Che materia stai cercando?

Gestione della conoscenza e knowledge management

Temi trattati in questa lezione sono:
-la dimensione collettiva o sociale, tacita o esplicita della conoscenza
-tipologia funzionale delle competenze distintive e il loro carattere contestuale
-il know-how, sua diffusione, modificabilità, separabilità e aggregabilità secondo Pavitt
-le fasi di ricognizione, creazione,... Vedi di più

Esame di Economia dell'innovazione docente Prof. R. Cappellin

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

In particular, TKM aims to:

a) promote the creation of the “territorial knowledge capital” (TKC) (problem: creation of knowledge)

b) extract the value of territorial knowledge capital (problem: promote innovation)

c) create new innovation networks (problem: define the appropriate organization)

d) provide a quantitative accounting framework (problem: identify specific measures)

This approach highlights (Cappellin, 2007) that there are six dimensions or drivers, which represent key

necessary conditions for the development of interactive learning processes within a network and the creation of

new tacit and codified knowledge:

• external stimulus,

• accessibility,

• receptivity,

• identity,

• creativity,

• governance. 17

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

THE PROCESS OF COMBINATION

THE PROCESS OF INTERACTION Identity

Receptivity Innovation, Creativity

competitiveness,

Accessibility growth

External stimulus Governance

Figure 6: Territorial Knowledge Management as a framework

for the governance of regional knowledge networks

These six factors allow to focus the various policy instruments for the governance of the learning networks in a

regional innovation system on a limited number of dimensions, which are tightly related to the factors of the

processes of knowledge creation according to the literature in cognitive economics.

The approach of TKM indicates the cumulative nature of the process of interactive learning, adoption of

innovation and building of new competencies. Thus, the development of the internal capabilities of the individual

actors is affecting the future evolution path of the innovation system considered.

18

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Promote innovation stimulus.

Tacit knowledge is crucial in this phase since the capability to identify problems, recognize new needs and

business opportunities and to identify the appropriate responses to them is based on personal experience and

capabilities.

Improve accessibility.

The role of tacit factors is underlined by the fact that the forms of interaction between the actors are often

informal and based on social relationships.

Manage receptivity.

Receptivity depends on various forms of “tacit knowledge”, such as the existence of internal tacit “know-how”

within the individual partners of a network, or their reputation, which affects attractiveness and expectation of

reciprocity, or by “relational” capabilities, which enhance the dialogue, the reciprocal understanding and

interaction between them.

While these three factors: external stimulus, accessibility and receptivity, are key factors in promoting interactive

relationships or the connectivity between the local actors, the territorial knowledge management framework

indicates three other factors, which are crucial in promoting the original re-combination of previous knowledge

modules, leading to knowledge creation and innovation.

19

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Build a common identity.

While the concept of receptivity refers to the similarity of the individual characteristics of the actors, identity

refers to their reciprocal relationships and to the explicit subjective feeling existing between them, as indicated by

the concept of: trust, sympathy, emotive proximity, sense of belonging and place identity.

The concepts of social capital and relational capital are also linked to that of identity.

Collaborative attitudes, friendship relationships, the sharing of common values, reciprocal esteem, loyalty, trust

and leadership in a sectoral cluster can be considered as a form of tacit knowledge and they affect the

“institutional/organizational proximity” indicated above.

Lever creativity.

Creativity is related to pattern making and to the capability to establish new contacts between different

potentially complementary information, technologies, thus leading to new discoveries and inventions.

Clearly, creativity cannot be planned in advance, being the capability to discover original solutions, but it

requires an appropriate organization.

Creativity in large firms or high tech sectors may be related to explicit investments in R&D. On the contrary,

within SMEs, creativity is the result of networking and informal and formal process of interactive learning.

20

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Build governance capabilities.

Policy making in knowledge and innovation networks should be based on multi-level governance and

intermediate institutions.

Appropriate governance can minimize the “adjustment or switching costs” in the transition from old to new

organizational solutions and accelerate the “time to change”.

The governance of innovation processes requires an explicit effort in institution building and institutional

learning.

Thus, institutions have a clear importance in the innovation process.

The negative experience of those industrial clusters, which have been artificially created in various regions, is

related to the fact that the creation of an institution, such as a consortium of an “industrial district”, cannot

compensate the lack of intervention on the other various specific dimensions or drivers indicated by the TKM

approach.

The approach of TKM represents a theoretical and operative framework based on the concepts of cognitive

economics and focusing on the factors leading to knowledge creation. That allows to enlarge the factors

traditionally considered in innovation policies, such as technology transfers, R&D investment and labour

training, and to consider also other factors, which enhance the process of interactive learning within knowledge

and innovation networks in the various regions. 21

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

22 Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Vergata" Cappellin, R. (2010), Le reti di conoscenza e innovazione e il knowledge management territoriale,

"Tor Sviluppo, Innovazione e Conoscenza.

in Pace, G. (a cura di), Franco Angeli, Milano: 206-240.

INSTITUTIONS

Roma

di

Università 4. Dal “knowledge management” al management territoriale della conoscenza (TKM)

Le metodologie moderne di “knowledge management” possono essere utili anche per affrontare il

problema delle relazioni cognitive all’interno di network di imprese o cluster produttivi locali.

dell’Innovazione, Infatti, da un lato la conoscenza presente in un sistema produttivo locale è la somma di quella

systems presente nelle singole imprese. Dall’altro, la conoscenza è anche il risultato delle relazioni tra i

diversi attori locali e dipende dalle procedure di relazione tra gli stessi attori. Più in generale la

stabilità e la flessibilità delle relazioni tra gli attori locali è un importante fattore competitivo della

economia locale.

Economia innovation Pertanto, l’estensione ed adattamento delle procedure del “knowledge management” ad una

economia locale può essere definito “knowledge management territoriale” (TKM). Quest’ultimo

può essere definito come una metodologia che mira a valorizzare il potenziale di innovazione, la

SERVICES

di competitività e quindi lo sviluppo economico di reti di imprese e cluster locali tramite un’azione sui

Corso processi di apprendimento interattivo e di creazione di conoscenza.

Infatti, la produzione di conoscenza scientifica non è più il monopolio esclusivo di istituzioni

Cappellin, regional FP6, speciali come le università e i centri di ricerca pubblici, dai quali la conoscenza dovrebbe

diffondersi come uno “spill-over” o uno “spin-off” a beneficio degli altri settori. Il numero dei

for

RESEARCH luoghi e degli attori che sono coinvolti attivamente nella generazione della conoscenza sta

Research

Riccardo crescendo rapidamente (Rubenson and Schuetze 2000, Nelson 1993, Freeman 1995).

the

AND 23 Alla base dello sviluppo delle innovazioni non sono solo gli investimenti in ricerca e sviluppo nelle

in singole imprese. Sono invece necessarie innovazioni sia tecnologiche che organizzative all’interno

Networks, di processi produttivi o “catene del valore”, che sono composti da fasi produttive diverse e

links

INDUSTRY comprendono una pluralità di imprese e di istituzioni. Soprattutto, nei settori produttivi a media

tecnologia la politica dell’innovazione deve mirare alla promozione di nuove forme di

Innovation

of collaborazione tra le piccole e medie imprese anche di tipo tecnologico e non solo di tipo produttivo

network e commerciale.

Pertanto, il “knowledge management territoriale” deve mirare a rendere più esplicita e formale

and l’organizzazione delle relazioni, tramite i quali le imprese e i diversi attori fanno circolare nei

sistemi produttivi tradizionali le informazioni, le conoscenze e le competenze tra di loro, ma in

Knowledge modo troppo implicito, complesso e lento. Pertanto, il knowledge management territoriale introduce

The una prospettiva nuova nelle politiche di trasferimento tecnologico.

In un’economia della conoscenza le politiche regionali devono mirare a promuovere il processo di

2004

-

1 International creazione delle conoscenze all’interno dei cluster e delle reti locali di imprese. In questa prospettiva

Tab. November il knowledge management territoriale può essere definito come la politica che mira a promuovere il

potenziale di innovazione, la competitività e lo sviluppo dei cluster e delle reti delle imprese tramite

una gestione appropriata dei processi di apprendimento interattivo e di creazione della conoscenza.

FINANCE -

Vergata, D’altro lato, compito del knowledge management territoriale è anche quello di facilitare

IKINET l’acquisizione dall’esterno della conoscenza, che può essere cruciale per evitare i fenomeni di

cattura tecnologica (“lock-in”) e che è cruciale per la competitività del sistema produttivo regionale

Tor considerato.

Cappellin,

Roma Il “knowledge management territoriale” non si focalizza sulle relazioni bilaterali (“diadiche”) tra

uno specifico centro di trasferimento tecnologico ed un singolo utilizzatore. Esso mira ad

di organizzare il “sistema di innovazione regionale” tramite la creazione di “network di conoscenza e

R.

Università innovazione”, che sono composti da molteplici attori e imprese locali e sono caratterizzati dalla

Source: condivisione di informazioni e know-how come obiettivo comune.

24

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Come le infrastrutture di trasporto sono cruciali per integrare tra loro le diverse imprese e per Tabella 2: Il ritardo dell’Italia negli indicatori di innovazione

adottare tecniche moderne di “just in time” e ridurre i tempi dei cicli di produzione, così l’esistenza

di infrastrutture organizzative e di istituzioni pubbliche e intermedie è cruciale per integrare tra loro Media Regno Stati

Germania

Italia Francia Giappone

i diversi attori locali e per promuovere le reti di conoscenza, che caratterizzano la società della UE Unito Uniti

1. Risorse umane

conoscenza. 1.1 Nuovi laureati in S&I (% della classe di età

Infatti, le reti di integrazione e cooperazione, che legano le diverse imprese all’interno dei sistemi 10,3 8,2 18,7 16,2 10,2 12,5

5,6

20-29)

produttivi locali e dei cluster di piccole e medie imprese, rappresentano una risorsa (“economie di 1.2 Popolazione con istruzione post-secondaria 21,22 23,8 23,0 28,6 36,51 29,85

10,29

agglomerazione”), dato che influiscono sui processo di creazione della conoscenza e sui livelli (% della classe di età 25-64)

attività delle imprese. Il “knowledge management territoriale” implica la valorizzazione del 1.3 Partecipazione alla formazione permanente 8,5 5,2 2,7 21,7 -- --

5,1

“capitale sociale”, che può essere considerato una forma di capitale intellettuale di tipo relazionale o (% della classe di età 25-64)

1.4 Occupazione nell’industria manifatturiera a

collettivo. 7,57 11,2 7,2 7,2 -- --

medio- alta e alta tecnologia (% della forza 7,42

Secondo l’approccio del “knowledge management territoriale”, il policy-maker deve mirare a lavoro totale)

governare (“governance”) o guidare (“steering”) le reti tra i diversi attori economici, per 1.5 Occupazione nei servizi ad alta tecnologia (% 3,61 3,2 4,1 4,8 -- --

3,05

promuovere i flussi tra gli stessi e orientare le relazioni tra gli stessi nella prospettiva di processi di della forza lavoro totale)

sviluppo economico auto-sostenuti o un ciclo virtuoso di sviluppo. Oltre agli strumenti ordinari di 1.6* Spesa pubblica e privata nell’istruzione 1,09 1,04 1,13 1,11 2,29 1,02

0,84

sostegno finanziario alla ricerca nelle singole imprese e all’acquisto di macchinari tecnologicamente universitaria (% del PIL)

1.7* Quota della spesa in istruzione superiore sul

avanzati, le politiche dell’innovazione devono promuovere la creazione di reti di innovazione tra le 20,0 18,8 18,1 22,6 35,6 21,7

16,8

totale della spesa in istruzione

imprese. 2 Creazione di conoscenza

L’approccio del knowledge management territoriale è appropriato soprattutto nel caso dei cluster di 2.1 R&S di enti pubblici / PIL 0,53 0,67 0,7 0,8 0,7 0,66 0,87

piccole e medie imprese. Esso enfatizza i concetti di network e di integrazione e si basa sui processi 2.2 R&S imprese private / PIL 0,53 1,28 1,8 1,4 1,2 2,04 2,11

di apprendimento interattivo e creazione della conoscenza, sviluppati nelle scienze sociali e nelle 2.3.1 Brevetti UEB alta tecnologia / popolazione 27,8 43,7 27,8 27,5 49,5 36,6

6,2

scienze cognitive. E’ un approccio coerente con le teorie moderne della diffusione territoriale della (per milione di abitanti)

2.3.2 Brevetti USPTO alta tecnologia /

innovazione, che sottolineano l’importanza dei concetti di radicamento territoriale, di spill-over di 12,4 16,4 14,0 15,1 91,9 80,0

4,1

popolazione (per milione di abitanti)

conoscenza limitati a scala locale e di densità istituzione e capitale sociale. Si può sostenere che il 2.3 Brevetti ad alta tecnologia (media) (per

knowledge management territoriale indica un approccio che può essere utilizzato nella misura della 20,1 30,1 20,9 21,3 -- --

5,1

milione di abitanti)

dimensione cognitive delle economie di agglomerazione. 3 Trasmissione e applicazione della conoscenza

Pertanto, il knowledge management territoriale rappresenta un approccio nuovo nelle politiche di 3.1 Innovazione in proprio nelle PMI (% delle 44,0 58,7 36,0 35,8 -- --

44,4

innovazione locali, diverso da altri approcci tradizionali, come gli incentivi finanziari alla R&S, i PMI manifatturiere)

3.2 Innovazione in collaborazione nelle PMI 4,7 11,2 14,7 12,0 15,7 -- --

centri di trasferimento tecnologico, i parchi scientifici e tecnologici, gli incubatori di imprese 3.3 Spesa per innovazione (% del fatturato totale

innovative e il venture capital ed può essere considerato come un’evoluzione delle strategie 3,7 3,9 3,9 3,2 -- --

2,6

nell’industria manifatturiera)

regionali di innovazione (RIS). 4. Finanza, output e mercati della innovazione

4.1 Capitale di rischio in alta tecnologia / PIL 0,2 0,24 0,1 0,2 0,2 -- --

4.2 Nuovo capitale (% del PIL) 0,67 1,73 0,9 0,8 1,0 0,81 0,0

4.3 Prodotti di nuova commercializzazione (% 6,5 7,1 7,9 6,7 -- --

13,5

delle vendite delle imprese manifatturiere)

4.4 Utilizzo domestico Internet (% di tutte le 37,7 38,4 30,1 49,3 46,7 34,0

33,5

famiglie)

4.5 Spesa TIC / PIL 5,17 6,93 6,9 7,3 8,6 8,22 8,98

4.6 Valore aggiunto da alta tecnologia in 10,1 6,7 13,2 14,8 25,8 13,8

6,8

manifattura (% del PIL)

5. Finanziamento della ricerca

5.1* Spesa delle imprese private in R&S (% sul 65,5 71,4 64,0 65,6 75,3 71,0

49,3

totale della R&S)

5.2* Finanziamento della R&S da parte delle 43,0 56,3 66,9 54,1 49,3 68,2 72,4

imprese private (% sul totale della R&S)

5.3* Spesa di bilancio del governo in R&S in % 0,73 0,81 0,93 0,67 0,82 0,64

0,58

del PIL !

25 26

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

5. La misura del potenziale di innovazione regionale Tabella 3: Le potenzialità di innovazione delle regioni europee

Le statistiche europee sull’innovazione (“European Innovation Scoreboard”) consentono un Popolazione Occupazione

confronto tra diversi indicatori rilevati con modalità omogenee sulle potenzialità di innovazione dei con nell'

ind.

singoli paesi e regioni europei. istruzione Occupazione manifatt. a

I ritardi dell’Italia nello sviluppo della “economia della conoscenza” sono chiaramente dimostrati post- nei servizi ad medio- alta e

dagli indicatori di investimento in R&S e sui finanziamenti della R&S. Infatti, non solo è bassa la secondaria R&S di alta alta R&S

spesa complessiva in R&S ma anche e soprattutto particolarmente basso è il valore della R&S che è (% della enti tecnologia (% tecnologia (% imprese Prodotto

Brevetti ad

classe di età della forza alta pro-

finanziata dalle imprese private (Tab. 2). pubblici / della forza private /

25-64) PIL lavoro totale) lavoro totale) capite

PIL tecnologia

Importanti ritardi emergono dagli indicatori sul capitale umano, come il numero limitato dei Regioni

ricercatori per migliaia di forza lavoro e dei laureati in tutti i campi di studio, che sono direttamente 0,41 1,96 3,8 0,33 2,37

Arretrate 16,8

connessi con la bassa percentuale della spesa privata e pubblica nell’istruzione universitaria. Burgenland 14,5 0 2 4,31 0 0 14105

Unici aspetti positivi sono la percentuale elevata di piccole e medie imprese che hanno adottato Brandeburg 33,4 0,89 2,32 4,58 0,60 9,3 15412

innovazioni e la percentuale di nuovi prodotti sulle vendite delle imprese: dati che sottolineano il Peloponnisos 12,7 0,10 1,27 1,35 0,09 0 8230

carattere peculiare delle piccole e medie imprese italiane e della specializzazione produttiva italiana Andalucia 18,8 0,46 1,48 2,41 0,22 0,3 9508

nei settori a medio e bassa tecnologia rispetto ad altri paesi europei. Limousin 17 0,21 3,18 4,38 0,53 1,4 17485

I dati a livello regionale sul potenziale di innovazione regionale (Tab. 3) indicano che le regioni Campania 8,8 0,54 2,05 4,46 0,29 0,5 10525

arretrate presentano un gap rilevante rispetto alla media comunitaria soprattutto nel caso della spesa Norte 7,3 0,30 0,74 3,39 0,10 0,3 8738

in R&S svolta dalle imprese private e dei brevetti nei settori ad elevata tecnologia. Northern

Questo risultato è connesso con il gap in termini di occupazione nei settori industriali a media e Ireland 22,2 0,39 2,65 5,54 0,45 2,4 15963

levata tecnologia e nei settori dei servizi qualificati. Invece, il gap è minore in termini di spesa Altre Regioni

pubblica in R&S e di formazione terziaria. Le regioni di riconversione industriale presentano Italiane

caratteristiche analoghe , ma sono caratterizzate da un livello ben maggiore dell’occupazione nei Puglia 9,36 0,30 2,19 3,99 0,15 0,5 10971

settori a media e elevata tecnologia e dei brevetti nei settori ad elevata tecnologia. Basilicata 6,59 0,36 0 9 0,08 3,3 11826

I paesi candidati all’allargamento europeo hanno valori degli indicatori che sono simili a quelli delle Calabria 10,21 0,26 2,54 1,21 0 0 9983

regioni arretrate, ma che sono superiori a queste ultime nel caso della formazione universitaria e Sicilia 9,47 0,48 2,12 2,3 0,03 4,9 10798

Sardegna 8,27 0,58 1,83 2,26 0,09 1,2 12407

dell’occupazione nei settori industriali a media e levata tecnologia. Essi appaiono pertanto più simili Regioni di

alle regioni di riconversione industriale. D’altro lato questi paesi sono caratterizzati da un prodotto Riconversione 0,44 2,34 7 0,44 5,49

17,9

per abitante inferiore a quello delle regioni arretrate dei paesi membri della Comunità Europea. Steiermark 12,29 0 1,99 7,05 0 5 18237

Gli indicatori, considerati nella “European Innovation Scoreboard” sono stati selezionati Regione

essenzialmente sulla base delle fonti statistiche attualmente disponibili e armonizzate a scala Wallonne 0 3,14 4,85 1,15 6,9 17329

22,47

internazionale e sulla base della loro attinenza ad alcuni temi chiave rilevanti per le politiche Saarland 17,85 0,63 2,34 8,76 0,33 6,5 21533

nazionali dell’innovazione. Kendiriki 0,43 1,38 2,14 0,09 0 10576

Makedonia 17,9

Aragon 24,66 0,31 1,15 10,54 0,39 0 14424

Nord Pas De

Calais 0,31 2,4 6,59 0,36 3,7 17299

16,39

Umbria 9,59 0,57 2,99 6,65 0,11 1,2 16284

North East 22,35 0,37 3,34 9,45 0,62 2,7 16451

Unione

Europea 0,67 3,6 7,6 1,28 12,4

21,2

Paesi

Candidati 17,5 0,41 2,6 5,4 0,32 0,5

!

27 28

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Peraltro, la raccolta di un insieme organico di indicatori sulle potenzialità di innovazione dei singoli Tabella 4 – Indicatori di risultato e misure del capitale intellettuale

paesi e delle regioni richiederebbe un quadro teorico ben definito, che permetta di evidenziare

l’esistenza di relazioni forti tra le diverse variabili rilevanti nei processi di creazione di conoscenza Capitale organizzativo

Indicatori del risultato

e di adozione di innovazione. In questa prospettiva, l’approccio del “knowledge management” può - Livello di adesione dell’organizzazione agli

- Rendimento delle azioni

rappresentare lo schema concettuale, appropriato per una selezione sistematica dei diversi indicatori obiettivi strategici aziendali

- Capitalizzazione di mercato

di potenzialità innovativa, superando un approccio di natura meramente statistica. - Livello di responsabilizzazione e libertà nel

- Crescita dei ricavi

Il knowledge management può essere definito come l’abilità di sviluppare, mantenere e valorizzare prendere decisioni e azioni

- Quota di mercato - Livello di coinvolgimento nelle decisioni

le attività di tipo intangibile, definite come “capitale conoscitivo” o “capitale intellettuale”. Infatti, - Risparmio sui costi - Esistenza di sistemi di incentivazione e

secondo il knowledge management la conoscenza può essere considerata come una risorsa - Valore aggiunto per occupato riconoscimento del buon lavoro svolto

produttiva (“capitale intellettuale”) analoga ai fattori tradizionali di produzione: capitale, lavoro e - Competitività internazionale - Esistenza di strumenti di incoraggiamento attivo

terra. Nell’economia della conoscenza le imprese devono mirare ad aumentare il valore delle loro - Capitale umano nell’essere creativo e

- Livello di istruzione degli occupati

attività immateriali e non solo del loro patrimonio, inteso in termini tradizionali come attività - prendere iniziative

- Percentuale della spesa in addestramento sul

finanziarie, beni mobili e immobili. Pertanto, tramite la valorizzazione della conoscenza interna - Livello del sostegno da funzioni di staff

- costo del lavoro

all’impresa i manager devono mirar a massimizzare il valore per l’azionista (“shareholder value”) - Numero dei documenti pubblicati e condivisi

- Percentuale della forza lavoro coinvolta nella

della impresa. - Numero dei suggerimenti di miglioramento fatti

- riqualificazione professionale

Usualmente, il knowledge management adotta un approccio di tipo contabile e mira a stimare il - Abbonamento a giornali tecnici

- Conoscenza delle tecnologie dell’informazione

valore del patrimonio di conoscenza dell’impresa per poterlo indicare nel conto patrimoniale, in - Presenze a presentazione di gruppo

- Livelli di esperienza manageriale

modo simile alle altre attività di tipo materiale. In particolare, la conoscenza come le altre attività è - Numero di collegamenti per persona

- Copertura delle funzioni di tipo strategico - Contatti totali verso l’interno

soggetta ad obsolescenza tecnologica e deve essere ricostituita con appropriati investimenti. Le - Capacità di sostituire il personale chiave - Contatti totali verso l’esterno

imprese devono pertanto investire nello sviluppo delle competenze interne come anche nello - Trasferimento di conoscenze nelle decisioni chiave - Frequenza di richiesta di assistenza

sviluppo delle relazioni con i clienti e con i fornitori. Il knowledge management si prefigge di - Condivisione delle best practice - Individuazione delle competenze distintive

stimare la redditività di tali investimenti (ad esempio gli investimenti in formazione continua) e di - Capacità di trattenere il personale chiave - Individuazione dei processi di eccellenza

- Capacità di attrarre persone di talento

fornire all’impresa una guida rigorosa nelle relative decisioni. - Sforzo nella ricerca di best practice

- Motivazione e soddisfazione del personale

Secondo questo approccio, le imprese devono essere valutate secondo la loro capacità di aumentare - Creazione di data base delle best practice

- Responsabilizzazione del personale

il “capitale intellettuale” o il “capitale conoscitivo”, che può essere distinto convenzionalmente - Sforzo nella creazione di reti di conoscenza

- Assenteismo

(Bassi e van Buren 2000, Morey et al. 2000) in: - Numero di incidenti e livelli di sicurezza

- Produttività degli occupati

1. capitale umano, all’interno degli stessi individui, - Perdite di tempo e analisi dei fallimenti

Capitale tecnologico

2. capitale strutturale, all’interno delle singole imprese ed esterno ai singoli individui, che a sua - Sforzo nelle tecniche di qualità totale

- Investimento nelle tecnologie dell’informazione

volta può essere distinto in: - Sforzo nel ridisegno dei processi e in progetti di

- Capacità dei sistemi di informazione in uso reengineering

- capitale tecnologico, connesso con la dotazione di tecnologie di processo; - Percentuale dei processi documentati e analizzati - Adozione di sistemi di controllo finanziario

- capitale organizzativo, risultato dei processi di apprendimento organizzativo; - Accessibilità alle informazioni sul lavoro - Percentuale dei ricavi investita nel knowledge

3. capitale relazionale, rappresentato dal valore per l’impresa delle relazioni con i clienti e con il - Creazione di data base della conoscenza management

sistema dei fornitori. - Creazione di sistemi di supporto alle decisioni Capitale relazionale

- Creazione di reti intranets - Marchi

- Creazione di reti extranets - Reputazione

- Creazione di gruppi di discussione in rete - Soddisfazione del cliente

- Spesa in R&S - Mantenimento dei clienti

- Percentuale della R&S investita nello sviluppo di nuovi - Dimensione media e caratteristiche dei clienti

prodotti - Qualità dei prodotti/servizi

- Produttività della R&S - Spese nell’ assistenza ai clienti

- Leadership nella ricerca - Rapporto tra i legami esterni e quelli interni

- Percentuale della forza lavoro coinvolta nell’innovazione - Numero e caratteristiche delle collaborazioni di

- Percentuale dei prodotti nuovi introdotti negli ultimi tre anni produzione,

- Time to market - commerciali e tecnologiche

- Cycle time - Sforzo nell’individuazione di partner e alleanze

- Numero di copyright/marchi potenziali

- Numero di brevetti pubblicati/concessi in licenza - Spesa nello studio e imitazione dei concorrenti

- Numero dei brevetti in via di registrazione - Investimenti nelle ricerche di mercato

- Numero di brevetti utilizzati - Investimenti nella pianificazione strategica

- Valore attuale dei brevetti

- Investimenti nello sviluppo di nuovi mercati

29 30

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Diversi indicatori sono stati individuati nella letteratura sul “knowledge management” al fine di - sviluppare una formazione di tipo interdisciplinare aumentare la comprensione delle nuove

poter misurare queste diverse forme di capitale intellettuale (Tab. 4) tecnologie,

Il limite di questo approccio di tipo contabile al “knowledge management“ consiste nel fatto che - investire nella riqualificazione professionale dei lavoratori e nella formazione continua,

- investire nella formazione professionale dei giovani;

esso individua singoli indicatori che misurano lo stock delle diverse forme di conoscenza

effettivamente presenti nella impresa, ma non è in grado di individuare né come la conoscenza c) promuovere un’identità comune:

venga creata, nè come venga creato “valore” dalla stessa conoscenza. In altri termini, la misura del - sviluppare il senso di appartenenza e la cooperazione,

capitale intellettuale non individua né i fattori su cui agire per svilupparlo, né i processi tramite i - promuovere il consenso su una strategia di sviluppo comune, la condivisione di valori, il

quali esso influisce sulla competitività e lo sviluppo delle singole imprese. senso di appartenenza comune, la fiducia reciproca, la fedeltà, l’attitudine alla co-

Nell’economia della conoscenza è importante per le imprese individuare con relativa precisione i operazione,

processi specifici che portano ad un aumento della competitività della impresa e quindi ne - riformare le strutture di tipo centralistico e promuovere il decentramento decisionale, il

favoriscono lo sviluppo, piuttosto che mirare a definire valori sintetici (come quello di “capitale coinvolgimento nei processi decisionali, la focalizzazione degli sforzi, l’impegno e il senso

conoscitivo”) che possono restare alquanto oscuri o soggettivi e comunque distanti dalle strategie di responsabilità,

operative delle imprese. - promuovere la creazione di comunità professionali con interessi comuni,

La conoscenza non è un “fattore produttivo”, che può essere acquistato e venduto sul mercato come

gli altri fattori produttivi: terra, capitale e lavoro, ma rappresenta piuttosto un processo. La d) promuovere la creatività individuale:

conoscenza definisce le caratteristiche della tecnologia e dell’organizzazione di un’impresa. Infatti, - mettere in connessione elementi esistenti in modo originale,

secondo Polanyi (1966), la conoscenza è un’attività, che può essere meglio descritta come il - promuovere l’esposizione a stimoli diversi

processo di apprendimento (“knowing”). In questo processo di creazione della conoscenza risultano - promuovere le capacità di reagire in modo non conflittuale,

utili i diversi tipi di risorse intellettuali, che sono normalmente oggetto di misura nella letteratura sul - accettare la diversità, la complessità e i conflitti,

“knowledge management”. Pertanto, secondo un approccio di tipo cognitivo e non di tipo contabile, - capacità di percepire i problemi nuovi ,

l’obiettivo del “knowledge management” è quello di spiegare come la conoscenza venga creata e - accettarne la sfida per poi costruire sulla base di questi stimoli in direzioni nuove

come l’impresa possa creare valore dalla conoscenza. (“divergent/lateral thinking”),

Il processo di creazione della conoscenza può essere considerato come il processo tramite il quale - assicurare risorse per consentire un’attività di ricerca sistematica,

diversi leve/facilitatori (“drivers/enablers”) portano a livelli diversi delle risorse di tipo intellettuale - tollerare l’incertezza e il rischio di fallimento e destinare risorse certe ad obiettivi di medio

disponibili per l’impresa. Si tratta quindi di individuare delle leve/facilitatori, che possano essere e lungo periodo,

gestite con politiche appropriate e che influiscano direttamente sulle diverse fasi del processo di - assicurare l’indipendenza degli attori coinvolti nei processi di innovazione.

apprendimento e creazione della conoscenza. Invece, le diverse forme di capitale intellettuale

indicate nella Tab. 4. Possono essere considerate come un prodotto intermedio e quindi come sia un e) promuovere l’imprenditorialità:

input che un output del processo di creazione della conoscenza. - promuovere la capacità di collegare la creatività individuale e la realizzazione della nuova

Pertanto, secondo un approccio di tipo cognitivo al “knowledge management”, risulta cruciale idea,

individuare le leve sulle quali agire per uno sviluppo continuo del capitale conoscitivo o individuare - promuovere lo sviluppo di nuove produzioni e l’innovazione,

come influire sui processi tramite i quali sia a livello individuale che a livello collettivo si crea la - promuovere l’adozione di nuove idee tecnologiche e lo sviluppo dell’ innovazione

conoscenza. Tali leve permettono alle politiche di innovazione regionali di agire sulle seguenti fasi nell’imprese esistenti,

del processo di creazione della conoscenza (Cappellin 2003a). - promuovere la creazione nuove imprese innovative,

- promuovere il processo di “distruzione creatrice” o di dismissione di combinazioni

a) promuovere l’accessibilità: produttive obsolete per sviluppare nuove combinazioni produttive o la riconversione delle

- promuovere l’apertura esterna e i network di conoscenza e innovazione a scala risorse da vecchie a nuove produzioni,

interregionale e locale, - promuovere lo sviluppo di produzioni più efficienti e l’aumento della produttività.

- assicurare un accesso veloce alle diverse conoscenze e competenze interne ed esterne,

- promuovere le collaborazioni interdisciplinari e l’integrazione di conoscenze settoriali, Questi diversi campi di azione di un approccio cognitivo al “knowledge management”, che si

- investire in capitale sociale o in strutture ed istituzioni che promuovono l’integrazione delle focalizza sui processi di creazione della conoscenza, portano ad individuare una serie di indicatori

conoscenze e competenze, (tab. 5), che sono simili ma anche diversi da quelli che caratterizzano un approccio di tipo contabile

- attrarre e trattenere talenti o risorse umane qualificate, focalizzato sulla misura del “capitale intellettuale” come anche quelli rilevati nelle statistiche

- individuare i nodi cruciali, i leader o gatekeepers nelle reti della conoscenza, europee sul potenziale di innovazione.

- promuovere processi interattivi di apprendimento;

b) promuovere la ricettività:

- promuovere i processi di apprendimento interattivo,

- sviluppare il capitale umano,

- promuovere una mentalità aperta e aumentare la ricettività alla innovazione,

- investire nelle risorse umane, 31 32

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

Tabella 5 – Le leve del knowledge management territoriale Questi indicatori hanno il vantaggio di sottolineare la dimensione relazionale o interattiva dei

Gestione della accessibilità Promozione dell’ identità e di obiettivi comuni processi di innovazione e quindi di essere particolarmente appropriati per la definizione di politiche

- Creare infrastrutture hard e soft di knowledge - Condivisione di obiettivi e cultura dell’impresa della innovazione nel caso di network di imprese o cluster produttivi locali, piuttosto che per la

management e procedure per la connettività tra gli - Ridisegno dei processi organizzativi gestione della conoscenza all’interno di una singola impresa. In particolare, essi indicano la

attori - Definizione degli obiettivi strategici e allineamento del possibilità di integrare gli indicatori della “European Innovation Scoreboard” con indicatori che

- Investire in strutture per catturare l’informazione knowledge management misurino la natura organizzativa e istituzionale del processo di creazione della conoscenza, come

- Investire nella promozione di contatti interni ed - Miglioramento del management e disegno di routine implicito nelle definizione sopra-illustrate di “capitale organizzativo” e di “capitale relazionale” o di

esterni organizzative appropriate interne “capitale sociale”.

- Creare sistemi di informazione interni e definire le - Promozione del morale e della motivazione In questa prospettiva si può affermare che il “knowledge management territoriale” indica una

caratteristiche tecniche dei data base - Disegno di incentivi e realizzazione di sistemi di metodologia che permette di misurare la dimensione cognitiva delle economie di agglomerazione

- Sforzo nella codificazione della conoscenza tacita e compenso e riconoscimento nei cluster locali di imprese. Certamente, questa metodologia rappresenta solo un passo intermedio

delle competenze - Promozione della creazione di gruppi di lavoro e di nella prospettiva di rispondere all’esigenza di valutare quantitativamente il capitale conoscitivo e i

- Sforzo nell’assicurare un accesso veloce e facile comunità di interesse

alle diverse conoscenze e competenze - Assicurare la trasparenza e prevenire l’occultamento suoi effetti sullo sviluppo regionale. Esso individua una serie di indicatori che riguardano aspetti

- Numero e caratteristiche delle collaborazioni della conoscenza non considerati nelle statistiche dell’innovazione attualmente disponibili a scala nazionale e

esterne nello sviluppo tecnologico - Promuovere il consenso, le attitudini alla regionale. Sono pertanto necessari sperimentazioni comparate in diverse regioni. In particolare,

- Creare reti informatiche e investire nelle collaborazione, relazioni di fiducia, lealtà, valori l’approccio del “knowledge management territoriale” ha il vantaggio di orientare gli interventi

infrastrutture di comunicazione condivisi, cultura comune verso un insieme ben definito di leve del processo di creazione della conoscenza e di ambiti di

- Investire in strutture e infrastrutture e sviluppare il - Rivedere l’approccio tradizionale basato sul commando intervento nelle politiche della innovazione.

capitale sociale di tipo relazionale dall’alto e il controllo

- Sforzo nell’individuare e rimuovere gli ostacoli - Promuovere il decentramento decisionale, la

all’integrazione in network specifici dei diversi responsabilizzazione e il coinvolgimento nelle decisioni

attori - Promuovere la focalizzazione degli sforzi, il senso di

- Individuare i nodi chiave nelle reti di conoscenza, i responsabilità e l’impegno individuale

Promozione della creatività

gatekeepers, i leader e brokers della conoscenza

- Sforzo nel mantenimento della conoscenza e nella - Investire nella ricerca e l’esplorazione

prevenzione della perdita di conoscenza - Investire nello sviluppo di nuove tecnologie, invenzioni

- Capacità di trattenere gli occupati e di attrarre e brevetti

persone chiave di talento - Promuovere la fusione delle conoscenze esistenti

- Strutture per la promozione della mobilità dei - Promuovere la cooperazione e evitare il fenomeno della

lavoratori qualificati tra le imprese locali “riscoperta della ruota”

- Promozione della reputazione e del mantenimento - Promuovere l’iniziativa e tutelare l’autonomia

dei clienti - Promuove la leadership e individuare i gatekeepers e

- Tutelare i diritti di proprietà intellettuale nelle brokers nei flussi informativi

relazioni tra le imprese locali ed esterne - Promuovere il pensiero laterale ed evitare

- Investire nella raccolta di informazioni e nelle l’emarginazione degli innovatori

capacità di analisi dell’ambiente esterno - Tollerare l’incertezza e il rischio di fallimenti

- Analisi delle opportunità tecnologiche e previsioni - Investire in programmi a lungo termine

Promozione dell’imprenditorialità e creazione di

tecnologiche valore dalla conoscenza

- Promuovere collaborazioni interdisciplinari e la

formazione di conoscenze complesse - Promuovere la creazione di reddito

Gestione della ricettività - Creare valore per gli azionisti dalla conoscenza

- Aumentare la ricettività all’innovazione e accettare - Realizzare idee tecnologiche nell’organizzazione della

le differenze impresa e promuovere l’innovazione

- Promuovere l’apertura mentale - Integrare i processi cognitivi e di produzione

- Promuovere le esperienze di collaborazione e i - Usare la conoscenza per l’azione e valorizzare la

processi di apprendimento interattivi conoscenza per scopi commerciali

- Sviluppo del capitale intellettuale interno e delle - Organizzare le risorse locali e aumentare la produttività

competenze degli occupati - Creare joint ventures

- Promuovere i livelli di istruzione dei lavoratori e la - Promuovere la nascita di nuove imprese

formazione interdisciplinare - Promuovere spin-off da imprese esistenti e start-up

- Investire nella riqualificazione professionale e innovative

formazione permanente - Creare nodi nelle reti locali di innovazione

- Promuovere le capacità di apprendimento - Definire e misurare i livelli e processi di conoscenza,

- Formare le persone più che sottrarre lavoratori del capitale intellettuale o delle risorse invisibili

- Ridefinire i sistemi di knowledge management e le

qualificati ai concorrenti misure di performance 34

33

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

capitale sociale, ruolo del policy-maker, differenze con altri approcci alle politiche di

innovazione

Altre letture di riferimento: 21. la misura del capitale intellettuale e tipi di capitale conoscitivo nell’approccio contabile al KM

22. le leve del processo di creazione di conoscenza nell’approccio cognitivo al KM

Corsi, M. (2000), L’impatto delle nuove tecnologie sulle forme di lavoro: una prospettiva europea, 23. le relazioni tra le sei dimensioni del processo di creazione di conoscenza nel TKM

relazione alla 41 Riunione Scientifica della Società Italiana degli Economisti, Cagliari, 26-28 24. indicatori del processo di innovazione secondo l’approccio cognitivo

ottobre. 25. La definizione di “learning region”

26. Il ruolo delle conoscenze sintetiche nei cluster di PMI e delle conoscenze analitiche e

Milano: Egea, Cap. 2, pp. 53-76.

Lanza, A. (2000), Knowledge governance. simboliche

27. La gestione delle relazioni cognitive in una rete di identità e in una rete di tipo strategico:

Sorge, C. (2000), Gestire la conoscenza. Introduzione al knowledge management. Milano: Sperling dall’apprendimento interattivo al knowledge management territoriale

& Kupfer Editori, Cap. 4, pp. 49-134. 28. Caratteristiche del fattore: stimolo esterno

29. Caratteristiche del fattore: accessibilità

Cappellin, R. (2003), Le reti di conoscenza e innovazione e il knowledge management territoriale, 30. Caratteristiche del fattore: ricettività

in Pace G. (a cura di), Le disparita’ regionali 31. Caratteristiche del fattore: identità

nel Mediterraneo: innovazione, sviluppo e apprendimento. 32. Caratteristiche del fattore: creatività

Caratteristiche del fattore: governante

Cappellin, R. (2003), Territorial knowledge management: towards a metrics of the cognitive

Vol. 26,

dimension of agglomeration economies, International Journal of Technology Management,

Nos. 2/3/4, pp.303-325.

Cappellin, R. (2001), Le reti di cononoscenza e di innovazione e le politiche di sviluppo regionale,

in Mazzola, F. e F. M. Maggioni (a cura di), Crescita regionale e urbana nel mercato globale:

modelli, politiche e processi di valutazione. Milano: Franco Angeli, pp. 200-224.

Cappellin, R. (2000), Learning economy, tecnologie dell’informazione e sistemi produttivi

regionali, in Economia e Diritto del Terziario, n. 3, pp. 853-898.

Temi chiave della lezione 10: “La gestione della conoscenza e il knowledge management”

1. la natura del capitale cognitivo dell’impresa: “know-how” e “know-that”

2. la dimensione collettiva o sociale, tacita o esplicita della conoscenza

3. tipologia funzionale delle competenze distintive e il loro carattere contestuale

4. le competenze di conversione, architetturali, integrative, esoteriche o combinatorie

5. le capacità organizzative, tecniche, culturali, di posizione, legali

6. la distinzione tra competenze e risorse e gli skills di integrazione e di coordinamento

7. il know-how, sua diffusione, modificabilità, separabilità e aggregabilità secondo Pavitt

8. le fasi di ricognizione, creazione, formalizzazione, utilizzo, riutilizzo secondo Davenport

9. conoscenza e competitività delle imprese, il capitale intellettuale e i tempi di reazione

10. informazioni e conoscenza

11. il problema della connessione e la gestione della informazione

12. le conoscenze analitiche, sintetiche e simboliche

13. le fasi della conoscenza: esplorazione, esame, sfruttamento

14. la definizione di knowledge management

15. le fasi caratteristiche del knowledge management

16. i problemi affrontati dal knowledge management

17. gli ostacoli di natura organizzativa alla diffusione delle conoscenze

18. le relazioni tra creazione della conoscenza e cambiamento organizzativo

19. la misura del valore della conoscenza

20. il knowledge management territoriale: attori, processi di apprendimento interattivo,

formalizzazione delle relazioni nei network di innovazione, creazione di infrastrutture e di

35 36

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

La conoscenza non è un “fattore produttivo”, che può essere acquistato

e venduto sul mercato come gli altri fattori produttivi: terra, capitale e

lavoro, ma rappresenta piuttosto un processo. La conoscenza definisce le

caratteristiche della tecnologia e dell’organizzazione di un’impresa. Infatti,

la conoscenza è un’attività, che può essere

secondo Polanyi (…….),

meglio descritta come il processo di apprendimento (“knowing”). In

questo processo di creazione della conoscenza risultano utili i diversi tipi

di risorse intellettuali, che sono normalmente oggetto di misura nella

letteratura sul “knowledge management”.

E’ importante scoprire come si ottiene una crescita del livello di tali

un approccio di tipo cognitivo e non di tipo

risorse. Pertanto, secondo

contabile, l’obiettivo del “knowledge management” è quello di

spiegare come la conoscenza venga creata e come l’impresa possa

creare valore dalla conoscenza. Il processo di creazione della conoscenza

può essere considerato come il processo tramite il quale diversi

leve/facilitatori (“drivers/enablers”) portano a livelli diversi delle risorse di

Si tratta quindi di individuare

tipo intellettuale disponibili per l’impresa.

specifiche leve/facilitatori, che possano essere gestite con politiche

appropriate e che influiscano direttamente sulle diverse fasi del

processo di apprendimento e creazione della conoscenza. Invece, le

diverse forme di capitale intellettuale indicate nella tabella 4 possono

essere considerate come un prodotto intermedio e quindi come sia un input

che un output del processo di creazione della conoscenza.

37 38

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

porta alla creazione di innovazioni

In particolare, il “knowledge management territoriale” (TKM) permette di e quindi a raggiungere l’obiettivo

misure di tipo intermedio o interne ai processi di finale di aumentare il valore delle imprese o di creare sviluppo economico

definire alcune

apprendimento interattivo e di creazione della conoscenza in un a scala regionale o nazionale.

network o cluster di imprese diverse. Tali misure sono chiaramente

collegate ai diversi indicatori sopraindicati del capitale intellettuale, il vantaggio di sottolineare la dimensione

Questi indicatori hanno

relazionale o interattiva dei processi di apprendimento

ma permettono di monitorare in modo più specifico il processo di e sono

apprendimento. particolarmente appropriati per la definizione di politiche della

innovazione nel caso di network o cluster locali di imprese, piuttosto che

individuare

Nell’economia della conoscenza è importante per le imprese per la gestione della conoscenza all’interno di un’impresa singola.

con relativa precisione i processi specifici che portano ad un aumento

della competitività della impresa indicatori della “European

e quindi ne favoriscono lo sviluppo, In particolare, è possibile integrare gli

Innovation Scoreboard” la natura

piuttosto che mirare a definire valori sintetici (come quello del valore del con indicatori che misurino

organizzativa e istituzionale del processo di creazione della

“capitale conoscitivo”), che possono restare alquanto oscuri o soggettivi e conoscenza,

comunque distanti dalle strategie operative delle imprese. come implicito nelle definizione sopra-illustrate di “capitale

organizzativo” e capitale relazionale” e di “capitale sociale”.

Secondo un approccio di tipo cognitivo, nel “knowledge management”

individuare le leve sulle quali agire per uno sviluppo il “knowledge management

risulta cruciale In questa prospettiva si può affermare che

continuo del capitale conoscitivo territoriale” indica una metodologia che permette di misurare la

o individuare come influire sui processi dimensione cognitiva delle economie di agglomerazione nei cluster

tramite i quali sia a livello individuale che a livello collettivo si crea la locali di imprese.

conoscenza. – Territorial Knowledge Management”,

Secondo l’approccio del “TKM Certamente, questa metodologia rappresenta un passo intermedio nella

le diverse dimensioni del processo di creazione della conoscenza e prospettiva di rispondere alla esigenza di valutare il capitale conoscitivo e i

dell’innovazione sono tra loro collegate da relazioni causa-effetto. suoi effetti sullo sviluppo regionale. Sono pertanto necessari

sperimentazioni comparate in diverse regioni.

I diversi campi di azione di un approccio cognitivo al “knowledge

management”, che si focalizza sui processi di creazione della conoscenza, Tuttavia, l’approccio del “knowledge management territoriale” ha il

individuare una serie di indicatori interventi di politica dell’innovazione

portano ad (Tab. 5), che sono in vantaggio di orientare gli verso un

grande parte simili sia a quelli che caratterizzano un approccio di tipo insieme ben definito di leve del processo di creazione della conoscenza e

contabile focalizzato sulla misura del “capitale intellettuale” delle imprese, non ultimo di guidare la rilevazione di una serie di indicatori che

statistiche dell’innovazione

che da quelli considerati nelle statistiche europee sul potenziale di riguardano aspetti non considerati nelle

innovazione regionale. attualmente disponibili a scala nazionale e regionale.

Peraltro, vi sono significative differenze e soprattutto invece di seguire un

approccio di tipo additivo, in cui apparentemente ogni singolo indicatore

potrebbe sostituire un altro indicatore, viene individuata una relazione di

tipo causale o di sequenza logica tra i diversi campi di azione e questo ne

processo che

rende evidente il carattere strettamente complementare nel

39 40

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

33.

driver del processo di creazione di conoscenza

La relazione tra i e gli

indicatori di capitale intellettuale nelle politiche europee della ricerca e

dell’innovazione: Drivers of knowledge creation

EU policies, - enhance accessibility

national policies - enhance receptivity

regional policies - leverage common identity

- leverage creativity

- enhance creation of value

Performance indicators Endowment of intellectual capital

- innovation adoption - Human capital

- birth of innovative firms - Innovation capital

- productivity growth - Process capital

- GDP growth - Relational capital

Figure 3 - The role of Territorial Knowledge Management in European

research and innovation policies 41 42

Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata" Riccardo Cappellin, Corso di Economia dell’Innovazione, Università di Roma "Tor Vergata"

43 44


PAGINE

33

PESO

598.82 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Temi trattati in questa lezione sono:
-la dimensione collettiva o sociale, tacita o esplicita della conoscenza
-tipologia funzionale delle competenze distintive e il loro carattere contestuale
-il know-how, sua diffusione, modificabilità, separabilità e aggregabilità secondo Pavitt
-le fasi di ricognizione, creazione, formalizzazione, utilizzo, riutilizzo secondo Davenport
-conoscenza e competitività delle imprese, il capitale intellettuale e i tempi di reazione
-informazioni e conoscenza
-le conoscenze analitiche, sintetiche e simboliche
-la definizione di knowledge management
-le fasi caratteristiche del knowledge management
-i problemi affrontati dal knowledge management
-gli ostacoli di natura organizzativa alla diffusione delle conoscenze


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia e management
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia dell'innovazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Cappellin Riccardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia dell'innovazione

Regimi tecnologici e pattern settoriali di innovazione
Dispensa
Politiche dell'innovazione a scala nazionale ed europea
Dispensa
Conoscenza e competenze - Creazione
Dispensa
Distretti industriali e processo di sviluppo nei sistemi produttivi locali
Dispensa