Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

Componenti della serialità nella fiction

televisiva:

3. regolarità delle collocazioni e degli

intervalli temporali (cadenza

quotidiana delle soap, settimanale

delle serie ecc.)

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

Le strutture elementari della serialità nella

fiction televisiva:

serial o continuous serial

 (articolazione narrativa in puntate,

lunga e lunghissima durata del

racconto)

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

A seconda che preveda o meno una

chiusura narrativa, il continuous serial

può essere aperto (soap opera) o chiuso

(telenovela).

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

Le strutture elementari della serialità nella

fiction televisiva:

serie (articolazione narrativa in

 episodi, durata variabile

caratterizzata da ritorni stagionali

anche per lunghi archi temporali)

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

La puntata è l’unità di base del serial. E'

un segmento narrativo incompiuto, che

occupa un posto preciso nella sequenza

temporale della storia ed è direttamente

concatenato ai segmenti che lo

precedono e lo seguono.

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

L’episodio è l’unità di base della serie. È

un segmento narrativo autosufficiente e

compiuto che racconta una storia (la

trama episodica) dall'inizio alla fine. Di

norma ogni episodio è identificato da un

proprio titolo, diverso da quello generale

della serie. Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

La serie può anche essere serializzata,

ovvero avere una struttura open­ended

(un misto di serie e serial, episodio e

puntata). Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

La narrativa popolare – ma in molti casi

anche la narrativa colta – è sempre stata

in qualche misura seriale.

Alle origini della serialità narrativa: la

storia cardinale de Le mille e una notte

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

“… Al che rispose Shahrazàd: ­ Questo è

ben poco rispetto a quello che vi

racconterò la notte prossima se sarò in

vita e se il re mi ci farà restare. Ora il re

disse in cuor suo: ‘Giuro che non la

ucciderò finché non avrò ascoltato il resto

del suo racconto’ ” (Le mille e una notte)

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

La serializzazione delle strutture narrative,

come svolta decisiva e tuttora perdurante

nella storia delle narrative dell’occidente,

avviene nel XIX secolo, in Europa, quando

si creano le prime condizioni di un

mercato di consumi culturali di massa.

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

Quelle che abbiamo definito le strutture

elementari della serialità – il serial e la

serie – si sono costituite e sviluppate e

hanno raggiunto enorme successo nel XIX

secolo attraverso due formule narrative:

il feuilleton

 il romanzo a eroe ricorrente

 Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze

Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Serialità e formule seriali

Il feuilleton è una forma di romanzo

popolare, progenitore dei serial televisivi

(soap e telenovela), che veniva pubblicato

a puntate sui quotidiani francesi

dell’ottocento.

Prof. Milly Buonanno

Università di Firenze


PAGINE

28

PESO

135.45 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa lezione fa riferimento al corso di Culture e industrie della televisione, tenuto dalla prof.ssa Buonanno. Gli argomenti trattati riguardano la serialità e le sue caratteristiche costitutive e in particolare le sue componenti all'interno della fiction televisiva, le caratteristiche di una serie e di un serial, e il loro successo attraverso due formule narrative: il feuilleton e il romanzo a eroe ricorrente.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in industria culturale e comunicazione digitale
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di CULTURE E INDUSTRIE DELLA TELEVISIONE e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Buonanno Milly.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Culture e industrie della televisione

Morfologia serie
Dispensa
Mercati internazionali
Dispensa
Sceneggiati fiction
Dispensa
Reti nella rete
Dispensa