Che materia stai cercando?

Ipotesi ontologica II Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dal professor Nicola Russo. La prima definizione.
L'ipotesi ontologica è prima della verità.
- La verità come adaequatio e l'esser-così della cosa, che il logos può affermare (essendo così nel vero) o negare (cadendo così nel falso).
-... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. N. Russo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L'ipotesi ontologica II, Nicola Russo « Filosofia teoretica « Facoltà di L... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica/l-ipot...

Home

«

1/5

»

Nicola Russo » 16) L'ipotesi ontologica II

La prima definizione

L'ipotesi ontologica è prima della verità

La verità come adaequatio e l'esser-così della cosa, che il logos può affermare (essendo così nel vero) o

La verità come manifestazione ha a che fare con il fatto che per il logos si diano cose in quanto enti, ov

La seconda definizione

L'ipotesi ontologica dice la modalità del nesso logos-on: chiarif

Il termine Logos ci indirizza al momento germinale dello spirito oc

Logos dice l'unità di pensare, dire, discorrere, motivare.

La terza definizion

Il nesso logos-on è nell

Karl otto Apel Il nucleo dell'ipotesi ont

L'ipotesi rimane celata,

Ancora sulla terza

Intorno a Parmenide e

Remo Bodei L'identità parmenidea tr

Il confronto platonico c

L'essere, in quanto ciò che è comune ad ogni hekaston, non è nella cosa che si manifesta, ma nel logos e

Prossima lezione

L'ipotesi ontologica III

1 di 2 25/10/2011 12:41


PAGINE

2

PESO

154.90 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dal professor Nicola Russo. La prima definizione.
L'ipotesi ontologica è prima della verità.
- La verità come adaequatio e l'esser-così della cosa, che il logos può affermare (essendo così nel vero) o negare (cadendo così nel falso).
- La verità come manifestazione ha a che fare con il fatto che per il logos si diano cose in quanto enti, ove il loro essere prese in considerazione "in quanto enti" – e quindi come qualcosa intorno a cui si può dire il vero o il falso – è prestazione del logos, mentre la loro manifestatività concreta in quanto cose non è prodotta dal logos.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Russo Nicola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Fedro di Platone I
Dispensa
Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa