Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Archivio selezionato: Sentenze Cassazione Civile

ESTREMI

Autorità: Cassazione civile sez. trib.

Data: 24 gennaio 2007

Numero: n. 1540

CLASSIFICAZIONE

GIUSTO PROCESSO Tempo ragionevole e riparazione per l'eccessiva durata dei processi

PROCEDIMENTO TRIBUTARIO (Nuovo) in genere

PROCEDIMENTO TRIBUTARIO (Nuovo) Procedimento in genere

PROCEDIMENTO TRIBUTARIO (Nuovo) Procedimento documenti, memorie e motivi aggiunti

Procedimento tributario (nuovo) - Procedimento - Disposizioni comuni ai vari gradi del

procedimento - Principio di non contestazione - - Fondamento. Procedimento

Applicabilità

tributario (nuovo) - Procedimento - Disposizioni comuni ai vari gradi del procedimento -

Principio di ragionevole durata del processo - - Sussistenza.

Applicabilità in materia tributaria

Procedimento tributario (nuovo) - Principio di non contestazione - Applicabilità.

INTESTAZIONE LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PRESTIPINO Giovanni - Presidente -

Dott. ZANICHELLI Vittorio - Consigliere -

Dott. CHIARINI Margherita - Consigliere -

Dott. SCUFFI Massimo - Consigliere -

Dott. DI IASI Camilla - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

G.A., elettivamente domiciliato in ROMA V.LE PARIOLI 43,

presso lo studio dell'avvocato D'AYALA VALVA FRANCESCO, che lo

rappresenta e difende, con procura speciale notarile del Not. Dr.

ZENO CICOGNA in VERONA rep. n. 363339 del 14/02/2000; - ricorrente -

contro

AMMINISTRAZIONE DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis con atto di costituzione; - resistente -

avverso la sentenza n. 33/99 della Commissione tributaria regionale

di VENEZIA, depositata il 23/02/99;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26/10/06 dal Consigliere Dott. Camilla DI IASI;

udito per il ricorrente l'Avvocato D'AYALA VALVA, che ha chiesto

l'accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CALIENDO Giacomo, che ha concluso per l'accoglimento per quanto di

ragione del secondo e terzo motivo del ricorso.

FATTO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Commissione Tributaria Regionale del Veneto, rigettando l'appello di G.A., confermava la

decisione con la quale la CTP di Verona aveva respinto il ricorso proposto dal predetto contribuente

avverso avviso di accertamento notificatogli dall'Ufficio II.DD. di Verona in rettifica della dichiarazione

relativa ad IRPEF ed ILOR per l'anno di imposta 1987.

In particolare, avendo il G. anche in appello contestato la legittimità del recupero a tassazione delle

spese di manutenzione nella parte eccedente la quota del 5% del valore dei beni, la CTR rigettava

l'impugnazione, affermando che il contribuente non aveva provato il presupposto per l'invocata

applicazione della più elevata percentuale di detraibilità delle spese di manutenzione, prevista dal

D.M. 13 del 1981 nella misura del 25/% per gli esercenti attività di autotrasporto.

Avverso questa sentenza ricorre per cassazione il G.;

l'Avvocatura Generale dello Stato ha depositato atto di costituzione.

DIRITTO

MOTIVI DELLA DECISIONE

Col primo motivo, deducendo violazione e falsa applicazione della L. n. 413 del 1991, artt. 32 e ss,

nonchè omessa pronuncia, il ricorrente rileva che l'Ufficio non avrebbe in alcun modo considerato che

l'imponibile soggetto a rettifica non era più quello indicato nella dichiarazione, bensì quello risultante

a seguito di integrazione dell'imponibile operata dal contribuente ai sensi del citato art. 32 e che

tale circostanza fu prospettata sia in primo grado che in appello.

Col secondo motivo, deducendo vizio di ultrapetizione ex art. 112 c.p.c., il ricorrente afferma che la

sua qualifica di autotrasportatore non fu mai contestata nel corso dei giudizi di merito dalla

controparte, che, anzi, l'Ufficio aveva notificato l'avviso di accertamento proprio per rettificare il

reddito di impresa derivante dall'esercizio di tale attività, e che, pertanto, sorprendentemente ed in

violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato, la CTR avrebbe confermato la

sentenza di primo grado sostenendo la mancanza di documentazione comprovante lo stato che

consente la maggiore deduzione.

Col terzo motivo, censurando la sentenza impugnata per omessa pronuncia, il ricorrente rileva che i

giudici d'appello avrebbero omesso di pronunciarsi sulla legittimità del recupero dell'Ufficio in ordine

alle spese di manutenzione eccedenti il 5% del valore dei beni, in particolare omettendo di

affrontare la questione di diritto, posta dal contribuente fin dal primo grado, della necessità di

integrazione delle disposizioni contenute nel D.P.R. n. 597 del 1973, art. 68 (prevedente al 5% il

limite di detraibilità delle spese) con le previsioni del D.M. 13 luglio 1981 (elevante al 25% il limite dei

costi deducibili per gli esercenti attività di autotrasporto).


PAGINE

3

PESO

48.36 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto Tributario tenute dal Prof. Simone Francesco Cociani nell'anno accademico 2011.
Il documento riporta il testo della sentenza n. 1540 emessa dalla Corte di Cassazione nel 2007 in cui si affrontano i seguenti argomenti: applicabilità al nuovo processo tributario del principio di non contestazione e della ragionevole durata del processo.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Tributario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Cociani Simone Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto tributario

Società di avvocati - C. Strasb. 08
Dispensa
Imposte - C. Strasburgo 2001
Dispensa
IVA - C. Strasburgo 2004
Dispensa
Contabilità irregolare - C. Strasburgo 2004
Dispensa