Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Tipi di mercato La definizione del mercato

Quali compratori e venditori devono

Mercato perfettamente

essere inclusi in un dato mercato?

concorrenziale Questo dipende dall’estesione del

Ci sono così tanti venditori/produttori che

– confini geografici e

mercato

nessuno di loro può influire sul prezzo. Un gamma di prodotti che si vuole

il mercato agricolo

esempio: includere

Mercati non concorrenziali

Mercato immobiliare di Bologna è diverso da

Mercati in cui i produttori possono

quello di Milano.

influenzare il prezzo Mercato di tutti gli apparecchi fotografici o solo

Monopoli, Oligopoli, Cartelli (l’OPEC)

delle macchine fotografiche digitali? E che dire

dei prodotti “combinati” (I-phone)?

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 1 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 1

21 22

La definizione del mercato Perchè studiare la microeconomia?

I concetti della microeconomia sono utilissimi

L’importanza della definizione del

orientare le strategie di scelta sia dei

per

mercato è relativa soprattutto a consumatori che dei produttori

due questioni:

Le imprese devono stabilire prezzi,

Applicazioni a tantissimi campi di interesse,

strategie di intervento, dove e come dall’economia industriale alla teoria dei

investire; contratti, dall’economia dell’ambiente alle

Il policy maker deve prendere decisioni

politiche per il rispetto della concorrenza.

per aumentare il benessere della

comunità.

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (200), Microeconomia, Cap. 1 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 1

23 24

Ford SUV’s Gli Standard per le emissioni inquinanti

La Ford ha presentato l’Explorer nel 1991,

nel 1997 e l’Excursion nel 1999

l’Expedition Nel 1970 il Clean Air Act ha imposto

In tutti questi casi, la Ford si è dovuta fare negli Stati Uniti limiti severi alle

carico di molti problemi relativi a come emissioni inquinanti delle automobili.

organizzare la produzione: Qual è stato l’impatto sui consumatori?

E sui produttori?

Quale sarà la reazione del pubblico?

Che prezzo di lancio fare sul mercato? Come sono stati fatti rispettare gli

Quali sono i costi di produzione? standard?

Quanto dovrò produrre ogni anno?

Quali sono stati i costi, e quali invece i

benefici?

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 1 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 1

25 26

Un po’ di matematica di base … Un po’ di matematica di base …

L’uso della matematica risulta di In economia è possibile

fondamentale importanza nelle riscontrare l’esistenza di relazioni

scienze economiche tra variabili

I principali fenomeni economici che L’ipotesi che alcune variabili

rappresentano l’oggetto di studio della abbiano una influenza su altre

microconomia possono assumere viene formalizzato attraverso il

concetto di funzione.

differenti valori in base ad una serie

di circostanze che possono intervenire: =

per questo usiamo le variabili! y f ( x )

27 28

Un po’ di matematica di base … Un po’ di matematica di base …

Il passaggio da un linguaggio Come rappresentate la funzione

=

economico ad uno matematico ?

y 2 x

deve essere un’operazione y x y=2x

mentale sempre più rapida 0 0

=

y 2 x

La rappresentazione nello spazio

1 2

della funzione è molto utile per 2 4

ricavare moltissime informazioni y=2 3 6

sul tipo di relazione che stiamo

studiando x

x=1

29 30

Un po’ di matematica di base … Un po’ di matematica di base …

= +

y 2 x 3

Come rappresentate ?

In generale:

= +

y a b x

x y=2x+3

= +

y y 2 x 3 0 3

1 5 dove rappresenta l’inclinazione ed

b

2 7

y=3 un’intercetta

a

3 9 Questa forma generale rappresenta

Le INTERCETTE! l’equazione di una retta

x

x=0 31 32

Un po’ di matematica di base … Un po’ di matematica di base …

Esempio di funzione di domanda inversa: La rappresentazione di una funzione risulta di

particolare importanza per capire

= −

P 8 4 Q l'andamento della relazione che si analizza.

P Una funzione crescente tra consumo e

reddito indica che il consumo aumenta

Le intercette:

P=8 quando aumenta il reddito disponibile!

= =

P 0 Q 2

⇒ Non ci interessa solamente capire come

= −

= =

P 8 4

Q Q 0 P 8

⇒ cambia la variabile dipendente quando

ma

variano le variabili indipendenti,

vogliamo sapere esattamente di quanto

varia.

Q

Q=2 33 34

Un po’ di matematica di base … Un po’ di matematica di base …

Per questo motivo introduciamo il La derivata viene definita come il

derivata … limite del rapporto incrementale

concetto di quando la variazione della variabile

In primo luogo, è necessario definire il

indipendente tende a zero:

concetto di rapporto incrementale,

cioè il rapporto tra la variazione −

( ) ( )

dy f x f x

nella variabile dipendente e quello = 2 1

lim −

della variabile indipendente: − →

dx x x

( ) 0

x x

2 1 2 1

f ( x ) f ( x ) Essa rappresenta l’inclinazione della

2 1

x x tangente nel punto (x , f(x ))

2 1 1 1

35 36

Un po’ di matematica di base … Il mercato: la domanda e l’offerta

Di particolare importanza risulta anche il La curva di offerta descrive la quantità

concetto di di un bene che i produttori sono

derivata parziale. disposti a vendere a ogni dato

Quando si incontra una funzione che

prezzo, mantenendo costante gli altri

dipende da due o più variabili, è possibile

valutare la variazione della funzione solo fattori che possono influenzare la

rispetto ad una di esse, considerando le quantità prodotta

altre come costanti. La curva di offerta descrive quindi la

= +

( , )

f x x ax bx relazione tra quantità offerta e

1 2 1 2 prezzo:

∂ ( , ) ( , )

f x x

f x x =

=

= Q Q ( P )

1 2 1 2

, b

a O O

∂ x

x 1 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

37 38

Il mercato: la domanda e l’offerta Il mercato: la domanda e l’offerta

La curva di offerta Tracciate le seguenti curve di offerta:

(rappresentazione

grafica)

Prezzo =

Q P

(€ per unità) O = +

Q 4 P

P =

2 Q 2 P

La curva di offerta ha

pendenza positiva: per prezzi

P = +

1 più alti le imprese aumentano Q 1 2 P

la produzione

Q

Q Quantità

2

1 39 40

Il mercato: la domanda e l’offerta Il mercato: la domanda e l’offerta

= +

= Q 1 2 P

Q 2 P

= = +

Q P Q 4 P

P P

P P

=

Q P =

4 Q 2 P

=

Q 2 P

= = +

Q P = +

1 Q 1 2 P

Q 4 P Q

Q ( 0 , 0 )

Q Q

( 0 , 0 ) ( 0 , 0 ) ( 0 , 0 ) ( 1 , 0 )

( 4 , 0 ) 41 42

Il mercato: la domanda e l’offerta Il mercato: la domanda e l’offerta

La curva di domanda descrive la

quantità di un bene che i

consumatori sono disposti ad

acquistare al variare del prezzo

Se i costi di unitario.

produzione

diminuiscono, Possiamo scrivere la relazione tra

la curva di quantità domandata e prezzo in forma di

offerta si equazione:

sposta verso

destra =

Q Q ( P )

D D

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

43 44

Il mercato: la domanda e l’offerta Il mercato: la domanda e l’offerta

Un livello di

La curva di domanda ha reddito più

pendenza negativa: i

Prezza

(€ per unità) alto fa

consumatori

acquistano di più ad un spostare la

prezzo più basso in quanto curva di

il prodotto diventa meno domanda

costoso verso destra

P 1

P 2 D

Q

Q Quantità

2

1 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

45 46

Il mercato: la domanda e l’offerta Il meccanismo di mercato

La domanda di un bene può essere Il passo successivo consiste nel

influenzata anche dalla variazione dei combinare le curve di domanda e di

prezzi di altri beni: offerta

Il punto in cui le curve si incontrano

BENI SOSTITUTI: due beni per i quali

descrive l’equilibrio, o prezzo market

l’aumento del prezzo di uno provoca un clearing

aumento della quantità dell’altro. Si definisce meccanismo di mercato la

BENI COMPLEMENTI: due beni per i

tendenza del prezzo a fluttuare fino a

quali l’aumento del prezzo di uno la quantità domandata e

quando

provoca una diminuzione della quantità quella offerta si eguagliano

dell’altro.

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

47 48

Il meccanismo di mercato Variazioni dell’equilibrio di mercato

Mercato

Concorrenziale!

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

49 50

Variazioni dell’equilibrio di mercato Variazioni dell’equilibrio di mercato

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

51 52

Corsi universitari Gli effetti dell’11 settembre

Il prezzo dell'istruzione

universitaria è

cresciuto del 55 % tra

il 1970 ed il 2002

(aumenti nei costi delle

strutture e nei salari),

provocando una

riduzione nell'offerta

A causa di una

maggiore percentuale

di diplomati iscritti

all'univerità la

domanda è cresciuta

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2 Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

53 54

Esercizio L’elasticità

L’elasticità misura la sensibilità di

Tracciate le seguenti curve di domanda

una variabile all’altra.

ed offerta e calcolate il prezzo e la Più specificatamente, indica la

quantità di equilibrio: variazione percentuale indotta in

una variabile da una variazione

= −

P 8 Q dell’1% di un’altra variabile.

Per esempio, l’elasticità della

= −

P Q 4 domanda al prezzo misura di quanto

varia, in percentuale, la quantità

domandata di un bene a fronte di un

aumento dell’1% del suo prezzo

Tratto da: Pindyck - Rubinfeld (2009), Microeconomia, Cap. 2

55 56


PAGINE

20

PESO

533.50 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Microeconomia del prof. Andrea Mantovani, all'interno del quale sono affrontati i seguenti argomenti: introduzione alla microeconomia; i prezzi e i mercati; la teoria del consumatore e la teoria dell'impresa; analisi positiva e analisi normativa; tipi di mercato; equilibrio tra domanda e offerta; l'elasticità; gli effetti del controllo dei prezzi.


DETTAGLI
Esame: Microeconomia
Corso di laurea: Corso di laurea in economia, mercati e istituzioni
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Microeconomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Mantovani Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Microeconomia

Scelta del consumatore
Dispensa
Elementi di matematica economica
Dispensa
Libertà economica in Italia
Dispensa
Lettera di Trichet all'Italia
Dispensa