Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Le Cellule Circolanti

Eritrociti (G.R.)

Granulociti (PMN)

TIPI DI CELLULE CIRCOLANTI NEL SANGUE: Linfociti (LINF)

Piastrine (PLT)

Eritrociti: - sono senza nucleo perche’ lo hanno esplulso nei processi maturativi midollari

- spendono tutta la vita in circolo per 120 giorni

Granulociti: - hanno il nucleo

- non si dividono e quindi non si moltiplicano

- trascorrono 10-12 ore in circolo poi passano ai tessuti dove vivono da alcune ore

ad alcuni giorni, svolgendo funzione antibatterica, senza piu’ tornare nel torrente

ematico

- sono compartimentalizzati

Linfociti: - hanno il nucleo e si moltiplicano intensamente

- vivono da pochi giorni a molti anni

- viaggiano continuamente per il sangue, la linfa e gli organi linfoidi

- la permanenza in circolo e’ solo una parte della loro vita

- sono responsabili della competenza immunitaria

Piastrine: - sono senza nucleo e risultano dalla frammentazione citoplasmatica dei precursori

- trascorrono tutta la vita in circolo per 8-10 giorni

Clin Med Card –FI ERITROCITI

GLOBULI

BIANCHI

PIASTRINE

Metodiche emocitometriche non automatiche:

emocitometria microscopica

Le tecniche manuali o visuali si basano sulla misurazione visiva diretta

al microscopio degli elementi corpuscolati presenti in una sospensione

cellulare.

Negli ultimi decenni le tecniche manuali-visive sono state

soppiantate dalle misurazioni automatiche

• possono tuttora sostituirsi alle metodologie automatizzate in condizioni di

emergenza.

• possono essere utilizzate con quei campioni particolari che gli strumenti

automatici non sono in grado di analizzare.

• costituiscono un metodo di confronto per le misurazioni automatiche.

• possono essere le uniche disponibili in piccoli laboratori decentrati.

• vengono tuttora utilizzate estesamente per le conte cellulari su liquidi

biologici. Striscio di sangue periferico

Automazione in ematologia

L’esecuzione di carichi quotidiani di lavoro molto spinti ha

richiesto lo sviluppo di alcune caratteristiche operative volte

a migliorare la velocità e la precisione dei conteggi e la

riduzione dei costi.

• Gli analizzatori ematologici automatici sono citometri dedicati

chiusi.

• Le misurazioni vengono effettuate su sospensioni diluite di

cellule, che vengono trasportate attraverso un dispositivo

sensibile che ne rileva la presenza, il numero, le dimensioni e

altre eventuali caratteristiche chimiche e fisiche.

Light Scattering con focalizzazione

idrodinamica

Cause di errore

Prelievo di sangue non corretto

- Insufficiente mescolanza dei campioni

- Inconvenienti tecnici

- Mancanza di controlli di qualita’

-

Clin Med Card –FI Fattori di disturbo

Conteggio leucociti:

- soluzioni sporche

- forme immature nucleate della serie rossa

Conteggio eritrociti:

- soluzioni sporche

- agglutinine a freddo

- leucocitosi

- piastrine giganti

Clin Med Card –FI Fattori di disturbo

Conteggio piastrine:

- soluzioni sporche

- campioni di sangue coagulato

(tecnica di prelievo non adeguata)

- contaminazione batterica

- aggregazione spontanea

Clin Med Card –FI Spurious erythrocyte indices*

Effects

Causes Hb RBC Hct MCV MCH MCHC

Cold agglutinins - L L H H H

Lipemia H - - - H H

Key: HB= hemoglobin concentration; RBC= erythrocyte count; Hct= hematocrit; MCV= mean corpuscular volume;

MCH= mean corpuscular hemoglobin; MCHC= mean corpuscular hemoglobin concentration; - = not affected;

H= spuriously high; L= spuriously low.

•Pattern of spurious results typical for Coulter counters and some other automated instruments.

The usual clue that results are spurious is an impossibly high MCHC, often much > 36 gm/dl.

Thus, the MCHC has value in quality control in the laboratory

Clin Med Card –FI

Perche’ gli analizzatori automatici?

- Migliore qualita’ dei risultati

No errori di misura

No errori nella preparazione dei campioni

- Risparmio nei costi globali di lavorazione

- Riproducibilita’ dei dati

Clin Med Card –FI

cheda computerizzata dei risultati delle analisi 1

S

Clin Med Card –FI

cheda computerizzata dei risultati delle analisi 2

S

Clin Med Card –FI Striscio di sangue periferico

Eosinofilo

Piastrina

Bands Neutrofilo

Linfocita Basofilo

Monocita Eritrocita

Eritrociti (G.R.)

(globuli rossi)

- sono senza nucleo perchè

lo hanno espulso nei

processi maturativi midollari

- spendono tutta la vita in

circolo per 120 giorni

- cellule della “respirazione”

in quanto trasportano O -Hb

2

9

v.n. 4,4-5,5 x 10 /mm uomini

3

4,2-5,0 x donne

/mm3

9

10 Globuli bianchi

Formula leucocitaria

3

v. n. 6,0-10,0 x 10 /mm 3

FORMULA (LEUCOGRAMMA)

neutrofili 35-70 %

linfociti 20-50 %

monociti 2-12 %

eosinofili 0-5 %

basofili 0-2 %

Granulociti ( PMN ) - cellule della “difesa”aspecifica

- hanno il nucleo - non si dividono e quindi non si moltiplicano

- trascorrono 10-12 ore in circolo poi passano ai tessuti dove vivono da alcune ore

ad alcuni giorni, svolgendo funzione antibatterica, senza piu’ tornare nel torrente

ematico

neutrofilo eosinofilo basofilo

Linfociti ( LINF ) - cellule della “difesa” specifica

B (15%) con stimolo Ag si trasformano in plasmacellule e producono Ig (Ab)

T (85%) con stimolo Ag mediatori dell’immunita’ cellulare

- hanno il nucleo e si

moltiplicano

intensamente

- vivono da pochi giorni

a molti anni

- viaggiano

continuamente per il

sangue, la linfa e gli

organi linfoidi

- la permanenza in

circolo e’ solo una parte

della loro vita

- sono responsabili della competenza immunitaria

Piastrine ( PLT )

- sono senza nucleo e risultano dalla

frammentazione citoplasmatica dei

precursori

- trascorrono tutta la vita in circolo

per 8-10 giorni

- cellule del sistema emostatico

coagulativo che funzionano in

connessione con il sistema

endoteliale

v. n. 150-450 x 10 /L

6

EMATOCRITO (Hct)

(o PCV: “packed cell volume”)

Valori normali di Hct :

uomini .37 - .49

donne .35 - .45

neonati alla nascita .53 - .68

neonati (3mesi) .30 - .38

bambini (10anni) .37 - .44

Il valore Hct varia con l’età,

il sesso,l’altitudine, la posizione

e lo stato di idratazione.

esprime la percentuale di volume degli elementi

corpuscolati rispetto al volume totale di un

campione di sangue.

EMOCROMO ED ERITROCITI

L’esame emocromocitometrico comprende il conteggio degli eritrociti

circolanti (GR), la misura dell’emoglobina (Hb), l’ematocrito (Hct) ed i

parametri corpuscolari derivati:

volume corpuscolare medio (MCV),

emoglobina corpuscolare media (MCH),

concentrazione emoglobinica corpuscolare media (MCHC).

La valutazione combinata di questi parametri permette di definire le

principali variazioni quantitative:

 riduzione dei livelli di Hb = ANEMIA

 aumento di Hb ed Hct = ERITROCITOSI

Per la valutazione delle alterazioni morfologiche e’ necessaria

l’osservazione al microscopio ottico

Clin Med Card –FI

ERITROCITI: DIMENSIONI

Gli eritrociti normali (normociti)

sono di grandezza omogenea:

Diametro ( Ø ): 7-8 

MCV= volume cellulare medio esprime il

rapporto tra massa e numero degli

eritrociti e si misura in femtolitri (fl=10 L)

-15

v.n.= 83 – 99 fl

MCV < 80 fl ( Ø <7 MICROCITI indice di difetto di sintesi di Hb

) circolo di elementi piu’ piccoli

con immissione in

(anemie sideropeniche

anemie talassemiche

anemia saturnina

NORMOCITI anemie da malattie infiammatorie croniche)

MCV > 95 fl ( Ø>8.5 MACROCITI indice di difetto di moltiplicazione cellulare

) (s. mielodisplastica – epatopatia – reticolocitosi)

MCV > 115 fl ( Ø>8.5 MEGALOBLASTI deficit folati e Vit. B12 con

) difetto di “moltiplicazione cellulare”

(anemia di Biermer – anemie perniciosiformi)

Clin Med Card –FI


PAGINE

51

PESO

1.59 MB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Slides di Patologia ClinicaEmocromo. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Tipi di cellule circolanti nel sangue, Eritrociti, Granulociti, Linfociti, Piastrine, Metodiche emocitometriche non automatiche: emocitometria microscopica, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Patologia clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Orlando Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Patologia clinica

Patologia Clinica – POCT
Dispensa
Patologia Clinica – Emostasi
Dispensa
Patologia Clinica – Rene
Dispensa
Patologia Clinica – Fegato
Dispensa