Che materia stai cercando?

Fenomenologia dello spirito - Mondo fenomenico intero Appunti scolastici Premium

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Filosofia dell'interpretazione, tenute dal Prof. Marcello Mustè nell'anno accademico 2011 e cerca di collocare l'opera di Hegel, Fenomenologia dello spirito, nel contesto storico del periodo in cui fu pubblicata e nel contesto delle altre opere hegeliane, e di assegnarle... Vedi di più

Esame di Filosofia dell'interpretazione docente Prof. M. Mustè

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Occorre fare attenzione al passaggio che segue. Il mondo fenomenico è ein

Ganzes des Scheins, è un intero, è la totalità del mondo sensibile, un

universale. Non è questo o quello, ma include tutto, ogni cosa. E questo

intero (parvente, negativo, fenomenico) costituisce l’essenza. Su questo

ausmachen, costituire, bisogna soffermarsi con cura: l’essenza si rivela

come la riflessione in sé del mondo fenomenico, come la sua

essenzializzazione e manifestazione vera:

Abbiamo detto che l’essenza è una riflessione in sé dell’intero fenomenico.

Per un momento abbiamo dimenticato, messo da parte un estremo del

sillogismo: la coscienza, l’intelletto. Ma, in realtà, è la coscienza che si

riflette in sé nel fenomeno come nel vero. Il movimento che abbiamo

descritto è, in realtà, un movimento della coscienza. È essa, la coscienza,

che opera la mediazione:

Quella espressione – “la coscienza si riflette in sé come nel vero” – ha in

certo modo capovolto la considerazione. La coscienza prende questo interno

come un’essenza oggettiva, come l’interno dell’oggetto. Crede di potersene

stare in disparte mentre opera questo movimento. In realtà, per noi,

quell’interno è l’interno della coscienza, non dell’oggetto immediato. È

nella sua identità con l’oggetto che essa trova l’essenza. Essa ha trovato il

suo interno ma crede di avere trovato l’interno dell’oggetto a lei estraneo:

“dieses Grundes ist es sich noch nicht bewuβt”, di questo fondamento essa,

la coscienza, non è ancora consapevole:


PAGINE

2

PESO

1.03 MB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Questa dispensa si riferisce alle lezioni di Filosofia dell'interpretazione, tenute dal Prof. Marcello Mustè nell'anno accademico 2011 e cerca di collocare l'opera di Hegel, Fenomenologia dello spirito, nel contesto storico del periodo in cui fu pubblicata e nel contesto delle altre opere hegeliane, e di assegnarle il significato vero che l'autore le voleva dare. In particolare riflette sui concetti di mondo fenomenico intero, universale.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia dell'interpretazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Mustè Marcello.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia dell'interpretazione

Nietzsche - Rapporto con Schopenhauer
Dispensa
Nietzsche - Essenza della musica
Dispensa
Fenomenologia dello spirito - Certezza sensibile
Dispensa
Nietzsche - Tentativo di autocritica
Dispensa