Che materia stai cercando?

«Il più alto cerchio del Paradiso». Santa Sofia da Costantino a Kemal Atatürk Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Storia dell'arte bizantina I A tenuto dal professor Antonio Iacobini.
La citazione scelta è tratta dall’opera dello storico ottomano Tursun Bey, che era al seguito del sultano Maometto II durante la conquista di Costantinopoli del maggio 1453. La sua è una... Vedi di più

Esame di Storia dell'arte bizantina I A docente Prof. A. Iacobini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

«Il più alto cerchio del Paradiso». Santa Sofia da Costantino a Kemal Atatürk

La citazione scelta come titolo del corso è tratta dall’opera dello storico ottomano Tursun Bey, che

era al seguito del sultano Maometto II durante la conquista di Costantinopoli del maggio 1453. La

sua è una delle prime e più limpide voci di una lunga serie di testimoni che hanno esaltato, nel

corso dei secoli, la bellezza della “grande chiesa” della Nuova Roma sul Bosforo. Il modulo intende

affrontare lo studio del monumento nei suoi aspetti architettonici e progettuali, decorativi e

simbolici, tenendo conto del ruolo di modello che la Santa Sofia ebbe nell’arte dell’impero

d’Oriente, della sua ricezione ed interpretazione sul piano estetico e letterario, della sua storia dal

punto di vista del restauro.

Bibliografia

Albrecht Berger, Santa Sofia fra storia e leggenda, in Santa Sofia ad Istanbul. Sei secoli di

immagini e il lavoro di restauro di Gaspare Fossati (1847-1849), catalogo dell’esposizione,

Mantova 1999, Berna 1999, pp. 29-38.

Volker Hoffmann, Sei secoli di immagini di Santa Sofia, ivi, pp. 39-54.

Richard Krautheimer, Architettura paleocristiana e bizantina, Einaudi, Torino 1986, pp. 239-267,

figure 105-131.

Antonio Iacobini, Sapienza e luce: arte, teologia e scienza nella Santa Sofia di Giustiniano (in

corso di stampa).

Mauro della Valle, La Santa Sofia, le Sante Sofie e la “cattedrale” nel mondo bizantino, in

Medioevo: l’Europa delle cattedrali, Atti del Convegno internazionale di studi, Parma 19-23

settembre 2006, a cura di A.C. Quintavalle, Electa, Milano 2007, pp. 155-169.

Fernanda de’ Maffei, Edifici di Giustiniano nell’ambito dell’impero, Centro Italiano di Studi sull’Alto

Medioevo, Spoleto 1988, pp. 7-23.

Alessandra Guiglia Guidobaldi, Claudia Barsanti, Santa Sofia di Costantinopoli. L’arredo marmoreo

della Grande Chiesa giustinianea, Città del Vaticano 2004, pp. 3-45.

Maria Luigia Fobelli, Un tempio per Giustiniano. Santa Sofia di Costantinopoli e la Descrizione di

Paolo Silenziario, Viella, Roma 2005, pp. 9-31, 181-207.

Alessandra Guiglia Guidobaldi, I mosaici aniconici della Santa Sofia di Costantinopoli nell’età di

Giustiniano, in Actes du VIIème Colloque International pour l’Étude de la Mosaïque Antique, Tunis

3-7 octobre 1994, Tunis 1999, 2, pp. 691-702.

Maria Luigia Fobelli, La Santa Sofia di Costantinopoli nell’età di Giustiniano: sistemi decorativi e

strategia delle immagini, in Medioevo: immagini e ideologie Atti del Convegno internazionale di

studi, Parma 23-27 settembre 2002, a cura di A.C. Quintavalle, Electa, Milano 2005, pp. 90-99.

Antonio Iacobini, Antemio di Tralle, in Enciclopedia dell’arte medievale, II, Istituto della

Enciclopedia Italiana, Roma 1991, pp. 70-72.

Enrico Zanini, Giustiniano, ivi, VI, Roma 1995, pp. 811-815.

Viktor Lazarev, Storia della pittura bizantina, Einaudi, Torino 1967, pp. 124-128, 142-151, 197-198.


PAGINE

2

PESO

12.85 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Storia dell'arte bizantina I A tenuto dal professor Antonio Iacobini.
La citazione scelta è tratta dall’opera dello storico ottomano Tursun Bey, che era al seguito del sultano Maometto II durante la conquista di Costantinopoli del maggio 1453. La sua è una delle prime e più limpide voci di una lunga serie di testimoni che hanno esaltato, nel corso dei secoli, la bellezza della “grande chiesa” della Nuova Roma sul Bosforo. Si affronta lo studio del monumento nei suoi aspetti architettonici e progettuali, decorativi e simbolici, tenendo conto del ruolo di modello che la Santa Sofia ebbe nell’arte dell’impero d’Oriente, della sua ricezione ed interpretazione sul piano estetico e letterario, della sua storia dal punto di vista del restauro.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere (letterature - linguaggi - comunicazione culturale)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte bizantina I A e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Iacobini Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lettere (letterature - linguaggi - comunicazione culturale)

Storia dell’arte contemporanea - Lineamenti
Dispensa
Storia dell'arte italiana - Quattrocento e Cinquecento
Dispensa
Introduzione all'archeologia medievale
Dispensa
Elementi di grammatica di Ebraico Biblico
Dispensa