Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Comunicazione mediata dal computer: di cosa

parliamo?

• Computer?

• Comunicazione?

• Mediata?

Discutere di CMC attraverso la CMC: la ML dell’AIR

(Association of Internet Researchers)

http://courses.ischool.berkeley.edu/i290-12/f07/air-l_cmc.php

Association of Internet Researchers mailing list discussion of

"CMC"

Date: Mon, 24 Jul 2006 17:05:45 +0200

From: Jillana Enteen Subject: [Air-l] CMC, ICT, digital communication

To: air-l@listserv.aoir.org

Hello all, I'm trying to sort out the differences in etymology and

meaning between CMC, ICT and digital communication. I'm

having a hard time-- other than recognizing the academic/educational

basis for ICT and its roots in IT, it seems to me that these terms are

used interchangeably.

Any thoughts?

best wishes, jillana

Jillana Enteen

jillana@jillana.net

AIR-L: CMC datato?

• Date: Mon, 24 Jul 2006 16:18:36 +0100 From: "Martin Garthwaite"

Subject: Re: [Air-l] CMC, ICT, digital communication To: air-

l@listserv.aoir.org

• Jillana, I would agree, if you look at a time line, I remember reading

about CMC over 15 years ago, and I'll go out on a limb here and say

that quite a lot of the research on CMC was done pre-mass

adoption of Internet. So services like CompuServe, CIX and AOL

that provided walled gardens that were not originally part of the

Internet. CMC also referred to mailing lists like this one, e-mail,

usenet groups, all these systems were pre-html technologies. ICT

appears to me to be a catch all term, and I find digital communication

a little ambiguous.

• Martin.

• m.k.garthwaite@lse.ac.uk

• MSc candidate media@lse

AIR-L: CMC come termine ombrello

• Date: Mon, 24 Jul 2006 11:24:30 -0500

• From: "Ledbetter, Andrew Michael"

• Subject: Re: [Air-l] CMC, ICT, digital communication To:

• I've struggled with the term "CMC" in my own writing. While I wouldn't agree

that the term is "archaic" (as many scholars still use the term frequently), it

does "feel" dated to me. (…). But, in my own writing, I have tried to refer to

specific media as much as possible (e-mail, IM, chat, Facebook, etc.)

rather than using the term "CMC"... which might be a healthy move on the

whole, since we know that there are significant qualitative and quantitative

differences in communication across those media, despite their common

online nature. Yet, simultaneously, people sometimes seem to think about,

and socially construct, online communication channels as a unified whole.

Thus, it seems reasonable that we have an umbrella term to refer to such

media. Recently, I have tended to use "online communication"---it is less

verbose than "computer-mediated communication", seems less intrusive than

an acronym, and seems broad enough to include a lot of different

technologies (e.g., both Internet and non-Internet interaction, etc.). In short, it

seems to get the job done all right, though I'm sure the term has shortcomings

too. But of course, I'm sure appropriate terminology varies from discipline to

discipline.

• Andrew M. Ledbetter Ph.D. Candidate and Graduate Teaching Assistant

Department of Communication Studies University of Kansas

AIR-L: aggiornare la terminologia

• Date: Tue, 25 Jul 2006 15:40:17 +0200 From: Jillana Enteen Subject: Re: [Air-l] CMC, ICT, digital

communication To: air-l@listserv.aoir.org

• Thanks for all your thoughts on this. I'm eager to see how the discussion continues (...) I do think it's

necessary to find an umbrella term to talk about digital networked communication (I use this term

tentively)--one that takes into account that we cannot anticipate how what we "communicate," (…)

or how the bytes we transmit will "travel," (i.e. the route of the information) or how they will be received.

In other words, understanding that information is transmitted digitally from "others" (other people, other

places) encourages a media-specific term, but assuming that this term, as Charlie points out, means

computer to computer is now out of the question. Think of different browser qualities (safari versus

outlook explorer or computer versus blackberry, for instance)--what people see can vary greatly from

what is sent.

• In the past, it has been useful to place television in one category when considering broadcasting and/or

spectatorship, and telephony in another, when examining the implications of (almost) instantaneous

voice transmission. Consequently, I find it imperative to have a category (as most have agreed) that

takes into account the increasing flexibility--where we might as easily be watching a downloaded

television show on our ipod OR on our harddrive, networked television or talk through regular

telephones via vonage as surfing the internet--yet the way information arrives is related. The term must

maintain an awareness of the complexity of these new vehicles for digital transmission and increasing

possible interfaces for their consumption. This is not to discourage specific considerations--which

should use terms as specifically as possible. At this point, studying "internet use" may be too broad--

www or IRC or mobile-to-mobile SMS, located in a particular moment and among specific users speaks

more to the point. I find it interesting, and compelling, that CMC is outdated. And as a "former"

scholar of CMC, I'm still pondering over what term might speak best for my framework. thanks

and best wishes—

• jillana Jillana Enteen jillana@jillana.net

AIR-L: Barry Wellman

• Date: Wed, 26 Jul 2006 11:57:51 -0400

• From: Barry Wellman Subject: [Air-l] CMC, network of networks To: aoir list

• I believe that Roxanne Hiltz and Murray Turoff were first/early users of "Computer

Mediated Communication" (CMC) in the first edition of Hiltz, S. Roxanne, and Murray

Turoff. 1978. The Network Nation. Reading, MA: Addison-Wesley. Yup, that's before

some list members were born. (But I don't have the book handy.) THeir Network Nation

title was consciously adopted from Paul Craven and my "The Network City" paper

(1973). Which also introduced "network of networks" well before the Internet. And which

may have begat "THe Network Society" (Castells, 1996), and certainly begat Tracy

Kennedy and my "The Network Household" (2007; ICS) and my "networked

individualism" (2000; IJURR) As far as CMC/ICT, I've been increasingly using ICT

because it encompasses information as well as communication. (Of course, info has to

be communicated to be useful.) My sense is that the CSCW crowd still uses CMC a fair

amount. Talk about anachronisms -- CSCW sure is a misleading one. But yet there is

an annual conference. Everything old is new again. Barry

_____________________________________________________________________

Barry Wellman Professor of Sociology NetLab Director wellman at chass.utoronto.ca

http://www.chass.utoronto.ca/~wellman Centre for Urban & Community Studies

University of Toronto 455 Spadina Avenue Toronto Canada M5S 2G8 fax:+1-416-978-

7162 You're invited to visit & contribute to the new version of "Updating Cybertimes: It's

Time to Bring Our Culture into Cyberspace"

http://chass.utoronto.ca/oldnew/cybertimes.php

AIR-L: William Dutton (direttore OII)

• Date: Wed, 26 Jul 2006 21:12:02 +0100

• From: "William Dutton" Subject: Re: [Air-l] Social software and ICT on

Wikipedia To: ,

• As Paolo Massa and Barry Wellman point out, all of these terms --

ICT, new media, CMC, etc -- are anchored in specific research

programmes, historical periods, and technologies. They are not

interchangeable. While it would be great to improve Wikipedia, I

suggest that a useful source might be a book by Loader and others,

which is part of the Key Concepts series of Routledge. It is a 2004

publication, but this discussion might encourage them to update

Cyberculture: Key Concepts. See:

http://informationr.net/ir/reviews/revs143.html In my opinion, these

terms matter, so its great to see that a single post has generated

such a stir around the meaning of closely related by distinct terms.

Bill

Le domande iniziali: “computer”?

Normalmente le nuove tecnologie della

comunicazione sono identificate con

– il Personal Computer, la tecnologia emblema

della rivoluzione nel trattamento digitale delle

informazioni

e con

– Internet, la rete che consente a milioni di PC

di scambiarsi informazioni e, come

conseguenza, a centinaia di milioni di

persone di comunicare tra di loro e di

accedere al patrimonio di conoscenza

racchiuso negli archivi (e nei server) di tutto il

mondo.

Se consideriamo il processo evolutivo dei nuovi media

dobbiamo però notare che

la tendenza di lungo periodo non è di tipo centripeto

 ma di tipo centrifugo – non una sola macchina digitale

per tutte le nostre esigenze di comunicazione,

informazione, intrattenimento ma tante macchine

digitali (e tanti media vecchi e/o nuovissimi) capaci di

dialogare tra loro mediante le tecnologie di rete;

abbiamo spesso scambiato il presupposto - la

 convergenza assicurata dalla conversione di tutti gli

archivi da formati di tipo analogico a formati digitali e

consentita dalla macchina (il PC) in grado di gestirla -

con la finalità del processo evolutivo.

Il PC e il suo alfabeto non rappresentano dunque

 l’intero universo dei nuovi media.

(da A. Marinelli, Connessioni, Guerini, Milano 2004)

 “The computing revolution

was about digitizing

information. The wireless-

communication revolution is

about making digital

information about anything,

available anywhere, at almost

no cost (…) Huge amounts of

data that were once

impossible or too expensive

to collect will become the

backbone of entirely new

services. (…) A disruptive

change is occurring in the

digital environment thanks to

physical computing,

pervasive networks and

abundant digital storage”

(Aprile 2007)

Ubiquitous computing e “calm” computing

• Ubiquitous computing e “calm” computing

• Interfacce e manipolazione diretta

• Un video (ubiquitous computing by Michio Kaku)

• I-Phone e Ubiquitous computing

Internet (la rete Tcp-Ip) non è solo il web

p2p

VoIP download and

Skype sharing Streaming AV

OnLine Media Player

gaming

Web http VoD

Explorer IpTV

Messaggistica E­mail

MSN

Comunicazione tra macchine? Tra uomini? Tra macchine e

uomini?

• La società può essere compresa soltanto attraverso lo studio

dei messaggi e dei mezzi di comunicazione relativi ad essi; e

(…) nello sviluppo futuro di questi messaggi e mezzi di

comunicazione, i messaggi fra l’uomo e le macchine, fra le

macchine e l’uomo, e fra macchine e macchine sono destinati

ad avere una parte sempre più importante (Wiener 1950: 23-

24).

• Il linguaggio non è un attributo esclusivo dell’uomo, bensì un

carattere che egli può condividere fino a un certo grado con le

macchine da lui costruite (…) Generalmente noi crediamo che

la comunicazione e il linguaggio siano diretti da persona a

persona. È possibile tuttavia che una persona parli a una

macchina, una macchina a una persona e una macchina a

una macchina (…). C’è un linguaggio emesso dall’uomo e

diretto alle macchine e c’è un linguaggio emesso dalle

macchine e diretto all’uomo (Wiener 1950: 101 - 102)

“Tecnologie di relazione sociale”

• Superare visione centrata sulle tecnologie

• Superare una visione centrata sul solo “computer”

• Superare visione centrata solo su sistema-utente:

– Sistema computer-uomo-cultura (Jonhson “Interface

Culture”, Manovich “Cultural Interface”)

– Da HCI a CMC

Web 2.0 is a set of economic, social and technology trends that

collectively form the basis for the next generation of the

Internet: a more mature and distinctive medium characterized

by user participation, openness and network effects.

Tim O’Reilly

• Il web 2.0 visto da SlideShare

• E da You Tube

Critical perspectives on web 2.0

• Critical perspectives on Web 2.0 First Monday, vol. 13, march 2008

• “Web 2.0 represents not a socio–technological advance in the World

Wide Web, but rather a powerful “framing device of professional elites

that define what enters the public discourse about the impact of the

Web on society.” Scholz deflates the claims of revolutionary technical

innovation and social empowerment held dear by many Web 2.0

evangelists, revealing instead that the technologies and communities

underlying Web 2.0 have existed, in one form or another, long before

Tim O’Reilly first uttered the phrase” (M. Zimmer)

• “There’s something quite brilliant, from a corporate–consumer–

marketing perspective, about the term Web 2.0. Its very name – Web

2.0 – embodies new–and–improvedness: a new version, a new stage,

a new paradigm, a new Web, a new way of living. Attached to any old

noun, 2.0 makes the noun new: Library 2.0, Scholarship 2.0, Culture

2.0, Politics 2.0. Hyping new media is nothing new, but lately the

marketing meme machine behind Web 2.0 appears to be set on

overdrive” (D. Silver)

Quando gli utenti non erano utenti

• “Negli anni Sessanta una tipica azione di

introduzione di informazioni in un computer

prevedeva tre attori, che potremmo definire tre tipi di

utenti: l’esperto che codificava su fogli di carta le

sue specificazioni, il perforatore (o la perforatrice)

che perforava le schede riproducendo in forma

diversa l’identica informazione passatagli,

l’operatore che forniva le schede al computer

attraverso un lettore di schede. Da un lato, inoltre,

c’era questo gruppo di esperti che avevano la

competenza di agire sul calcolatore, dall’altro

c’erano tutti coloro che ricevevano i risultati

dell’elaborazione informatica, sulla base dei quali

dovevano prendere decisioni, senza in realtà avere

alcuna conoscenza delle procedure che li avevano

prodotti” (Scalisi 2001: 51).

Utenti

• È solo quando il computer diviene uno strumento personale - e nello

stesso tempo strumento per raggiungere una grande varietà di

obiettivi, non necessariamente connessi al calcolo o all’informatica –

che inizia ad emergere un’elaborazione teorica che considera l’utente

come una delle variabili in gioco. È dunque con la nascita del personal

computer, e della GUI (Grafical User Interface), che si può parlare di

nascita dell’utente.

• La nozione di utente, dunque, è espressione caratteristica di un

modello che vede un soggetto interagire con un dispositivo informatico;

l’incontro tra i due elementi dell’interazione avviene al livello

dell’interfaccia (utente), che rappresenta il punto di contatto e di

scambio tra il dispositivo ed il corpo dell’utente, concepito sia come

porta percettiva, che conduce all’attività di elaborazione condotta a

livello cognitivo, sia come ponte ergonomico per l’azione.

• Nasce la riflessione sulla Human Computer Interaction

Scomparsa degli utenti?

• Progressivamente il modello della HCI è stato

affiancato e ridefinito da modelli concorrenti, tanto

che si è giunti a parlare di scomparsa dell’utente

(Scalisi 2001: 145 sgg.). Possiamo individuare due

filoni principali che hanno condotto alla scomparsa

dell’utente, o meglio, ad una sua ridefinizione:

– il modello della Computer Mediated Communication

(CMC)

– la progressiva affermazione di tecnologie invisibili e

onnipresenti.

With o through the Net?

• Diversamente dalla HCI, la CMC non si concentra tanto

sull’interazione tra utente e sistema, quanto sulle interazioni

tra soggetti supportate dalla tecnologia.

• Ma la CMC non sostituisce totalmente la HCI: anche in

contesti di CMC, infatti, l’interfaccia non cessa di avere un

ruolo nel determinare la maggiore o minore facilità di utilizzo

dei dispositivi, che a sua volta ha ricadute spesso rilevanti

sulle modalità di interazione adottate dai soggetti.

• I soggetti dell’interazione non cessano totalmente di essere

interpretati come utenti ma quello dell’utente diviene solo uno

dei livelli di analisi pertinenti quando riflettiamo sulla CMC. In

quest’ambito divengono centrali le dinamiche di interazione tra

soggetti, mentre i dispositivi tecnologici costituiscono

l’ambiente, il contesto dell’interazione stessa.

• Malgrado la CMC, come ambito che studia l’interazione tra

individui attraverso la rete si affermi in un momento

successivo rispetto all’affermazione della HCI, l’utilizzo della

rete come strumento di comunicazione e contatto tra individui

è precedente alla diffusione del personal computer e allo

sviluppo del concetto di utente.

• il primo periodo della diffusione di Internet è caratterizzato da

un utilizzo come strumento di comunicazione tra individui.

Molto prima della nascita del Web, infatti, si diffondono

fenomeni come le BBS (Bulletin Board System) e le e-mail,

dando origine, a partire dagli anni Settanta, ad un’imponente

letteratura sul fenomeno delle cosiddette comunità virtuali.

• Vedi anche Castells 2001 e i comunitari virtuali

L’utente nel Web

• In Internet l’utente farà la sua comparsa solo con la

diffusione del Web e dei browser grafici (Mosaic,

antecedente di Netscape, è del 1994).

• Fino a quel momento, Internet (e il Web solo testuale)

erano rimasti sostanzialmente nelle mani di utilizzatori

che erano anche professionisti (o appassionati) delle

tecnologie

• Con i browser grafici, invece, il Web si apre ad un

pubblico più vasto, già abituato alla GUI, che dunque si

trasforma in utente. Nascono in questo contesto le

riflessioni sulla progettazione Web centrata sull’utente e

sull’usabilità dei siti Web.

Alle origini della CMC

• Licklider e Taylor “The computer as a Communication Device

”, 1968

• Hiltz e Turoff, “The Network Nation: Human Communication

via Computer”, 1978

• Il primo filone sistematico di ricerca sulla CMC si sviluppa a

partire dagli anni ’80 nell’ambito della psicologia sociale:

– Impatto in ambito organizzativo, implementazione reti di

comunicazione nelle aziende

– Ottenere il massimo dalle nuove tecnologie in gruppi di utilizzatori

molto “task oriented”

– Valutare questi strumenti non solo sul piano tecnologico, ma

anche per i loro effetti sociopsicologici (gerarchie, controllo

decisioni, codici non verbali, ecc.)

L’approccio RCS: reduced social cues (Kiesler, Sproull,

Dubrovsky) – indicatori sociali ridotti

• Domande:

• quali sono gli effetti di una comunicazione semplice e rapida,

in grado di raggiungere qualunque ufficio decentrato?

• esistono strategie per compensare la mancanza di codici

non verbali?

• Le persone avvertono le differenze di status o di prestigio?

• Si sentono più anonime?


PAGINE

56

PESO

1.20 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa lezione fa riferimento al corso di Internet studies tenuto dalla Prof.ssa Comunello. Gli argomenti che si affrontano sono: The tree ages of Internet Studies; internet Studies oggi: sistematizzazione di un ambito disciplinare; modelli ed evoluzione della CMC: la comunicazione mediata dal computer/dalle tecnologie; studiare la CMC oggi: ambienti, strumenti, temi di ricerca...; Internet Inquiry: metodologie e tecniche della ricerca con/su Internet.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in industria culturale e comunicazione digitale
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di INTERNET STUDIES e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Comunello Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Internet studies

Cultura convergente
Dispensa
Reti nella rete
Dispensa
Social Network Sites
Dispensa
Reti nella rete
Dispensa