Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

credenza

Il razzismo è la che certi individui siano superiori ad altri sulla base di

differenze razzializzate.

Il razzismo può essere incorporato nella struttura e nel modo di funzionare di una

società razzismo istituzionale.

Il razzismo può essere di tipo:

biologico culturale

basato sulle diversità

sfrutta il concetto di

differenze fisiche ormai raro nella culturale per discriminare certi

società odierna gruppi

9

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Parte II: discriminazione e integrazione

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Interpretazioni psicologiche del razzismo

e della discriminazione etnica

Individui e gruppi, ricorrendo a stereotipi, Alcune esperienze di socializzazione

scaricano la loro conflittualità su un capro sollecitano gli individui a usare il

espiatorio, cui viene attribuita la colpa di meccanismo della proiezione: inconscia

ogni problema attribuzione ad altri di propri desideri o

caratteristiche

Studio sulla personalità autoritaria di T.W. Adorno

11

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Interpretazioni sociologiche del razzismo

e della discriminazione etnica

Evidenziano i processi sociali che danno vita alle concrete forme di discriminazione e

utilizzano i concetti di:

­ etnocentrismo: diffidenza verso i membri di altre culture, giudicate nei termini della

propria e della sua presunta ‘superiorità’;

­ chiusura di gruppo: processi attraverso i quali un gruppo preserva i confini che lo

separano da altri gruppi meccanismi di ‘esclusione’;

­ ⇒

allocazione differenziale delle risorse: distribuzione diseguale dei beni materiali

l’intensità del conflitto etnico è massima. 12

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

I modelli di integrazione etnica prevalentemente adottati nelle società

multietniche sono:

­ l’assimiliazione: prevede l’abbandono di usi e costumi tradizionali da parte

degli immigrati e la loro adesione ai valori e alle norme della maggioranza;

­ melting pot):

il crogiolo (o si cerca di mescolare le diverse tradizioni in

nuove forme capaci di rielaborare i modelli culturali esistenti;

­ il pluralismo culturale: promuove lo sviluppo di una società genuinamente

pluralistica, nella quale è riconosciuta uguale dignità alle diverse subculture.

13

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

L’eterogeneità etnica può costituire:

una grande ricchezza sociale una grande fragilità sociale

Oggi, molti dei conflitti che infestano il globo sono basati su divisioni etniche e nel

corso di questi conflitti si verificano tentativi di:

­ pulizia etnica: creazione di aree etnicamente omogenee attraverso l’espulsione

forzata delle altre etnie;

­ genocidio: eliminazione sistematica di un gruppo etnico da parte di un altro.

14

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Parte III: le migrazioni

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Le migrazioni (o movimenti migratori) si compongono

di due processi:

Immigrazione Emigrazione

Afflusso in un paese di persone che L’uscita da un paese di persone che

hanno abbandonato altri paesi. intendono stabilirsi in altri paesi.

I movimenti migratori:

diversità etnica culturale

­ accentuano la e di una società;

dinamica demografica, economica

­ contribuiscono a determinare la e

sociale. 16

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Gli studiosi hanno identificato quattro modelli migratori:

­ modello classico: l’immigrazione è largamente incoraggiata e la promessa della

cittadinanza è estesa a tutti i nuovi venuti (es. Canada, Usa e Australia);

­ modello coloniale: favorisce l’immigrazione dalle ex colonie (es. Francia e Gran

Bretagna);

­ modello dei ‘lavoratori ospiti’: prevede l’immigrazione su base temporanea, per

rispondere a richieste del mercato del lavoro, ma non la concessione dei diritti di

cittadinanza (es. Germania, Svizzera e Belgio);

­ modelli illegali: ingresso illegale di immigrati in un paese.

17

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

forze

Quali stanno dietro ai movimenti migratori globali?

Le prime teorie delle migrazioni si sono concentrate su:

­ push

fattori di (spinta): problemi interni al paese d’origine (es. guerre, carestie,

spingono

oppressione politica) che le persone all’emigrazione;

­ pull

fattori di (attrazione): caratteristiche dei paesi di destinazione (es. lavoro,

attirano

libertà) che gli immigrati. ⇒

Oggi gli studiosi delle migrazioni adottano un approccio ‘sistemico’ i modelli

migratori globali sono considerati ‘sistemi’ prodotti da interazioni tra processi macro

e micro. 18

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Le principali tendenze capaci di caratterizzare i modelli migratori dei prossimi

anni sono:

­ accelerazione: aumenta il numero di migranti da un paese all’altro;

­ diversificazione: molti paesi sono destinatari di un’immigrazione più

diversificata che in passato;

­ globalizzazione: le migrazioni assumono un carattere sempre più globale;

­ femminilizzazione: aumento dell’emigrazione femminile legata ai cambiamenti

del mercato del lavoro globale. 19

Giddens, Fondamenti di sociologia, Il Mulino, 2006

Capitolo VII. Razze, etnie e migrazioni

Diaspora processo per cui un’etnia abbandona il luogo di insediamento originario

per disperdersi in altri paesi, spesso sotto costrizione o a causa di circostanze

traumatiche. forze propulsive

A seconda delle che determinano la dispersione di una

popolazione, Cohen distingue cinque categorie di diaspore:

­ diaspora di vittime (africani, ebrei e armeni);

­ diaspora imperiale (britannici);

­ diaspora di lavoratori (indiani);

­ diaspora di commercianti (cinesi);

­ diaspora culturale (caraibici). 20


PAGINE

27

PESO

333.68 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE DISPENSA

Dispense al corso di Sociologia Generale del Dott. Francesco Antonelli. Al loro interno sono affrontati i seguenti argomenti: il concetto di etnia ed i caratteri che distinguono un gruppo etnico, il pregiudizio, la discriminazione e il razzismo, i modelli di integrazione etnica, i flussi migratori nel tempo, la situazione degli stranieri in Italia.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche per la cooperazione
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Antonelli Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia generale

Ricerca quantitativa e ricerca qualitativa
Dispensa
Teoria dello scambio e della scelta razionale
Dispensa
Teoria e ricerca empirica
Dispensa
Sè, mente e ruolo sociale
Dispensa