Che materia stai cercando?

Historic urban landscapes Appunti scolastici Premium

La conservazione del patrimonio urbano è una parte importante delle politiche contemporanee in materia di patrimonio. Per almeno mezzo secolo, le città storiche hanno acquisito un prestigio ineguagliato nella cultura e nella vita contemporanea, il prestigio è la qualità dell'ambiente costruito e la persistenza fisica del... Vedi di più

Esame di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione docente Prof. M. Di Stefano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

RELAZIONE PRELIMINARE SULLA PRIMA STESURA DELLE RACCOMANDAZIONI RELATIVE AI

PAESAGGI STORICI URBANI SEGUENTI LA RISOLUZIONE 42/35C DELLA CONFERENZA GENERALE

INTRODUZIONE

DIBATTITO INTERNAZIONALE

• LA PROBLEMATICA

• LA VIA DA SEGUIRE

• IL PROCESSO

Raccomandazioni concernenti il paesaggio storico urbano

PREMESSA

I. DEFINIZIONE

II. OPPORTUNITA ' E SCOMMESSE PER LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO

URBANO AL XXI° SECOLO

III. POLITICHE

IV. STUMENTI

V. RAFFORZAMENTO DELLE CAPACITA’, RICERCA, INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

VI. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Piano d'azione che accompagna la raccomandazione sul paesaggio storico urbano 3

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Un nuovo strumento internazionale: la raccomandazione proposta dall’ UNESCO

sul Paesaggio Storico Urbano

Relazione preliminare

INTRODUZIONE

La conservazione del patrimonio urbano è una parte importante delle politiche

contemporanee in materia di patrimonio. Per almeno mezzo secolo, le città storiche

hanno acquisito un prestigio ineguagliato nella cultura e nella vita contemporanea, il

prestigio è la qualità dell'ambiente costruito e la persistenza fisica del senso del luogo e

la concentrazione di eventi artistici e storici che costituiva il nucleo dell'identità di un

popolo. Infine - e questo non è il meno importante - queste città sono diventate icone

del mondo culturale e delle località turistiche di indagine, offrendo a milioni di persone

l'opportunità di sperimentare uno stile di vita di esperienze e conoscenze culturali

diverse.

Ma ciò significa che i professionisti della conservazione sono gli strumenti necessari per

garantire la protezione a lungo termine dei valori urbani del centro storico? Purtroppo,

se guardiamo le tendenze economiche e ambientali, è facile vedere il profilo di nuove

minacce alla conservazione dei siti storici urbani, contro le quali mancano strumenti

adeguati. 4

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Un nuovo strumento internazionale: la raccomandazione proposta dall’ UNESCO sul Paesaggio Storico Urbano

Relazione preliminare

Poichè il ruolo economico e sociale della città storica si evolve nel tempo ed il suo uso

e funzione sono sempre meno determinati dai suoi stessi abitanti, bensì da fattori di

ordine mondiale quali il turismo o il settore immobiliare , la conservazione del

patrimonio urbano è una dimensione nuova e deve essere rivista. Il primo decennio

del ventunesimo secolo, ha già dimostrato le sfide emergenti per la conservazione del

patrimonio storico urbano: la crescita e la migrazione della popolazione mondiale,

l'esplosione del turismo nazionale e internazionale, l’ aumento della domanda di

pacchetti turistici con forfaits specifici "storici" e pressioni sempre più forti per

rivedere i piani di uso del suolo all'interno - in particolare all'aperto - il perimetro delle

aree storiche protette.

Mentre molti paesi hanno, nei decenni precedenti, stabilito leggi e regolamenti

adeguati per la tutela delle aree urbane del centro storico, la sostenibilità delle iniziative

pubbliche e private per la conservazione è ben lungi dall'essere dimostrata in un mondo

in cui le risorse pubbliche disponibili per investimenti in politiche culturali sono rare e

tese al ribasso. Gli strumenti attualmente a disposizione dei professionisti della

conservazione nelle aree urbane sono relativamente grandi: è un sistema collaudato di

principi accettati a livello internazionale di conservazione e riflesso negli statuti e nei

principali strumenti giuridici internazionali, come ad esempio la World Heritage

Convention del 1972. Inoltre, questo dispositivo è supportato da una vasta gamma di

buone pratiche sviluppate nel corso di un secolo in contesti diversi che si basano su una

pianificazione elaborata e un quadro normativo chiaro. 5

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

Un nuovo strumento internazionale: la raccomandazione proposta dall’ UNESCO sul Paesaggio Storico Urbano

Relazione preliminare

Tuttavia, questo dispositivo è spesso debole e sostanzialmente impotente agli odierni

cambiamenti operanti nel mondo e sulla scena urbana, e che continueranno negli anni

a venire. Numerose aree urbane storiche tra le più grandi in Europa, Asia e America

Latina hanno perso le loro funzioni tradizionali e sono messe sotto pressione dal

turismo e da altri agenti di trasformazione. Strumenti di pianificazione e strumenti

giuridici in atto non sono sempre adeguati alle nuove sfide. I professionisti della

conservazione dei siti urbani sono sempre più consapevoli del divario tra il mondo ideale

delle "carte" e le realtà concrete, in particolare nelle imprese emergenti; in tal modo le

invocano per lo sviluppo di nuovi principi, nuovi approcci e nuovi strumenti per far

fronte a queste nuove sfide. 6

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

IL DIBATTITO INTERNAZIONALE Lista del patrimonio mondiale

La Convenzione del Patrimonio Città storiche

Mondiale nel 1972, ha svolto un 250 siti

più importante

ruolo importante nel promuovere su un totale di 911

“categoria"

la conservazione del patrimonio

storico urbano. Il Comitato del Patrimonio Mondiale ha

dedicato notevoli sforzi per identificare le

sfide della conservazione del patrimonio

urbano e per formulare adeguate linee

guida per orientare la politica. 7

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

IL DIBATTITO INTERNAZIONALE CONTESTO DI REVISIONE

Nel 2005, un importante convegno si è tenuto a Vienna

per discutere la questione e definire un nuovo approccio.

Il documento è stato pubblicato dopo la conferenza, il

"Memorandum di Vienna", come primo passo per

sostenere l'azione del Comitato e rivedere le politiche di

conservazione già esistenti. Da allora, un ampio dibattito

si è attivato all'interno della comunità internazionale di

professionisti della conservazione. Con il sostegno di

Stati aderenti alla Convenzione del Patrimonio Mondiale,

il Comitato del Patrimonio Mondiale e gli organi

consultivi del Comitato del Patrimonio Mondiale,

ICOMOS, ICCROM e l'IUCN - il Centro del Patrimonio

Mondiale ha avviato un processo di consultazione

Regionale (che si chiude a luglio 2011) per chiedere il

parere di esperti su concetti, definizioni e approcci alla

conservazione del patrimonio storico urbano. 8

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

IL DIBATTITO INTERNAZIONALE Si è sviluppata una riflessione sulla

Attraverso questione per definire i temi, gli

Cinque incontri regionali di esperti approcci e gli strumenti

Gerusalemme (giugno 2006)

• San Pietroburgo, Russia (gennaio 2007)

• Olinda, Brasile (novembre 2007)

• Il Memorandum di Vienna del 2005 è

Zanzibar, Tanzania (novembre -

• stato ampiamente riconosciuto come

dicembre 2009) piattaforma utile al dibattito.

Rio de Janeiro, Brasile (dicembre 2009)

Tre incontri di orientamento presso la sede La Conferenza Generale dell'UNESCO ha

centrale dell’UNESCO approvato l’elaborazione di un nuovo

(settembre 2006, novembre 2008 e febbraio documento contenente raccomandazioni

2010) sul paesaggio storico urbano in vista della

sua adozione nel 2012. 9

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

LA PROBLEMATICA

I processi globali hanno un impatto diretto sulla identità, l'integrità visiva e

il quadro generale delle città storiche e dei loro abitanti. Alcune città sono in

crescita esponenziale , mentre altre stanno sperimentando un netto calo e

sono profondamente ristrutturate in seguito all'evoluzione dei processi

economici ed ai nuovi modelli di migrazione. Per affrontare questi problemi,

le strategie urbane locali sono ora collocate al centro delle politiche di

pianificazione e di sviluppo urbano. La crescente globalizzazione

dell'economia sta cambiando radicalmente molte città contemporanee, a

vantaggio di alcuni gruppi, emarginandone altri. In alcuni paesi, vi è stato un

decentramento della pianificazione e uno spostamento verso approcci basati

sul mercato. Risultato, alcune città si trovano esposte a nuove pressioni ,

anche a causa dei seguenti fattori:

• una rapida urbanizzazione minaccia lo spirito del luogo e l’ identità della

comunità;

• lo sviluppo urbano incontrollato, mal concepito o mal realizzato;

• l'intensità e la velocità dei cambiamenti (cambiamenti climatici inclusi);

• uso non sostenibile delle risorse. 10

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

LA VIA DA SEGUIRE DOVE OPERARE E SU COSA

Il sistema di valori e significati del

1 patrimonio urbano

La maggior parte delle questioni legate alle

sfide presenti e future sono state

identificate, ma la nuova raccomandazione La definizione di paesaggio storico

dovrebbe rispecchiare la diversità delle 2 urbano

situazioni e delle fasi di sviluppo che

caratterizzano le città storiche, all'interno

delle regioni e da una regione all'altra. Un

documento di portata universale integrerà

necessariamente la diversità di approcci e La gestione del cambiamento

3

sistemi di valori delle diverse culture, e

definirà i concetti e gli strumenti che

dovranno essere adeguati ai loro contesti

specifici. La discussione passerà in rassegna 4 Uno sviluppo economico e sociale

gli aspetti fondamentali della conservazione

del patrimonio urbano e, in particolare le

seguenti opzioni: Strumenti aggiornati per la

5 conservazione del patrimonio urbano 11

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

IL PROCESSO

Ai sensi del Regolamento concernente le raccomandazioni agli Stati membri

e le convenzioni internazionali previste dall’Atto costitutivo dell'UNESCO, il

Direttore Generale ha presentato una proposta alla Conferenza generale

a sessione in vista di preparare uno strumento normativo

nella sua 35

internazionale in materia di conservazione dei paesaggi storici urbani.

Questo strumento dovrebbe essere istituito per rispondere alle nuove sfide

che emergono nel campo della conservazione del patrimonio urbano dopo

l'adozione delle ultime Raccomandazione UNESCO sul patrimonio, vale a dire

la raccomandazione concernente la salvaguardia delle aree storiche e il loro

ruolo nella vita contemporanea, dal 1976. Va notato che il nuovo strumento

normativo proposto non sarà unicamente concentrato sulle Città Patrimonio

Mondiale ma riguarderà più in generale tutte le città storiche. 12

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

IL PROCESSO

Gli organi consultivi del Comitato del

Patrimonio Mondiale hanno contribuito al dibattito e al

con progetto dal titolo:

diverse organizzazioni professionali

la Banca Mondiale

• la Banca Interamericana di Sviluppo(IDB)

• l’Organizzazione di Cooperazione e di Sviluppo

• Economico (OCSE),

l’Unione Internazionale degli Architetti (UIA), l

• a Federazione Internazionale di Architettura del

• Paesaggio (IFLA), UN-HABITAT

la Federazione Internazionale per l'Edilizia,

• la Pianificazione Territoriale e Urbanistica (FIHUAT)

• L'Aga Khan Trust per la Cultura (AKTC),

• l'Associazione Internazionale dei pianificatori (IAU),

• il Getty Conservation Institute (GCI),

• l'Organizzazione delle Città Patrimonio Mondiale

• (dell'OCPM)

l'Associazione Internazionale per la valutazione

• d'impatto (IAIA) 13

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

RACCOMANDAZIONI CONCERNENTI IL PAESAGGIO STORICO URBANO - DRAFT

Premessa

Considerato che le aree urbane storiche sono tra tutte le tipologie le più numerose e

• diverse del nostro patrimonio culturale

Considerando anche che il patrimonio urbano è un elemento umano e sociale

• Considerato inoltre che l'urbanizzazione sta crescendo a una scala senza precedenti nella

• storia dell'umanità

Constatando però che uno sviluppo rapido ed incontrollato trasforma i territori urbani ed

• il loro contesto,

Considerato, pertanto, che al fine di sostenere la protezione del patrimonio naturale e

• culturale, si dovrebbe porre l’accento sulle strategie di integrazione della conservazione

del patrimonio urbano nel processo di sviluppo locale

Ricordando che esiste un insieme di documenti normativi, tra cui le convenzioni, le

• raccomandazioni e le carte sul tema della conservazione delle aree storiche

Constatando però che a causa della liberalizzazione degli scambi globali e del

• decentramento, oltre che il turismo di massa, lo sfruttamento commerciale del

patrimonio e del cambiamento climatico, le condizioni sono cambiate e che le città

subiscono oggi le nuove pressioni dello sviluppo e devono affrontare problemi sconosciuti

dopo l'adozione della raccomandazione finale dell'UNESCO sugli insiemi storici nel 1976

Notando inoltre che il concetto di cultura e patrimonio, ed il modo di gestirli sono evoluti

• Desiderando di completare ed estendere l'applicazione delle norme e dei principi

• enunciati in questi strumenti internazionali

Avendo recepito le proposte per il paesaggio storico urbano come un approccio alla

• conservazione del patrimonio urbano

Avendo deciso, nella 35a sessione che tale questione debba assumere la forma di una

• ,

raccomandazione agli Stati membri 14

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

RACCOMANDAZIONI CONCERNENTI IL PAESAGGIO STORICO URBANO - DRAFT

Premessa Adotta questa Raccomandazione:

La Conferenza Generale raccomanda che gli Stati membri di applicare le

disposizioni di cui sopra, adottando, in quanto legge nazionale o qualsiasi

altra forma di misura volta a dare attuazione nei territori soggetti alla loro

giurisdizione , alle norme ed ai principi enunciati in questa raccomandazione.

La Conferenza Generale raccomanda agli Stati membri di portare questa

raccomandazione all'attenzione dei governi nazionali, regionali e locali oltre

alle istituzioni, dipartimenti o enti e associazioni interessati alla

conservazione delle aree urbane storiche e del loro ambiente geografico

allargato.

La Conferenza Generale raccomanda agli Stati membri di riferire in merito

alle date e in quale forma intenda adottare determinati provvedimenti per

dare effetto alla presente raccomandazione. 15

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano

RACCOMANDAZIONI CONCERNENTI IL PAESAGGIO STORICO URBANO - DRAFT

INTRODUZIONE

L’introduzione del presente documento consta di 8 punti che vertono sostanzialmente sui

seguenti indicatori:

1) Presa d’atto sull’entità delle migrazioni e loro rapporto con le aree urbane che

svolgono il ruolo di motore di crescita e centri di innovazione e creatività

2) Esame dei rischi relativi all'urbanizzazione rapida e incontrollata

3) Presa d’atto del concetto che il patrimonio urbano visto nei suoi elementi materiali e

immateriali, sia una risorsa essenziale per migliorare la vivibilità delle aree urbane, le

da gestire efficacemente

4) Il concetto di conservazione come strategia ampliandone l’applicazione dal singolo

monumento al contesto dei valori urbani

5) Ampliamento delle strategie di conservazione urbana del patrimonio verso più ampi

obiettivi di sviluppo sostenibile globale

6) Presa d’atto degli imperativi che guidano le politiche e la gestione delle varie parti

interessate nel processo di sviluppo urbano.

7) Questa raccomandazione è basata su quattro precedenti raccomandazioni

dell'UNESCO sulla conservazione del patrimonio, riconoscendo l'importanza e la

validità dei concetti e principi che delineano la storia e la pratica della conservazione.

8) Per assistere gli Stati membri ad applicare questa raccomandazione, questa è

accompagnata da un piano d'azione. 16

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano


PAGINE

33

PESO

336.01 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La conservazione del patrimonio urbano è una parte importante delle politiche contemporanee in materia di patrimonio. Per almeno mezzo secolo, le città storiche hanno acquisito un prestigio ineguagliato nella cultura e nella vita contemporanea, il prestigio è la qualità dell'ambiente costruito e la persistenza fisica del senso del luogo e la concentrazione di eventi artistici e storici che costituiva il nucleo dell'identità di un popolo. Infine - e questo non è il meno importante - queste città sono diventate icone del mondo culturale e delle località turistiche di indagine, offrendo a milioni di persone l'opportunità di sperimentare uno stile di vita di esperienze e conoscenze culturali diverse.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in restauro, conservazione e valorizzazione dei beni architettonici e ambientali
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Mediterranea - Unirc o del prof Di Stefano Maurizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Aspetti teoretici e tecnici della conservazione

Aspetti Teoretici e Tecnici della Conservazione
Dispensa
Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale - Parte I
Dispensa
Tutela Siti Italiani di Interesse Culturale - Legge 20 febbraio 2006, n. 77
Dispensa
Strumenti della conservazione
Dispensa