Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L’inautenticità dell’Io

Il Nuovo Narciso

Comunicazioni di massa, propongono il consumo come

risposta ai mali della società

la pubblicità in particolare

Principali fonti per l’individuo nella sua rincorsa verso

il miraggio della realizzazione personale

alimentano la cronica insoddisfazione del soggetto-consumatore,

la sua ansia ed inquietudine

L’inautenticità dell’Io

Il Nuovo Narciso

“ricreazione commercializzata”

società della produzione e del consumo di immagini,

attraverso cui si realizza la spettacolarizzazione del sé

guerra quotidiana

vuoto

interiore di tutti contro tutti

all’imbroglio di tutti contro tutti

dalla mano tesa attraverso il gioco della seduzione

di D. Riesman

Il nomadismo dell’Io

Il Consumo viene riconosciuto lo strumento principale di

una nuova cultura del quotidiano basata sulla mobilità,

sull’incessante alternarsi di molteplici identificazioni, sul

giravoltare del soggetto da un gruppo all’altro

I contributi più emblematici:

 il nomade postmoderno (M. Maffesoli)

 il turista (Z. Bauman) Il nomadismo dell’Io

Il nomade postmoderno

M. Maffesoli società francese anni ’80 e ‘90

Società moderna Società postmoderna

Vs. Dionisio

Prometeo

dominare la vita godersi la vita

impulsività

norma

ragione passione

utilità gioco

monoteismo politeismo

lavoro divertimento

produzione consumo

principio di prestazione principio di piacere

Il nomadismo dell’Io

Il nomade postmoderno

Maffesoli traduce il processo di disindividualizzazione,

introdotto da D. Riesman ed estremizzato da C. Lasch,

nella manifestazione di una socialità autentica,

basata sullo stare insieme e sulla coniugazione delle passioni

dispersione dell’individuo in consumo quale principale

un soggetto collettivo: ambito di socializzazione alla

tribù metropolitane mobilità del soggetto:

nomade tra una molteplicità

di tribù metropolitane

Il nomadismo dell’Io

Il nomade postmoderno

progetto moderno simulazione

=

occidentale di individuo della modernità

La centralità dell’individuo, attore della

modernità, ha messo in secondo piano ciò

che per Maffesoli è primordiale per l’uomo

lo stare la simpatia

la condivisione

insieme delle passioni

“noi valiamo solo finché siamo legati ad un gruppo”

Il nomade postmoderno Il nomadismo dell’Io

Tribalismo classico Neo-tribalismo

Solidità/ confini Fluidità/ confini

stabilità appartenenze sociali mobilità appartenenze sociali

Logica dell’identità Logica dell’identificazione

unitaria e stabile estetica ed emozionale

appartenenza ad un gruppo incessante giravoltare

continua/estensiva nel tempo da un gruppo all’altro

Neo-tribù raggruppamenti puntuali non più ossessionati

dalla continuità bensì centrati sull’intensità del

coinvolgimento Il nomadismo dell’Io

Il nomade postmoderno rte

o

f

ù

i

p

a

t

n

e

div

e

m

e

i

s

n

i

e

r

e game

s

es

di e

l

fatto l

e

d

e

Il s

a

b

lla

a

a

t

s

e

h

c

o

v

moti

del

L’estetica diviene il principale vettore di aggregazione:

il fatto di sentire insieme qualcosa è fattore socializzante

Nel suo nomadismo tra una pluralità di tribù estetiche

il soggetto cambia di volta in volta i costumi di scena

Il nomadismo dell’Io

Il nomade postmoderno

Il processo di disindividualizzazione non viene interpretato

come una perdita per il soggetto, ma come un’apertura

all’altro ed alla molteplicità delle possibilità,

attraverso una socialità autentica:

“l’erranza, e le molteplici identità che suscita, è prima di

tutto un segno di vitalità, espressione di una reale saggezza

del precario che s’impegna a vivere intensamente il

presente con le sue gioie e le sue pene”.

Cfr. M. Maffesoli, Del nomadismo, 1999.

Il nomadismo dell’Io

Il turista Nomadismo ed erranza

per Bauman è l’esito del

per Maffesoli è l’esito culmine del processo di

di un processo di individualizzazione che ha

disindividualizzazione accompagnato lo sviluppo

della modernità

Tutto si riduce

all’individuo, sulle cui processo di liquefazione

spalle ricade il peso della società

delle proprie scelte Il nomadismo dell’Io

Il turista inedito aumento della libertà del

soggetto a scapito della sicurezza

rallegrarsi per le visioni

mozzafiato offerte da un

mondo globale sempre più

spettacolarizzato

Condizione di disagio e

spaesamento del soggetto

della modernità liquida farsi soprafare dalla

paura di affogare

Il nomadismo dell’Io

Il turista protagonista di un mondo

pieno di possibilità e centrato

consumatore sulla libertà di scelta

archetipo della corsa alla quale

shopping ogni membro di una società dei

consumi partecipa

diem”

“carpe

Logica del Il nomadismo dell’Io

Il turista incapace di resistere alla

sfavillanti attrazioni del

mondo globale

Metafora del

turista Caratterizzato da una

stanzialità talmente breve da

non riuscire a diventare

qualcosa di più di un semplice

visitatore

Evoluzione consumismo: effimero

dal bisogno al desiderio al capriccio scarsamente durevole

Il nomadismo dell’Io

Il turista Non ci sentiamo mai a casa nostra:

“viviamo in uno strano circolo il cui centro è ovunque

e la cui circonferenza non è da nessuna parte

(o forse, chissà, non è il contrario?)

Ricerca di grucce sulle proliferare delle

quali appendere le proprie comunità guardaroba

paure ed ansie o estetiche o carnevalesche

la cui natura effimera e transitoria le rende

rifugi puramente illusori per il soggetto

(legami vissuti sul posto che presuppongo impegni a breve termine)

Pratiche di consumo e percorsi di identità

Il nomade e il turista ci propongono un’immagine del

soggetto che sopravvive alla complessità del sociale

attraverso un’esasperata pluralizzazione e mobilità della

propria identità.

Maffesoli non parla neanche più di identità, quanto di una

successione diacronica e sincronica di indentificazioni

estetiche ed emozionali; mentre il turista descritto da

Bauman presenta non poche similitudini con il tipo blasé di

cui parlava Simmel.

L’immagine è più che mai quella di un consumatore che si

lascia parlare dalle merci, dagli stili di consumo che

attraversa nel suo giravoltare da un gruppo all’altro.

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

D. Miller: Material Culture and Mass Consumption

antropologica allo studio dello

⇒tradizione

scambio simbolico degli oggetti (M. Mauss, C.

Lévi-Strauss, M. Douglas, G. Mc Cracken)

ambito nel quale Miller riconosce la

possibilità di superare quella

Pratiche contrapposizione tra soggetto e

di consumo oggetto, tra l’uomo e il prodotto della

sua attività, al centro della tradizione di

pensiero hegeliano-marxiana

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

Simmel centralità delle modalità di acquisizione

(riduzione del consumo a puro fenomeno di mercato)

Miller centralità del momento dell’uso

(natura relazionale ed intersoggettiva del consumo)

Attraverso il processo di riappropriazione simbolica

(le pratiche di ricontestualizzazione)

la merce può essere trasformata in bene di consumo

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

Al tradizionale concetto di “autenticità” degli oggetti,

ottenibile attraverso un processo di produzione propria

(si consuma solo ciò che si produce personalmente,

controllando l’intero processo di lavorazione)

Miller ne contrappone uno nuovo fondato sulla propensione

delle merci a distaccarsi dal processo produttivo industriale e

ad essere personalizzate,

riconosciute come qualcosa di proprio

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

nega la possibilità che nelle pratiche di consumo la

Baudrillard merce possa essere trasformata da segno a simbolo

Miller focalizza la sua analisi sulla potenziale

trasformazione della merce in bene di consumo,

vale a dire in oggetto unico il cui valore deriva

dalla relazione personale che viene a stabilirsi con

un soggetto, a sua volta inserito all’interno di un

mondo di relazioni intersoggettive

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

vincoli al processo di riappropriazione simbolica

il consumatore si confronta con la biografia dell’oggetto,

con i residui di significato in esso sedimentati nelle

successive collocazioni di significato nelle quali è

transitato (dalla sua ideazione alla sua

commercializzazione e distribuzione), nonché con le

persone coinvolte nei processi di convalida e condivisione

dei suoi rituali di appropriazione

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

Il concetto di riappropriazione simbolica degli oggetti apre, la

possibilità per il soggetto di utilizzare i beni di consumo per

costruire il proprio sé, invece di lasciarsi parlare dalle merci,

dalla molteplicità di stili di consumo che attraversa

Una costruzione che implica un costante

lavoro di negoziazione di significati,

il cui esito appare tutt’altro che scontato

la potenziale inalienabilità

dell’Io

Il consumatore produttivo

attraverso le pratiche di consumo il bene può divenire

inalienabile e con esso anche i soggetti e le relazioni tra essi

ecco allora che il consumo

non appare più necessariamente di ostacolo

né al rapporto del soggetto con se stesso ( con la propria

interiorità), né tanto meno allo sviluppo di rapporti con altri

individui, quanto piuttosto ad essi direttamente correlato


PAGINE

51

PESO

2.14 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Mercato e comportamento del consumo del professor Piergiorgio Degli Esposti. Trattasi di slides della professoressa Paola Parmiggiani, all'interno delle quali sono affrontati i seguenti argomenti: i mutamenti nel processo di distribuzione; le pratiche di consumo; Riesman ed il tipo eterodiretto; il "nuovo Narciso"; il consumatore produttivo.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in occupazione, mercato, politiche sociali e servizio sociale
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2006-2007

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Mercato e comportamento del consumo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Degli Esposti Piergiorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Mercato e comportamento del consumo

Marketing tribale
Dispensa
Marketing esperenziale
Dispensa
Marketing e beneficenza
Dispensa
Marketing esperenziale
Dispensa