Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

a) La differenza naturale differenze innate di

Determinati aspetti della biologia umana comportano

comportamento tra uomini e donne.

Esempio: in quasi tutte le culture la partecipazione alla caccia e alla guerra è

riservata agli uomini.

Critiche a queste teorie:

­ il grado di aggressività dei maschi varia da cultura a cultura;

­ si basano spesso sul comportamento animale piuttosto che su evidenze

antropologiche e storiche;

­ il fatto che certe caratteristiche siano universali non significa che debbano

essere di origine biologica; sociale

­ si trascura il ruolo dell’interazione nella definizione del

comportamento umano. 6

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

b) La socializzazione di genere (S.d.G.)

Le differenze di genere sono un prodotto culturale

e bisogna distinguere fra:

Sesso biologico Genere sociale

Definito alla nascita Il bambino, attraverso il contatto con gli

interiorizza

agenti sociali, le norme e le

del bambino aspettative sociali corrispondenti al proprio

sesso

Nel processo di apprendimento del proprio genere, i bambini sono guidati da sanzioni

positive e negative, che agiscono per ricompensare o reprimere determinati

comportamenti. 7

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

b) (S.d.G.):La teoria di Sigmund Freud

L’apprendimento delle differenze di genere da parte dei bambini è incentrato sulla

presenza o l’assenza del pene differenza anatomica + espressione simbolica

della maschilità e femminilità.

La formazione delle identità di genere ha inizio in quella che Freud chiama fase

edipica, attorno ai 4 o 5 anni.

Fase edipica maschile il bambino vede il padre come rivale nella lotta per le

attenzioni della madre, fino a quando ne accetta la superiorità, reprime l’attrazione

atteggiamenti

per la madre e si identifica con il padre, assumendone gli

aggressivi. ⇒

Fase edipica femminile le bambine soffrono l’invidia del pene e si identificano con

atteggiamenti remissivi.

la madre assumendone gli 8

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

Critiche alla teoria di Sigmund Freud

Molte delle critiche alla teoria di Freud sono state sollevate da studiose

femministe, poiché:

­ si identifica troppo l’identità di genere con il problema dei genitali;

­ si attribuisce una ‘naturale’ superiorità al pene;

­ si considera il padre come principale fonte di autorità;

­ si crede che l’apprendimento delle differenze di genere sia concentrato all’età

di 4 o 5 anni. 9

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

2) (S.d.G.): La socializzazione di genere nella prospettiva funzionalista

Gli agenti della socializzazione contribuiscono al mantenimento dell’ordine sociale

socializzazione

sovrintendendo a un’efficace delle nuove generazioni.

Critiche a queste teorie: ⇒

intrinsecamente armonioso

- la socializzazione di genere non è processo

diversi agenti sociali possono essere in contrasto fra loro;

- si ignora la capacità degli individui di respingere o modificare le aspettative sociali

connesse ai ruoli sessuali. 10

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

b) (S.d.G.): La teoria di Nancy Chodorow

La formazione dell’identità di genere è un’esperienza molto precoce, che deriva

dall’attaccamento del bambino alla madre; l’attaccamento deve poi essere

spezzato senso di sé separato.

per poter acquisire un ⇒ senso di sé meno separato dagli

Bambina: rimane più vicino alla madre

altri, maggiore dipendenza. ⇒ senso di sé più separato dagli

Bambino: separazione più netta dalla madre

altri, maggiore indipendenza. 11

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2005

Capitolo 4. Genere e sessualità

Critiche alla teoria di Nancy Chodorow

Il lavoro della Chodorow ha sollevato diverse critiche:

non spiega la lotta delle donne per conquistare la propria autonomia e

­

indipendenza;

­ le donne (e gli uomini) hanno una costituzione psicologica molto più ibrida e

contraddittoria;

­ la femminilità può nascondere sentimenti di aggressività e autoaffermazione.

Questo contributo rimane comunque importante per la spiegazione della

cosiddetta inespressività maschile. 12

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

c) (S.d.G.): La costruzione sociale del genere e del sesso ⇒

qualsiasi

L’idea di fondamento biologico dell’identità di genere viene respinta

sia il sesso, sia il genere sono dei costrutti sociali.

Non solo il genere, ma anche il corpo umano è soggetto a forze sociali che lo

plasmano e modificano in vari modi.

Se le differenze sessuali condizionano le identità di genere, è vero anche che le

identità di genere modellano le differenze sessuali.

13

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

Parte II: sessualità e società

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

La sessualità umana è un fenomeno molto complesso legato sia a fattori

biologici, sia a fattori socio­culturali.

Imperativo alla Comportamento

Riproduzione; significativo; morale

pansessualità sessuale

-(Prima metà del XX secolo): Per Sigmund Freud (e per Fromm e Marcuse) la

sessualità è sistematicamente repressa dallo sviluppo della civiltà. Il principio del

“piacere” è sacrificato a favore di quello di “realtà”, la libertà è sacrificata in nome

della sicurezza (Disagio della Civiltà). La nevrosi, l’isteria e la distruttività umana

hanno qui la loro origine. Stretto rapporto tra sessualità, Sé e società.

- Rapporti Kinsey: hanno fatto emergere, negli USA degli anni ’40 e ’50, come la

sessualità umana tenda al pansessualismo.

15

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

­ Femminismo: le tre correnti principali del femminismo (liberale, marxiano, radicale –

gay and lesbian studies; queer studies) hanno posto al centro del dibattito,

con accenti diversi, l’importanza della sessualità femminile come ricerca del

piacere, criticando un modello di sessualità incentrato sulla riproduzione e sul

primato del piacere maschile. Stretto rapporto tra sessualità, Sé e società.

­ (dagli anni ’70 del ‘900): Per Michel Foucault il controllo delle forme di sessualità e

della sfera sessuale personale (continuamente plasmata ed incitata) ad opera delle

istituzioni sociali (prima quelle religiose poi quelle medico­scientifiche) è una forma

fondamentale di dominio (uno degli aspetti fondamentali della BIOPOLITICA).

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo IV. Genere e sessualità

­ Il contributo fondamentale della storia sociale (anche a partire dagli studi di Foucault) ha permesso di

mettere in luce che:

a) Il confine tra comportamenti leciti\approvati e illeciti\disapprovati, varia da società a società e da cultura a

cultura;

b) In ogni società esistono almeno due sistemi paralleli di morale sessuale, l’uno egemonico e l’altro latente,

non necessariamente il primo “puritano”;

c) Fino al I sec. D.C. nella civiltà greco­romana la sessualità era definita dal codice attivo\passivo, mentre

l’omosessualità non era considerato un genere a parte, e persino i “giochi efebici” non erano vietatati (anzi

facevano parte, informalmente, dell’educazione nei ginnasi). La morale sessuale variava al variare del ceto.

d) A partire dal II sec. D.C. subentra a Roma una morale sessuale fondata sulla rispettabilità e generalizzata

all’intera società. Il cristianesimo si approprierà di essa e vi sovrapporrà il codice natura\contro­natura.

e) Mentre l’aristocrazia è stata portatrice di modelli di sessualità e di relazioni più “libertini”, la borghesia (XIX

sec.) affermerà un modello di sessualità fondato sul concetto di rispettabilità, puritanesimo e sull’amore

romantico, come morali pubbliche .


PAGINE

28

PESO

336.06 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Dispense al corso di Sociologia Generale del Dott. Francesco Antonelli. Al loro interno è affrontato il tema della sessualità e delle interazioni di genere con particolare riguardo a: l'identità di genere e le sue origini, la socializzazione di genere e le teorie di S. Freud, la teoria di Nancy Chodorow, la sessualità nel contesto sociale.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche per la cooperazione
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Antonelli Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia generale

Ricerca quantitativa e ricerca qualitativa
Dispensa
Teoria dello scambio e della scelta razionale
Dispensa
Teoria e ricerca empirica
Dispensa
Sè, mente e ruolo sociale
Dispensa