Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Verificare l’adeguatezza: l’importanza

dei METADATI

La “costruzione

costruzione del dato “ è un processo complesso :

Nelle analisi primarie il ricercatore controlla ogni fase della

¾ costruzione

Nelle analisi secondarie sono necessarie non solo i dati

¾ (macrodati e/o microdati) e adeguate informazioni su di essi

(metadati)

Nell’analisi secondaria è indispensabile valutare la qualità dei dati e la loro

adeguatezza rispetto a propri obiettivi conoscitivi. E’ necessario conoscere il

processo della loro produzione

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Glossario:

Microdati-macrodati-metadati

I Microdati : dati elementari che si riferiscono

„ alle singole unità di rilevazione

(es. dati relativi a ciascun intervistato).

I Macrodati: dati risultanti da calcoli effettuati

„ sui microdati (es. dati aggregati per sesso degli

intervistati)

I Metadati : sono informazioni sul processo di

„ produzione dei dati, ossia sul dove, quando,

come e da chi i dati sono stati ottenuti.

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 7

Informarsi sui dati: metadati

Esatta individuazione delle Fonti

„ Ricostruzione della natura e del senso delle variabili

„ di

disponibili

ibili :

Conoscere le procedure di rilevazione (popolazione di

‰ riferimento, tipo di indagine, periodo di rilevazione,

unità di rilevazione…)

Conoscere le procedure di costruzione del dato

‰ (significato di ogni “variabile” e delle formule

eventualmente applicate per ottenerla….)

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Tra produzione e fruizione:

la validità e l’attendibilità dell’ informazione quantitativa

Produzione Assenza di errori Presenza di errori

Fruizione

Assenza di Dato attendibile/ Uso corretto: Dato inattendibile / Uso corretto:

errori Informazione valida e attendibile Informazione infondata

Presenza di Dato attendibile/e Uso errato: Dato inattendibile/ Uso errato:

I

Informazione

f i f

falsa

l

errori

i I

Informazione

f i di

distorta

t t ADFSC - I.Mingo 2010-2011 8

Individuare le fonti:

La mappa delle fonti statistiche

Fonti ufficiali nazionali (preposte a tale funzione dalla normativa vigente)

„ il SISTAN: Sistema Statistico Nazionale

‰ (

Altre fonti Istituti di ricerca, aziende, fondazioni che producono dati con continuità e

„ regolarità temporale )

Fonti ufficiali Europee

„ Il SSE: Sistema Statistico Europeo

„

Altre fonti internazionali

„ Nazioni Unite (UNESCO, UNWTO…)

„ OECD (Organization for economic cooperation and development)

„ ILO (International Labour Organization)

„ The World Bank

„ FMI

„ …….

„ ADFSC - I.Mingo 2010-2011

IL Sistema Statistico Nazionale

E’ costituito da una rete di soggetti pubblici e privati

„ italiani (circa 10 mila operatori e 3500 uffici) preposti a

fornire le statistiche ufficiali nazionali

E’ regolato dal decreto legislativo 6/9/1989, dalla legge

„ 125 del 1998 e da una serie di altre norme che

riguardano la sua organizzazione ed il funzionamento.

Ha il compito di fornire informazione statistica ufficiale

„ al Paese e agli organismi internazionali

Att

Attua il Piano

Pi St

Statistico

ti ti N

Nazionale

i l

„ ADFSC - I.Mingo 2010-2011 9

Principio fondamentale della

statistica ufficiale

Il primo dei "principi fondamentali della statistica ufficiale", adottato dalle

Nazioni Unite nel 1994,

1994 stabilisce che:

“Le statistiche ufficiali costituiscono un elemento indispensabile nel

sistema informativo di una società democratica.

Sono poste al servizio delle istituzioni, degli operatori economici e del

pubblico ai quali forniscono dati sulla situazione economica, demografica,

sociale e ambientale.

A questo fine, le statistiche ufficiali che risultano di utilità generale

debbono essere elaborate e rese disponibili, in modo imparziale, dalle

istituzioni della statistica ufficiale affinché sia soddisfatto il diritto dei

cittadini all'informazione pubblica.”

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Sistema Statistico nazionale

Del SISTAN fanno parte:

l’Istituto nazionale di statistica - Istat;

„ Gli uffici

ffi i di statistica

t ti ti centrali

t li e periferici

if i i d

delle

ll amministrazioni

i i t i i

„ dello Stato e delle aziende autonome;

Gli uffici di statistica degli Uffici territoriali di governo;

„ Gli uffici di statistica di: regioni e province autonome; province;

„ comuni singoli o associati; aziende sanitarie locali; camere di

commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Alcuni Enti pubblici e soggetti privati (cfr. tabella)

„ ADFSC - I.Mingo 2010-2011 10

ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica)

Coordina il Sistema Statistico Nazionale (SISTAN)

( )

‰ Predispone il Programma Statistico Nazionale (PSN)

‰ Esegue censimenti e altre rilevazioni ed elaborazioni

‰ ufficiali previste nel PSN

Predispone nomenclature e metodologie ufficiali e

‰ vincolanti

Pubblica e diffonde dati e ricerche

‰ Tiene rapporti

appo ti con enti statistici esteri

este i ed internazionali

inte na ionali

‰ ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Piano Statistico Nazionale

Delinea lo stato dell’arte della statistica ufficiale per area tematica

„ Stabilisce le rilevazioni, le elaborazioni e gli studi progettuali di interesse pubblico

„ che enti ed organismi del Sistan intendono realizzare nel corso di un triennio ed

individua i relativi obiettivi.

obiettivi (PSN )

Viene deliberato dal Comitato di indirizzo e coordinamento dell'informazione

„ statistica (Comstat), su proposta del Presidente dell’Istat e viene poi sottoposto

all’approvazione del Presidente del Consiglio

Viene aggiornato annualmente, e si propone di soddisfare due esigenze

„ fondamentali: l’analisi sulla validità tecnica dei lavori proposti e la verifica circa la

rispondenza dei lavori stessi alle norme nazionali e comunitarie e, più’ in generale,

ai bisogni conoscitivi della collettività.

Sul Psn esprime il suo parere,

parere la Commissione per la garanzia dell

dell'informazione

informazione

„ statistica, organo esterno, autonomo e indipendente , che ha il compito di vigilare

sulla complessa attività del Sistan,e in particolare non soltanto l’imparzialità e la

completezza dell'informazione statistica, ma anche la qualità delle metodologie che

devono essere conformi alle direttive degli organismi internazionali e comunitari.

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 11

Tipologia di progetti del PSN

Rilevazione: consiste nella raccolta di dati direttamente presso

„ i

imprese, i

istituzioni

tit i i e persone fisiche

fi i h oppure attraverso

tt d

documenti

ti

amministrativi e/o fonti organizzate pubbliche e private (registri,

archivi, basi di dati) e nel loro successivo trattamento;

(ES:IST-00671 Multiscopo sulle famiglie: viaggi, vacanze e vita quotidiana RIL )

Elaborazione: consiste nel trattamento di dati statistici derivanti

„ da precedenti rilevazioni od elaborazioni dello stesso o di altri

soggetti, ovvero di dati di cui l'ente dispone in ragione della sua

attività istituzionale;

(Es: IST-01418 Soddisfazione delle imprese per servizi resi da uffici pubblici ELA)

Studio progettuale: attività di analisi e ricerca finalizzata

„ all'impianto, ristrutturazione o miglioramento di uno o più processi

di produzione statistica, all'impianto di sistemi informativi.

( Es: IST-00828 Costruzione di un sistema sulla povertà e il disagio sociale STU )

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

PSN triennio 2008-2010 aggiornamento 2009-2010

Progetti per area e settore di interesse

Territorio e ambiente

„ 1 Territorio …………………………………

‰ 2 Ambiente …………………………………

‰

Popolazione e società

„ 1 Struttura e dinamica della popolazione

‰ 2 Famiglia e comportamenti sociali ……

‰

A

Amministrazioni

i i t i i pubbliche

bbli h e servizi

i i sociali

i li

„ 1 Istituzioni pubbliche e private ……………

‰ 2 Sanità ……………………………………

‰ 3 Assistenza e previdenza…………………

‰ 4 Giustizia…………………………………

‰ 5 Istruzione e formazione…………………

‰ 6 Cultura…………………………………

‰

Mercato del lavoro…………………

„ Sistema economico

„ 1 Struttura e competitività delle imprese …

‰ 2 Ricerca scientifica e innovazione tecnologica

‰ 3 Società dell’informazione

‰ 4 Commercio con l

l’estero

estero e internazionalizzazione produttiva …

‰ 5 Prezzi ………………………….…

‰

Settori economici

„ 1 Agricoltura, foreste e pesca

‰ 2 Industria …………………………….….

‰ 3 Costruzioni ……………………………

‰ 4 Commercio ……………………

‰ 5 Turismo ……………………………

‰ 6 Trasporti …………………

‰ 7 Servizi finanziari

‰

Conti economici e finanziari

„ Metodologie e strumenti generalizzati………………….…

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

„ 12

Analisi del PSN: mappa dei temi della

Statistica ufficiale negli ultimi 10 anni

(Mingo, Panattoni, Jadt 2010)

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Analisi del PSN: mappa dei metodi e degli strumenti

della Statistica ufficiale negli ultimi 10 anni

(Mingo, Panattoni, Jadt 2010 )

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 13

Obbligo di risposta

Per alcune rilevazioni previsto per legge l’obbligo di risposta

è

„ parte

p dei soggetti

gg coinvolti nell’indagine

g (

(Obb.)

)

da Questa imposizione, finalizzata a minimizzare i casi di non

‰ risposta, dovrebbe tradursi, da un punto di vista operativo,

in una maggiore completezza dei dati rilevati

Tuttavia non vi alcuna certezza riguardo alla veridicità

è

‰ delle risposte fornite, specie se esse sono imposte per

legge.

L’obbligo di risposta può non essere un efficace strumento

‰ di qualità dei dati, se non affiancato ad altre iniziative

tendenti a motivare i soggetti coinvolti.

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Le fonti statistiche ufficiali

europee

A livello europeo la produzione e la diffusione delle statistiche

„ ufficiali si basa sul Sistema Statistico Europeo (SSE)

Il SSE comprende sia i servizi statistici degli Stati membri dell

dell'UE

UE

„ - a cui si aggiungono quelli dell’Islanda, della Norvegia, del

Liechtenstein e della Svizzera - sia l’Eurostat , Ufficio statistico

della Comunità Europea istituito nel 1953.

Il ruolo dei primi è quello di rilevare dati e produrre le statistiche

„ nazionali anche per le finalità della UE

La funzione fondamentale di Eurostat -che da un punto di vista

„ organizzativo è una Direzione Generale della Commissione

Europea - è quella di coordinamento dell’attività statistica

comunitaria.

it i

L’attività del SSE viene effettuata sulla base del Programma

„ statistico comunitario che stabilisce gli orientamenti, gli

obiettivi, le priorità e i piani di lavoro per un periodo non superiore

a cinque anni. ADFSC - I.Mingo 2010-2011 14

Eurostat

L’Ufficio statistico della Comunità Europea svolge funzione di

„ coordinamento dell’attività statistica comunitaria.

http://ec.europa.eu/eurostat

Promuove l’adozione di un linguaggio statistico condiviso a livello

„ europeo mediante la standardizzazione delle nomenclature e delle

classificazioni, dei modelli di rilevazione e dei questionari adottati

per i censimenti degli Stati Membri.

La produzione Eurostat è organizzata in nove settori e confluisce

„ :

in database, disponibili on-line

General statistics

1. Economy and finance

2. Population and social condition Database accessibili on line con

3. statistiche economiche, commerciali

Industry

Industry, trade and service

4

4. e finanziarie riguardanti sia i Paesi

Agricolture and fisheriers

5. membri che altri Paesi, tra cui

External trade

6. Regions, su base regionale.

Transport

7. Tabelle riguardanti serie storiche

Environment and energy

8. Science and technology

9. ADFSC - I.Mingo 2010-2011

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 15

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 16

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Indicatori per monitorare le politiche EU

Indicatori Europa 2020: indicatori per monitorare la strategia di crescita dell'UE per

„ il prossimo decennio. l'Unione ha fissato cinque obiettivi in materia di occupazione,

innovazione, istruzione, inclusione sociale, clima / energia - da raggiungere entro il

2020.

Euro-indicators, indicatori chiave che forniscono una visione d’insieme sulla

„ situazione economica della Unione Europea e degli Stati membro.

Indicatori di Sviluppo sostenibile, insieme di indicatori, rinnovato nel 2006, che

„ consente di monitorare la “Strategia dello sviluppo sostenibile” finalizzata al

miglioramento continuo della qualità della vita e del benessere sulla terra, mediante

l’uso efficace delle risorse, l’innovazione, la tutela dell'ambiente e la coesione sociale.

Gli indicatori riguardano dieci temi differenti : lo sviluppo socio-economico, la

produzione e il consumo sostenibile, l’inclusione sociale, i cambiamenti demografici,

la salute, i cambiamenti climatici e l’ energia, il trasporto sostenibile, le risorse

naturali

naturali, la patnership globale,

globale la buona governance.

governance

Indicatori sull’occupazione e politiche sociali, per monitorare lo stato di

„ avanzamento di diverse politiche comunitarie riguardanti l'occupazione, l’inclusione e

la protezione sociale, l’istruzione e la formazione, la società dell'informazione

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 17

Le indagini dell’Eurobarometro

Esempio di indagini sovranazionali, sondaggi di opinione effettuati- dal

(Commissione Europea)- nei

settore dell’opinione pubblica”

“Analisi

Paesi Membri della Cee a partire dal 1973

Rilevano gli stati d’animo dei cittadini nei confronti delle iniziative della

„ Comunità Europea e la soddisfazione nei vari ambiti della vita.

Distinguiamo:

„ Eurobarometro standard: vengono effettuate interviste face to face a

‰ un campione di popolazione in ciascuno dei Paesi membri per indagare

le opinioni, i sentimenti, le preoccupazioni dei cittadini;

Eurobarometro Flash: vengono effettuate interviste telefoniche per

‰ sondare orientamenti e atteggiamenti su specifici provvedimenti;

Gli studi qualitativi che consistono in indagini sulle motivazioni, i

‰ sentimenti, le reazioni di gruppi sociali di volta in volta selezionati, su

determinati argomenti, condotti con metodologie qualitative (focus

group, interviste in profondità).

Eurobarometro Speciale : su studi tematici di approfondimento svolti

‰ per diversi servizi della Commissione europea o altre istituzioni.

(Eb interattivo) ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Altre fonti internazionali :

L’OCSE ADFSC - I.Mingo 2010-2011 18

Altre fonti internazionali :

L’OCSE

L’ Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE o OECD)è un

„ forum in cui 30 paesi affrontano insieme i problemi riguardanti lo sviluppo

economico, sociale e le sfide della globalizzazione (www.oecd.org ).

Le attività si basano fondamentalmente sul flusso di informazioni e sulle analisi

„ fornite dal segretariato dell’OCSE, che ha il compito di raccogliere i dati, controllare le

tendenze, fornire analisi e previsioni sociali ed economiche.

La produzione e la diffusione di statistiche riveste dunque un ruolo fondamentale nel

„ lavoro dell’Organizzazione e dei Paesi aderenti.

I database predisposti dall’OCSE sono disponibili on line

„ e riguardano un’ampia gamma di tematiche

(http://stats.oecd.org/index.aspx)

(statistiche generali, sviluppo, ambiente, globalizzazione, società dell’informazione,

statistiche regionali, ecc).

Tra le pubblicazioni più note:

„ I Report annuali,

annuali focalizzati di volta in volta sui fenomeni più rilevanti:

‰ l’ultimo di essi (2010) è incentrato sulla Corporate Responsability;

Gli “Outlooks” in cui vengono presentati dati comparabili riguardanti i paesi

‰ dell’OCSE, su temi diversi: è del 2010 la pubblicazione “Information

technology Outlook” che individua nelle ICT i driver principali della ricerca,

dell’innovazione, della crescita e del cambiamento sociale, analizza la crisi

economica e suggerisce prospettive.

ADFSC - I.Mingo 2010-2011

Altre fonti internazionali :

ONU

Nell’ambito dell’ONU, l’attività statistica è affidata ad una apposita

„ Divisione (UNSD - http://unstats.un.org/unsd) che diffonde dati

provenienti

p dagli

g istituti di statistica di tutto il mondo e svolge

g attività di

standardizzazione delle definizioni, delle classificazioni e delle metodologie.

Tra i database accessibili on line, predisposti dalla Unds, si segnala quello

„ denominato MDGs (Millenium development goals), contenente alcuni

indicatori appositamente selezionati per misurare, nel periodo 1990-2015,

i progressi compiuti riguardo agli otto obiettivi (goals) stabiliti nel 2000

nella Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite dai leaders di 189

paesi e modificati nel 2007.

Tali indicatori vengono periodicamente utilizzati per la stesura del

„ Millennium Development Goals Report, in cui vengono presentati

annualmente i progressi a livello mondiale verso i suddetti obiettivi.

ADFSC - I.Mingo 2010-2011 19


PAGINE

31

PESO

1.42 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La presente lezione fa riferimento al corso di Analisi dei dati e fonti statistiche per la comunicazione tenuto dalle Prof.sse Bocci e Mingo. Gli argomenti, suddivisi per capitoli, sono in seguenti:
- Fonti Statistiche nazionali e internazionali.
- Indagine statistica e fasi.
- Analisi secondaria.
- Rilevazioni (censuarie e campionarie) e censimenti (della popolazione e delle abitazioni, dell'industria e dei servizi, dell'agricoltura)


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie della comunicazione (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di ANALISI DEI DATI E FONTI STATISTICHE PER LA COMUNICAZIONE e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Mingo Isabella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi dei dati e fonti statistiche per la comunicazione

Indagini Campionarie Istat - Prima Parte
Dispensa
Indicatori ed Indici - Parte Prima
Dispensa
Indici e indicatori - Parte Terza
Dispensa
Indagini Campionarie Istat - Seconda Parte
Dispensa