Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Linear vs. Networked

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Social Computing

Il termine indica una struttura sociale in cui il potere risiede nelle comunità

Tecnologie alla base del social computing:

• Potenza di calcolo molto sviluppata

• Hardware economico

• Software che permette la connessione fra più persone

La società alla base del social computing:

• Le persone sempre più desiderose di legami sociali

• La nuova generazione sempre più tecnologicizzata

• La crescita della società globale

Cambiamenti per il mercato:

• L’innovazione dal top-down al bottom-up

• Il valore passa dal fruire di un prodotto al fruire di un’esperienza

Fonte: “Forme di produzione e consumo dei contenuti digitali” D. Bennato

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Il Web 2.0

Con il nome Web 2.0

o Internet 2.0 si intende

un generico stato di

evoluzione di Internet

e in particolare del

World Wide Web.

I propositori del termine Web 2.0 affermano che questo differisce dal concetto iniziale di web,

retroattivamente etichettato Web 1.0, perché si discosta dai classici siti web statici, dall'e-mail, dall'uso dei

motori di ricerca, dalla navigazione lineare e propone un World Wide Web più dinamico e interattivo.

Gli scettici replicano che il termine Web 2.0 non ha un vero e proprio significato, in quanto questo dipende

esclusivamente da ciò che i propositori decidono che debba significare per cercare di convincere i media e

gli investitori che stanno creando qualcosa di nuovo e migliore, invece di continuare a sviluppare le

tecnologie esistenti. Fonte: Wikipedia

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Dal Web 1.0 al Web 2.0

Web 1.0 Web 2.0

DoubleClick Google AdSense

Ofoto Flickr

Akamai BitTorrent

mp3.com Napster

Britannica Online Wikipedia

personal websites Blogging

evite upcoming.org and EVDB

domain name speculation search engine optimization

page views cost per click

screen scraping Web services

publishing Participation

content management systems Wikis

directories (taxonomy) Tagging ("folksonomy")

stickiness Syndication (RSS)

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Dal Web 1.0 al Web 2.0 Fonte: Wikipedia

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

I principi del Web 2.0…

1. The Web As Platform (Il web come piattaforma)

2. Harnessing Collective Intelligence (Architettura della partecipazione)

3. Data is the Next Intel Inside (I dati come la forza principale)

4. End of the Software Release Cycle (Perpetual Beta)

5. Lightweight Programming Models (la semplicità del web)

6. Software Above the Level of a Single Device (il software migra sulla rete)

(Contenuti generati dall’utente)

7. Rich User Experiences segue ...

Fonte: http://www.oreillynet.com/lpt/a/6228

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Il valore del Web 2.0

Potenzia la lunga coda

 (Long Tail). Amazon ed eBay hanno usato quest'idea per

costruire società che valgono miliardi su miliardi. Ecco come. Web 2.0 fornisce sia il pubblico che i servizi.

Piccoli Pezzi, Slegati.

 Il monoblocco non esiste più. Non è agile. Quello che si è costruito

non si può aggregare, non si può distribuire valore sostenibile, nè sopravvivere a lungo.

Self Service e Partecipazione.

 Incoraggiare questa visione permette di

cogliere nuovi valori nelle vostre applicazioni di web 2.0 24 ore su 24. Esempi: tagging, ranking, trackback e reputazioni.

Decentralizzazione Radicale.

 Le singole fonti di funzioni sono singole fonti di

fallimento ed oggi sono inaccettabili. Non forniscono nè la distribuzione nè il ritrovamento di contenuti di valore significativo.

Comportamento Emergente.

 Le funzioni del web 2.0 possono essere riutilizzate,

remixate, aggregate, ricercate ed il valore che ne risulta può essere nuovamente reintegrato nella vostra applicazione.

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

THE LONG TAIL (la coda lunga)

In altre parole, sul web i numeri (il fatturato e gli utili) generati dall'aggregato dei piccoli sono pari o

superiori a quelli generati dai grandi (= tanti musicisti sconosciuti possono fare guadagnare più di

Britney Spears).

in Rete salta il limite dello spazio (non c'è un limite fisico dove allocare i prodotti) e si azzera quella che possiamo definire "soglia

di distribuibilità" di un bene (non sono limitato a distribuire e/o a tenere online solo prodotti in grado di generare cospicui ritorni, ma

posso tenere, ad esempio, anche prodotti di cui vendo solamente pochi pezzi all'anno). Fonte: SKY TG24 Pianeta Internet

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

L’architettura della partecipazione

Cooperare non controllare, ma quanti partecipano?

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

Fonte: Wikipedia

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Il Contenuto Generato dall’utente (User Generated Content)

La dizione contenuto generato dagli utenti (User-Generated Content o UGC) è nata nel 2005 negli

ambienti del web publishing e dei new media per indicare il materiale disponibile sul web prodotto

da utenti invece che da società specializzate. Essa è un sintomo della democratizzazione della

produzione di contenuti multimediali reso possibile dalla diffusione di soluzioni hardware e software

semplici ed a basso costo. Il contenuto non cala (solo) dall’alto,

bensì viene prodotto e condiviso,

a basso costo, da chiunque.

Fonte: Forrester Research

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Se il web 2.0 è … User-centric: basato sul Profilo e sui Digital Asset

dell‟utente

People-centric: gli utenti sono connessi e

„garantiti‟ dal loro Social Network

Profilo Personalizzato: ogni utente organizza il proprio

spazio in base ai propri contenuti e le applicazioni

Referenze Gruppi preferite

Annunci TopList Etichettato e Ricercabile: ogni contenuto digitale

Eventi Mobcast individuale viene etichettato („tag‟) e i risultati

presentati in base all‟importanza

Contatti Semplice e Veloce: col tempo diventato una

risorsa preziosa, la velocità e la semplicità diventano

un pre-requisito di successo.

Web 2.0

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

Il Telefono Mobile è …

Personale: in confronto al web semi-personale

 Always-on

 una seconda pelle: è il solo mezzo di comunicazione che si porta sempre con sé

 (potenzialmente) abilitato al pagamento

 strumento di creatività: creazione di foto, clip, suonerie

 WEB 2.0

MOBILE 2.0?

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ

MOBILE SOCIAL NETWORKING

S U R – F S C – C M S M – A.A. 2009-2010

APIENZA NIVERSITÀ DI OMA ACOLTÀ DI CIENZE DELLA OMUNICAZIONE ATTEDRA DI OBILE ERVICES E ULTICANALITÀ


PAGINE

32

PESO

4.19 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa lezione fa riferimento al corso di Laboratorio di Mobile Services e Multicanalità tenuto dal prof. Rovelli e spiega come sia possibile parlare di Mobile Social Networking in particolare dalla convergenza di: il web 2.0 e cosa è cambiato rispetto al web 1.0, i contenuti creati dall'utente(UGC), e i servizi mobile(facebook).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in industria culturale e comunicazione digitale
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di LABORATORIO DI MOBILE SERVICES E MULTICANALITA' e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Rovelli Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Laboratorio di mobile services e multicanalita'

Tecnologie VoIP e MVNO
Dispensa
Mobile ICT solutions
Dispensa
Tlc e convergenza
Dispensa
Mobile content e internet
Dispensa