Che materia stai cercando?

Nozione antropologica del sentimento Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Le Annotazioni alle Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime raccolgono un composto insieme di riflessioni che Immanuel Kant trascrisse sulla sua copia personale delle Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime,... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. R. Viti Cavaliere

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La nozione antropologica del sentimento, Renata Viti Cavaliere « Filoso... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica-lm/no...

Home

«

1/10

»

Renata Viti Cavaliere » 9) La nozione

antropologica del sentimento

La nozione annotazioni alle osservazioni sul sentimento del bello e del sublime

Le Annotazioni alle Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime (Guida Editore, Napoli 2002) raccolg

Metodo zetetico-dubitativo

Anche se non è possibile individuare un filo conduttore dal punto di vista tematico, ciò che accomuna tutte le

Rousseau

Fra gli autori che più frequentemente ricorrono nel testo vi è senz'altro Rousseau, e non poche Annotazioni so

Hume

Anche se viene citato assai di rado, un altro autore che ha ispirato

Antropologia

Ricorrono di frequente

Antropologia (segu

J.-J. Rousseau. Tratta da: wikipedia In queste pagine, il sent

La centralità del co

D. Hume. Tratta da: wikipedia In diverse Annotazioni

Riflessione sulla religione

1 di 2 26/10/2011 12:49


PAGINE

2

PESO

159.27 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Le Annotazioni alle Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime raccolgono un composto insieme di riflessioni che Immanuel Kant trascrisse sulla sua copia personale delle Osservazioni sul sentimento del bello e del sublime, testo che egli pubblicò nel 1764. All'indomani della pubblicazione Kant chiese all'editore di confezionargli un esemplare del testo che fosse interfogliato: una copia, cioè, che alternasse fogli bianchi ai fogli stampati. Il filosofo cominciò allora a trascrivere le Annotazioni nelle pagine bianche, presumibilmente sino al 1766, senza mantenere un filo conduttore determinato e univoco, e senza dare a queste pagine il carattere di un diario intimista o privato. Molti dei temi e delle riflessioni affrontati nelle Annotazioni, si troveranno in forma compiuta nelle opere successive di Kant.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Viti Cavaliere Renata.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Fedro di Platone I
Dispensa
Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa