Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Attualità

ta pari a circa il 5,2% annuo, mentre si prevede che quella del

petrolio e del carbone saranno 3,7 e 3,1% annuo, rispettiva-

mente.

Carbone

La frazione di carbone sul consumo totale di energia diminuirà

solo leggermente, dal 22 al 19%, giacché si attende un forte

incremento nell’uso dell’energia soprattutto in paesi, quali

Asia, Cina ed India, che si affidano pesantemente al carbone

e dove risiedono grandi risorse di questo combustibile.

Circa il 60% del carbone consumato in tutto il mondo viene im-

piegato nella generazione di energia elettrica e teoricamente,

tutta la crescita prevista nel consumo mondiale di carbone è

destinata a questo uso.

Unica eccezione a questa previsione sarà la Cina, dove il car-

bone resterà il principale combustibile per tutti i settori indu-

striali, riflettendo le abbondanti riserve nel paese e le relative

scelte di politica economica.

Nucleare

Le prospettive per l’uso dell’energia nucleare come importante

componente nella produzione di energia elettrica sono molto

incerte. Nell’Unione Europea per esempio, il commissario Ue

all’Energia, Loyola de Palacio, ha affermato che per realizzare

il protocollo di Kyoto, appena sottoscritto, il nucleare oggi è

un’opzione irrinunciabile, manifestando una tendenza contra-

ria a quella di molti Governi.

In uno scenario di tipo evolutivo e in assenza di dati più certi,

oggi ci si aspetta che la maggiore crescita nella capacità nu-

cleare sarà registrata nei Paesi in via di sviluppo, dove presu-

mibilmente il consumo di energia elettrica generato dalle cen-

trali nucleari crescerà del 4,9% annuo fra il 1999 e il 2020.

Figura 1 - Domanda mondiale di energia, per area geografica Diversamente, nel mondo industrializzato i reattori più obsoleti

e per fonte saranno dismessi e sarà pianificata la costruzione di pochi

nuovi reattori in sostituzione di essi.

menterà in tutti i settori degli usi finali, soppiantando gradual- È probabile che Francia e Giappone rappresenteranno un’ec-

mente l’uso di combustibili quali la legna. cezione a questa tendenza: in questi paesi, infatti, si attende

che numerosi nuovi reattori entrino in operazione a partire dal

Gas naturale prossimo decennio.

Il gas naturale si conferma come la fonte a crescita più rapida

nei consumi energetici mondiali. Il gas ha superato il carbone Energie rinnovabili

per la prima volta nel 1999 e, entro il 2020, ci si aspetta che lo Le “nuove energie rinnovabili” vengono oggi spesso sopravva-

supererà di circa il 44%. lutate. Si deve sapere che, a causa della bassa densità ener-

Rispetto ai consumi totali di energia la frazione di gas usato getica delle fonti rinnovabili, i rispettivi impianti di produzione

crescerà dal 23% nel 1999 al 28% nel 2020, e, certamente,

nel settore della generazione di energia guadagnerà l’incre-

mento maggiore.

Le turbine a gas a ciclo combinato costituiscono uno degli

esempi a più elevata efficienza oggi disponibile commercial-

mente. Inoltre, il gas naturale è molto interessante dal punto di

vista ambientale perché permette di garantire emissioni di

composti solforati, di ossidi di carbonio e particolato, di molto

inferiori rispetto al petrolio e al carbone.

Nel mondo industrializzato, si prevede che il gas naturale con-

tribuirà all’incremento di consumo di energia maggiormente

che tutti gli altri tipi di combustibile, diventando, soprattutto per

le ragioni ambientali e per i vantaggi economici che abbiamo

descritto, una fra le scelte preferibili per la costruzione di nuovi

impianti di generazione elettrica.

Nei Paesi in via di sviluppo, l’incremento dei consumi di gas

sarà richiesto sia per la generazione elettrica sia per gli usi in-

dustriali. In questi stessi Paesi, la crescita del consumo di gas

sarà più rapida che quella delle altre fonti: essa è stata stima- Figura 2 - Riserve delle fonti fossili MAC

- La Chimica e l’Industria - 84 RICH Magazine - Maggio 2002

12


PAGINE

3

PESO

172.78 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in chimica industriale e tecnologie del packaging
SSD:
Università: Parma - Unipr
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Chimica industriale II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parma - Unipr o del prof Moggi Pietro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Chimica industriale ii

Cracking catalitico a letto fluido
Dispensa
Parex Process
Dispensa
Steam Cracking
Dispensa
Cyclar process
Dispensa