Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

As blood passes through healthy kidneys, they filter the waste

products out and leave in the things the body needs, like proteins.

Most proteins are too big to pass through the kidneys' filters into

the urine, unless the kidneys are damaged. The two proteins that

are most likely to appear in urine are albumin and globulin.

Albumin is smaller and therefore more likely to escape through

the filters of the kidney, called glomeruli. Albumin's function in

the body includes retention of fluid in the blood. It acts like a

sponge, soaking up fluid from body tissues.

Inflammation in the glomeruli is called glomerulonephritis, or simply

nephritis. Many diseases can cause this inflammation, which leads to

proteinuria. Additional processes that can damage the glomeruli and

cause proteinuria include diabetes, hypertension, and other forms of

kidney diseases.

Research shows that the level and type of proteinuria (whether the

urinary proteins are only albumin or include other proteins) strongly

determine the extent of damage and whether you are at risk for

developing progressive kidney failure.

Proteinuria has also been shown to be associated with cardiovascular disease.

Damaged blood vessels may lead to heart failure or stroke as well as kidney

failure. If your doctor finds that you have proteinuria, you will want to do what

you can to protect your health and prevent any of these diseases from developing.

Several health organizations recommend that some people be regularly checked

for proteinuria so that kidney disease can be detected and treated before it

progresses. A 1996 study sponsored by the National Institutes of Health

determined that proteinuria is the best predictor of progressive kidney failure in

people with type 2 diabetes. The American Diabetes Association recommends

regular urine testing for proteinuria for people with type 1 or type 2 diabetes. The

National Kidney Foundation recommends that routine checkups include testing

for excess protein in the urine, especially for people in high-risk groups.

Points To Remember

•Proteinuria is a condition in which urine contains an abnormal amount of protein.

•Proteinuria may be a sign that your kidneys are damaged and that you are at risk

for end-stage renal disease.

•Several health organizations recommend that people be regularly checked for

proteinuria so that kidney disease can be detected and treated before it progresses.

Points To Remember

•Groups at risk for proteinuria and kidney failure include African Americans,

American Indians, Hispanic Americans, Pacific Islander Americans, people who

are older or overweight, and people who have a family history of kidney disease.

•You may have proteinuria without noticing any signs or symptoms. Testing is the

only way to find out how much protein you have in your urine.

•If you have diabetes or hypertension, or both, the first goal of treatment will be to

control your blood sugar or blood pressure.

Proteinuria in Adults: A Diagnostic Approach

MICHAEL F. CARROLL, M.D., and JONATHAN L. TEMTE, M.D., PH.D.

University of Wisconsin-Madison Medical School,

Madison, Wisconsin

Le prossime diapositive sono tratte dal sito. L’intero

articolo è coperto da copyright. Download gratuito

http://www.aafp.org/afp/20000915/1333.html

Proteinuria on initial dipstick urinalysis testing is found in as

much as 17 percent of selected populations. Although a wide

1

variety of conditions, ranging from benign to lethal, can cause

proteinuria, fewer than 2 percent of patients whose urine

dipstick test is positive for protein have serious and treatable

urinary tract disorders. A knowledgeable approach to this

2

common condition is required because the diagnosis has

important ramifications for health, insurance eligibility and

job qualifications.

http://www.aafp.org/afp/20000915/1333.html

Twenty-four hundred years ago, Hippocrates noted the

association between "bubbles on the surface of the urine" and

kidney disease. Today, proteinuria is defined as urinary

3,4

protein excretion of greater than 150 mg per day. Urinary

protein excretion in healthy persons varies considerably and

may reach proteinuric levels under several circumstances.

Most dipstick tests (e.g., Albustin, Multistix) that are positive

for protein are a result of benign proteinuria, which has no

associated morbidity or mortality (Table 1).

http://www.aafp.org/afp/20000915/1333.html

Twenty-four hundred years ago, Hippocrates noted the

association between "bubbles on the surface of the urine" and

kidney disease. Today, proteinuria is defined as urinary

3,4

protein excretion of greater than 150 mg per day. Urinary

protein excretion in healthy persons varies considerably and

may reach proteinuric levels under several circumstances.

Most dipstick tests (e.g., Albustin, Multistix) that are positive

for protein are a result of benign proteinuria, which has no

associated morbidity or mortality (Table 1).

http://www.aafp.org/afp/20000915/1333.html

TABLE 1

Common Causes of Benign Proteinuria

Dehydration

Emotional stress

Fever

Heat injury

Inflammatory process

Intense activity

Most acute illnesses

Orthostatic (postural) disorder

http://www.aafp.org/afp/20000915/1333.html

Transito di proteine nel glomerulo

Nel soggetto adulto una quantità elevata di proteine

viene ogni giorno in contatto con i capillari

glomerulari. Se:

filtrato glomerulare = 120 mL/min (180 L/24 h)

proteine plasmatiche = 80 g/L (14.000 g/24 h ca)

albumina plasmatica = 45 g/L ( 8.000 g/24 h ca)

L’integrità anatomofunzionale dei capillari

glomerulari impedisce il passaggio di gran parte

della componente proteica del plasma

Strutture anatomiche del capillare

glomerulare

• strato endoteliale

• membrana basale con funzione di filtro, le cui

caratteristiche sono legate alle sue caratteristiche

fisiche e alla presenza di cariche negative, che

respingono le molecole anioniche

• strato epiteliale podocitario

Passaggio di proteine attraverso la

barriera glomerulare normale

• La quantità “normale” nell’uomo è in discussione

• Nell’ultrafiltrato glomerulare passerebbero da 180

mg a 2 g die di albumina e alcune decine di grammi

di microglobuline, proteine a basso pm.

Ne sono state identificate una cinquantina:

citocromo C, alfa1 proteina acida, Beta2

microglobulina, catene leggere, peptidi (tra i quali

alcuni ormoni- PTH, insulina-)

Destino delle proteine filtrate dal

glomerulo:

• alcuni peptidi sono idrolizzati dal brush border

delle cellule tubulari;

• albumina, altri peptidi, catene leggere, e

numerose microproteine sono in gran parte

riassorbite e catabolizzate nelle cellule tubulari;

• altre proteine sono prodotte dalle cellule tubulari

e riversate nelle urine: mucoproteina di Tamm-

Horsfall (funzione?), urochinasi, IgA

nelle urine dell’uomo sano: proteine < 150-170

mg/24 h

Proteinuria fisiologica:

In 150 mg/die (limite sup.di normalità)* si

ritrovano (valori orientativi, approssimati):

• albumina 16 mg

• immunoglobuline 10 mg

• mucoproteine 70 mg

• mucopolisaccaridi 16 mg

• altre componenti plasmatiche in tracce (proteine,

catene leggere policlonali, enzimi, ormoni)

Come si studiano le proteinurie I

• Le cartine (dipstick) “vedono” essenzialmente l’albumina

e possono non evidenziare proteine a basso pm

(proteinurie tubulari), le catene leggere, o proteine ad alto

pm (es gamma globuline)

• Mettono in evidenza solo proteinurie (essenzialmente

albumina) > 200- 300 mg/L

• Il valore di lettura è espresso in maniera

semiquantitativa:

traccia (+) circa 30 mg/dL

++ circa 100 mg/dL

+++ circa 300 mg/dL

++++ circa 2000 mg/dL

Come si studiano le proteinurie II

con le “cartine” (dipstick), su urine del mattino per

evitare la proteinuria ortostatica e falsi negativi da

elevata diluizione

se vi è una modesta positività con dati clinici e

laboratoristici normali: ripetere il controllo, con

anche rapporto proteinuria/creatininuria (vn<0,10)

in caso di positività netta, o ripetuta, o aumento dei

valori pressori o della creatininemia:dosaggio su

urine di 24 ore con metodo quantitativo

l’assenza di proteinuria patologica non permette di

escludere un danno renale anche rilevante

Come si studiano le proteinurie II bis

Il rapporto proteinuria/creatininuria

- si valuta sulle urine spot del mattino (seconde urine del

mattino, mitto intermedio);

- a differenza del dosaggio della proteinuria 24 h la sua

valutazione non richiede una raccolta temporizzata di

urine.

- Il rapporto proteinuria/creatininuria è un valido indicatore

della escrezione urinaria di proteine nelle 24 h (evita gli

errori preanalitici e i disagi legati alla raccolta temporizzata

).

-In ampie casistiche è stato dimostrato che correla meglio

del dato della proteinuria 24h con i dati di funzionalità

renale e con il rischio di progressione della nefropatia

Come si studiano le proteinurie III

Scegliere il giorno adatto. Valutare se eseguire altri esami

contemporaneamente. Ad esempio:

a) raccolta delle urine di 24 ore: eliminare le prime urine del

mattino, e segnare l’ora. Raccogliere tutte le urine emesse

successivamente. Finire la raccolta urinando esattamente

alla stessa ora dell’inizio.

b) Nella giornata bere 1,5-2 litri d’acqua. Evitare sforzi.

Proseguire con la solita alimentazione e la solita terapia,

ma evitare farmaci occasionali (es antireumatici e

antidolorifici); conservare le urine al fresco

b) esame su urine a caso - dopo accurata toeletta dei genitali,

urinare e gettare via il primo getto. Raccogliere l’urina

successiva in un vasetto sterile. Dato quantitativo e

determinazione del rapporto proteine/creatinina (vn <

0,10-0,20)

Definizioni:

• albuminuria fisiologica: sino a 20 microgrammi/min (30 mg/die)

• microalbuminuria: > 20 - 200 microgrammi min (30 - 300 mg/die) Non è

• letta dalle “cartine” e dai comuni metodi di laboratorio

E’ rilevata da metodi ad hoc immunologici

(turbidimetrici, nefelometrici, radioimmunologici)

macroalbuminuria > 300 mg/24 ore

• Proteinurie: classificazione generale

1) proteinuria fisiologica

2) proteinurie patologiche:

• glomerulari (alterazione della barriera glomerulare:

selettive e non selettive)

• tubulari (insufficiente riassorbimento di microproteine

fisiologicamente presenti nel plasma e liberamente filtrate

dal glomerulo)

• da iperafflusso (superamento della capacità massima

tubulare di riassorbire proteine liberamente filtrate in

quantità abnorme: es. catene leggere, Hb etc)

• miste Proteinurie glomerulari:

Caratterizzate da albumina in quantità prevalente,

come nel siero, traducono alterazioni della

permeabilità glomerulare (200mg - >30 g/24ore)

Possono essere essenzialmente costituite da

albumina e transferrina (proteinuria selettiva) o da

albumina (che resta prevalente) e proteine a

maggiori dimensioni (proteinuria non selettiva)

Indice di Cameron:clearances IgG/albumina

(selettiva: <0,20; non selettiva: >0,20

Indice di Mc Lean: clearances alfa2 macroglobulina

/ transferrina (selettiva: <0,01; non selettiva >0,001)

Proteinurie tubulari:

• Dovute a insufficiente riassorbimento tubulare di

piccole proteine fisiologicamente presenti nel plasma e

liberamente filtrate dal glomerulo (raramente

superano i 2 g/24 ore);

• L’albumina è presente solo in piccole quantità Sono

costituite da proteine a basso PM ( tra 1500 e 40.000):

beta 2 microglobulina, alfa 2 microglobulina, lisozima

etc);

• In assenza di IRC sono segno di danno tubulare (es

da antibiotici; metalli pesanti:Pb, Hg, Au; da

tubulopatie congenite, da nefriti interstiziali, da

rigetto nel rene trapiantato).

Proteinurie da iperafflusso:

Dovute al superamento della capacità

massima tubulare (Tm) di riassorbire

proteine liberamente filtrate in quantità

abnorme per una loro eccessiva produzione

e/o liberazione: es. catene leggere (proteinuria

di Bence-Jones), emoglobina, mioglobina,

lisozima (leucemia mieloide).


PAGINE

54

PESO

427.38 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento al corso di Nefrologia, tentuto dalla Prof. Giuseppe Piccoli, nell'anno accademico 2012.
Il documento è dedicato alla proteinuria.
Tra gli argomenti affrontati: generalità , classificazione e diagnosi della proteinuria, proteinuria ortostatica, immunofissazione, casi clinici.


DETTAGLI
Esame: Nefrologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - 6 anni) (ORBASSANO - TORINO)
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Nefrologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Piccoli Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Nefrologia

Funzione renale
Dispensa
Rapporto medico-paziente
Dispensa
Sindrome nefritica
Dispensa
Scelta del trattamento dialitico
Dispensa