Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sommario

Indice della lezione

monopolio

perdita di benessere sociale

discriminazione di prezzo

monopolio naturale

2

Le caratteristiche del monopolio

Il monopolio è una struttura di mercato

caratterizzata da

unico venditore

esistenza di barriere insormontabili all’entrata

frammentazione della domanda

prodotto omogeneo e poco sostituibile

Anche questa è una struttura di mercato non

molto diffusa

come nel caso della concorrenza perfetta serve

come punto di riferimento 3

Le caratteristiche del monopolio

Il produttore è unico, la sua domanda è quindi

quella dell’intero mercato

il monopolista è libero di scegliere il prezzo di

vendita, ma una volta scelto il prezzo la curva di

domanda di mercato individua la quantità vendibile

le scelte di quanto produrre e a quale prezzo sono

collegate, la funzione di domanda individua il prezzo

una volta decisa la quantità prodotta

Poiché il prezzo dipende dalla quantità

prodotta, il ricavo totale, P Q, non ha più un

andamento lineare come nel caso della

concorrenza perfetta 4

Il ricavo totale

Abbiamo già visto che, al variare della quantità

prodotta, il ricavo totale prima cresce e poi si

riduce

E’ l’elasticità della domanda che determina la

relazione tra ricavo e quantità prodotta

nel tratto elastico della curva di domanda una

riduzione del prezzo provoca un incremento della

quantità domandata più che proporzionale e quindi il

ricavo aumenta

nel tratto inelastico della curva di domanda una

riduzione del prezzo provoca un incremento della

quantità domandata meno che proporzionale e

quindi il ricavo si riduce 5

Il ricavo totale

< -1

ε 0 < < -1

ε 6

Il ricavo marginale

Il ricavo marginale è l’inclinazione della curva di

ricavo totale

il ricavo marginale è quindi inizialmente positivo

si annulla in corrispondenza dell’elasticità unitaria

diventa negativo quando l’elasticità è inferiore a uno

in valore assoluto

per la prima unità prodotta il ricavo marginale è pari

al prezzo di vendita della prima unità

per le unità successive alla prima il ricavo marginale

è sempre inferiore al prezzo 7

Il ricavo marginale

Se il monopolista vende unità aggiuntive, il

ricavo totale riceve una variazione

TR = P ·Q – P ·Q

∆ 1 1 0 0

positiva per le vendite aggiuntive, P · Q

1

negativa, perché per vendere le unità addizionali il

prezzo delle unità già vendute deve essere ridotto

Q · P

0

Quindi il ricavo marginale

TR / Q = P + Q ·( P / Q )

∆ ∆ ∆ ∆

1 0

è sempre inferiore a P tranne quando Q è nullo

8

Il ricavo marginale TR = P · Q + Q · P = B- A

∆ ∆ ∆

1 0 9

Il ricavo marginale 10

Il ricavo marginale domanda lineare: P = a – b Q

ricavo marginale: RM = a – 2bQ 11

Il ricavo marginale

Il monopolista non ridurrà mai il prezzo oltre il

punto in cui il ricavo marginale diventa negativo

il monopolista opera unicamente nel tratto elastico

della curva di domanda 12

La massimizzazione del profitto

Anche per il monopolista il problema della

massimizzazione del profitto si risolve, in

termini grafici, individuando il punto nel quale

risulta massima la distanza tra due curve del

ricavo totale e del costo totale

in tale punto le pendenze delle rette tangenti alle due

curve sono identiche

Condizione di ottimo per il monopolista

costo marginale = ricavo marginale

la condizione di ottimo in concorrenza perfetta è un

caso particolare della precedente

in concorrenza ricavo marginale = prezzo

13

La massimizzazione del profitto

= TR – TC = P Q – AC Q = (P – AC ) Q

Π 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TR

TC

TR

1 Π 1

TC

1 Q

Q Q

1 2 14

La massimizzazione del profitto

Come in concorrenza perfetta, l’uguaglianza tra

costo marginale e ricavo marginale non

garantisce la massimizzazione del profitto

è una condizione necessaria ma non sufficiente

nel punto in cui MC = MR potrebbe essere

minimizzata la perdita e non massimizzato il profitto

Il monopolista deve anche verificare che

nel breve periodo il prezzo sia superiore al costo

medio variabile P > SAVC

nel lungo periodo il prezzo sia superiore al costo

medio totale P > LAC

in caso contrario la produzione viene cessata

15

La massimizzazione del profitto

Il monopolista può godere di profitti economici

positivi, cioè di extraprofitti, anche nel lungo

periodo

non esiste alcun meccanismo che garantisce

l’annullamento dei profitti come in concorrenza

perfetta 16

L’inesistenza della curva di offerta

In monopolio non esiste una curva di offerta

come in concorrenza perfetta

non è possibile trovare una relazione tra prezzo e

quantità offerta

la quantità offerta dipende dalla curva di domanda e

dalla sua elasticità

un aumento della quantità domandata provoca un

aumento della produzione ma non necessariamente

del prezzo 17

L’inesistenza della curva di offerta 18

Il potere monopolistico

In monopolio il prezzo è sempre superiore al

costo marginale, e di regola anche al costo

medio

lo scostamento tra costo marginale e prezzo è un

indicatore di potere monopolistico

IPM = ( P – MC) / P

Si può dimostrare che tanto meno elastica è la

domanda nel punto di equilibrio, tanto maggiore

è il potere monopolistico 19

Il confronto tra concorrenza e monopolio

Si supponga che un settore in concorrenza

perfetta venga monopolizzato

il monopolista acquista e controlla tutte le imprese

prima in concorrenza tra loro, continuando a

produrre lo stesso bene in tanti impianti diversi

supponiamo non si verifichino incrementi dei costi di

produzione all’aumentare della quantità prodotta

la curva di offerta di lungo periodo è quindi

orizzontale in corrispondenza del costo medio

minimo di lungo periodo

In concorrenza, nel lungo periodo il prezzo è

pari al costo medio minimo 20


PAGINE

43

PESO

649.65 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

In questo appunto vengono illustrati i temi riguardo il monopolio, come sviluppati nel corso di Economia politica dal professor Sergio Ginebri. Gli argomenti specifici sono: perdita di benessere sociale, discriminazione prezzo, monopolio naturale, concorrenza, tipi di barriere all'entrata del mercato.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Ginebri Sergio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia politica

Economia politica - Introduzione
Dispensa
Domanda offerta e elasticità
Dispensa
Produzione e costi
Dispensa
Moneta e modello IS-LM
Dispensa