Che materia stai cercando?

Metodi irrigui

Dispensa di agronomia sui metodi irrigui, della facoltà di Agraria, Corso di laurea in tecnologie agrarie, dell'Università degli Studi di Napoli Federico II sui metodi irrigui. La dispensa presentata contiene inoltre immagini e figure dell'argomento trattato.

Esame di Agronomia docente Prof. M. Fagnano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

•richiede sistemazione temporanea (rincalzatura nel mais, ortive)

•idoneo per orticole e colture a file ( le cosiddette sarchiate)

• distanza tra solchi: 0,6 - 1 m in terreni sciolti, 1,2 - 1,5 m in terreni

argillosi (ma dipende dalla coltura)

• irrigazione sospesa quando l’acqua raggiunge il 70-80% della

lunghezza dei solchi

• Lunghezza dei solchi dipende da:

tessitura: lunghi in t. argillosi (100-200 m)

corti in t. sabbiosi (20-30 m)

portata: 0.2-0.5 l s = 100 m

-1

0.4-1 l s = 200 m

-1

i solchi devono essere più lunghi possibile per ridurre i costi di

manodopera oppure irrigazione con manichette forate economiche

(vedi dopo)

Pregi

• valorizza corpi d’acqua modesti (5-10 l s ha )

-1 -1

• localizzata:

- si possono usare acque luride o fredde (non c’è

contatto con la vegetazione)

- non favorisce malattie (non bagna la vegetazione)

• non crea asfissia

• bassi input energetici

• valorizza il lavoro (alta manodopera) e non il capitale (bassi

investimenti)

Difetti:

• molta percolazione profonda (efficienza: 0,50-0,60)

• tempi di irrigazione lunghi

• necessita di pendenza uniforme

• manodopera (lavoro sgradevole)

• necessita di portate non trascurabili per tempi lunghi

Metodi in pressione (Aspersione) a Pioggia



Possono essere adottati anche in terreni acclivi

Non è necessaria alcuna sistemazione del terreno



 in genere, poca mano d'opera

Occorre,



La distribuzione, se ben progettati, è abbastanza uniforme

ma:

 Funzionano a pressioni abbastanza alte (da 3-4 fino a 8-10 atm).



Alti costi di esercizio, anche in termini energetici



Il capitale d'acquisto è in genere piuttosto elevato



Non è localizzato (fitopatie su colture delicate, infestanti)



Il vento ne limita l’utilizzo Vantaggi:

basso costo iniziale (2-

3000 €/ha);

pressioni di esercizio

basse (minori consumi,

minori danni alla struttura

ed alle foglie, aumento

UR)

Svantaggi:

alto costo mano d’opera

per gli spostamenti.

Disposizione degli irrigatori

L’intensità non è costante nel cerchio bagnato

Maggiore all’interno che in periferia (dipende dalla regolazione

del rompigetto)

disposizione irrigatori a quadrato: Distanza (a, b) = 1,41*Raggio

a triangolo: Distanza (b) = 1,73 * Raggio

Distanza (a) = 1,5 * Raggio

SEMOVENTI

"rotoloni" : alti costi d'acquisto (15.000 €) e di esercizio

(pressioni di 10 e più atm; mano d’opera).

Intensità di pioggia alta (danni alla struttura del terreno, alle

foglie)

Tara (5% della superficie non coltivata)

riservata al viale dove corre l’aspersore

Sarebbe meglio avere una pompa apposta e non utilizzare il motore del

trattore per pompare l’acqua

Sprechi di acqua sono

inevitabili soprattutto se c’è

vento

(minore efficienza)

Le goccioline evaporano

soprattutto quando fa più

caldo

(minore efficienza) SISTEMA DI REGOLAZIONE

1) Si regola la pressione di entrata dell’acqua nella macchina

2) Si regola la velocità di avanzamento

 

Per un dato tubo ( mm x lungh. m

) e un dato boccaglio ( mm ) = Volume irrigaz.

Pivot (a perno centrale) e Rainger (ad avanzamento frontale):

altissimi costi d’acquisto (150.000 €), ma bassi costi di

esercizio.

Appezzamenti irrigati con pivot centrale

L’acqua arriva alle colture dall’alto in forma di pioggia

Pregi:

•impiegabile in qualunque condizione (terreni declivi, irregolari,

accidentati)

•non necessita di sistemazioni

•assenza di tare (affossatura)

•impiegabile anche in terreni molto permeabili

•riscaldamento delle gocce d’acqua durante la caduta

•abbinabile a altre funzioni:

•fertirrigazione

•irrigazione antibrina

•alta efficienza (0,75 - 0,85)

•possibilità ampie di regolazione dell’intervento

Difetti:

•forte investimento iniziale

•compattamento e erosione del terreno

•costi di manutenzione

•costi energetici (pompe)

•perdite per evaporazione (tanto più le gocce sono piccole)

•perdite per intercettazione (fino a 5 mm)

•non utilizzabile con acque torbide, luride, saline

•Problemi nell’organizzazione del lavoro

es.

QUANDO C’E’ VENTO NON E’ CONSIGLIABILE

ASPETTARE IL MOMENTO OPPORTUNO

(spesso il pomeriggio o la sera)

Metodi irrigui in pressione: IRRIGAZIONE

LOCALIZZATA O MICROIRRIGAZIONE

La microirrigazione è caratterizzata

da:

- Localizzazione dell’acqua vicino le

piante

- Elevata frequenza degli interventi

- Lunghi tempi di erogazione dell’acqua

- Bassa pressione di esercizio degli

impianti GOCCIOLATORI

Gocciolatore in-line a moto laminare (a labirinto)

Gocciolatore on-line a moto laminare


PAGINE

53

PESO

28.79 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Agronomia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze e tecnologie agrarie
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher darksoul98 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Agronomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Fagnano Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Agronomia

Agronomia ed ecologia agraria
Dispensa
Sistemazioni del Terreno
Dispensa
minerali nelle piante
Dispensa
Lavorazioni
Dispensa