Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dal punto di vista dell’età, le lingue considerate sono utilizzate per studiare soprattutto dalle persone tra

i 6 e i 24 anni (oltre l’80% per l’inglese e oltre il 60% per il francese, tedesco, spagnolo o altra lingua).

Considerando, infine, l’utilizzo per lavoro si nota che sia il francese sia l’inglese sono utilizzati

maggiormente dai dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (rispettivamente 32,2% e 64,6%).

Inoltre, il 59% dei direttivi, quadri e impiegati usa l’inglese per lavorare rispetto al 41,4% dei lavoratori

in proprio e al 30,2% degli operai (Tavola 10).

Tavola 10. Persone di 15 anni e più che conoscono almeno una lingua straniera per tipo di lingua conosciuta, contesto di utilizzo

e condizione occupazionale. Anno 2006 (per 100 persone con le stesse caratteristiche che conoscono almeno una lingua

straniera) Inglese (a) Francese (b) Tedesco, spagnolo o altra lingua (c)

CONDIZIONE E POSIZIONE Nel Con Nel Con Nel Con

NELLA PROFESSIONE Studiare Lavorare tempo amici, Studiare Lavorare tempo amici, Studiare Lavorare tempo amici,

libero parenti libero parenti libero parenti

Occupati 19,9 51,6 42,4 22,3 8,2 23,7 26,2 16,8 13,4 52,9 60,5 54,6

Imprenditori, Liberi professionisti 26,2 64,6 48,6 23,3 11,4 32,2 35,3 17,4 17,6 56,2 65,7 53,0

Dirigenti,

Direttivi, Quadri, Impiegati 22,9 59,0 45,4 23,4 11,1 28,0 29,2 16,9 20,6 48,7 57,2 47,3

Operai, Apprendisti 12,4 30,2 34,4 19,9 4,5 13,5 19,2 16,1 8,9 56,1 63,5 61,2

Lavoratori in proprio e Coadiuvanti 11,0 41,4 35,0 20,5 3,6 23,0 22,3 17,2 8,8 48,6 52,9 49,7

In cerca di nuova occupazione 23,2 26,2 40,5 29,7 9,3 10,4 27,8 26,4 7,8 34,2 51,8 52,8

prima occupazione

In cerca di 46,4 16,5 38,9 24,3 25,8 8,7 28,4 21,7 19,1 14,8 68,0 63,5

Casalinghe 12,5 - 32,6 25,7 4,2 - 22,1 19,8 8,3 - 55,5 56,2

Studenti 90,1 - 44,3 31,3 76,1 - 34,4 26,8 79,7 - 66,8 55,7

Ritirati dal lavoro 10,9 9,0 41,8 26,1 4,1 3,0 27,3 19,0 4,2 8,6 36,7 40,5

Altra condizione 35,1 - 44,9 27,5 8,8 - 27,2 21,4 13,1 - 46,1 62,8

32,8 42,0 24,9 11,6 14,0 26,5 18,7 15,8 31,4 55,5 52,8

Totale 34,4

(a) Per 100 persone di 15 anni e più che conoscono meglio l'inglese

(b) Per 100 persone di 15 anni e più che conoscono meglio il francese.

(c) Per 100 persone di 15 anni e più che conoscono meglio il tedesco, lo spagnolo o altra lingua

Livelli di conoscenza delle lingue straniere ancora bassi, ma maggiori tra donne, giovani e laureati

L’indagine del 2006 prevede diverse domande che permettono di monitorare i livelli di conoscenza delle

lingue straniere a partire da una valutazione soggettiva degli intervistati.

Considerando la lingua conosciuta meglio, il 7,6% degli intervistati che parlano almeno una lingua

straniera ritengono di avere un livello di competenza ottimo, il 24,3% un livello buono, il 37,7% ritiene

di avere un livello di competenza sufficiente e il 30,4% scarso. Sommando coloro che ritengono di avere

un livello di competenza buono o ottimo, si nota che tale quota è più elevata tra le donne (34%) rispetto

agli uomini (29,9%) e tra i giovani di 25-34 anni (34,1%) (Tavola 11). Forti le differenze legate al titolo

di studio: tra i laureati la quota di coloro che ritengono di avere un livello di competenza buono o ottimo

è del 58,3% rispetto al 33,2% dei diplomati e al 22,8% delle persone con la licenza media.

Le persone intervistate dichiarano, dunque, un livello di conoscenza delle lingue straniere abbastanza

modesto. Per l’inglese il livello di conoscenza è scarso per più del 30% degli intervistati. La quota di

persone che dichiarano una conoscenza ottima dell’inglese è ristretta, il 5,7%, mentre il 23,6% dichiara

un buon livello di conoscenza. (Tavola 11).

Sono le donne ad avere, per tutte le lingue considerate, un livello di conoscenza delle lingue straniere

buona o ottima superiore a quello degli uomini: parla un inglese buono o ottimo il 31,1% delle donne

contro il 27,7% degli uomini.

Il titolo di studio influenza considerevolmente il livello di conoscenza dell’inglese. Tra i laureati coloro

che hanno una conoscenza ottima dell’inglese sono il 14,7% rispetto al 5,5% dei diplomati, al 3% di chi

ha la licenza media e al 2,6% delle persone con la licenza elementare.

10

Tavola 11. Persone di 6 anni e più per tipo di lingua straniera conosciuta, livello di conoscenza, sesso e classe d'età. Anno 2006

(per 100 persone con le stesse caratteristiche)

Livello di conoscenza della lingua meglio Livello di conoscenza dell'inglese (b) Livello di conoscenza del francese (c)

conosciuta (a)

CLASSI DI ETÀ Scarsa Sufficiente Buona Ottima Scarsa Sufficiente Buona Ottima Scarsa Sufficiente Buona Ottima

MASCHI

6-24 27,9 41,9 25,3 4,9 29,3 43,0 23,8 3,9 37,4 43,5 17,5 1,6

25-34 26,0 39,9 26,3 7,8 27,3 40,7 25,9 6,1 40,9 41,2 14,7 3,2

35-44 33,1 36,2 22,9 7,8 34,5 37,5 22,2 5,9 44,2 36,7 15,2 3,9

45-54 36,3 36,5 20,4 6,8 38,0 36,6 20,0 5,4 48,3 35,7 12,4 3,5

55-64 38,2 35,0 20,2 6,6 44,1 33,1 18,0 4,8 46,0 35,8 14,6 3,6

più 40,0 34,1 18,4 7,5 43,4 33,1 15,9 7,5 42,5 36,5 16,1 4,8

65 e 38,2 23,2 6,7 33,0 39,3 22,5 5,2 43,1 38,5 15,1 3,3

Totale 31,9 FEMMINE

6-24 22,7 36,2 32,9 8,2 24,7 38,9 30,6 5,7 24,0 39,6 31,3 5,1

25-34 21,5 38,7 29,2 10,5 23,9 40,5 27,4 8,2 29,2 43,8 21,1 5,9

35-44 30,2 38,8 22,9 8,1 33,2 39,7 21,6 5,5 37,0 42,3 15,9 4,8

45-54 38,0 37,2 18,2 6,6 41,6 37,4 16,0 5,0 44,8 38,3 13,6 3,3

55-64 39,7 34,1 17,8 8,4 48,6 32,5 12,2 6,7 43,8 34,8 17,0 4,5

più 38,8 35,0 16,8 9,4 40,3 32,6 18,7 8,3 44,9 35,0 13,8 6,3

65 e 37,2 25,5 8,5 30,2 38,7 24,8 6,3 35,4 39,9 19,8 4,9

Totale 28,8 MASCHI E FEMMINE

6-24 25,3 39,1 29,1 6,6 27,0 40,9 27,2 4,8 29,9 41,4 25,2 3,5

25-34 23,6 39,3 27,9 9,2 25,5 40,6 26,7 7,2 34,1 42,7 18,4 4,8

35-44 31,7 37,5 22,9 7,9 33,8 38,6 21,9 5,7 40,3 39,8 15,5 4,4

45-54 37,1 36,8 19,3 6,7 39,7 37,0 18,2 5,2 46,4 37,1 13,1 3,4

55-64 38,9 34,6 19,1 7,4 46,0 32,8 15,6 5,6 45,0 35,3 15,7 4,0

più 39,5 34,5 17,7 8,3 42,3 32,9 17,0 7,8 43,6 35,8 15,0 5,5

65 e 37,7 24,3 7,6 31,6 39,0 23,6 5,7 39,0 39,2 17,6 4,2

Totale 30,4

(a) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono almeno una lingua straniera

(b) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono l'inglese.

(c) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono il francese.

La conoscenza delle lingue straniere non è uniforme sul territorio nazionale. Sono in misura maggiore i

cittadini del Centro-nord a dichiarare di conoscere l’inglese (quasi un cittadino su due) mentre nel Sud e

nelle Isole la quota di individui che conosce l’inglese scende rispettivamente al 37,8% e al 39,2%.

Anche il livello di conoscenza dell’inglese è disomogeneo sul territorio: una ottima o buona conoscenza

è dichiarata da più del 30% degli individui del Centro-nord contro solo il 24% degli individui del Sud e

delle Isole. Le regioni dove sono più alte le percentuali di coloro che hanno una scarsa conoscenza

dell’inglese sono la Puglia (36,9%), la Sicilia (36,5%), l’Umbria (35,3%), le Marche (34,9%), la Liguria

(34,6%) e l’Abruzzo (34,4%). 11

Tavola 12. Persone di 6 anni e più per tipo di lingua straniera conosciuta, livello di conoscenza, regione, ripartizione geografica e

tipo di comune. Anno 2006 (composizione percentuale)

Livello di conoscenza della Livello di conoscenza dell'inglese Livello di conoscenza del francese

lingua meglio conosciuta

Di cui (b) Di cui (c) Di cui (d)

TERRITORIO Si (a) Si (a) Si (a)

Suffi- Suffi- Suffi-

Scarsa Buona Ottima Scarsa Buona Ottima Scarsa Buona Ottima

ciente ciente ciente

REGIONI 61,8 28,2 38,9 25,6 7,3 44,3 31,1 37,8 25,4 5,8 40,2 35,3 40,1 19,8 4,7

Piemonte 84,9 13,0 37,2 43,4 6,4 44,3 28,3 38,6 31,0 2,1 82,2 13,5 39,5 41,5 5,4

Valle d'Aosta 64,0 28,9 34,8 27,1 9,2 49,0 28,0 37,7 26,6 7,6 34,4 38,5 38,3 18,2 4,9

Lombardia 75,1 22,7 30,3 27,3 19,7 39,8 29,9 38,5 26,1 5,5 11,3 37,5 35,3 21,9 5,4

Trentino-Alto Adige 10,9 38,4 38,6 20,6 2,4

90,4 15,5 25,3 27,6 31,6 42,4 31,5 38,0 23,3 7,2

- Bolzano - Bozen 60,5 30,2 35,5 27,0 7,3 37,4 28,3 38,9 29,2 3,6 11,6 36,6 32,4 23,0 8,0

- Trento 62,6 33,8 34,2 25,7 6,2 46,8 33,3 37,6 24,4 4,6 31,7 46,2 33,3 17,5 3,0

Veneto 63,6 26,6 36,2 28,2 9,0 50,0 28,5 37,5 28,4 5,6 23,8 35,8 38,7 18,9 6,6

Friuli-Venezia Giulia 57,9 31,7 36,7 24,2 7,4 44,3 34,6 38,1 22,4 4,9 32,6 41,3 37,0 18,7 3,0

Liguria 58,8 30,3 37,4 23,9 8,4 45,7 32,3 37,5 24,3 5,9 31,2 37,5 40,5 18,0 4,0

Emilia-Romagna 53,6 28,1 36,1 27,5 8,3 41,9 30,7 37,1 26,1 6,1 25,8 34,2 41,5 20,5 3,8

Toscana 57,6 32,5 35,8 24,4 7,3 42,6 35,3 36,3 23,1 5,3 30,5 45,2 34,7 15,9 4,2

Umbria 56,3 34,2 37,9 21,3 6,6 41,9 34,9 38,7 21,0 5,4 29,4 46,0 35,9 14,5 3,5

Marche 59,5 26,1 38,2 26,5 9,1 50,5 28,2 38,6 25,6 7,6 28,7 37,5 40,6 17,9 4,1

Lazio 53,2 32,6 43,5 18,1 5,8 39,2 34,4 45,0 16,4 4,1 28,6 44,1 40,5 12,8 2,6

Abruzzo 46,0 30,0 34,8 30,1 5,1 35,1 27,4 39,5 29,5 3,6 20,1 42,5 35,4 19,2 2,9

Molise 46,8 33,4 41,1 20,4 5,0 37,9 33,5 42,0 20,7 3,9 22,1 42,9 38,4 14,9 3,9

Campania 50,4 34,6 39,0 20,1 6,3 40,4 36,9 40,1 18,5 4,5 22,8 37,7 38,1 18,1 6,0

Puglia 53,8 29,9 47,0 18,4 4,7 38,8 29,3 47,6 18,9 4,2 32,8 34,8 47,7 14,8 2,7

Basilicata 45,0 26,1 43,9 23,6 6,4 31,9 27,2 44,9 22,2 5,7 26,3 34,4 46,6 16,8 2,3

Calabria 49,1 35,7 39,5 19,2 5,6 38,8 36,5 39,9 19,0 4,7 23,0 39,4 41,6 15,0 4,0

Sicilia 58,3 28,9 43,8 21,5 5,7 40,3 32,5 42,4 21,3 3,8 35,1 39,5 43,0 14,0 3,6

Sardegna 56,9 30,4 37,7 24,3 7,6 43,6 31,6 39,0 23,6 5,7 29,1 39,0 39,2 17,6 4,2

Italia

RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE 62,9 28,8 36,1 26,6 8,5 47,2 29,5 37,8 25,9 6,8 36,2 37,3 38,8 19,2 4,7

Italia nord-occidentale 62,4 30,7 35,2 25,5 8,6 46,1 32,1 37,6 25,0 5,3 28,9 41,4 36,8 18,0 3,8

Italia nord-orientale 57,0 28,3 37,3 26,0 8,4 46,0 30,3 38,0 25,0 6,7 28,0 38,4 39,7 18,0 3,9

Italia centrale 48,5 32,5 41,2 20,6 5,6 37,8 33,5 42,2 19,9 4,3 23,9 39,8 40,3 15,9 4,0

Italia meridionale 51,4 33,8 40,7 19,8 5,6 39,2 35,5 40,5 19,6 4,4 26,0 39,5 42,0 14,6 3,9

Italia insulare 56,9 30,4 37,7 24,3 7,6 43,6 31,6 39,0 23,6 5,7 29,1 39,0 39,2 17,6 4,2

Italia

TIPI DI COMUNE 61,1 26,4 36,1 25,9 11,6 50,8 28,4 37,2 25,3 9,0 31,5 37,6 39,7 17,3 5,4

Comune centro dell'area metropolitana 57,9 30,9 38,6 24,2 6,3 46,3 32,0 40,0 23,1 4,9 28,0 39,6 39,4 16,9 4,1

Periferia dell'area metropolitana 52,8 30,4 37,3 25,0 7,3 36,7 32,2 38,6 25,4 3,9 32,1 38,7 35,5 21,4 4,4

Fino a 2.000 abitanti 55,1 30,3 37,8 24,7 7,2 39,1 30,6 39,8 24,2 5,4 30,3 39,5 38,9 17,8 3,8

Da 2.001 a 10.000 abitanti 54,5 31,8 38,7 23,1 6,3 41,3 33,0 40,0 22,4 4,6 27,4 40,2 39,2 17,1 3,6

Da 10.001 a 50.000 abitanti 60,2 31,8 37,1 23,9 7,3 47,8 33,8 37,8 22,8 5,7 27,6 37,4 40,7 17,4 4,4

50.001 abitanti e più 56,9 30,4 37,7 24,3 7,6 43,6 31,6 39,0 23,6 5,7 29,1 39,0 39,2 17,6 4,2

Italia

(a) Per 100 persone di 6 anni e più

(b) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono almeno una lingua straniera

(c) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono l'inglese.

(d) Per 100 persone di 6 anni e più che conoscono il francese.

Conversare e scrivere le capacità meno diffuse

Il 45,2% degli intervistati che conosce almeno una lingua straniera dichiara di avere una capacità nulla o

scarsa di tenere una conversazione e il 40,6% di avere una capacità nulla o scarsa di scrivere nella lingua

straniera che conosce meglio.

Il livello più alto di competenza si riscontra per la comprensione quando si legge (dichiarano un livello

buono il 24,4% degli intervistati e un livello ottimo l’8,9%), seguito dalla comprensione quando si

ascolta (21,6% dichiara un buon livello e il 7,7% un livello ottimo). Inferiore, invece, la quota di

persone che ritiene di essere in grado di scrivere ad un livello buono (19%) o ottimo (6,9%), mentre i

livelli più bassi di competenza si registrano per la capacità di tenere una conversazione con il 16,7%

degli intervistati che dichiara un livello buono e il 7,1% un livello ottimo (Tavola 13).

12

Tavola 13. Persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere per tipo di abilità nella lingua straniera meglio

conosciuta, sesso e classe d'età. Anno 2006 (per 100 persone con le stesse caratteristiche che conoscono una o più lingue

straniere) Comprensione quando legge Comprensione quando ascolta

CLASSI DI ETÀ Nulla Scarsa Sufficiente Buona Ottima Nulla Scarsa Sufficiente Buona Ottima

MASCHI

6-24 4,2 24,1 39,1 24,7 5,8 5,2 27,8 38,9 21,4 4,6

25-34 3,4 22,3 37,1 25,8 9,3 3,7 25,5 38,1 22,8 7,8

35-44 4,3 26,8 34,3 22,7 9,3 4,1 30,1 34,4 20,4 8,4

45-54 4,2 28,4 35,5 20,6 8,1 4,6 32,3 34,2 19,0 6,8

55-64 6,2 29,7 33,4 21,0 7,2 5,1 33,8 32,0 19,7 6,8

più 10,0 27,9 32,5 17,7 8,7 5,4 31,9 34,0 17,9 7,1

65 e 25,9 36,1 22,9 7,9 4,6 29,5 36,0 20,6 6,7

Totale 4,7 FEMMINE

6-24 3,0 18,3 36,7 31,6 8,6 4,0 21,4 36,8 28,3 7,4

25-34 2,2 16,7 36,6 29,9 12,4 2,7 21,2 37,1 26,3 10,6

35-44 2,9 23,5 37,4 23,6 10,4 4,1 29,3 35,0 20,5 8,7

45-54 3,7 28,4 37,8 19,4 8,2 5,4 33,4 34,6 16,0 7,8

55-64 5,4 28,9 31,9 20,9 9,3 5,7 33,6 31,8 16,4 8,9

più 7,5 27,1 32,7 18,4 9,5 4,3 33,6 32,3 15,3 9,7

65 e 22,1 36,3 25,9 9,8 4,1 26,7 35,4 22,5 8,7

Totale 3,4 MASCHI E FEMMINE

6-24 3,6 21,2 37,9 28,1 7,2 4,6 24,6 37,9 24,8 6,0

25-34 2,8 19,4 36,9 27,9 10,9 3,1 23,2 37,6 24,7 9,2

35-44 3,6 25,2 35,9 23,2 9,8 4,1 29,7 34,7 20,5 8,5

45-54 3,9 28,4 36,6 20,0 8,2 5,0 32,8 34,4 17,5 7,3

55-64 5,9 29,3 32,8 21,0 8,1 5,3 33,7 31,9 18,2 7,7

più 8,9 27,6 32,6 18,0 9,1 4,9 32,6 33,3 16,7 8,3

65 e 24,0 36,2 24,4 8,9 4,4 28,1 35,7 21,6 7,7

Totale 4,1

Capacità di tenere una conversazione Capacità di scrittura

CLASSI DI ETÀ Nulla Scarsa Sufficiente Buona Ottima Nulla Scarsa Sufficiente Buona Ottima

MASCHI

6-24 13,9 32,1 32,3 15,6 3,8 8,4 27,1 36,9 20,2 4,7

25-34 11,1 29,6 31,3 18,0 7,6 9,5 28,7 33,1 18,8 7,1

35-44 14,2 31,5 26,5 17,2 8,0 13,1 32,3 28,9 16,7 6,3

45-54 14,0 35,5 25,7 15,0 6,5 15,7 35,9 24,6 14,7 5,8

55-64 16,8 34,3 24,2 15,8 6,2 17,8 35,1 25,9 13,0 5,4

65 e più 18,1 32,4 25,7 13,7 6,6 24,9 31,0 22,1 11,7 6,5

32,3 28,6 16,1 6,2 13,0 30,9 30,4 17,0 5,8

Totale 14,1 FEMMINE

6-24 12,4 25,7 31,2 22,1 6,5 6,4 21,1 35,0 27,9 7,1

25-34 10,3 26,4 31,1 19,9 9,8 6,7 23,2 32,8 24,5 10,2

35-44 14,4 31,8 27,8 15,8 8,0 11,1 28,4 31,1 19,0 7,9

45-54 18,9 33,9 24,5 12,3 7,5 14,6 33,4 27,6 14,1 7,1

55-64 21,3 33,1 21,4 11,5 8,7 19,1 32,8 22,6 13,0 8,2

65 e più 18,3 32,6 23,0 12,1 9,0 22,4 29,9 21,3 12,8 8,3

29,5 28,1 17,3 8,0 10,8 26,5 30,7 21,0 8,1

Totale 14,5 MASCHI E FEMMINE

6-24 13,2 28,9 31,8 18,8 5,1 7,4 24,1 35,9 24,1 5,9

25-34 10,7 27,9 31,2 19,0 8,8 8,1 25,8 33,0 21,8 8,7

35-44 14,3 31,6 27,2 16,5 8,0 12,1 30,3 30,0 17,9 7,1

45-54 16,4 34,8 25,1 13,7 7,0 15,1 34,6 26,0 14,4 6,4

55-64 18,8 33,8 23,0 13,9 7,3 18,4 34,1 24,4 13,0 6,6

65 e più 18,2 32,5 24,5 12,9 7,7 23,8 30,5 21,7 12,2 7,3

30,9 28,3 16,7 7,1 11,9 28,7 30,5 19,0 6,9

Totale 14,3

Anche in questo caso sono le donne a dichiarare dei livelli di competenza superiori a quelli degli uomini

per tutte le abilità indagate. Il 35,7% delle donne dichiara una capacità di lettura buona o ottima rispetto

al 30,8% degli uomini e anche rispetto alla capacità di scrittura le differenze sono forti (il 29,1% delle

donne dichiara di saper scrivere bene o ottimamente rispetto al 22,8% degli uomini).

13

Dal punto di vista dell’età sono le persone tra i 25 e i 34 anni ad avere i livelli di competenza più alti per

tutte le abilità indagate, mentre fino ai 14 anni la quota di ragazzi che ritiene di avere livelli di

competenza buoni o ottimi è decisamente inferiore alla media. (Tavola 33 in allegato).

Il titolo di studio è la variabile che influenza in modo preponderante il livello di competenza delle lingue

straniere per tutte le abilità esaminate. Il 62,6% dei laureati leggono nella lingua straniera che conoscono

meglio in modo buono o ottimo a fronte del 35,5% dei diplomati e del 22,8% delle persone con la

licenza elementare o nessun titolo. Analogamente il 44,3% dei laureati è capace di tenere una

conversazione in modo buono o ottimo, mentre tra i diplomati tale quota è del 24,1% e tra le persone

con la licenza elementare o nessun titolo è solo del 17,9% (Figura 2).

Figura 2. Persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere per tipo di abilità nella lingua straniera meglio

conosciuta e titolo di studio. Anno 2006 (per 100 persone con le stesse caratteristiche che conoscono una o più lingue

straniere) Comprensione quando legge Comprensione quando ascolta

62,6 51,3

27,7

Laurea 32,1

Laurea

8,2 15,0

35,5 29,7

40,9

Diploma superiore 38,8

Diploma superiore

Buona o ottima Buona o ottima

21,5 29,2

Sufficiente Sufficiente

23,6 22,4

Nulla o scarsa Nulla o scarsa

36,0

Licenza media 34,5

Licenza media

37,3 39,9

22,8 23,7

Licenza Licenza

32,4 33,9

elementare elementare

41,9 39,4

0 10 20 30 40 50 60 70 0 10 20 30 40 50 60 70

Capacità di tenere una conversazione Capacità di scrittura

44,3 50,0

30,7

Laurea 30,2

Laurea

23,6 18,1

24,1 26,6

31,6

Diploma superiore 34,8

Diploma superiore

Buona o ottima Buona o ottima

42,0 35,9

Sufficiente Sufficiente

18,0 18,7

Nulla o scarsa Nulla o scarsa

25,4

Licenza media 26,9

Licenza media

53,4 50,8

17,9 18,7

Licenza Licenza

24,7 28,0

elementare elementare

54,1 49,7

0 10 20 30 40 50 60 70 0 10 20 30 40 50 60 70

Infine, considerando il giudizio complessivo espresso dagli intervistati, si conferma l’idea che in Italia

prevale un livello piuttosto elementare di conoscenza delle lingue straniere. La maggior parte delle

persone che conoscono almeno una lingua straniera ha dichiarato, infatti, di comprendere ed usare

espressioni comuni e di saper usare la lingua straniera in situazioni familiari (55,9%), il 24,8% di

comprendere le linee generali di un discorso e di saper produrre un semplice testo e di saper comunicare

abbastanza fluentemente e solo l’9,1% ha dichiarato di saper comprendere un'ampia gamma di testi

anche impegnativi e di utilizzare la lingua straniera in modo flessibile e con piena padronanza (Tavola

14).

Anche in questo caso si conferma che sono le donne, i giovani e i laureati ad avere un livello di

conoscenza delle lingue straniere più elevato di quello degli uomini, a tutte le età, anche se le differenze

sono contenute. 14

Tavola 14. Persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere per giudizio complessivo sul livello di conoscenza

della lingua straniera meglio conosciuta, sesso e classe d'età. Anno 2006 (composizione percentuale)

Comprendo un'ampia gamma

Comprendo ed uso le Comprendo le linee generali di testi anche impegnativi e

espressioni più comuni e so di un discorso, so produrre un Non

CLASSI DI ETÀ utilizzo la lingua straniera in Non so Totale

usare la lingua straniera in semplice testo e comunicare indicato

modo flessibile e con piena

situazioni familiari abbastanza fluentemente padronanza

MASCHI

6-24 57,6 24,9 5,9 8,4 3,3 100,0

25-34 53,3 27,4 10,5 6,0 2,8 100,0

35-44 56,0 25,9 9,9 5,1 3,1 100,0

45-54 58,0 22,3 9,5 6,2 4,0 100,0

55-64 61,5 21,4 8,0 6,2 3,0 100,0

più 61,6 17,9 7,1 9,0 4,4 100,0

65 e

Totale 57,2 24,2 8,4 6,8 3,3 100,0

FEMMINE

6-24 49,7 30,9 8,6 7,7 3,1 100,0

25-34 49,2 29,4 12,5 5,6 3,2 100,0

35-44 57,1 23,6 9,9 6,3 3,1 100,0

45-54 60,8 19,9 8,8 7,3 3,3 100,0

55-64 60,7 18,6 8,5 8,3 4,0 100,0

più 60,7 16,8 8,6 8,2 5,6 100,0

65 e

Totale 54,5 25,4 9,7 7,0 3,4 100,0

MASCHI E FEMMINE

6-24 53,6 27,9 7,2 8,1 3,2 100,0

25-34 51,1 28,5 11,6 5,8 3,0 100,0

35-44 56,6 24,7 9,9 5,7 3,1 100,0

45-54 59,4 21,2 9,2 6,7 3,6 100,0

55-64 61,1 20,1 8,2 7,1 3,4 100,0

65 e più 61,2 17,4 7,8 8,6 4,9 100,0

Totale 55,9 24,8 9,1 6,9 3,3 100,0

Le modalità di apprendimento delle lingue straniere

La scuola è di gran lunga il principale canale di apprendimento delle lingue straniere (85,8%), seguono i

soggiorni all’estero (17,6%) e la frequentazione di corsi e/o lezioni non scolastici (10,8%). Il 7,9%

dichiara di aver appreso la lingua straniera che conosce meglio studiando da solo con libri, dispense,

CD, DVD, ecc. Residuale la quota di persone che dichiara di aver appreso la lingua straniera che

conosce meglio mediante canali di apprendimento informali come la famiglia di origine (4,4%), gli

amici (4,1%), il coniuge, il fidanzato o il partner (1,6%) (Figura 3).

Figura 3. Persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere per modalità di apprendimento della lingua straniera

meglio conosciuta. Anni 2000, 2006 (per 100 persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere)

82,7

A scuola 85,8

15,6

Durante soggiorni all'estero 17,6

Frequentando lezioni, corsi non 7,8

scolastici 10,8

4,8

Studiando da solo 7,9

4,5

Dalla famiglia di origine 4,4 2000

2006

3,1

Altro 4,1

2,0

Dagli amici 4,1

1,1

Dal coniuge, partner, fidanzato/a 1,6

0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100

15

Non si rilevano differenze significative tra uomini e donne, mentre dal punto di vista dell’età si segnala

che il ricorso alle lezioni private e ai soggiorni all’estero come canale di apprendimento delle lingue

straniere è più elevato tra le persone a partire dai 25 anni. Fino a 24 anni, invece, è la scuola a

rappresentare il canale quasi esclusivo di insegnamento delle lingue straniere (oltre il 94%).

Oltre alla scuola, che distribuisce omogeneamente le opportunità di conoscenza di una lingua straniera

su tutto il territorio, nel Nord-ovest nel Nord-est e nel Centro prevale, rispetto ad altre zone del paese,

l’apprendimento della lingua straniera durante i soggiorni estivi (rispettivamente 19,5%, 18,2% e

19,9%) e frequentando lezioni e corsi non scolastici (rispettivamente 11,7%, 12,2% e 13,1%). Viceversa

al Sud e nelle Isole la frequenza di corsi extrascolastici e l’apprendimento durante i soggiorni all’estero

coinvolgono una quota minore di popolazione: in particolare i valori più bassi di partecipazione a lezioni

non scolastiche si riscontrano in Puglia (5%), Basilicata (5,1%), Calabria (6,2%) e Abruzzo (6,6%)

mentre i valori più bassi per i soggiorni all’estero riguardano la Basilicata (11,4%), la Puglia (12,7%) e

la Sicilia (13,6%) (Tavola 15).

Tavola 15. Persone di 6 anni e più che conoscono una o più lingue straniere per modalità con cui hanno appreso la lingua meglio

conosciuta, regione, ripartizione geografica e tipo di comune. Anno 2006 (per 100 persone di 6 anni e più della stessa

zona che conoscono una o più lingue straniere) Frequen- Studiandola

Dal

Dalla tando Durante da solo/a

Dagli coniuge, A

TERRITORIO famiglia lezioni, soggiorni (libri, dispense, Altro

amici partner, scuola

di origine corsi non all'estero videocassette,

fidanzato/a scolastici Cd-Rom)

REGIONI 4,8 6,0 2,1 84,7 10,0 19,6 6,7 3,7

Piemonte 7,7 5,6 1,4 90,8 8,1 15,5 6,7 2,0

Valle d'Aosta 4,5 4,4 1,7 85,7 12,5 19,9 7,5 4,1

Lombardia 12,2 10,5 4,0 84,8 11,4 13,3 8,7 13,0

Trentino-Alto Adige 16,5 15,2 5,2 86,9 9,9 8,3 8,5 17,1

- Bolzano - Bozen 6,2 3,9 2,4 81,8 13,5 20,6 9,1 7,2

- Trento 3,9 4,9 1,4 86,8 10,2 18,4 9,7 4,8

Veneto 5,9 7,0 3,2 83,9 15,5 18,4 9,6 6,7

Friuli-Venezia Giulia 4,2 5,7 1,2 83,5 11,1 17,2 10,0 5,4

Liguria 4,7 4,0 1,8 87,4 13,7 19,3 7,2 4,1

Emilia-Romagna 5,2 4,2 2,5 86,0 11,5 17,2 5,3 5,5

Toscana 3,1 2,8 1,6 87,4 8,3 16,8 8,1 4,9

Umbria 4,2 1,9 1,4 87,5 8,7 16,3 7,4 4,6

Marche 5,8 3,4 1,8 84,6 16,1 23,0 11,7 3,9

Lazio 7,0 3,1 1,2 82,2 6,6 16,1 5,3 4,8

Abruzzo 5,8 3,8 2,0 85,1 7,0 17,2 6,3 2,6

Molise 2,6 2,9 1,1 85,8 8,7 14,7 7,5 2,6

Campania 2,3 3,3 1,4 86,8 5,0 12,7 7,9 3,4

Puglia 2,5 1,3 0,6 89,0 5,1 11,4 5,6 2,2

Basilicata 4,1 3,1 1,2 86,2 6,2 14,9 6,6 2,8

Calabria 3,4 2,4 0,8 86,8 8,6 13,6 6,5 2,8

Sicilia 2,9 2,8 1,3 84,9 8,7 14,9 9,4 2,5

Sardegna 4,4 4,1 1,6 85,8 10,8 17,6 7,9 4,1

Italia

RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE 4,6 5,0 1,7 85,3 11,7 19,5 7,5 4,1

Italia nord-occidentale 5,3 5,4 2,0 86,5 12,2 18,2 8,7 5,6

Italia nord-orientale 5,2 3,4 1,9 85,6 13,1 19,9 8,9 4,5

Italia centrale 3,2 3,0 1,2 86,0 6,8 14,2 7,1 3,1

Italia meridionale 3,3 2,5 1,0 86,3 8,6 14,0 7,3 2,7

Italia insulare 4,4 4,1 1,6 85,8 10,8 17,6 7,9 4,1

Italia

TIPI DI COMUNE 4,4 5,3 1,8 83,9 18,1 25,8 10,7 4,9

Comune centro dell'area metropolitana 3,8 3,9 1,8 87,5 10,9 15,7 8,1 3,2

Periferia dell'area metropolitana 5,5 3,5 1,3 84,2 7,4 15,2 5,9 4,2

Fino a 2.000 abitanti 5,1 3,9 1,7 85,7 7,9 16,2 7,1 4,0

Da 2.001 a 10.000 abitanti 3,8 3,4 1,4 85,7 8,4 15,1 7,6 4,0

Da 10.001 a 50.000 abitanti 4,4 4,4 1,7 87,4 12,1 17,5 7,5 4,4

50.001 abitanti e più 4,4 4,1 1,6 85,8 10,8 17,6 7,9 4,1

Italia

Differenze importanti si riscontrano analizzando il titolo di studio. Tra i laureati sono il 33,8% coloro

che hanno appreso la lingua straniera durante i soggiorni all’estero, contro solo il 17,9% dei diplomati e

il 13,1% di chi ha la licenza media. Inoltre il 24,5% dei laureati ha frequentato dei corsi non scolastici

contro il 12,7% dei diplomati e il 6,4% di chi è in possesso della licenza media (Figura 4).

16


PAGINE

17

PESO

304.37 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Filosofia del linguaggio, tenute dal Prof. Stefano Gensini nell'anno accademico 2011 e consiste nei risultati dell'indagine dell'Istat "I cittadini e il tempo libero" svolta a maggio 2006, riguardante l'uso della lingua italiana e del dialetto e la conoscenza delle lingue straniere.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia del linguaggio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Gensini Stefano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia del linguaggio

Animal loquens - Animali e comunicazione
Dispensa
Comunicazione e cognizione
Dispensa
Manzoni - Lettera al Carena
Dispensa
Animal loquens - Animali e filosofi
Dispensa