Che materia stai cercando?

Fenomenologia dello spirito - Movimento Appunti scolastici Premium

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Filosofia dell'interpretazione, tenute dal Prof. Marcello Mustè nell'anno accademico 2011 e cerca di collocare l'opera di Hegel, Fenomenologia dello spirito, nel contesto storico del periodo in cui fu pubblicata e nel contesto delle altre opere hegeliane, e di assegnarle... Vedi di più

Esame di Filosofia dell'interpretazione docente Prof. M. Mustè

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

A questo punto, Hegel ci offre, per così dire, l’analisi dello zeigen,

dell’indicare. Lo suddivide nei passaggi che lo costituiscono, lo

decostruisce, lo scompone. Anzi tutto ci avverte che l’indicare non è una

semplice immediatezza, ma eine Bewegung, un movimento, ossia una

complessa mediazione:

Il movimento dell’indicare si articola in tre passaggi. Vediamo:

In primo luogo, Ich zeige das Jetzt auf, Io indico l’ora, lo indico come la

verità. Ma ciò che indico è als Gewesenes, come già-stato, oder als ein

Aufgehobenes, o come un tolto-superato. Se l’ora è un tolto-superato, anche

la verità (la prima verità) è, con ciò, tolta-superata.

In secondo luogo, io pongo una zweite Wahrheit, una seconda verità.

La seconda verità dice l’ora non è, che è un tolto-superato.

In terzo luogo, nego quel negativo che costituiva la seconda verità, e

torno ad affermare la verità (mediata) dell’ora.

In altri termini, la coscienza crede bensì di afferrare la cosa con

immediatezza, ma in realtà compie una intera Bewegung, un movimento,

una mediazione, per la quale pone la sua verità negandone il dileguare. Per

tenere fermo l’essere della cosa, la coscienza deve lasciar dileguare (terzo

momento) quel dileguare dell’ora (secondo momento).

Hegel ripete la stessa analisi, sottolineando che das Jetzt, l’ora, non è

un semplice immediato, ma una mediazione che accoglie in sé la differenza.

L’ora non è immediato, ma è ein Jetzt, welches absolut viele Jetzt ist, un ora

che è assolutamente molti ora; und dies ist das wahrhafte Jetzt, das Jetzt als

einfacher Tag, das viele Jetzt in sich hat, Stunden, e questo è il vero ora,

l’ora come semplice giorno, che ha dentro di sé molti ora, cioè ore

[Stunden].

L’ora e l’indicare l’ora … che ora è un universale.

Nelle ultime pagine sulla certezza sensibile, Hegel cerca di tirare le somme

della difficile analisi compiuta. Possiamo riassumere questa conclusione in

tre passaggi. La prima osservazione è che il finito è ideale, che gli oggetti

sensibili non hanno alcuna realtà, non meritano tenerezza, come bene si

apprende nei misteri eleusini e nella stessa vita animale:

Da questo punto di vista, … qual sia la verità delle cose sensibili.


PAGINE

2

PESO

407.17 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Filosofia dell'interpretazione, tenute dal Prof. Marcello Mustè nell'anno accademico 2011 e cerca di collocare l'opera di Hegel, Fenomenologia dello spirito, nel contesto storico del periodo in cui fu pubblicata e nel contesto delle altre opere hegeliane, e di assegnarle il significato vero che l'autore le voleva dare. In particolare riflette sui concetti di indicare, movimento.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia dell'interpretazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Mustè Marcello.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia dell'interpretazione

Nietzsche - Rapporto con Schopenhauer
Dispensa
Nietzsche - Essenza della musica
Dispensa
Fenomenologia dello spirito - Certezza sensibile
Dispensa
Nietzsche - Tentativo di autocritica
Dispensa