Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Le “soglie” istituzionali che definiscono

 storicamente l’accesso delle masse al sistema

politico in Europa occidentale (S. Rokkan)

Soglia di legittimazione

1. Liberalizzazione del sistema e cittadinanza civile

Soglia di incorporazione

2. Diritti di partecipazione e cittadinanza politica

Soglia di rappresentanza

3. Sistemi proporzionali e abbassamento barriere

 istituzionali per la rappresentanza partitica

Soglia dell’esecutivo

4. Maggioranze parlamentari e responsabilità di

 governo Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Tre fasi storiche del governo rappresentativo

 (B. Manin)

Parlamentarismo

1. Rapporto diretto tra elettori e candidati (notabili

 “fiduciari” locali)

Democrazia dei partiti

2. Partiti di massa come canali della partecipazione

 politica

Democrazia del pubblico

3. Personalizzazione della politica, sondaggi

 d’opinione e “sanzione” elettorale

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Tensioni storiche tra modelli di democrazia

 diretta e indiretta, governo “del popolo” o “per

il popolo”

L’approccio partecipazionista

1. Partecipazione piena e diretta dei cittadini

L’approccio liberal-rappresentativo

2. I limiti normativi (assemblearismo), sociologici

 (omogeneità) e istituzionali (numero) della

partecipazione diretta

L’approccio deliberativo

3. Democrazia deliberativa come integrazione

 dell’impianto democratico rappresentativo

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Il rapporto tra cittadini e autorità pubbliche è

 anche mediato ed organizzato

Partecipazione politica attraverso forme organizzate di

 azione collettiva

“Sono ormai le organizzazioni gli effettivi cittadini delle

 democrazie odierne”? (P. Schmitter)

L’organizzazione permette di superare i dislivelli di

 potere relativi alla stratificazione sociale degli individui

Ma la partecipazione organizzata o associativa

 produce altri effetti non intenzionali

▪ Burocratizzazione, professionalizzazione, distorsioni

oligarchiche, trasformazione dei mezzi in fini…

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Organizzazioni di carattere permanente

 specializzate nell’individuazione, promozione e

difesa degli interessi, influenzando e contestando

le autorità e le politiche pubbliche

Funzione di “articolazione” degli interessi

 Gruppi di interesse economici

a) ▪ Finalità distributive e tutela di posizione nel sistema

economico

Gruppi fruitori di politiche pubbliche

a) ▪ Dipendenti dalle decisioni statali per sussistenza

stessa

Gruppi rivendicativi e promozionali

a) ▪ Fra gruppi “di interesse” e movimenti sociali

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

La ‘pressione’ come modalità specifica

 tradizionale di influenza delle decisioni pubbliche

tramite ricorso a sanzioni negative o positive

Gruppi “di pressione”, lobbies

Ma oggi: allargamento del repertorio di azione dei

 gruppi di interesse

Forme di protesta e partecipazione non convenzionale

E estensione della loro sfera d’azione

 Non solo espressione interessi e trasmissione

 domande

Anche definizione interessi per gli aderenti e

 compartecipazione, insieme a partiti e istituzioni, alla

realizzazione delle politiche pubbliche nella arene di

governance multilivello

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Ruolo dei promotori (o “imprenditori

 organizzativi” ) dei gruppi nel processo di

acquisizione delle risorse strategiche:

Risorse finanziarie, numeriche, di influenza,

 conoscitive, organizzative, simboliche

Fra le principali macro-risorse organizzative:

L”’autorità”

 Il grado di legittimazione sociale e il campo

 d’azione riconosciuto a un gruppo

Il “denaro”

 Risorse finanziarie come quote membership o

 contributi pubblici

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Visione pluralista

a) Funzione di rappresentanza e intermediazione degli interessi da

 parte di una pluralità di gruppi

Visione neocorporativa

a) Sistema di relazioni e policy-making fondato su concertazione

 tra tre attori principali

▪ Partiti di governo, sindacati, associazioni imprenditoriali

Modello dei policy networks

a) Una visione “intermedia”: un processo di produzione delle

 politiche in certe aree di policy che coinvolge regolarmente una

pluralità di attori formali e informali

▪ Rappresentanti di gruppi di interesse, burocrati, personale politico,

esperti

Più o meno istituzionalizzate (da policy communities a policy

 networks)

Più opportunità per partecipazione organizzata dei cittadini, ma

 deficit di legittimazione democratica e accountability

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Canali “eterodossi” di partecipazione dei cittadini, i

movimenti sociali possono essere definiti come:

Reti di relazioni prevalentemente informali

 Reticoli di piccoli gruppi e relazioni sociali

Basate su credenze condivise e solidarietà

 Costruzione dell’identità come precondizione e, allo

 stesso tempo, prodotto dell’azione collettiva

Che danno luogo a un’azione collettiva di tipo

 conflittuale

Azione di sfida, relazione di antagonismo, promuovere o

 ostacolare il mutamento sociale

Attraverso un ricorso a varie forme di protesta

 Condizionata alla ‘struttura delle opportunità politiche’

 Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Nella società post-industriale, nuova

 centralità di temi non legati alla tradizione

di lotte del lavoro e del capitalismo

industriale

Movimenti giovanili, femministi, ecologisti,

 pacifisti …

Collegamento con le istanze e i valori

 “post-materialisti” (R. Inglehart)

‘Spia’ dell’inadeguatezza delle forme

 tradizionali di rappresentanza politica (A.

Melucci) Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

L’istituzionalizzazione dei movimenti

 sociali

Quando il movimento cessa di essere un

 mezzo di mobilitazione per trasformarsi in un

gruppo di pressione o magari in un partito

Superamento dello ‘statu nascenti’

 Spostamento di enfasi dall’azione non

 convenzionale a quella convenzionale

Altre ‘traiettorie’ possibili:

 Commercializzazione, “involuzione”

 conviviale, radicalizzazione

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Un modello di “ibrido organizzativo” per i

 movimenti sociali nella società globale:

Identità localistiche e universalistiche

 Strategie pragmatiche/negoziali e

 radicali/antagoniste

Strutture organizzative reticolari/flessibili e

 permanenti/professionalizzate

Mediatizzazione della protesta e rigetto della

 delega istituzionale

Crescenti somiglianze transnazionali nella

 mobilitazione delle protesta

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Con passaggio da politica oligarchica a politica di

 massa, trasformazione partiti (M. Duverger):

da tipo “societario” (Gesellschaft)

 ▪ Natura volontaria e contrattuale del legame sociale

A tipo “comunitario” (Gemeinschaft)

 ▪ Raggruppamento fondato su prossimità e spontaneità

Da politica minima a “politica assoluta” (A. Pizzorno)

 ▪ Il partito-ordine (Bund) e l’impegno totale dell’aderente

Ma col successivo declino dei partiti di massa:

 Un “ritorno” da comunità a società?

 Da “sistemi di solidarietà” a “sistemi di interessi”

 ▪ Declino militanza attiva e rapporto col territorio

▪ Focalizzazione su semplici iscritti, simpatizzanti e elettori

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Questione del vincolo associativo nei partiti,

 come in ogni organizzazione

Quale “microfondazione” del legame elettore-

 partito?

Il ruolo degli incentivi organizzativi

 Incentivi individuali (o “selettivi”)

a) ▪ Ricompense e benefici materiali o di status

Incentivi collettivi (o “di identità”)

a) ▪ Appartenenza, condivisione, identificazione

Incentivi orientati al fine

a) ▪ Né l’interesse individuale, né la partecipazione in sé, ma

il perseguimento degli scopi ufficiali dell’organizzazione

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Quando una qualunque organizzazione o

 istituzione incorre in una crisi di

funzionalità e/o di legittimità, tre azioni

possibili degli aderenti (A. Hirschman):

Exit (uscita, defezione)

a) Voice (protesta)

b) Loyalty (fedeltà)

c)

Relazione tra tipi di incentivi (selettivi, di

 identità, ecc.) nei partiti e probabili

condotte fra la membership

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Trasformazioni organizzative dei partiti:

 Interne

 ▪ Alta intensità di capitale

▪ Declino proporzione iscritti su elettorato

▪ Rilevanza comunicazione mediale

▪ Centralizzazione potere organizzativo

▪ Prevalenza staff professionisti

Esterne

 ▪ Ricorso a finanziamento pubblico

▪ Statalizzazione dei partiti e costruzione reti collusive

(“cartellizzazione”) per estrazione risorse e

mantenimento benefici

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11

Cedimento dell’equilibrio tra costi e benefici

 dell’iscrizione a un partito

Aumento dei “costi opportunità” della membership

 e della militanza

Politica come “buona amministrazione” e

 caduta della partecipazione “identificante”

Ripiego sul volontariato sociale

Esigenze di auto-realizzazione individuale

 nella “seconda modernità”

ricerca legami non formalizzati in vincoli

 organizzativi rigidi

Analisi dell’opinione pubblica 2010/11


PAGINE

46

PESO

1.94 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Materiale didattico per il corso di Analisi dell'opinione pubblica del prof. Mauro Barisone. Trattasi di slides riguardanti il concetto di partecipazione politica ed in particolare: le determinanti della partecipazione; la politicizzazione e la democratizzazione; la partecipazione diretta e quella indiretta; gruppi d'interesse, movimenti e partiti; la partecipazione latente e la partecipazione manifesta.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi dell'opinione pubblica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Barisone Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dell'opinione pubblica

Opinione pubblica - Lippmann
Dispensa
Comunicazione e potere - Castells
Dispensa
Democrazia in America - Toqueville
Dispensa
Opinione pubblica - Luhmann
Dispensa