Che materia stai cercando?

Introduzione al giudizio Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Il termine "giudizio" ha diversi significati, molti dei quali sono impiegati soprattutto in ambito giuridico dove hanno avuto origine.
Giudizio, nel linguaggio comune, indica anche una valutazione personale ("a mio giudizio") e per estensione il senno o il discernimento,... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. R. Viti Cavaliere

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Introduzione al “giudizio”, Renata Viti Cavaliere « Filosofia Teoretica... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica-lm/in...

Home

«

1/9

»

Renata Viti Cavaliere » 11) Introduzione al

“giudizio”

Che cos'è il giudizio?

Il termine "giudizio" ha diversi significati, molti dei quali sono impiegati soprattutto in ambito giuridico dove h

Giudizio, nel linguaggio comune, indica anche una valutazione personale ("a mio giudizio") e per estensione il

Questi usi correnti del termine vanno tenuti presenti perché sono tutti compresi nell'antecedente più prossimo

Il giudizio, una questione filosofica

In filosofia con "giudizio" si intende:

la proposizione logica;

una capacità o facoltà della mente.

La seconda accezione è più ampia perché estende l'interesse logico

Per distinguerla dalla proposizione troverete indicata la facoltà con

Nelle prossime lezioni discuteremo del Giudizio come specifica facoltà della ragione umana, distinta dall'

Il problema dei "precedenti"

Il Giudizio si caratterizza per la sua mancanza di "precedenti", che va interpretata in duplice modo:

in senso storico, come questione delle fonti davvero limitate sul tema;

in senso teoretico, come problema della/e autorità cui riferirsi nell'atto di giudicare.

La mancanza di precedenti rende il Giudizio una facoltà altamente problematica da investigare storicamente e

Esso agisce infatti in assenza di universali già dati e noti (concetti o regole) e deve tuttavia elaborare un unive

Breve storia del Giudizio

1 di 3 26/10/2011 12:56


PAGINE

3

PESO

156.88 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. Il termine "giudizio" ha diversi significati, molti dei quali sono impiegati soprattutto in ambito giuridico dove hanno avuto origine.
Giudizio, nel linguaggio comune, indica anche una valutazione personale ("a mio giudizio") e per estensione il senno o il discernimento, ossia la capacità individuale di distinguere e definire.
Questi usi correnti del termine vanno tenuti presenti perché sono tutti compresi nell'antecedente più prossimo del giudizio filosofico, il latino "iudicium".
In filosofia con "giudizio" si intende:
- la proposizione logica;
- una capacità o facoltà della mente.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Viti Cavaliere Renata.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Fedro di Platone I
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa