Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

non  ammette  la  ripetizione,  la  restituzione,  tutto  ciò  che  si  realizza  nell’ambito  di  convivenza  

di   fatto   costituisce   necessario   adempimento   di   un   dovere   morale   e   sociale,   normalmente  

non   da   luogo   ad   altre   complicazioni,   che   è   una   risposta   che   in   una   certa   misura   tranquillizza  

il   giudice,   perché   colloca   le   cose   in   un   certo   profilo,   oppure   anche   un   profilo   che   viene  

considerato  proprio,  la  donazione  sotto  certe  particolare  dimensioni,  quindi  sono  schemi  al  

cui   interno   si   colloca   l’adempimento   che   viene   effettuato   nell’ambito   della   relazione   di  

convivenza;  è  una  forma  di  ragionamento  con  cui  si  tende  a  giustificare  una  risposta  positiva.  

E   di   cosa   è   figlia   questa   risposta   positiva   se   non   di   un’ipotesi.   Pare   che   Napoleone   dicesse  

che  i  rapporti  di  convivenza,  come  tutti  i  rapporti  di  concubinato  non  interessano  la  legge.  Ci  

sono  o  non  ci  sono  a  noi  non  interessa  nulla.  Ora  qui  la  risposta  è  diversa,  non  è  più  “ciò  che  

fanno   i   concubini   a   noi   non   ci   interessa”.   No   qui   ciò   che   fanno   i   concubini   ci   interessa   al  

punto  tale  che  noi  escludiamo,  visto  il  moltiplicarsi  delle  ipotesi  in  modo  tale  che  noi  siamo  

obbligati  a  ragionare  in  termini  giuridici,  una  risposta  che  nella  linea  della  domanda  volta  alla  

restituzione   è   negativa,   ciò   lo   giustifica   e   abbiamo   delle   caselle,   grosso   modo   di   carattere  

giuridico  al  cui  interno  possiamo  credere  di  collocare  la  disciplina  del  rapporto  di  carattere  

sostanziale.  Inammissibilità  della  restituzione  di  ciò  che  è  stato  “  spontaneamente”  prestato,  

ciò   che   è   proprio   di   una   certa   situazione   che   si   realizza   nell’ambito   di   una   situazione   di  

convivenza.  Questa  è  la  disciplina  proprio  di  questa  impostazione  e  vi  sono  poi  anche  altre  

norme  che  rilevano  in  ambito  di  questa  ipotesi.  

Terzo  ed  ultimo  profilo:  quindi  autonomia  privata  e  rapporto  tra  privati.  Sono  valutazioni  che  

possono   esser   proprie   di   una   situazione   all’interno   della   quale   si   possono   riconoscere   i   L’autonomia  

caratteri  del  rapporto  di  famiglia  di  fatto  che  nasce  anche  a  seguito  di  un  accordo  esistente   privata  nel  

diritto  di  

tra   le   parti,   ma   non   è   detto;   quando   si   parla   di   autonomia   privata   il   rapporto   familiare   in   famiglia  

questo  discorso  si  complica  perché  può  collocarsi  anche  all’interno  della  famiglia  legittima:  

voi  lo  sapete  dall’articolo  144  il  quale  prevede  l’accordo  fra  i  coniugi,  in  base  alla  quale  intesa  

si   realizza   il   funzionamento   della   violazione   messa   in   essere   dalle   parti.   Il   negozio   cosiddetto  

familiare,   qui   i   termini   usati   hanno   una   certa   rilevanza   che   mi   fanno   francamente   un   po’  

paura   perché   l’accordo   familiare   come   forma   negoziale   cosa   significa?   Non   possibilità   di  

ottenere   una   sentenza   di   condanna   all’adempimento,   oppure   una   risoluzione.   Sono   tutti  

giochi   di   parole:   l’art.   144   dà   una   certa   immagine   alla   relazione   familiare   estremamente  

giuridica   nell’ambito   della   legislazione   familiare,   diciamolo   un’altra   volta   quando   entra   il  

diritto   la   famiglia   è   finita.   Si   possono   avere   anche   nell’ambito   della   famiglia   legittima  

situazioni  di  accordo,  se  guardiamo  agli  ordinamenti  stranieri  ce  ne  sono  di  vari  profili,  io  qui  

però  tratterò,  senz’altro  in  maniera  generale,  ma  anche  in  ordine  alla  famiglia  di  fatto.  Come  

si   ha,   come   si   realizza   l’intesa,   l’accordo   tra   le   parti   di   carattere   attinente   al   meccanismo  

contrattuale,   negoziale   in   senso   proprio   della   famiglia   di   fatto,   quando   cioè   la   famiglia   di  

fatto   è   una   conseguenza   dell’accordo   stipulato   tra   i   soggetti?   Domanda:   questi   accordi   sono  

accordi  contrattuali?  Cioè  sono  contratti  in  senso  pieno?  O  sono  magari  delle  mere  intese?  

Più   che   contratti   in   senso   pieno,   mere   situazioni   di   convergenza   di   valutazioni   destinate   al  

tempo  in  cui  sussiste  l’intesa,  più  che  dar  luogo  alle  conseguenze  proprie  della  dinamica  di  

carattere,   in   senso   proprio   di   origine   contrattuale.   Quando   si   pensa   al   contratto   che   cosa  

  19  

abbiamo   presente?   Abbiamo   presente   un’intesa   tra   due   parti   volte   all’adempimento   di  

determinati  rapporti  obbligatori,  nascono  obbligazioni.  Nell’ambito  del  corso  di  diritto  civile  

negli  ultimi  due  anni  abbiamo  parlato  in  maniera  specifica  della  circolazione  per  tentare  di  

cancellare   dal   codice   una   norma,   cioè   l’art.   1376   c.c.:   nei   contratti   ad   effetti   reali   il  

trasferimento  è  un  effetto  del  consenso,  tant’è  vero  voi  sapete  che  si  distinguono  su  questa  

base   tra   contratti   ad   effetti   reali   e   contratti   ad   effetti   obbligatori;   sembrerebbe   che   dalla  

lettera   di   questo   articolo   1376   c.c.   scaturisca   una   consistenza   di   una   certa   situazione  

contrattuale  che  è  quella  appunto  propria  del  contratto  ad  effetti  reali,  per  cui  l’effetto  sia  

una  conseguenza  immediata  del  consenso,  è  il  consenso  che  in  ambito  di  questa  apparente  

disposizione  di  carattere  normativo  determina  l’effetto  reale?  Pare  proprio  di  no  perché  la  

disciplina   prevede   adempimenti   ad   effetti   obbligatori   i   quali   una   volta   adempiuti  

determinano  l’effetto  reale,  ma  sono  necessarie  la  consegna,  è  necessaria  la  trascrizione,  è  

necessario  un  certo  genere  di  comportamento  perché  se  no  altrimenti  l’effetto  reale  non  si  

produce   e   non   c’è   consenso   che   lo   possa   produrre   perché   è   inibito   da   un   punto   di   vista  

tecnico.  Ora  come  mai  faccio  queste  osservazioni  in  riferimento  al  contratto?  Perché  quando  

si   parla   del   contratto   normalmente   si   ha   presente,   si   fa   riferimento   ad   una   situazione   di  

accordo  da  cui  scaturisce  la  necessità  di  volere  una  prestazione.  Necessità  che  scaturisce  una  

conseguenza  da  un  punto  di  vista  giuridico:  se  non  viene  adempiuta  questa  prestazione  che  

cosa   consente   alla   parte   che   ne   ha   diritto   se   non   quello   di   ottenere   una   condanna  

all’adempimento   quindi   l’adempimento   si   realizza   un   forma   forzosa,   ovvero   un  

adempimento  che  viene  posto  in  essere  al  posto  della  persona  obbligata,  o  altra  ipotesi  la  

possibilità   è   quella   di   scogliere   il   vincolo   contrattuale.   Attraverso   la   condanna   di  

adempimento  vi  è  la  necessità  anche  nei  confronti  di  colui  il  quale  presenta  questa  domanda  

di  adempiere  alla  prestazione  a  suo  carico.  Nell’altra  ipotesi  si  libera  l’uno  e  l’altro.    

Quando   si   parla   di   accordi   in   seno   alla   famiglia   siamo   sicuri   che   siamo   all’interno   della   Differenze  

dimensione   propria   di   una   situazione   contrattuale   così   intesa?   Una   situazione   contrattuale   rispetto  al  

che   ha   effetti   rigorosamente   obbligatori   e   tutto   ciò   che   consegue   da   ciò   che   è   proprio   di   contratto  

questa  prestazione?  O  piuttosto  si  può  parlare,  appunto,  di  ciò  che  è  proprio  dell’accordo,  di  

una   convergenza   più   che   di   una   necessità   all’adempimento?   Naturalmente   questo   cosa  

significa?  Significa  che  quell’accordo  rimane  in  vita  sempre?  Quell’accordo  è  una  situazione  

obbligatoria  in  ogni  momento  della  relazione  attinente  a  quel  rapporto  tra  familiari?  Io  ho  la  

sensazione   di   no,   questa   è   già   una   prima   differenza   per   cui   direi   che   non   in   tutte   queste  

situazioni   si   possa   calare   all’interno   di   una   dimensione   rigorosamente   contrattuale,   nel  

senso   che   l’accordo   rimane   in   vita   finché   le   parti   sono   disponibili   a   rimanere   in   quella  

dimensione,   non   è   cioè   la   carta   costituzionale   del   vincolo   familiare,   è   all’origine   della  

famiglia   ma   non   è   questo;   è   ciò   che   caratterizza   quel   rapporto   finché   permane   una  

situazione  di  intesa,  quindi  ciò  che  loro  realizzano  è  sì  certamente  esecutivo  di  quell’accordo  

ma   vi   è   una   situazione   di   consenso   nel   porre   in   essere   certe   prestazioni   o   certi  

atteggiamenti.   È   una   situazione,   credo,   di   per   se   diversa   dalla   situazione   del   contratto,   è  

un’intesa,   è   una   situazione   in   ordine   alla   quale   dubito   si   possa   applicare   in   maniera   rigorosa  

la   fenomenologia   propria   del   negozio   giuridico,   la   fenomenologia   che   è   propria   della  

  20  

situazione  attinente  al  contratto.  Questi  accordi  possono  fare  riferimento  alla  necessità  che  

venga   posta   in   essere   da   questi   soggetti   una   attività   di   carattere   sessuale?   Tre   volte   al  

giorno,   una   volta   al     mese,   tre   volte   ogni   quindici   giorni…   ne   siamo   sicuri?   Cioè   qual   è   il  

margine  di  estensione?  Può  dar  luogo  ad  una  valutazione  di  questo  tipo?  No  lo  dico  perché  

non  è  detto  e  mi  pare  che  alcuni  casi  vi  siano  di  contratti,  di  accordi,  di  intese  scritte  da  cui  

scaturisce  la  necessità  di  porre  in  essere  certe  prestazioni  in  certi  particolari  momenti.  Siamo  

sicuri   che   se   ciò   si   realizza,   a   prescindere   dalla   natura   del   vincolo   che   sia   esso   di   carattere   di  

fatto  al  di  fuori  della  famiglia  siamo  sicuri  che  quell’accordo,  quell’intesa  sia  tuttora  valida?  O  

non  sia  il  modo  di  considerare  quell’intesa  un  qualche  cosa  che  incide  sull’atteggiamento  e  la  

volontà   della   parte   per   cui   questa   parte   che   potrebbe   non   avere   alcuna   voglia,   ma   sia  

costretta   a   fare   certe   cose   e   che   quindi   si   modifichi   la   sua   situazione?   E   che   tutto   ciò   che  

scaturisce   da   quell’accordo   sia   illecito?   Ci   sono   due   modi   di   valutare:   o   è   illegittima  

esclusivamente   la   situazione   in   se   o   è   illecito   tutto   l’accordo   come   conseguenza   di   questa  

particolare  situazione;  se  per  esempio  a  vantaggio  di  questa  prestazione  si  preveda  l’invito  al  

mantenimento,   il   mantenimento   è   conseguenza   di   queste   prestazioni   di   carattere   sessuale  

imposte?   E   quindi   tutto   ciò   che   scaturisce   da   questo   accordo   è   inammissibile   o   è   soltanto   di  

per  se  la  clausola  che  risulta  inammissibile?  Io  credo  che  ci  siano  delle  perplessità.  Fortissime  

perplessità   per   chi   ha   in   mente   una   certa   relazione   di   carattere   spontaneo,   che   non  

condivide   certe   necessità   di   adempimenti,   se   non   quando   sono   volute.   Può   darsi   che   questa  

sia   una   valutazione   eccessivamente   ottimistica   dei   rapporti   familiari;   io   credo   in   questa   e  

non  nell’altra  e  credo  che  sulla  base  di  questa  impostazione  possa  ammettersi  la  giuridicità  

piena,   il   vincolo   proprio   dell’accordo   che   risulta   concluso   tra   le   parti,   quindi   può   essere  

ammesso   ma   con   dei   limiti   senz’altro   questo   per   cominciare.   E   così   anche   in   ordine   alle  

conseguenze   che   scaturiscono   da   un   punto   di   vista   patrimoniale;   abbiamo   già   escluso   che  

questi   accordi   possano   avere   una   consistenza.   L’accordo   patrimoniale   può   essere   una  

conseguenza   di   ciò   che   si   realizza   nei   profili   iniziali   quindi   possono   essere   illeciti,   come   è  

illecita   la   pattuizione   contenuta   nell’ambito   di   questa   particolare   dimensione,   se   però  

l’accordo   o   l’intesa   o   il   contratto   contempla   esclusivamente   prestazioni   di   carattere  

patrimoniale,   queste   prestazioni   sono   effetti   obbligatori   che   devono   cioè   realizzarsi?   Che  

cosa  ci  sta  dietro  questo  particolare  tipo  di  ipotesi?    

Al  di  la  delle  difficoltà  che  si  possono  avere,  cioè  se  ci  sono  accordi  che  toccano  la  materia  di   Accordi  

carattere   non   patrimoniale,   se   fanno   riferimento   esclusivo   ad   una   dimensione   propria   dei   meramente  

rapporti   di   carattere   patrimoniale   probabilmente   se   ne   può   ammettere   una   sentenza   di   patrimoniali  

condanna.   Se   cioè   vi   è   una   visione   specifica   in   ordine   a   certe   ipotesi   di   carattere  

esclusivamente   relativo   a   prestazioni   di   carattere   suscettibile   di   valutazione   economica,   se  

non   sono   adempiute   sulla   base   di   un   accordo,   di   un’intesa   perché   no?   Solo   bisogna   stare  

molto   attenti   a   non   collegare   queste   ipotesi   al   compimento   di   ciò   che   è   proprio   delle  

relazioni  di  famiglia  di  fatto.  Il  carattere  famiglia  di  fatto  non  credo  possa  ammettere  forme  

di   regolamentazione   della   materia.   Tenete   presente   che   questo   discorso   è   fatto   rispetto   a  

tutti   i   generi   di   famiglia   di   fatto,   quindi   in   ordine   anche   alle   relazioni   tra   soggetti  

omosessuali.   Quindi   non   soltanto   all’interno   di   una   situazione   caratterizzata   dalla   forma  

  21  

eterosessuale.  Se  questa  ipotesi  di  carattere  familiare  implica  lo  svolgimento  di  questo  tipo  

di   relazione,   ma   non   sono   conseguenze   specifiche   della   necessità   di   compimento   di   certe  

ipotesi   da   un   punto   di   vista   specifico   e   particolare,   io   credo   che   si   possa   anche   arrivare   a  

condannare  ad  un  adempimento  per  certe  ipotesi.    

È  possibile  per  esempio  in  ordine  a  determinate  situazioni  a  carattere  patrimoniale  relative  

ad   una   coppia   eterosessuale   si   dia   luogo   all’ingresso   di   una   situazione   che   riproduca   Comunione  

nell’ambito  delle  loro  vicende  una  situazione  di  comunione  dei  beni?  Ci  può  essere  cioè  un  

accordo  che  dia  luogo  a  situazioni  simili  alla  comunione  dei  beni?    Faccio  questa  domanda  

perché   può   essere   un   profilo   che   si   colloca   semplicemente   all’interno   della   dimensione   di  

carattere  patrimoniale;  non  credo  perché  se  si  ragiona  nel  senso  della  comunione  dei  beni  

che   cosa   facciamo?   Teniamo   presente   esclusivamente   due   situazioni   di   rapporto   di  

contitolarità  o  piuttosto  facciamo  riferimento  alla  contitolarità  come  premessa  per  dar  luogo  

all’applicazione   di   una   disciplina   di   carattere   particolare   cioè   quella   dettata   in   ordine   alle  

conseguenze  che  scaturiscono  dalla  famiglia  legittima  in  cui  si  applica  la  normativa  prevista  

dal   codice.   Altro   è   questa   situazione,   altro   è   il   rapporto   di   contitolarità   all’interno   del  

rapporto   tra   conviventi   di   fatto,   vale   a   dire,   tra   conviventi   di   fatto   si   può   avere   la  

contitolarità  nella  forma  che  è  propria  della  comunione  ordinaria,  sono  due  situazioni  cioè  

con   contitolarità   ma   disciplinate   in   maniera   diversa,   vale   a   dire   se   si   prevede   che   fra  

conviventi   di   fatto   a   seguito   dell’accordo   dell’intesa   le   conseguenze   da   un   punto   di   vista  

patrimoniale  debbano  essere  valutate  nella  stregua  del  rapporto  di  comunione,  ciò  significa  

che   quei   soggetti   devono   aver   dato   luogo   all’acquisto   del   determinato   bene   in   forma  

comune,  avendolo  acquistato  in  forma  comune  danno  luogo  ad  un  rapporto  di  comunione  

disciplinato  nella  forma  della  comunione  ordinaria,  non  tanto  nella  forma  della  comunione  

speciale   costituita   dal   rapporto   dei   coniugi,   perché   esiste   una   normativa   di   carattere  

particolare   che   è   diversa.   Della   comunione   legale   che   è   conseguenza   automatica   del  

matrimonio,  a  meno  che  non  sussista  una  diversa  volontà  da  parte  dei  coniugi;  oggetto  della  

comunione,  sono  specificati  quelli  che  sono  gli  oggetti  della  comunione,  il  che  significa  che  

alcuni   che   ricadono   in   quella   ipotesi   ricadono   nel   rapporto   di   comunione   legale,   se   non  

ricadono   non   si   ha   il   rapporto   di   comunione   legale   e   si   hanno   poi   beni   personali   in   ordine   ai  

quali   viene   esclusa   la   possibilità.   Voglio   dire   che   non   si   applica   questa   normativa   ma   si  

applica  la  normativa  che  si  applica  tra  soggetti  tra  cui  intercorre  il  vincolo  di  comunione,  cioè  

quindi  tra  i  singoli  compartecipi  del  rapporto  di  comunione.  Per  dar  luogo  alla  disciplina  del  

rapporto  di  comunione  naturalmente  non  ci  si  può  basare  esclusivamente  sulla  ipotesi  che  

questa   situazione   sia   prevista   all’interno   dell’accordo,   l’effetto   si   ha   se   i   due   soggetti  

acquistano  con  compartecipazione  un  determinato  bene,  se  quindi  si  attua  un  meccanismo  

di   svolgimento   di   una   situazione   di   acquisto   in   contitolarità   da   cui   consegue   la   disciplina  

propria   della   comunione   in   generale.   Quindi   questi   meccanismi   di   carattere   consensuale  

hanno  un  margine  di  operatività,  ma  ristretto.    

La   destinazione:   si   può   fare   riferimento   ad   un   meccanismo   concordato   fra   le   parti   da   cui  

scaturisca  il  compimento  di  attività  destinate  a  cadere  all’interno  dell’art.  2645  ter,  atto  di  

destinazione   di   un   determinato   bene   ad   un   determinato   scopo:   “Gli   atti   in   forma   pubblica  

  22  

con  cui  beni  immobili  o  beni  mobili  iscritti  in  pubblici  registri  sono  destinati,  per  un  periodo   Atto  di  

non  superiore  a  novanta  anni  o  per  la  durata  della  vita  della  persona  fisica  beneficiaria,  alla   destinazio

realizzazione   di   interessi   meritevoli   di   tutela   riferibili   a   persone   con   disabilità,   a   pubbliche   ne  e  trust  

amministrazioni,  o  ad  altri  enti  o  persone  fisiche  ai  sensi  dell'articolo  1322,  secondo  comma,  

possono   essere   trascritti   al   fine   di   rendere   opponibile   ai   terzi   il   vincolo   di   destinazione;   per   la  

realizzazione   di   tali   interessi   può   agire,   oltre   al   conferente,   qualsiasi   interessato   anche  

durante   la   vita   del   conferente   stesso.”.   È   una   norma   di   enorme   apertura   al   di   là   del  

linguaggio  impiegato  perché  l’atto  di  destinazione  realizzato  con  i  requisiti  formali  richiesti,  

può  essere  realizzato  certamente  quando  è  destinato  a  conseguire  situazioni  specifiche  che  

risultano   dalla   lettera   dell’articolo,   ma   soprattutto   quando   è   realizzato   per   perseguire  

interessi  di  persone  fisiche,  degne  di  tutela,  i  quali  siano  ammissibili  alla  stregua  di  ciò  che  

risulta  dall’art.  1322,  secondo  comma,  il  che  sembra  sia  un  limite,  lo  è  e  non  lo  è,  certamente  

è   ammissibile   quando   la   persona   fisica   destinataria   è   il   convivente   di   fatto.   Per   qual   mai  

ragione,   quando   cioè   l’interesse   che   è   destinato   ad   esser   perseguito   è   l’interesse   del  

convivente  di  fatto.  Il  nostro  ordinamento  rifiuta  la  convivenza  di  fatto?  Assolutamente  no.  

Certo  la  carta  costituzionale  parla  soltanto  della  convivenza  di  carattere  matrimoniale,  ma  lo  

esclude?   Non   credo   proprio:   né   la   Corte   Costituzionale   né   la   Corte   dei   Diritti   dell’Uomo   fa  

una  considerazione  del  genere.  Nell’ambito  della  convivenza  di  fatto  se  si  può  ragionare  in  

ambito   ad   uno   schema   di   carattere   patrimoniale   che   può   essere   legittimamente   utilizzato,  

nell’ambito   proprio   di   questa   norma,   credo   che   sia   anche   con   riferimento   all’atto   di  

destinazione.  Con  riferimento  alla  persona  fisica  della  persona  beneficiaria,  senz’altro  sì.  Non  

soltanto   ricorre   l’atto   di   destinazione   ma   ricorre   anche   un’altra   ipotesi   ossia   quella   della  

figura  del  trust,  perché  anche  il  trust  potrebbe  essere  pensato  con  riferimento  alla  possibilità  

di   utilizzare   questa   situazione   da   parte   del   convivente   di   fatto.   È   un’ipotesi   che   amplia   le  

possibilità   lasciate   al   godimento,   all’utilizzazione   di   una   determinata   materia   come   è  

appunto  la  materia  di  carattere  patrimoniale  in  una  ipotesi  di  questo  genere.  Naturalmente  

è  una  situazione  che  si  impone;  come  si  ragiona  davanti  all’eventualità  che  quella  convivenza  

di  fatto  venga  meno?  Cioè  quando  la  destinazione  prevede  una  durata  in  un  certo  limite,  il  

rapporto   di   convivenza   cessa   prima;   può   la   parte   che   destina   un   bene   a   favore   dell’altra  

prevedere  questa  ipotesi  di  cessazione  del  rapporto  di  destinazione?  Io  ho  l’impressione  che  

non   sia   ammissibile,   cioè   credo   che   questo   implica   una   necessaria   caduta   dell’atto   di  

destinazione;     questo   atto   di   destinazione   sia   frutto   della   convivenza,   ciò   che   ha   origine  

all’atto   di   destinazione   è   la   convivenza,   se   la   convivenza   viene   meno   qualunque   sia   il  

soggetto  viene  meno  anche  l’atto  di  destinazione?  Quindi  questa  è  una  conseguenza  illecita  

come   conseguenza   della   clausola   illecita   che   ha   condizionato   la   durata   del   rapporto   di  

destinazione   all’esistenza   del   rapporto   di   convivenza?   Io   ho   la   sensazione   che   sia   possibile  

che   nell’ambito   del   rapporto   di   convivenza   si   possa   avere   anche   un   atto   di   destinazione,  

purché  però  non  si  richiami  nell’atto  di  destinazione  il  rapporto  di  convivenza  e  che  quindi  

sia  destinato  a  durare  qualunque  durata  abbia,  sia  cioè  nient’altro  che  un  modo  con  cui  quei  

soggetti   abbiano   regolato   il   loro   interesse   di   carattere   particolare.   Quello   che   vorrei   che  

fosse   chiaro   è   che   i   rapporti   in   forma   negoziale,   concordata,   devono   essere   visti   in   forma  

autonoma  e  di  durata  autonoma,  non  come  conseguenze  del  rapporto  di  convivenza,  perché  

  23  

naturalmente   nell’ambito   di   queste   ipotesi   se   si   realizza   questa   particolare   situazione,  

nell’ambito  dell’atto,  credo  che  si  cada  nell’ambito  della  illiceità.  Per  quale  motivo?  Perché  

naturalmente   questo   condiziona   la   volontà   di   chi   subisce   è   questa   la   ragione,   cioè   se   la  

ragione  di  chi  subisce  una  certa  situazione,  la  subisce  perché  deve  rende  necessario  che  si  

applichino  certe  conseguenze  di  carattere  giuridico,  non  credo  che  sia  ammissibile.  Quando  

siamo   in   ambito   non   patrimoniale   credo   vada   considerato   se   si   hanno   delle   influenze   da  

parte   di   un   ambito   non   patrimoniale,   perché   in   un   certo   tipo   di   attività   implica   dei   dubbi   dal  

punto  di  vista  della  validità.  

La   situazione   dal   punto   di   vista   successorio   è   analoga   alla   situazione   che   abbiamo   visto  

inerente   al   rapporto   di   comunione,   cioè   la   successione   non   dà   luogo   alla   possibilità   di   Successione  

estendere  in  maniera  automatica  da  un  punto  di  vista  interpretativo  la  disciplina  prevista  in  

ordine   alla   famiglia   legittima,   ricomprendendo   all’interno   della   categoria   di   questi   soggetti  

anche  il  familiare  di  fatto.  Naturalmente  che  cosa  si  deve  fare?  Deve  fare  il  testamento.  C’è  

un’ipotesi  di  carattere  particolare  è  la  cosiddetta  condizione  tontinaria  (credo  sia  derivante  

dal  nome  di  un  giurista  del  XVI  o  XVII  secolo,  cui  si  deve  questo  tipo  di  costruzione).  Nella  

sostanza   tende   a   disciplinare   la   relazione   di   carattere   successorio   fra   due   individui   i   quali  

abbiano  acquistato  un  bene  in  forma  comune,  non  nel  senso  della  titolarità  dell’intero,  ma  

uno  proprietario  di  una  metà  e  l’altro  proprietario  dell’altra  metà;  il  meccanismo  consiste  nel  

prevedere  una  clausola  in  cui  possono  avvantaggiarsi  sia  l’uno  sia  l’altro  a  seconda  di  come  si  

sviluppano   le   cose   e   cioè   se   muore   uno,   l’altro   acquista   la   totalità,   e   viceversa.   Questa   è  

un’ipotesi  che  si  realizza  nel  momento  in  cui  si  verifica  l’effetto  negativo,  tenete  presente  nel  

caso  in  cui  morissero  entrambi  nello  stesso  identico  momento  cosa  succede?  Ci  sono  varie  

perplessità.   Ora   il   più   grosso   problema   è   che   si   ha   l’effetto   nel   momento   in   cui   si   abbia   la  

morte  dell’uno  o  dell’altro,  ma  la  decorrenza  dell’acquisto  non  è  quella  dal  momento  in  cui  si  

verifica  la  scomparsa,  il  momento  dell’acquisto  si  ha  al  momento  dell’acquisto  del  bene,  c’è  

la   condizione   retroattiva.   E   questo   particolare   meccanismo   dovrebbe   rendere   ammissibile  

l’ipotesi   anche   se   si   realizza   nell’ambito   delle   vicende   di   carattere   successorio,   significa   in  

una   certa   misura   avere   una   dimensione   propria   di   queste   vicende   che,   anche   se   sono  

relative   al   rapporto   successorio   in   una   dimensione   di   ammissibilità.   Cioè   la   vicenda   di  

carattere  successorio  è  una  conseguenza  del  fatto  luttuoso,  ma  se  l’effetto  si  deve  anticipare  

ad  un  momento  anteriore  questo  fatto  luttuoso  non  è  altro  che  una  circostanza  di  fatto  che  

condiziona   l’efficacia   di   un’ipotesi,   ma   non   è   tanto   relativo,   agli   effetti,   al   momento  

successivo  all’evento  luttuoso.  Se  per  caso  non  si  è  d’accordo  con  questa  costruzione  si  può  

ragionare  in  ordine  a  formule  differenti  per  esempio  si  può  ritenere  che  sia  stata  formulata  

un   ipotesi   di   opzione,   in   favore   dell’uno   e   in   favore   dell’altro,   in   ordine   alla   quale   si   ha  

l’accettazione  della  proposta  da    parte  del  soggetto  che  rimane  in  vita  rispetto  alla  situazione  

a   carico   dell’altro.   Ora   la   clausola   tontinaria   ripeto   è   anch’essa   un’ipotesi   che   può   essere  

utilizzata  per  disciplinare  questo  tipo  particolare  di  situazione.  Certo  è  che  se  non  si  ricorre  a  

questo   tipo   di   meccanismo   di   carattere   condizionale,   perché   si   abbiano   effetti   in   senso  

proprio   attinenti   alla   situazione   di   carattere   successorio   non   si   sfugge   dalla   necessità   di  

prevedere   per   avere   una   relazione   di   carattere   successorio   la   redazione   di   un   testamento.  

  24  


PAGINE

14

PESO

149.70 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

La dispensa fa riferimento alle lezioni di Diritto di Famiglia e delle Successioni del Prof. Giovanni Furgiuele nell'anno accademico 2011.
Il documento tratta i seguenti aspetti della famiglia di fatto: filiazione assistita, attribuzioni patrimoniali, comunione, trust, successione, separazione e divorzio, addebito, assegno divorzile.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto di Famiglia e delle Successioni e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Furgiuele Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto di famiglia e delle successioni

Diritto di famiglia e delle successioni
Appunto
Matrimonio
Dispensa
Separazione e divorzio
Dispensa
Matrimonio nella CEDU
Dispensa