Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Come funziona il cervello

• POSTERIORE: aree coinvolte

nella percezione di dati

sensitivi dal mondo esterno:

– Aree visive

– Aree uditive

– Aree somatosensitive

– Aree linguaggio (comprensione)

• ANTERIORE: sistemi

effettori: esecuzione azioni

– Aree motorie Ictus

– Aree linguaggio in Risonanza

(produzione) Magnetica

– Aree decisionali

DEFINIZIONE del TERRITORIO

VASCOLARE

Interessamento del territorio carotideo

… quadro clinico apparentemente stereotipato…

motilità sensibilità

emisoma Funzioni superiori

Campo visivo

ARTERIA CEREBRALE MEDIA

Emiplegia, emiipoestesia,

Emianopsia Laterale,

Dev. Coniugata

capo/occhi

Emisfero dominante:

afasia globale, aprassia

Non Dominante:

emineglect ,

emisomatoagnosia,

anosognosia

Stato di coma SINTOMI GRAVI DI

STROKE UNIT CARATTERE GENERALE

• Internistici

• Respiratori

• Cardio-

Circolatori

• Urologici

• Elettrolitici

• Etc

Emergenza ictus:

Team personale sanitario

Paziente

sta male Medico Neurologo

Team

Neuroradiologico:

DIAGNOSI medico, tecnici,

infermieri

Accoglimento in reparto di

Neurologia Fisioterapista Logopedista

Laureato in Scienze Motorie

team

• Il di è in grado di

proporre misure di:

• pronto intervento per ridurre il

danno neurologico e la conseguente

disabilità,

• diagnosi efficace sul tipo di malattia

ovvero saperla riconoscere

( ),

• cura tempestiva con trattamenti

medici o talvolta chirurgici innovativi,

• garanzia di cura riabilitativa,

assicurazione di successiva

• promozione delle attività motorie,

• favorire la fase di reinserimento

sociale e familiare. 118

Per riuscirci è

• necessario che ci sia

una catena di

professionisti che

funzioni in perfetta

sincronia:

gli operatori 118,

• medici e infermieri

specializzati in

emergenza, capiscono

di cosa si tratta,

avvertono i medici e gli

altri specialisti del

pronto soccorso.

EMERGENZA

LA VIA PIRAMIDALE: corteccia

• circa un milione di fibre:

– 30% da area motoria primaria

(4)

– 40% da area premotoria (6) o

supplementare motoria

– 30% da aree parietali a

funzione sensitiva.

• solo il 2-3% di queste fibre è costituito

dagli assoni delle cellule piramidali

giganti di Betz, del V strato della

corteccia motoria.

• a livello corticale si trova una

rappresentazione somatotopica dei

movimenti corporei.

• Una rappresentazione somatotopica è

mantenuta in tutta la via piramidale, dove

le fibre sono più ravvicinate, lì un danno

avrà conseguenza più gravi (capsula

interna)

Funzioni motorie facciali

Emiplegia spastica

Effetti sfavorevoli della spasticità

Spasticity

Limited functional ability

Inactivity Social

Decubitus isolation

urinary and

Cardiovascular gastroenteric

problems problems

osteoporosis

Thrombophlebitis

Respiratory Fixed

infections contractures

further reducion of

functions and

strength

Disordini del linguaggio AFASIE

Sistema anteriore : il più alto livello

di controllo dell’attività verbale. La sua

funzione riguarda l’espressione;

permette la corretta organizzazione

del linguaggio, evita le perseverazioni

fonemiche o verbali, le variazioni e le

imprecisazioni semantiche, assicura

coerenza nel discorso e fedeltà

all’intenzione,

Sistema posteriore :Il sistema

posteriore assicura la ritenzione

immediata del messaggio uditivo, la

sua comprensione e l’avvio dei

processi mentali organizzazione del

linguaggio interno.

LE APRASSIE

• Disturbi dell’attività motoria

involontaria, consistenti

nell’incapacità di eseguire atti

finalistici, in assenza di disturbi motori

“elementari” (paralisi, atassia, coreo-

atetosi, ecc) e in assenza di deficit

globale delle funzioni mentali

(demenza).

LE AGNOSIE

• Agnosia è l’incapacità di riconoscere

gli oggetti, pur essendo integra la

capacità dei sistemi afferenti specifici

di raccogliere e trasmettere gli stimoli

ai centri sensoriali primari. Gli oggetti

(sia quelli del campo della vista, che

del campo dell’udito, che del campo

tattile) vengono percepiti come”

presenze” , ma non riconosciuti come

“concetti”. Infarti del territorio

dell’arteria cerebrale posteriore

• ACP vascolarizza:

– zona profonda talamo-mesencefalica

– zona superficiale temporale interna

– Zona superficiale occipitale

• A seconda della localizzazione lesionale:

– disturbi sensitivi

– deficit motorio

– Sindr. cerebellare

– movimenti anormali involontari

– riduzione del campo visivo

– disturbi neuropsicologici (a

sindr.demenziale)

Esame del campo

visivo Presentazione simultanea

di movimenti delle dita

nelle due metà del

campo visivo

Emianopsia laterale omonima

ICTUS: CEREBRAL ISCHEMIA

Dirnagl et al., TINS, ‘99 DDDDD

immagine di “minus” del

lume Kinking della

carotide interna

ICTUS: arresto del flusso di sangue in un’arteria del cervello (ictus

ischemico) o dalla rottura spontanea di un’arteria dentro il cervello stesso

(ictus emorragico).

Doppler transcranico

VALUTAZIONE

CARDIOLOGICA

NEURORADIOLOGIA

Il Medico del

• Risonanza

Pronto Soccorso e Magnetica

il neurologo

chiamano il team

neuroradiologico:

tecnici, infermieri,

medico. TAC

LESIONE ISCHEMICA

RISONANZA MAGNETICA

Piccola digressione:

Medicina, Radiologia, Fisiologia, etc.

è bello: oggi si può studiare il cervello sano in funzione

Risonanza magnetica funzionale

La RM funzionale: attivazione di funzioni visive,

linguistiche o motrici.

LESIONE ISCHEMICA FRONTO-

PARIETALE SINISTRA

SALA ANGIOGRAFICA

protocollo diagnostico standard

in caso di ictus

• - Anamnesi (ovvero storia clinica recente e

passata)

• - Esame Obiettivo Neurologico e Internistico

• - Esami di Laboratorio

• - Visita cardiologica e Elettrocardiogramma

• - Radiografia Torace

• - EcoColorDoppler Arterie Sopra Aortiche

• - Doppler Trans-cranico

• - TAC Encefalo o RM

• - Angio-TAC delle Arterie Sopra Aortiche

• - Angiografia classica, se necessario


PAGINE

85

PESO

10.15 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Le diapositive illustrano la vascolarizzazione del cervello (arteria cerebrale anteriore, arteria cerebrale media, arteria cerebrale posteriore), il T.I.A. (transitory ischemic attack), l'ictus o stroke (epidemiologia, fattori di rischio, eziologia, terapia: farmaci, stent, angioplastica), le emorragie intracraniche.


DETTAGLI
Esame: Neurologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni)
SSD:
Università: Ferrara - Unife
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neurologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ferrara - Unife o del prof Granieri Enrico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neurologia

Sistema limbico
Dispensa
Elementi di elettroencefalografia
Dispensa
Cefalee
Dispensa
Sclerosi multipla
Dispensa