Che materia stai cercando?

Introduzione al giudizio Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Il termine "giudizio" ha diversi significati, molti dei quali sono impiegati soprattutto in ambito giuridico dove hanno avuto origine.
Giudizio, nel linguaggio comune, indica anche una valutazione personale ("a mio giudizio") e per estensione il senno o il discernimento,... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. R. Viti Cavaliere

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Introduzione al “giudizio”, Renata Viti Cavaliere « Filosofia Teoretica... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica-lm/in...

Si può datare la nascita della questione filosofica del Giudizio al 1790 quando apparve la Critica della capaci

Il lavoro kantiano rappresenta un unicum perché ancora rimane la sola opera filosofica dedicata al tema.

La terza Critica costituisce dunque l'antecedente assoluto in termini di sistematicità.

Sul Giudizio si è scritto poco, anche in virtù della sua natura problematica che prima abbiamo messo in luce.

Le testimonianze che però possiamo reperire non sono così esigue. Esse ci consentono di abbozzare una storia

Antichità e Medioevo

In età antica e medievale possiamo rinvenire tracce importanti che documentano quanto dibattuta e radicata n

Nella filosofia greca si possono ricordare:

la valenza logica e ontologica che Platone assegna al giudizio (logos);

l'idea aristotelica di synesis, che ha la funzione di discernere e, in questo senso, giudicare.

La tradizione latina, giuridica e retorica, che continua nel Medioevo, ci consegna l'antecedente più completo d

Età moderna

Temi connessi al Giudizio sono presenti nell'ispirazione filosofico-retorica di Ramo e di Vico (ingegno e senso

Strettamente inerente al Giudizio è la discussione sul "gusto" o arte della discrezione, presente ancora in Kant

Con la Critica del Giudizio Kant ha gettato le fondamenta per ogni successiva "filosofia del giudizio" (a Kant

Spunti importanti si trovano anche nella distinzione hegeliana di giudizio e sillogismo.

Il Novecento

L'interesse filosofico per il Giudizio ha preso forma nel Novecento in riflessioni molto originali, talvolta nate i

L'elemento comune ai differenti recuperi del Giudizio kantiano va rintracciato nella centralità che nella terza

Così si possono leggere in sintonia la lettura etico-politica di Arendt e quella logica di Croce (continuata da A

Il Novecento (segue)

Spunti notevoli per l'elaborazione della "filosofia del giudizio", anche se non necessariamente originati nell'am

Nietzsche (antiintellettualismo);

Heidegger (logica filosofica);

Dilthey (ragione storica);

Husserl (esperienza e giudizio);

Gadamer (ragione ermeneutica);

Habermas e Apel (ragione comunicativa);

Waldenfels (responsitività).

Una ripresa esplicita del tema kantiano del Giudizio si trova nelle meditazioni di Lyotard (anima minima) e De

Luigi Scaravelli e Eric Weil

Luigi Scaravelli (1894-1957) e Eric Weil (1904-1977) sono stati due originali interpreti del pensiero kantiano.

2 di 3 26/10/2011 12:56


PAGINE

3

PESO

156.88 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Il termine "giudizio" ha diversi significati, molti dei quali sono impiegati soprattutto in ambito giuridico dove hanno avuto origine.
Giudizio, nel linguaggio comune, indica anche una valutazione personale ("a mio giudizio") e per estensione il senno o il discernimento, ossia la capacità individuale di distinguere e definire.
Questi usi correnti del termine vanno tenuti presenti perché sono tutti compresi nell'antecedente più prossimo del giudizio filosofico, il latino "iudicium".
In filosofia con "giudizio" si intende:
- la proposizione logica;
- una capacità o facoltà della mente.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Viti Cavaliere Renata.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Fedro di Platone I
Dispensa
Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa