Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Rivisitazione del modello andragogico

Riguardo al bisogno di sapere

Gli adulti possono non esserne consapevoli

Primo compito facilitatore: aiutare discente ad essere consapevole dei

propri bisogni di sapere

Riguardo al concetto di sé del discente

L’adulto, per definizione responsabile della propria vita, può

manifestare dipendenza in particolari situazioni (lavoro, studio, etc),

quindi:

- il concetto di sé ha bisogno di essere riscoperto

- educatore favorisce transizione da dipendenza ad autonomia

nell’apprendimento e nella vita.

M. Knowles

Holton e Swanson 1998 The adult learner

L’andragogia non riguarda la teoria dell’educazione degli

adulti ma piuttosto:

l’individuazione dei core principles inerenti la

transaction of adult learning;

adulti come Learners: soggetti in formazione, dai quali

Learners

trarre i dati più significativi per i processi di

apprendimento.

Oltre l’andragogia

Tre aspetti di approfondimento

a. le differenze individuali (piano psicologico)

b. le diverse teorie come su “apprendere ad apprendere”

c. l’evoluzione delle teorie dello sviluppo (1)

verso le teorie del “cambiamento” (2)

(1) sviluppo ------------- ordine di sequenza e stadi

(2) cambiamento ---------- bisogno di apprendimento

tipi di eventi e cambiamenti ------------ Learning event

propri dell’esperienza degli adulti

Goals and Purposes for Learning

Individual and Situational Differences

ANDRAGOGY:

Core Adult Learning Principles

1. Learner’s Need to Know

-why

-what

Differences -how

2. Self-Concept of the Learner

Growth Societal

-autonomous

-self-directing Differences Situational

3. Prior Experience of the Learner

Institutional Matter -resource Growth

-mental models

4. Readiness to Learn

Subject -life releated

-developmental task

5. Orientation to Learning

-problem centered

-contextual

6. Motivation to Learn

-intrinsic value

-personal payoff

Individual Learner Differences

Individual Growth

Figure 9.1 Andragogy in practice (Knowles, Holton, and Swanson, 1998)

Obiettivi e fini dell’apprendimento

Differenze individuali e circostanziali

ANDRAGOGIA:

principi centrali dell’apprendimento adulto

1. Il discente deve sapere

-perchè

-cosa

-come

di Crescita

2. Il concetto di sé del discente

dell’oggetto -autonomo

-diretto al sé

delle circostanziali Differenze

Istituzioni studio 3. Esperienza precedente del discente della

Crescita -”risorse”

-modelli mentali

Differenze Società

4. Prontezza ad apprendere

-in relazione alle esperienze di vita

-progetti di sviluppo

5. Orientamento ad apprendere

-centrato sul problema

-contestualizzazione

6. Motivazione ad apprendere

-valore intrinseco

-appagamento personale

Differenze individuali dei discenti

Crescita dell’individuo

Andragogy in practice (Knowles, Holton, and Swanson, 1998)

Knowles

ANALISI DELLO SCHEMA.

Il diagramma cerca di racchiudere sistematicamente le componenti da tenere in considerazione nella

creazione pratica di una proposta formativa basata sui principi dell’andragogia.

- ANELLO ESTERNO: “Fini e obiettivi dell’apprendimento”

Crescita (sviluppo)

dell’individuo delle istituzioni della società

autostima (condizioni istituzionali

che rendono possibile lo

sviluppo dell’individuo/società)

- ANELLO CENTRALE :” Differenze individuali e di contesto”

Caratteristiche

dei soggetti in apprendiemento dell’oggetto di studio del contesto

(materia, contenuti di (per la progettazione

apprendimento) del percorso e la verifica dei

risultati)

- ANELLO INTERNO: “Andragogia: principi generali”

In questo “spazio concettuale” vengono elencati i principi fondamentali del modelli di Knowles

che sono il punto di partenza per la creazione di strumenti adeguati ed efficaci per le proposte

formative Le differenze individuali (D.I.)

nell’apprendimento adulto

ASSUNTO: l’apprendimento è più efficace se il facilitatore

“accomoda” il progetto formativo sulla base delle differenze

individuali

Abilità cognitive:

la loro definizione deriva dallo studio delle relazioni tra processo di

crescita e intelligenze adulta

Abilità mentale:

intelligenza generale (Q.I.)

a. fluida problem solving

(diminuisce/non diminuisce)

b. cristallizzata derivata dall’esperienza, e dalla formazione (stabile)


PAGINE

17

PESO

216.72 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Educazione degli Adulti, tenute dalla Prof.ssa Aureliana Alberici nell'anno accademico 2011.
Il corso di insegnamento di Educazione degli Adulti intende sviluppare l'acquisizione delle conoscenze relative ai nuovi paradigmi dell’Educazione degli Adulti nella prospettiva del lifelong learning.
Il documento, in particolare è dedicato al teorico Malcom Knowels. Punti chiave della sua ideologia: andragogia, teoria andragogica, esperienze, intelligenza.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in formazione e sviluppo delle risorse umane
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Educazione degli Adulti e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Alberici Aureliana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Educazione degli adulti

Lifelong learning - Parole chiave
Dispensa
Formazione permanente - Memorandum
Dispensa
Educare gli adulti - Azione europea
Dispensa
Apprendimento permamente - Realizzazione di uno spazio europeo
Dispensa