Che materia stai cercando?

Letteratura persiana classica e medievale Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Lingua e letteratura persiana I tenuto dal professor Carlo Saccone. La letteratura persiana classica si svolge tra il XI e il XV secolo fornendo generi e forme (soprattutto in poesia), temi e motivi che largamente influenzeranno non solo gli scrittori di origine iranica ma anche quelli delle letterature vicine, in particolare la... Vedi di più

Esame di Lingua e letteratura persiana I docente Prof. C. Saccone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Letteratura persiana classica e medievale

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente raggiunge un primo livello di competenza nella lingua

neopersiana e nella sua letteratura ed è capace di esporre efficacemente in forma orale

e scritta i contenuti appresi, contestualizzandoli anche in riferimento alla relativa

bibliografia.

Programma/Contenuti

La letteratura persiana classica si svolge tra il XI e il XV secolo fornendo generi e forme

(soprattutto in poesia), temi e motivi che largamente influenzeranno non solo gli scrittori

di origine iranica ma anche quelli delle letterature vicine, in particolare la turcoottomana

e l'indostana (in lingua urdu). Poeti che scrivono in persiano sono rintracciabili

persino nella Bosnia d'epoca ottomana, da cui proveniva peraltro il maggiore

commentatore di Hafez (o Hafis), il grande poeta persiano che –tradotto in tedesco alle

origini dell' 800- ispirò il West-Oestlicher Divan di Goethe. Nella poesia persiana

medievale si ritrovano temi come il “viaggio dell'anima” nell'aldilà, che alimenta un

vasto ciclo di “divine commedie” islamiche, o come quello dell'amore per uno splendido

“amico” dall'ambigua fisionomia, in cui talora è dato vedere un simbolo dell'assoluto, del

divino. Insomma, si ritrovano temi che hanno un evidente pendant europeo nelle

letterature romanze e germaniche medievali. Numerosi sono i poeti mistici, che

indagano sulle forme dell'iniziazione spirituale, come nel caso di ‘Attar o Rumi; ma si

trovano anche poeti che esprimono uno spirito mondano e anticonformista, spesso

venato di un corrosivo scetticismo, di una radicale filosofia del “carpe diem”, come si

verifica nel caso delle quartine del celebre e pluritradotto ‘Omar Khayyam. Lo studio di

questa letteratura, in particolare delle sue espressioni poetiche, può aprirci orizzonti

nuovi e insieme (parzialmente) familiari, che ci fanno comprendere come l'idea di un

Occidente strettamente delimitato dalla sua matrice greco-romano-cristiana sia forse

bisognosa di un profondo riesame.

Programma

Il corso si propone di tracciare un profilo della letteratura persiana medievale in

relazione al nesso poesia-religione, con particolare riguardo a:

-i generi poetici

-tipologia della produzione letteraria soprattutto in relazione alla poesia di ispirazione

mistica

-il mathnavi: forme e sviluppo del genere, e in particolare il poema a cornice

-lettura commentata di brani in originale tratti da Hafez di Shiraz

Testi/Bibliografia

1. Testi di riferimento per la materia specifica del corso saranno consegnati in forma di

dispensa dal docente.

2. Si raccomanda la lettura approfondita di:

C.Saccone, Viaggi e visioni di re sufi e profeti. Storia tematica della letteratura persiana,

vol. I, Luni, Trento-Milano 1999:

C. Saccone, Il maestro sufi e la bella cristiana. Poetica della perversione nella Persia

medievale. Storia tematica della letteratura persiana, vol. I, Carocci, Roma 2005

Eventuali approfondimenti, a piacere, nei testi seguenti:

A.Bausani, Il pazzo sacro, Luni Ed.,Milano-Trento 2000 (distribuito da Carocci Ed.)

J.Scott Meisami, Persian medieval court poetry, Princeton University Press, Princeton

1987

J.C.Buergel, La parola è nave, il significato un mare. Saggi sull'amore e il viaggio nella

poesia persiana medievale, a cura di C. Saccone, Carocci, Roma 2005

-The feather of Simurgh. The “licit magic” of the arts in medieval islam, New York Univ.

Press, New York and London 1988

J.T.P. De Bruijn, Persian sufi poetry, Curzon Press, Richmond 1997

A. Schimmel, Stern und Blume. Die Bilderwelt der persischen Poesie, Otto Harrassowitz,

Wiesbaden 1984

C. Saccone, Il re del mondo, il re dei belli. Storia tematica della letteratura persiana,

vol. III (dispense)

C. Saccone, Allah, il Dio del Terzo Testamento. Letture coraniche, Medusa, Milano 2006

3. Traduzioni italiane di testi della letteratura persiana classica. Si raccomanda la lettura


PAGINE

2

PESO

34.88 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Lingua e letteratura persiana I tenuto dal professor Carlo Saccone. La letteratura persiana classica si svolge tra il XI e il XV secolo fornendo generi e forme (soprattutto in poesia), temi e motivi che largamente influenzeranno non solo gli scrittori di origine iranica ma anche quelli delle letterature vicine, in particolare la turco-ottomana e l'indostana (in lingua urdu). Poeti che scrivono in persiano sono rintracciabili persino nella Bosnia d'epoca ottomana, da cui proveniva peraltro il maggiore commentatore di Hafez (o Hafis), il grande poeta persiano che – tradotto in tedesco alle origini dell' 800 - ispirò il West-Oestlicher Divan di Goethe. Nella poesia persiana medievale si ritrovano temi come il “viaggio dell'anima” nell'aldilà, che alimenta un vasto ciclo di “divine commedie” islamiche, o come quello dell'amore per uno splendido “amico” dall'ambigua fisionomia, in cui talora è dato vedere un simbolo dell'assoluto, del divino. Insomma, si ritrovano temi che hanno un evidente pendant europeo nelle letterature romanze e germaniche medievali. Numerosi sono i poeti mistici, che indagano sulle forme dell'iniziazione spirituale, come nel caso di ‘Attar o Rumi; ma si trovano anche poeti che esprimono uno spirito mondano e anticonformista, spesso venato di un corrosivo scetticismo, di una radicale filosofia del “carpe diem”, come si verifica nel caso delle quartine del celebre e pluritradotto ‘Omar Khayyam. Lo studio di questa letteratura, in particolare delle sue espressioni poetiche, può aprirci orizzonti nuovi e insieme (parzialmente) familiari, che ci fanno comprendere come l'idea di un Occidente strettamente delimitato dalla sua matrice greco-romano-cristiana sia forse bisognosa di un profondo riesame.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in storia, cultura e civiltà orientali
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Lingua e letteratura persiana I e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Saccone Carlo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in storia, cultura e civiltà orientali

Riassunto esame Storia dell'arte della Cina, prof. Paternolli, libro consigliato La Cina, Pirazzoli
Appunto
Pensiero indiano
Dispensa
Arte dell'India, del Tibet e dell'Asia Centrale
Dispensa
Tesi - La città incantata di Miyazaki Hayao
Tesi