Che materia stai cercando?

Giudizio: un'antica questione Appunti scolastici Premium

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. In età antica si possono rinvenire varie testimonianze che alludono ad una misteriosa facoltà dell'animo umano, antecedente del Giudizio, in grado di distinguere (krinein = giudicare) e indicare il criterio o la misura del retto agire e pensare. Per... Vedi di più

Esame di Filosofia teoretica docente Prof. R. Viti Cavaliere

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il Giudizio: un'antica questione, Renata Viti Cavaliere « Filosofia Teore... http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-teoretica-lm/gi...

Home

«

1/6

»

Renata Viti Cavaliere » 13) Il Giudizio: un'antica

questione

La logica arcaica e la "misura nascosta"

In età antica si possono rinvenire varie testimonianze che alludono ad una misteriosa facoltà dell'animo umano

Per questo motivo nella logica arcaica e più avanti, soprattutto nelle filosofie ellenistiche e per certi aspetti ne

Solone e Socrate

Assimilabile ad una misura segreta dell'essere che si trasfonde nel discorso umano è il logos di Eraclito

Platone: il logos aperto

Nella filosofia platonica ontologia, logica, etica e politica si legano in maniera indissolubile.

il giudizio proposizionale, è sempre sintesi-evento dell'essere che ogni volta ac

Perfino "il più semplice logos",

Nel Sofista il gioco in apparenza leggero di dar conto di qualunque "altro" si fa risposta dialettica dell'altro e a

Con Platone la preistoria del Giudizio acquisisce coscienza della differenza (heteron) e insieme di una comune

Logos

Aristotele: il giudizio al plurale

Con Aristotele il giudizio si stabilizza e si articola in sezioni e parti della filosofia.

Si possono individuare tre significati dominanti:

1. nella logica è la proposizione che dice il vero o il falso (logos apophantikos);

2. nella retorica è ogni enunciato volto a persuadere e convincere;

3. richiamata nell'analisi dell'intelligenza pratica (phronesis

nell'etica è la funzione critica (synesis)

La synesis

1 di 2 26/10/2011 12:59


PAGINE

2

PESO

161.50 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Filosofia teoretica tenuto dalla professoressa Renata Viti Cavaliere. In età antica si possono rinvenire varie testimonianze che alludono ad una misteriosa facoltà dell'animo umano, antecedente del Giudizio, in grado di distinguere (krinein = giudicare) e indicare il criterio o la misura del retto agire e pensare. Per questo motivo nella logica arcaica e più avanti, soprattutto nelle filosofie ellenistiche e per certi aspetti nella modernità, il Giudizio è spesso avvicinato alla saggezza e alle sue pratiche, ed è simbolo nell'umano dell'enigma cosmico (Solone e Socrate). Assimilabile ad una misura segreta dell'essere che si trasfonde nel discorso umano è il logos di Eraclito.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Viti Cavaliere Renata.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia teoretica

Fedro di Platone I
Dispensa
Ipotesi ontologica I
Dispensa
Giudizio in Hannah Arendt
Dispensa
Filosofia teoretica I: definizione
Dispensa