Che materia stai cercando?

ICOMOS ADCOM 2009/10 - Articolo 9-2

Proposta circa i criteri e la terminologia per i testi dottrinali per guidare lo sviluppo futuro dei testi. Vengono trattati i seguenti argomenti. Il corpus delle Carte, dei Principi e dei documenti ICOMOS: analisi e proposte. La situazione attuale. Risoluzione dell' Assemblea Generale 2008\24. Le 9 proposte.

Esame di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione docente Prof. M. Di Stefano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 1 - punto2.2

CARTA

DEFINIZIONE

" il principio fondamentale di un 'organizzazione"

PRINCIPIO

DEFINIZIONE

"una verità fondamentale o generale o una legge" oppure" una teoria di

base o di guida o una tradizione" (Collins).

Per quanto concerne le Carte, l'ICOMOS le ha strutturate in un modo molto

coerente e logico, non diversamente da un codice di legge. 11

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 1 – punto 3

Attuale e futura terminologia per i testi ICOMOS

Sono riportati alcuni esempi della terminologia usata per nominare alcuni dei

principali testi dell'ICOMOS:

Carta: Carta di Venezia (1964), Carta di Firenze (1981)

• Principi: Principi per i dipinti murali (2003)

• Dichiarazione: Dichiarazione di Xi'an (2005)

• Documento: (Documento di Nara sull'autenticità (1994)

Si noti che, parlando in senso stretto, la Carta di Venezia ed il Documento di Nara

non sono testi ICOMOS 12

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 1 – punto3

DICHIARAZIONE

DEFINIZIONE

" esso è usato da organizzazioni sia intergovernative che non

governative quando si intende dare una particolare importanza e

visibilità ad un evento come una conferenza o una riunione prestigiosa,

dove esperti di un certo rilievo e fama di rinomata autorità a livello

internazionale sviluppano una visione ed indicano un certo percorso da

seguire. Un'altra delle principali caratteristiche delle Dichiarazioni è il

bisogno di un follow-up : di solito esse stabiliscono dei punti di

riferimento che bisogna raggiungere in un certo limite temporale." 13

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 2

Considerati i seguenti punti:

• Il peso giuridico dei vari testi

• L'abitudine dell'ICOMOS ad utilizzare in passato ed oggi i termini Carte e

Principi per i quali l'ICOMOS si è guadagnata l'approvazione dei governi

• La debole connotazione di Dichiarazione, e

• L'auspicabilità di evitare che si faccia confusione con i testi dell'UNESCO

come Raccomandazioni e Linee-guida,

Si propone che l'ICOMOS si limiti ai termini Carte, Principi e Documenti. 14

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 2 punto 4.1

Criteri per la scelta della terminologia dei futuri testi ICOMOS

Una procedura per l'adozione della maggior parte dei testi ICOMOS è stata

a sessione nel Maggio 1984 ed

adottata dal Comitato Esecutivo dell'ICOMOS alla 31

a

è stato rivisto e modificato durante la 33 sessione nel Novembre 1984 a Parigi. Da

notare che la decisione del Comitato Esecutivo si riferisce alla terminologia dei testi

dottrinali, che si raccomanda di non definire più in questo modo:

l. Un testo dottrinale deve essere o preparato o studiato da un Comitato

Internazionale Specializzato o da un Comitato nominato ad hoc per lo scopo dal

Comitato Esecutivo.

2. Un testo dottrinale deve essere distribuito in tutti i Comitati Nazionali ICOMOS

per dei commenti.

3. Un testo dottrinale deve avere l 'approvazione del comitato Esecutivo non più

tardi che alla fine della sessione annuale precedente l'anno dell'Assemblea Generale

4. Un testo dottrinale deve essere ridistribuito nella sua forma revisionata a tutte

le Commissioni nazionali a scopo informativo, almeno tre mesi prima l 'Assemblea

Generale. Dopo aver seguito questa procedura, si può proporre di adottare il testo 15

e che venga ratificato dall'Assemblea Generale.

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 3 e punto 4.2

Data la decisione presa dal Comitato esecutivo in occasione della sua 33a sessione

nel Maggio 1984 relativamente alla procedura per l'adozione dei testi ICOMOS, si

propone che tutte le future "Carte" e "Principi" ICOMOS siano formalmente

adottati dall' Assemblea Generale ICOMOS attraverso una delibera.

4.2 Criteri legati alla forma e al contenuto

La tipologia dei testi dell'ICOMOS è articolata secondo criteri legati alla forma e al

contenuto : soggetto, forma di adozione, lunghezza (numero di pagine), struttura

formale del testo, durata.

Servendosi dell’analisi supplementare fornita dal Comitato Internazionale

dell'ICOMOS sulle questioni Legali, Amministrative e Finanziarie (ICLAFI), e tenendo

conto della raccomandazione n° 2 sulla proposta tipologia di testi (Carte, Principi e

Documenti), le loro maggiori caratteristiche possono essere delineate come segue: 16

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 3 e punto 4.2

CARTE Investono o tutta disciplina del Patrimonio culturale ( per es. La Carta di

• Venezia) o un tipo di patrimonio (es. il patrimonio culturale subacqueo)

Contengono questioni generali ed approcci riguardanti il patrimonio

• Sono relativamente brevi: massimo 5 pagine

• Sono adottate dall'Assemblea Generale che è l'organo sovrano

• dell'ICOMOS

Possono essere completate da altri testi, come i Principi che vengono

• elaborati in merito alle questioni generali contenute nella Carta, o i

Documenti che forniscono note esplicative o relazioni sulla buona pratica

ad implementare la Carta

Si presume che non siano revisionate: quando si dimostra la necessità di

• una nuova Carta con Principi e\o Documenti, si può preparare un nuovo

testo con un nuovo nome sullo stesso argomento e la vecchia Carta 17

diventa un documento storico.

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 3 e punto 4.2

PRINCIPI • O sono contenuti in una Carta o sono raggruppati sotto il nome di

"Principi";

• Sono limitati nello scopo, poiché riguardano solo un tipo di eredità ( per

es. i Principi di Tutela e Conservazione- Restauro dei dipinti murali) o

un'attività connessa al Patrimonio (per es. Principi per l'Analisi, la

Conservazione e il Restauro strutturale del Patrimonio Architettonico);

• Si intende che siano complementari alle Carte sviluppando approcci,

pratiche utili e\o consigli per un'attuazione caratterizzata per regione

• Non sono necessariamente brevi: possono avere dozzine di pagine, in

base all'argomento trattato

• Possono essere revisionati ed aggiornati, possono anche richiedere una

revisione periodica. 18

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Il corpus delle Carte, dei Principi e dei Documenti ICOMOS: analisi e proposte

LE 9 PROPOSTE

PROPOSTA 3 e punto 4.2

DOCUMENTI Questi sono tutti gli altri testi, qualunque sia la loro provenienza.

E' la categoria di testi con la maggiore flessibilità: la loro lunghezza, la

struttura e gli scopi non sono definiti. Questa categoria include

documenti che forniscono spiegazioni sulle carte e sui Principi, e

illustrazioni e presentazioni delle migliori pratiche. I documenti

possono essere modificati o un nuovo documento può sostituire il

vecchio. Cosa più importante, non sono necessariamente redatti in

vista di ispirare politiche nazionali ed internazionali e regole adottate

da organi governativi. I Documenti si possono trasformare, in una fase

successiva, in Principi o Carte. 19

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano


PAGINE

21

PESO

893.62 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in restauro, conservazione e valorizzazione dei beni architettonici e ambientali
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Mediterranea - Unirc o del prof Di Stefano Maurizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione

Aspetti Teoretici e Tecnici della Conservazione
Dispensa
Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale - Parte I
Dispensa
Tutela Siti Italiani di Interesse Culturale - Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Dispensa
Strumenti della conservazione
Dispensa