Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

maggioranza dei due terzi. Per essere nominati giudici della Corte Suprema è necessario essere

avvocato con otto anni di esercizio professionale ed avere i requisiti per l’elezione alla carica di

senatore.

La Corte Suprema è il tribunale di ultimo grado del sistema giudiziario argentino competente a

giudicare in ultima istanza tutte le questioni che riguardano aspetti disciplinati dalla

Costituzione e dalla legislazione federale o dai trattati stipulati con le potenze straniere; nonché

tutte le cause riguardanti i rappresentanti stranieri, quelle in cui la Nazione sia parte in causa;

quelle insorte tra le province e i loro abitanti, e, infine, quelle contro uno Stato estero o un

cittadino straniero.

La Corte Suprema ha una competenza giurisdizionale originaria ed esclusiva unicamente in

quelle cause riguardanti gli ambasciatori, i ministri, i consoli stranieri, e quelle in cui una

provincia sia parte in causa. Le pronunce della Corte Suprema non sono valevoli erga omnes,

ma dispiegano efficacia unicamente inter partes (la decisione giudiziaria è applicabile

unicamente alle parti in causa). Le decisioni della Corte Suprema vengono, tuttavia, seguite

dagli organi giudiziari di grado inferiore in virtù del ruolo di vertice di tale organo nel sistema

giudiziario argentino. La Corte Suprema è per eccellenza l’organo che con le sue pronunce

promuove e garantisce la supremazia della Costituzione.

Altri due organi di importanza fondamentale del sistema giudiziario argentino sono: il Consiglio

della Magistratura e il Pubblico Ministero.

Il Consiglio della Magistratura è regolato da una legge speciale approvata a maggioranza

assoluta dei membri di ogni Camera ed è l’organo a cui spetta la selezione dei magistrati e

l’amministrazione del potere giudiziario. Il Consiglio della Magistratura svolge un ruolo

fondamentale nella selezione dei membri della magistratura, in quanto è competente sia a

selezionare i giudici mediante concorsi pubblici, sia a proporre al Presidente della Nazione una

rosa di tre persone per la nomina dei giudici di grado inferiore.

Il Pubblico Ministero invece è un organo indipendente con autonomia funzionale e

indipendenza finanziaria, che ha il compito di promuovere l’applicazione della giustizia in

difesa della legalità, degli interessi generali della società, dei minori e degli incapaci, e di

promuovere tutte le azioni penali.

A livello provinciale il potere giudiziario è strutturato e organizzato in forma e con

caratteristiche molto simili al livello federale. 3

In ogni provincia esistono: 1) la Corte Superiore di Giustizia; 2) le Corti di appello; 3) i

Tribunali di Prima Istanza.

Anche a livello provinciale la Corte Suprema di Giustizia svolge la funzione di organo

giudiziario di vertice alle cui pronunce tendono ad uniformarsi i Tribunali giudiziari inferiori. Il

mimetismo istituzionale nell’organizzazione giudiziaria provinciale si riflette anche nella

istituzione del Consiglio della Magistratura, competente ad amministrare la giustizia a livello

provinciale.

3. I diritti fondamentali.

L’evoluzione del sistema dei diritti fondamentali è un processo che si sviluppa attraverso secoli

e secoli di storia. E’ possibile sintetizzare la lunga evoluzione dei diritti fondamentali in quattro

tappe fondamentali:

La prima fase è quella del costituzionalismo liberale, che porta al riconoscimento dei diritti

civili fondamentali (diritto alla vita, inviolabilità della libertà personale, diritto ad un’esistenza

dignitosa, etc).

La seconda fase è quella del costituzionalismo sociale, caratterizzata dal riconoscimento e

dall’affermazione dei diritti cd. di seconda generazione (diritti delle donne, libertà di

associazione, etc.)

La terza fase è quella dell’internazionalizzazione dei diritti umani in cui inizia a stabilirsi un

collegamento più stretto tra diritto internazionale e diritto pubblico interno. Con la

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e l’approvazione di altri Trattati di importanza

storica, (come, ad esempio, la Convenzione americana dei diritti umani), contestualmente alla

creazione di sistemi di protezione dei diritti umani a livello sovrastatale e internazionale

mediante l’istituzione di organi giudiziari volti a garantirne la rispettabilità (Corte

Internazionale dell’Aja, Corte Europea dei diritti dell’uomo), si può dire che si stia

progressivamente affermando un sistema universale di protezione dei diritti umani.

In Argentina, la Costituzione prevede che i trattati internazionali relativi ai diritti umani hanno

valore costituzionale nell’ordinamento interno e sono quindi strumenti interpretativi

fondamentali delle norme costituzionali che disciplinano tale materia. La costituzionalizzazione

dei trattati internazionali operata dall’art. 75, comma 22, avviene in forma esplicita mediante la

menzione dei singoli trattati. 4


PAGINE

6

PESO

27.14 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Cassetti Luisa.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

Giustizia costituzionale spagnola
Dispensa
Abolizione pena di morte
Dispensa
Ammissione Referendum abrogativo- C. Cost. n. 16/78
Dispensa
Commento alla sent. C.Cost. n. 200/06 in tema di Grazia
Dispensa