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Padova - Unipd o del prof Campana Giuliano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia generale

Psicologia Generale - Risposte alle possibili domande esame - Tagliabue - Campana
Appunto
Neuropsicologia Mapelli: metodi, movimento e disturbi motori, attenzione e disturbi dell'attenzione, emozioni, linguaggio e disturbi del linguaggio, percezione e disturbi percettivi, memoria e disturbi memoria, funzioni esecutive e disturbi delle funzioni
Appunto
Video pazienti
Dispensa
ROT: riorientamento alla realtà. Un approccio di  riabilitazione neuropsicologica - Tesi
Tesi