Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PREVENZIONE DELL’INCONTINENZA

URINARIA (IU)

• Prevenzione primaria: individuazione

dei fattori di correlati al

rischio

manifestarsi di una determinata

patologia

• Prevenzione secondaria: diagnostica

precoce di una determinata patologia

FATTORI DI RISCHIO PER IU NELLA

DONNA (I)

• Età

– Cambiamenti strutturali pelvici e vescicali

– Aumentata prevalenza di fattori correlati come il diabete,

episodi cerebrovascolari e malattie polmonari

• Sintomi urinari

– Forte correlazione con LUTS e OAB (prevalenza

15-30%)

• Obesità

– Chiaro fattore di rischio

ICI 2004

PREVENZIONE DELL’INCONTINENZA

URINARIA (IU)

PERDITA DI PESO

• Associazione tra aumento di peso e

incontinenza urinaria

• Risoluzione dell’incontinenza dopo

perdita massiva di peso in donne obese

• L’evidenza preliminare suggerisce che

una moderata perdita di peso può portare

ad una riduzione dell’incontinenza

ICI 2004

Rischio relativo di IU per gruppi di età e parità

Dati da Rortveit 2001 ( ) and Chiarelli 1999 ( ).

 

5

4 Giovane età

Relativo 3 Mezza età

2

Rischio Età anziana

1

0 0 1 2 3 4 ICI 2004

Parità

FATTORI DI RISCHIO PER IU NELLA

DONNA (III)

• Gravidanza e Parto

– Sia la gravidanza che il parto sono fattori di rischio seppur più

deboli dell’età

– L’IU da sforzo più correlata di quella da urgenza e mista

(Rortveit, 2003) Stress Urge Mixed

Nulliparous 1 1 1

Cesarian 1,4* 1,4 1,7*

Vaginal 3,0* 1,2 2,1*

.

ICI 2004

FATTORI DI RISCHIO PER IU NELLA

DONNA (III)

• Menopausa

• Isterectomia

– Rischio piccolo ma significativamente aumentato

dopo qualche anno

• Storia famigliare e genetica

– Pochi dati ICI 2004

FATTORI DI RISCHIO PER IU NELLA

DONNA (IV)

• Deficit funzionali e cognitivi

Aumentato rischio di IU col peggioramento del livello di

– mobilità

– Causa, associazione o conseguenza?

– Forte associazione tra IU e demenza negli anziani

ICI 2004

NON HO CHIESTO AIUTO PERCHE’:

Me la sbrigo da sola” 75%

Penso che sia un “piccolo” problema 90%

Perdere pipì è normale dopo il parto e con l’età 60%

Non so quale aiuto chiedere 81%

Non so dove farmi aiutare 50%

Hagglund et al, Int Urogyn J 2003, 14: 296-304

INCONTINENZA URINARIA

Condizione sommersa e misconosciuta.

Il 75% degli incontinenti non consulta il medico.

Il 20% delle donne incontinenti usa assorbenti.

Gli incontinenti “sconosciuti al S.S.N.” da 2 a 4

volte più numerosi dei conosciuti. ↑ ↑

Invecchiamento della popolazione prevalenza

costi sociali

HO CHIESTO AIUTO PERCHE’:

Temo che si senta l’odore 75%

La perdita è imbarazzante 70%

La perdita è peggiorata 60%

Ho dovuto ridurre l’attività fisica 60%

Depressa a causa di IU 45%

Hagglund et al, Int Urogyn J 2003, 14: 296-304

Inquadramento

­Anamnesi

­ Esame obiettivo

­ Valutazione strumentale

­ Esame Urodinamico

Anamnesi

­ ­

Fisiologica Patologica

­ ­

età diabete

­ ­

peso, altezza patologie neurologiche

­ ­

alvo ipertensione arteriosa

­ ­

attività lavorativa patologie tiroidee

­ ­

fumo, alcool allergopatie

­ ­

disturbi del sonno condizioni psicotiche

­ ­

menarca patologie psichiatriche

­ ­

menopausa interventi chirurgici

­ ­

gravidanze chirurgia pelvica

­ ­

parti (tipo di parto) assunzione di farmaci

Strumenti di misurazione delle

minzioni giornaliere

­ Carta dei tempi di minzione:

riporta l’orario delle minzioni, di notte e di

giorno, per un periodo di 24h

­ Carta Frequenza/volume:

riporta l’orario e il volume delle minzioni,

di notte e di giorno, per un periodo di 24h

­ Diario vescicale (bladder diary):

riporta l’orario e il volume delle minzioni,

episodi di incontinenza e loro entità, episodi

di urgenza e loro entità. numero di pad utilizzati

quantità di liquidi ingeriti.

Strumenti di misurazione delle

minzioni giornaliere

Informazioni da estrapolare:

­ Poliuria: produzione che ecceda i 2,8L nelle 24h

­ Volume notturno di urine: quantità di urine prodotte

dal momento in cui il soggetto va a letto per dormire al

momento in cui si sveglia e si alza definitivamente

dal letto

­Poliuria notturna: quando la produzione notturna supera il

20% (nei giovani) o il 33% (>65aa) di quella delle 24h. La

misurazione deve includere la prima minzione del mattino

Esame Obiettivo

­ Dimostrare una incontinenza

­ Dimostrare un prolasso genitale associato

­ Evidenziare eventuali deficit neurologici

Esame Obiettivo

­ Funzione dei muscoli del pavimento pelvico

­Tono a riposo, contrazione volontaria o riflessa (forte,

debole, assente)

­ PC test (test pubo coccigeo. Score da 0­5)

­ Esplorazione rettale (tono e contrattilità dello sfintere,

riflesso clitorideo)

­ Sensibilità a sella

Urodinamica

Uroflussometria, Cistomanometria di riempimento e

svuotamento, Valsalva Leak Point Pressure, Profilo Pressorio

Uretrale

TERAPIA DELL’INCONTINENZA

URINARIA (SUI, UI, MUI)

TERAPIA CONSERVATIVA

TERAPIA FARMACOLOGICA

TERAPIA CHIRURGICA

TERAPIA DELL’INCONTINENZA

URINARIA (SUI, UI, MUI)

TERAPIA CONSERVATIVA

Stili di vita : riduzione del peso nelle obese (Subak,

2002); riduzione della caffeina (Bryant, 2002)

Terapia comportamentale : la rieducazione vescicale

e la minzione a tempo (bladder training, timed

voiding) riducono significativamente l’IU rispetto

al no treatment (Fantl, 1991)

Pelvic Floor Muscle Training : gli esercizi del

pavimento pelvico riducono l’incontinenza (SUI,

UI) rispetto al no treatment (Flynn, 1994)

TERAPIA DELL’INCONTINENZA URINARIA

(SUI, UI, MUI)

TERAPIA CONSERVATIVA

Pelvic Floor Muscle Training (PFMT)

meccanismo d’azione

rinforzo del controllo corticale

aumento del tono e dela forza

ipertrofia

Più efficace del no treatment, dei coni vaginali,

dell’elettrostimolazione (Livello 1 di evidenza, ICI

2004)

TERAPIA DELL’INCONTINENZA

URINARIA (SUI, UI, MUI)

TERAPIA CONSERVATIVA

La terapia conservativa è efficace e non produce

effetti collaterali .

I risultati sono durevoli

Necessita di collaborazione attiva da parte della

paziente.

E’ proposta come terapia di prima linea nelle 3

forme di incontinenza (ICI 2004 )

Sonde & accessori

TERAPIA DELL’INCONTINENZA

URINARIA (SUI, UI, MUI)

Efficacia degli antimuscarinici rispetto alla

baseline su urgenza e urge incontinence

Ossibutinina 71%

Tolterodina 70%

Trospio 60%

Solifenacina 60%

(Darifenacina) 70%

TERAPIA DELL’INCONTINENZA URINARIA

(SUI, UI, MUI)

TERAPIA FARMACOLOGICA DELL’OAB

Gli antimuscarinici sono raccomandati (grado A)

dalla ICI (2004)

Peraltro, l’analisi della Cochrane (Smith 2006)

conclude che, dato il forte effetto placebo, la

differenza rispetto al gruppo placebo è del 20-

30%. Va quindi valutato il rapporto costo

beneficio


PAGINE

56

PESO

2.33 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Urologia I, tenute dal Prof. Francesco Paolo Selvaggi, nell'anno accadmico 2007.
Il documento è dedicato alla incontinenza urinaria.
Tra gli argomenti affrontati: prolasso degli organi pelvici, neurofisiologia della minzione e degli sfinteri, innervazione motoria periferica, afferenze sensitive, muscolatura striata, incontinenza femminile, urodinamica, terapie.


DETTAGLI
Esame: Urologia I
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E.)
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Urologia I e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Selvaggi Francesco Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Urologia i

Semeiotica urologica
Dispensa
Traumi uro-genitali
Dispensa
Disfunzione erettile e infertilità
Dispensa
Patologie del testicolo
Dispensa