Che materia stai cercando?

Procreazione medicalmente assistita - C.Cost. n. 151/09 Appunti scolastici Premium

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Costituzionale Avanzato, tenute dal Prof. Francesco Cerrone nell'anno accademico 2011.
Il documento riporta il testo della sentenza n. 151 emessa dalla Corte Costituzionale nel 2009. in relazione ad alcuni aspetti della legge n. 40/04... Vedi di più

Esame di Diritto Costituzionale Avanzato docente Prof. F. Cerrone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

SENTENZA N. 151

ANNO 2009

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai Signori:

Francesco AMIRANTE Presidente

Ugo DE SIERVO Giudice

Paolo MADDALENA "

Alfio FINOCCHIARO "

Alfonso QUARANTA "

Franco GALLO "

Luigi MAZZELLA "

Gaetano SILVESTRI "

Sabino CASSESE "

Maria Rita SAULLE "

Giuseppe TESAURO "

Paolo Maria NAPOLITANO "

Giuseppe FRIGO "

Alessandro CRISCUOLO "

Paolo GROSSI "

ha pronunciato la seguente SENTENZA

nei giudizi di legittimità costituzionale dell’articolo 6, comma 3, e dell’articolo 14,

commi 1, 2, 3 e 4, della legge 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione

medicalmente assistita), promossi dal Tribunale amministrativo regionale del Lazio con

sentenza del 21 gennaio 2008 e dal Tribunale ordinario di Firenze con ordinanze del 12

luglio e del 26 agosto 2008, rispettivamente iscritte ai nn. 159, 323 e 382 del registro

ordinanze 2008 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica nn. 22, 44 e 50,

prima serie speciale, dell’anno 2008.

Visti gli atti di costituzione della Warm (World Association Reproductive Medicine),

della Federazione Nazionale dei Centri e dei Movimenti per la vita italiani, del Comitato

per la tutela della salute della donna, di C. S. A. ed altro, di C. M. ed altro, nonché gli atti

di intervento della Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica ed altre

e dell’AssociazioneCecos Italia, della S.I.S.Me.R. s.r.l. (Società Italiana Studi di Medicina

della Riproduzione s.r.l.), della Associazione Hera Onlus, della

Associazione Sos Infertilità Onlus e di C. M. ed altro, della Cittadinanzattiva Toscana

Onlus e del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nell’udienza pubblica del 31 marzo 2009 il Giudice relatore Alfio Finocchiaro;

uditi gli avvocati Gian Carlo Muccio per la Warm e per la S.I.S.Me.R. s.r.l.,

Isabella Loiodice e Filippo Vari per il Comitato per la tutela della salute della donna,

Antonio Baldassarre e Giovanni Giacobbe per la Federazione Nazionale dei Centri e dei

Movimenti per la vita italiani, Gian Domenico Caiazza per C. S. A. ed altro, per

l’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica ed altre e per la

Associazione Cecos Italia, Ileana Alesso, Massimo Clara, Maria

Paola Costantini, Marilisa D’Amico e Sebastiano Papandrea per C. M. ed altro e per

l’Associazione Hera Onlus, per la Associazione Sos Infertilità Onlus e

per Cittadinanzattiva Toscana Onlus e l’Avvocato dello Stato Gabriella Palmieri per il

Presidente del Consiglio dei ministri.

Ritenuto in fatto

1. – Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio, con sentenza 21 gennaio 2008, n.

398 (reg. ord. n. 159 del 2008) – con la quale, su rinvio dal Consiglio di Stato, in

accoglimento del sesto motivo del ricorso proposto

dalla Warm (World Association Reproductive Medicine), ha annullato le disposizioni delle

linee guida, approvate con d.m. 21 luglio 2004 – ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e

32 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 14, commi 2 e 3,

della legge 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione medicalmente

assistita), nella parte in cui prevede, ai fini della applicazione della procedura della

procreazione medicalmente assistita, la formazione di un numero limitato di embrioni, fino

ad un massimo di tre, da impiantare contestualmente, e vieta la crioconservazione di

embrioni al di fuori delle limitate ipotesi ivi previste.

Il Collegio rimettente ravvisa la rilevanza della questione di costituzionalità nel

giudizio a quo nella circostanza che la ulteriore censura, ad opera della medesima

ricorrente, delle predette linee guida – per contrasto con l’art. 32, secondo comma, e con

gli artt. 2 e 3 Cost., nella parte in cui non consentono la crioconservazione degli embrioni

al fine dell’impianto se non in ipotesi del tutto eccezionali e ne prevedono la formazione

in un numero limitato fino ad un massimo di tre, da impiantare contestualmente – pur

proposta avverso un atto a contenuto generale di fonte secondaria, tocca, in realtà, l’art.

14, commi 2 e 3, della legge n. 40 del 2004, di cui le citate norme regolamentari

costituiscono letterale e pedissequa espressione, con la conseguenza che la contestazione

delle disposizioni delle linee guida non potrebbe che passare attraverso una questione di

legittimità costituzionale della norma di legge che ne costituisce il fondamento.

Sotto il profilo della non manifesta infondatezza, il Collegio rimettente – premesso che

la finalità cui è ispirata l’intera legge n. 40 del 2004, secondo quanto si desume, in

particolare, dall’art. 1, è quella di assicurare i diritti di tutti i soggetti coinvolti nella

procedura di procreazione assistita, compreso il concepito, e che, ai sensi dell’art. 4,

comma 2, lettera a), nel fare ricorso alle relative tecniche, è necessario ispirarsi al

principio della gradualità, per evitare interventi aventi un grado di invasività tecnica e

psicologica più gravoso (di quanto necessario) per i destinatari – ritiene che, non fornendo

la legge n. 40 una definizione del termine «embrione», con esso si intenda fare riferimento

ad un significato il più ampio possibile, vale a dire alla situazione che si determina a

partire dalla fecondazione dell’ovulo.

Svolte tali considerazioni preliminari, il Collegio rimettente richiama l’art. 14 della

legge n. 40 del 2004, intitolato «Limiti all’applicazione delle tecniche sugli embrioni»,

ove, al comma 2, si stabilisce che le tecniche di produzione degli embrioni «non devono

creare un numero di embrioni superiore a quello strettamente necessario ad un unico e

contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre» e, al comma 3, si afferma che nel

caso in cui «il trasferimento nell’utero degli embrioni non risulti possibile per grave e

documentata causa di forza maggiore relativa allo stato di salute della donna non

prevedibile al momento della fecondazione è consentita la crioconservazione degli

embrioni stessi fino alla data del trasferimento, da realizzare non appena possibile».

Rileva il giudice a quo che la preoccupazione manifestata dalle due disposizioni citate

sembra essere essenzialmente quella di pervenire ad un unico impianto allo scopo precipuo

di evitare la crioconservazione che sarebbe, invece, indispensabile nel caso in cui dovesse

essere prodotto un numero di embrioni superiore a quello effettivamente impiantabile, ed

in ogni caso superiore a tre: la ragione di tale previsione risiede, probabilmente – avverte

il rimettente – nella circostanza che con la tecnica della crioconservazione molti embrioni

possono andare perduti.

Detta disciplina sembra al rimettente contrastare con l’art. 3 Cost. per violazione del

canone di ragionevolezza, ed ancora con il medesimo art. 3 per quanto attiene alla parità di

trattamento, oltre che con l’art. 32 Cost. nella misura in cui consente pratiche che non

bilancerebbero adeguatamente la tutela della salute della donna con quella dell’embrione.

Ed invero, osserva il giudice a quo, ammettere – come ha fatto la legge n. 40 del 2004,

all’art. 14, comma 2 – la possibilità di un impianto di più embrioni (fino ad un massimo di

tre), nella consapevolezza che alcuni di essi potranno disperdersi, significa accettare che

per una concreta aspettativa di gravidanza è necessario procedere ad un impianto superiore

all’unità e accettare, altresì, che alcuni di tali embrioni, o anche uno solo, oltre a quello

che dà luogo ad una gravidanza, possano andare dispersi.

Nelle situazioni appena descritte, la legge consente che la tutela dell’embrione

affievolisca per lasciare spazio al fine perseguito, che è quello di consentire il ricorso ad

una tecnica di procreazione medicalmente assistita garantita da concrete speranze di

successo.

Ora, se finalità della legge è quella di individuare un giusto bilanciamento tra la tutela

dell’embrione e quella dell’esigenza di procreazione, sarebbe irragionevole la previsione

che impone la produzione di embrioni in numero tale da rendere possibile l’effettuazione

di un unico impianto e comunque in numero non superiore a tre, così come il sostanziale

divieto di crioconservazione, ammessa nella sola ipotesi di forza maggiore relativa allo

stato di salute della donna insorto successivamente alle fecondazione.

La legge n. 40 del 2004 non avrebbe dovuto escludere la possibilità di consentire

l’accertamento delle molte variabili che accompagnano la vicenda della procreazione

assistita, quali ad esempio la salute e l’età della donna interessata e la possibilità che ella

produca embrioni non forti, intendendo con ciò non quelli che sono capaci di produrre una

«razza migliore» – idea espressamente e giustamente vietata dalla legge n. 40 del 2004 –

ma semplicemente quelli che si possono rivelare più idonei a realizzare il risultato della

gravidanza e della procreazione.

Né rileverebbe, in contrario, la previsione della variabilità da uno a tre degli embrioni

impiantabili, sulla scorta del comma 2 dell’art. 14 della legge n. 40 del 2004, in quanto

detta previsione tenderebbe ad assicurare concrete possibilità di gravidanza alle persone di

medie condizioni fisiche, mentre non fornirebbe la medesima possibilità nei confronti

delle donne non giovani o di quelle che non riescono a produrre contestualmente tre

embrioni di buona qualità nei sensi prima precisati. E in ciò si rivelerebbe, inoltre, la

disparità di trattamento dovuta alla circostanza che situazioni diverse sarebbero sottoposte

allo stesso trattamento predeterminato per legge.

La predeterminazione del numero degli embrioni producibili e successivamente

impiantabili, imposta dalla norma in modo aprioristico e a prescindere da ogni concreta

valutazione del medico curante sulla persona che intende sottoporsi al procedimento di

procreazione medicalmente assistita, non sarebbe in linea con quel bilanciamento di

interessi che la legge n. 40 del 2004 sembrerebbe voler perseguire.

Il Collegio rimettente lamenta, altresì, il vulnus al diritto alla salute, sancito dall’art. 32

della Costituzione. Infatti, la limitazione del numero degli embrioni producibili e

contestualmente impiantabili e il divieto della crioconservazione degli stessi – se non nella

circoscritta ipotesi prima descritta – comporterebbero che nell’ipotesi, tutt’altro che

improbabile, di un tentativo non andato a buon fine, sia necessario assoggettare la donna

ad un successivo trattamento ovarico, ossia ad una pratica medica che comporta in sé il

rischio della sindrome da iperstimolazioneovarica e che trova nella legge, e non in

esigenze di carattere medico, il suo fondamento. Pratica che, a prescindere da ogni

valutazione delle conseguenze sul piano fisico e psicologico della paziente ad essa

sottoposta, sarebbe in contrasto con gli stessi principi ispiratori della legge in esame, ed in

particolare con quello della «minore invasività», espressamente enunciato nell’art. 4,

comma 2, lettera a).

1.1. – Nel giudizio innanzi alla Corte si è costituita la Warm, parte del giudizio a

quo, che ha concluso per la declaratoria di illegittimità costituzionale sollecitata dal

Collegio rimettente, sviluppando argomentazioni adesive a quelle di cui all’atto

introduttivo del giudizio di costituzionalità.

In particolare, con riferimento al ritenuto contrasto delle norme impugnate con l’art. 32

Cost., si rileva nell’atto di costituzione che il limite, imposto dalla legge n. 40 del 2004, di

tre ovociti inseminabili si pone in contrasto con la tutela della salute della donna,

riducendo irragionevolmente le possibilità di successo del trattamento di procreazione

medicalmente assistita, impedendo al biologo di selezionare, tra quelli formatisi, gli

embrioni più idonei a svilupparsi in un feto e di crioconservare quelli in eccesso per un

futuro trasferimento, e costringendo la donna a sottoporsi a nuovi interventi di

stimolazione ovarica e di prelievo chirurgico degli ovociti. D’altra parte, si evidenzia nella

memoria di costituzione il rischio opposto, quello, cioè, di successo del processo di

fecondazione, con possibile insorgenza di una gravidanza plurigemellare, che, a sua volta,

comporta rischi per la salute della donna e del concepito.

Per altro verso, la Warm sottolinea che la normativa in questione elimina la

discrezionalità della valutazione del medico – unico ad essere in grado di individuare il

miglior bilanciamento tra rischi e benefici per la donna e per l’embrione, nel momento in

cui si trovi ad applicare il trattamento sanitario di fecondazione assistita – in violazione

dell’art. 3 Cost., per la discriminazione che si opererebbe tra le donne in buona salute, per

le quali maggiore è la facilità di attecchimento degli embrioni, e quelle che non lo sono

per età o condizioni fisiche.

Infine, la Warm ravvisa nelle disposizioni censurate un vizio di irragionevolezza

interna, sotto il profilo della incoerenza teleologica, per essere i mezzi predisposti

incongrui rispetto allaratio legis, per il fatto che dette disposizioni, nel consentire la

formazione, ed il contestuale unico impianto, per il divieto di crioconservazione, del

numero massimo di tre embrioni, ammettono, ed anzi auspicano, che solo uno di essi

attecchisca, con conseguente dispersione degli altri, derogando, in tal modo, all’obbligo di

tutela dei diritti di tutti i soggetti coinvolti nella procedura.

La irragionevolezza emergerebbe, altresì, nella comparazione con la disciplina della

interruzione volontaria della gravidanza, poiché la tutela dell’embrione, cui si ispira il

divieto di crioconservazione e di soppressione di cui all’art. 14 della legge n. 40 del 2004,

scomparirebbe una volta effettuata con successo la inseminazione, essendo consentito

l’aborto, almeno fino al novantesimo giorno di gravidanza.

Infine, sarebbe irrazionale la previsione del numero massimo di tre embrioni

impiantabili, in quanto privo di alcun supporto medico-scientifico.

L’associazione costituita richiede, altresì, la dichiarazione di illegittimità costituzionale

del comma 1 dell’art. 14 della legge n. 40 del 2004, che prescrive il divieto di

soppressione e crioconservazione degli embrioni, la cui sopravvivenza, in presenza

dell’accoglimento della questione di legittimità costituzionale dei commi 2 e 3 dello stesso

articolo, determinerebbe una estensione dei divieti, senza ammettere alcuna possibilità di

deroga.

1.2. – Nel giudizio innanzi alla Corte si sono altresì costituite la Federazione

Nazionale dei Centri e dei Movimenti per la vita italiani ed il Comitato per la tutela della

salute della donna – intervenuti ad opponendum nel giudizio principale – concludendo

entrambi per la inammissibilità o la infondatezza della questione.

La prima ha eccepito la inammissibilità della questione, sotto il profilo del difetto di

rilevanza, per non essersi il TAR rimettente pronunciato sulla carenza di interesse diretto

della Warm nel giudizio, avendo erroneamente ritenuto che sulla relativa questione si

fosse formato il giudicato, come stabilito dal Consiglio di Stato in sede di appello. Il

Collegio rimettente avrebbe, inoltre, preso in considerazione alcuni motivi del ricorso

della Warm respinti nella precedente sentenza e non riproposti.

Nel merito, la Federazione costituita ha rilevato che il limite massimo di tre embrioni è

stabilito dalla legge n. 40 del 2004 ai fini della tutela della salute della donna e degli stessi

embrioni, avuto riguardo alle difficoltà connesse alle gravidanze multiple. In sostanza, la

legge n. 40 attuerebbe un ragionevole bilanciamento tra l’interesse della coppia alla

genitorialità e il diritto alla vita del concepito, espressamente affermato dall’art. 1 della

legge stessa. Del resto, anche la tutela della salute della donna sarebbe meglio garantita da

una stimolazione “soffice” che non da una stimolazione forte, effettuata allo scopo di

avere a disposizione un numero abbondante di ovociti. Infine, anche la discrezionalità del

medico dovrebbe rispettare le regole derivanti dalla esigenza di tutela dei diritti umani

fondamentali.

Il Comitato per la tutela della salute della donna ha, a sua volta, eccepito la

inammissibilità della questione in quanto sollevata con sentenza anziché con ordinanza, in

violazione delle norme sul processo costituzionale. Il TAR rimettente – si rileva nella

memoria – da un lato ha sollevato la questione di legittimità costituzionale, dall’altro ha

definito in parte il giudizio con decisione impugnabile innanzi al Consiglio di Stato.

Altro profilo di inammissibilità della questione viene adombrato nel mutamento del

quadro normativo per effetto dell’intervento delle nuove linee guida in materia di

procreazione medicalmente assistita, di cui al d.m. 11 aprile 2008, che avrebbe

determinato la estinzione del giudizio amministrativo e, con esso, travolto il giudizio di

costituzionalità.

Nel merito, il predetto Comitato ha insistito per la infondatezza della questione,

rilevando che l’affievolimento del diritto alla vita dell’embrione non sarebbe materia

disponibile da parte del legislatore ordinario, avuto riguardo al fondamento costituzionale

di tale diritto, e che, inoltre, la limitazione a tre del numero massimo di embrioni

impiantabili corrisponderebbe al numero massimo di embrioni suscettibili, secondo la

scienza medica, di dar luogo alla gravidanza.

1.3. – Nel giudizio è intervenuto il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e

difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, che ha concluso, a sua volta, per la

inammissibilità della questione, in quanto sollevata con sentenza, e, nel merito, per la sua

infondatezza. Al riguardo, osserva l’Autorità intervenuta che essa si risolve in una critica

alle scelte discrezionali del legislatore, che ha, invece, a suo avviso, effettuato una

ragionevole comparazione tra l’interesse della donna al buon esito della procedura di

procreazione medicalmente assistita e la tutela dell’embrione.

1.4. – Sono altresì intervenute l’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca

scientifica, l’Associazione Cecos Italia e la S.I.S. Me.R. s.r.l., che hanno concluso per la

declaratoria di illegittimità costituzionale delle norme censurate dal T.A.R., con

argomentazioni adesive ai contenuti del provvedimento di rimessione della questione.

1.5. – Hanno, quindi, depositato memorie le parti costituite, Warm e Federazione

Nazionale dei Centri e dei Movimenti per la Vita italiani (che ha anche dubitato della

sussistenza del requisito della incidentalità della questione sollevata) ed il Comitato per la

tutela della salute della donna, insistendo nelle rispettive conclusioni. Quest’ultimo, in

particolare, ha fatto presente che, nonostante la rimessione degli atti alla Corte, il

giudizio a quo è proseguito, essendosi svolta una camera di consiglio a seguito della

istanza di correzione di errore materiale proposta dalla Warm, nel senso di estendere la

censura anche al comma 1 dell’art. 14 della legge n. 40 del 2004, ed essendo stata emessa

una pronuncia, la sentenza n. 7956 del 2008, con la quale il TAR Lazio ha fornito una

interpretazione autentica della precedente decisione con la quale aveva sollevato la

questione di legittimità costituzionale in esame. In subordine, il predetto Comitato ha

chiesto alla Corte di restituire gli atti al giudice a quo perché valuti nuovamente la

rilevanza della questione alla luce del sopravvenuto decreto del Ministro della salute

dell’11 aprile 2008, che ha adottato le nuove linee guida in materia di procreazione

assistita; e di valutare la sopravvenuta irrilevanza della questione per effetto

dell’abrogazione delle precedenti linee guida.

Hanno depositato memoria, altresì, l’Avvocatura generale dello Stato, che ha insistito

per la inammissibilità e l’infondatezza della questione, l’Associazione Cecos Italia e

l’Associazione Luca Coscioni, oltre alle Associazioni Amica Cicogna Onlus, Madre

Provetta Onlus, Cerco un bimbo, L’altra Cicogna Onlus e l’Associazione

www.unbambino.it, che hanno, invece, concluso per la declaratoria di illegittimità

costituzionale.

1.6. – Nell’imminenza della odierna udienza pubblica, la difesa della Warm ha

depositato memoria, nella quale vengono analizzati i dati del Registro europeo relativi ai

trattamenti effettuati nell’anno 2005, recentemente pubblicati a cura della Società Europea

di Procreazione Medicalmente Assistita (ESHRE), che evidenziano il pregiudizio alla

salute della donna, ed anche dell’embrione, che comporta l’applicazione della legge n. 40

del 2004, con particolare riferimento al divieto di formare più di tre embrioni ed al

contestuale obbligo di trasferirli tutti, senza possibilità di crioconservarli.

Ha depositato memoria la Federazione Nazionale dei Centri e dei Movimenti per la vita

italiani, che ha ribadito le conclusioni già rassegnate, ponendo in particolare evidenza la

mancata censura dell’art. 1 della legge n. 40, che, nel definire il concepito come soggetto

titolare di diritti, costituisce la base dell’intero impianto legislativo, e sottolineando che

l’obiettivo, costituzionalmente obbligato, di evitare nel massimo grado possibile la

distruzione di embrioni umani senza impedire la procedura di procreazione medicalmente

assistita, è perseguito dal legislatore con scelte politiche ragionevoli.

Nella memoria si pone altresì in rilievo che la stimolazione “dolce”, sufficiente per

produrre un numero limitato di ovociti, tale da consentire la formazione di un numero

massimo di tre embrioni, metterebbe al riparo dai rischi della iperstimolazione per la

salute della donna.

Quanto all’argomento delle differenze di disciplina tra la legge 22 maggio 1978, n. 194

(Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della

gravidanza), e la legge n. 40 del 2004, rileva la Federazione intervenuta la erroneità del

paragone tra la situazione della donna la cui salute sia in pericolo a causa di una

gravidanza non desiderata e quella della coppia che abbia richiesto l’applicazione della

procedura di procreazione medicalmente assistita, tenuto anche conto della esigenza di

evitare, nel primo caso, il ricorso all’aborto clandestino.

In definitiva, si osserva nella memoria, posto che l’inizio della vita si verifica con la

formazione dell’embrione, la procreazione in vitro è fortemente desiderata e la decisione

di effettuarla è frutto di una determinazione la cui maturità e fermezza è controllata anche

dalle strutture sanitarie attraverso il colloquio preliminare previsto dall’art. 6 della legge

in esame. La decisione della coppia che chiede di essere ammessa alla procreazione

medicalmente assistita è anche una forma di assunzione di responsabilità verso il nuovo

essere umano.

Anche il Comitato per la tutela della salute della donna ha depositato una memoria,

nella quale ribadisce i rilievi di inammissibilità già svolti, e, nel merito, insiste per la

infondatezza della questione sollevata dal TAR del Lazio, evidenziando il bilanciamento

dei diritti di tutti i soggetti coinvolti nella PMA perseguito dalla legge n. 40 del 2004 e

sottolineando i dati contenuti nell’ultima Relazione del Ministro della salute al Parlamento

sullo stato di attuazione della legge, in cui si osserva che, dopo l’entrata in vigore della

legge stessa, che limita il numero di embrioni che può essere creato per ogni ciclo di

procreazione artificiale, si è verificato un crollo delle complicanze

da iperstimolazione ovarica.

Si rileva, nella memoria, che sono la stessa scienza e tecnica a richiedere ormai una

limitazione – spesso anche inferiore ai tre embrioni – al fine di garantire il buon esito

dell’impianto. Al riguardo, si richiamano le linee guida elaborate

dalla Human Fertilisation and Embriology Authority (HFEA), che sovrintende

all’applicazione delle tecniche di riproduzione medicalmente assistita nel Regno Unito,

secondo le quali è opportuno procedere al trasferimento di non più di due embrioni nella

generalità dei casi e di tre embrioni, al massimo, solo nel caso di donne ultraquarantenni.

Sulla questione della irrevocabilità del consenso all’impianto di embrioni, premesso che

l’impianto è incoercibile e che la violazione dell’obbligo non comporta sanzioni a carico

della donna, si rileva nella memoria che l’unica ragione che può indurre la donna, dopo

aver deciso di sottoporsi alla tecnica di PMA, a modificare il proprio intendimento è la

volontà di ricorrere alla procreazione assistita per selezionare gli embrioni migliori,

scartando gli altri. In sostanza, con la sottoposizione della questione alla Corte

costituzionale, si chiederebbe la introduzione di una soluzione eugenetica, la quale, tra

l’altro, determinerebbe una completa deregulation nel settore della procreazione

artificiale.

2. – Il Tribunale ordinario di Firenze, con ordinanza emessa il 12 luglio 2008 ( r.o. n.

323 del 2008), ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’art. 14, commi 1 e

2, della legge n. 40 del 2004, per contrasto con gli artt. 3 e 32, primo e secondo comma,

Cost., nella parte in cui impongono il divieto di crioconservazione degli embrioni

soprannumerari, la necessarietàdella creazione di un numero massimo di tre embrioni

nonché dell’unico e contemporaneo impianto degli stessi; e dell’art. 6, comma 3, ultima

parte, della stessa legge per contrasto con l’art. 32, secondo comma, Cost., laddove

prevede la irrevocabilità del consenso da parte della donna all’impianto in utero degli

embrioni creati.

Si premette nell’ordinanza che C.S.A. e P.G., dopo avere ottenuto, in via d’urgenza,

l’autorizzazione dallo stesso Tribunale a procedere alla diagnosi genetica preimpianto con

crioconservazione dei residui embrioni risultati affetti dalla patologia della esostosi, da cui

la donna era affetta, avevano acquisito relazioni mediche dalle quali si evidenziava che la

previsione delle modalità predeterminate di esecuzione della PMA di cui all’art. 14,

comma 2, della legge n. 40 del 2004 erano irragionevoli ed inique nel caso concreto, in

relazione alla salute della ricorrente e alla possibilità di creazione di embrioni malati pari

a cinquanta per cento sicché, nella specie, il numero di embrioni necessari ad assicurare

una adeguata percentuale di successo era pari a sei.

A seguito del rifiuto delle responsabili del Centro cui la coppia si era rivolta, motivato

dal contrasto della richiesta con l’art. 14 della citata legge, i due si erano rivolti al giudice

della cautela, chiedendo, tra l’altro, che questi autorizzasse il Centro a produrre un numero

di embrioni adeguato a scontare il «rischio genetico» e «diagnostico» del caso concreto,

non inferiore a sei unità, eccependo anche la illegittimità costituzionale dell’art. 14,

commi 1 e 2, della legge n. 40 del 2004.

Il Tribunale adìto, premessa l’ammissibilità della proposizione della questione di

legittimità costituzionale in sede cautelare, ha rilevato che l’assetto voluto dalla legge, con

riguardo all’obbligo della creazione di un numero massimo di tre embrioni da impiantarsi

con unico contemporaneo impianto ed il conseguente divieto di crioconservazione degli

embrioni (c.d. embrioni sovrannumerari), crea grave nocumento alla salute della donna e,

nello stesso tempo, non garantisce il fine che la legge medesima si propone come

programmatico («favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o

dalla infertilità umana...»: art. 1, legge n. 40 del 2004), fornendo soluzioni contraddittorie

e non ottimali. Infatti – osserva il giudice a quo – la legge impone, in caso di insuccesso,

la necessità di procedere a plurime stimolazioni ovariche, in quanto prevede la esaustività

di ciascun ciclo di produzione ed impianto, non consentendo la crioconservazione degli

embrioni per successivi impianti, e comportando seri problemi per la salute della donna

che si deve sottoporre a trattamenti ormonali plurimi, con conseguenze mediche accertate.

Di qui la lesione dell’art. 32, primo comma, Cost., sotto il profilo del diritto della salute

della donna, pur nel bilanciamento con quella dell’embrione richiesto dall’art. 1 della

legge n. 40 del 2004, atteso che, al di là della definizione giuridica del concetto di

concepito, deve ritenersi, ad avviso del giudice a quo, la prevalenza del diritto alla salute

dell’essere persona rispetto a ciò che ancora persona non è.

Si ritiene altresì leso il principio di ragionevolezza, estrinsecazione del principio di

uguaglianza sostanziale di cui all’art. 3 Cost., in quanto si trattano in unico modo

posizioni soggettive del tutto dissimili e che necessiterebbero di un approccio di cura

diverso. Ridurre la fecondazione assistita ad un modello unico, valido per tutte le

situazioni concrete che si presentano alla attenzione dei medici, equivarrebbe ad obliterare

completamente quelle che sono le acquisizioni scientifiche, le quali indicano come i

plurimi fattori che afferiscono alla coppia genitoriale incidono sulla scelta del trattamento

da attuare, che quindi deve essere lasciato (come, d’altra parte, tutti i trattamenti medici,

salvo sempre il consenso informato) alla discrezionalità del medico, che è il depositario

del sapere tecnico del caso concreto.

La tecnica prescelta – rileva il rimettente – è irragionevole per la imposizione di una

sola possibilità di impianto con un numero massimo di tre embrioni, in assenza di ogni

valutazione dei vari fattori che accedono al singolo caso concreto e che ne condizionano

l’esito (età, malattie, tipo di sterilità etc.) e comporta un pericolo ulteriore per la salute

della donna e del feto conseguente all’aumento dei parti bi o plurigemellari.

Il rimettente deduce, altresì, la violazione dell’art. 32, secondo comma, Cost., che vieta

i trattamenti sanitari obbligatori se non imposti per legge nel rispetto della dignità della

persona umana. La predeterminazione di un protocollo sanitario unico, non configurato

sulle necessità di cura della singola persona e sull’adesione allo stesso, comporterebbe la

sottoposizione della persona a trattamento sanitario non voluto e non volto alla tutela della

salute sua propria o della collettività. L’unica eccezione alla obbligatorietà dell’impianto

che la legge n. 40 contempla è posta dall’art. 14, comma 2, cit., laddove si sospende il

trasferimento nell’utero in caso di malattia della madre, non prevedibile al tempo della

fecondazione e per il solo periodo necessario al superamento di tale stato di malattia. Ciò

comporta anche, secondo il giudice a quo, un vulnus all’art. 32, secondo comma, Cost., ad

opera della norma dettata dall’art. 6 della legge n. 40 del 2004, nella parte in cui sancisce

la irrevocabilità del consenso ad accedere alle tecniche di fecondazione assistita dal

momento della fecondazione dell’ovulo, con riferimento alla posizione della donna cui

deve essere praticato l’impianto.

2.1. – Nel giudizio innanzi alla Corte si sono costituiti C.S.A. e P.G., parti private nel

giudizio cautelare, concludendo per la declaratoria di illegittimità costituzionale delle

norme censurate.

2.2. – Ha spiegato intervento il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e

difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, che ha dedotto la inammissibilità della

questione in quanto sollevata nel corso di un procedimento cautelare, e, nel merito, ha

concluso per la infondatezza, trattandosi di materia riservata alla discrezionalità

legislativa.

2.3. – E’altresì intervenuta l’Associazione Sos Infertilità Onlus, assumendo di avere

diritto di far valere le proprie ragioni dinanzi alla Corte in quanto la eventuale declaratoria

di illegittimità costituzionale si rifletterebbe direttamente sull’attività stessa

dell’associazione che, come da statuto, ha per scopo quello della cura e dell’assistenza alle

coppie infertili, e sostenendo la illegittimità costituzionale delle disposizioni censurate,

per violazione degli artt. 3, 31 e 32 Cost.

2.4. – Analoghe considerazioni sono svolte da M.C. e G.R., intervenuti sulla base del

convincimento di avere diritto di far valere le proprie ragioni nel giudizio, in quanto la

eventuale declaratoria di illegittimità costituzionale si rifletterebbe direttamente sulla loro

condizione e sul processo dagli stessi instaurato innanzi al Tribunale ordinario di Firenze,

con provvedimento di urgenza in ordine al quale è stata sollevata questione di legittimità

costituzionale (ord. n. 382 del 2008); nonché dall’Associazione Hera Onlus, avente, fra i

propri scopi statutari, il sostegno e la tutela delle coppie infertili

2.5. – Infine, sono intervenute, fuori termine, l’Associazione Luca Coscioni per la

libertà di ricerca scientifica, oltre alle Associazioni Amica Cicogna Onlus, Madre Provetta

Onlus, Cerco un bimbo, L’altra Cicogna Onlus e l’Associazione www.unbambino.it, che

hanno concluso per la declaratoria di illegittimità costituzionale.

2.6. – Nella imminenza della udienza, ha depositato memoria la difesa di C.S.A. e P.G.,

insistendo nelle conclusioni rassegnate. Si sottolinea, in particolare, nella memoria, per un

verso, che il bilanciamento tra interesse alla tutela della salute della donna e quello alla

tutela dell’embrione viene operato, nella legge n. 40 del 2004, in termini di

contraddittorietà rispetto all’assetto dei valori della Costituzione come interpretati dalla

giurisprudenza costituzionale sin dalla sentenza n. 27 del 1975 ; per l’altro, che tra gli

obiettivi perseguiti dalla legge in esame e le soluzioni predisposte allo scopo esiste una

contraddittorietà che rischia di compromettere il risultato finale della soluzione dei


PAGINE

26

PESO

150.21 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Costituzionale Avanzato, tenute dal Prof. Francesco Cerrone nell'anno accademico 2011.
Il documento riporta il testo della sentenza n. 151 emessa dalla Corte Costituzionale nel 2009. in relazione ad alcuni aspetti della legge n. 40/04 in particolare: numero massimo di 3 embrioni e crioconservazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Costituzionale Avanzato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Cerrone Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale avanzato

Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea
Dispensa
Transessualismo - Caso Goodwin
Dispensa
CEDU - Caso Scordino
Dispensa
Aborto donna consenziente - C.Cost. n. 27/75
Dispensa